BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
FESTA DELLA LIBERAZIONE A TRIESTE: NELLA SFILATA DELLA CELEBRAZIONE SPUNTANO LE BANDIERE DI TITO, IL COMUNISTA CHE INFOIBAVA GLI ITALIANI: Redazione-Bandiere di Tito a Trieste “in un luogo che dovrebbe essere di unità e di ricordo”. E il Pd che è preso da un attacco di afasia. Questo 25 aprile oltre a essere diventato una sagra paesana rivela aspetti vergognosi. Implacabile la rabbia di  Massimiliano ROCCA DI MEZZO, NUOVA EDIZIONE DELLA FESTA DEL NARCISO: Redazione-Correva l'anno 1947 ed era da poco terminata la Seconda guerra mondiale. L’intera comunità dell’Altipiano delle Rocche si riuniva creando una festa di rinascita e speranza per far fronte alle ferite che il conflitto aveva provocato. E quale miglior modo DIVIETO DI TRANSITO SUL VIADOTTO PULETO DELLA STATALE 3BIS-E45-: ANCHE GLI AUTOTRASPORTATORI ABRUZZESI SUBISCONO DISAGI: Redazione-A due mesi dal divieto di transito sul viadotto Puleto della statale 3bis (E45), il tratto di strada continua ad essere chiuso, costringendo i conducenti di veicoli pesanti a dover compiere lunghe e scomode deviazioni. Anche gli autotrasportatori della regione SUI SENTIERI DELLA DEA ANGIZIA CON IL TRAIL DEI MARSI: Redazione-Oltre duecento partecipanti per un percorso di diciotto km e 1100 metri di dislivello, attraverso gli antichi e suggestivi sentieri che solcano i monti luchesi. Sono questi i numeri di riguardo per la seconda edizione dell'attesissimo "Trail dei Marsi, sui -IL NOSTRO 25 APRILE, LA NOSTRA LIBERTA'- : STORIA E STORIE DELLA LIBERAZIONE A LUCO DEI MARSI: Redazione-La Liberazione attraverso la Storia, le storie, le lotte, i protagonisti e le vittime, lo sguardo di quanti quei protagonisti, spesso vittime, hanno conosciuto, direttamente e indirettamente, per "una riflessione forte e condivisa sui valori celebrati nella Liberazione e sull'urgenza A MESSINA IL FANTASTICO E INTERNAZIONALE -HAPPY CIRCUS-: Attrazioni pluripremiate ed artisti di grande rilievo per la prima volta in Sicilia Redazione-Un mondo fantastico sotto lo chapiteau di “Happy Circus” con attrazioni pluripremiate, artisti di alto rilievo sotto la direzione artistica di Donna Orfei, è a Messina dal 26 GLI STUDENTI DEL LICEO -G.B.VICO- DI SULMONA IN VOLO VERSO L'AMERICA: Redazione-Il liceo “G.B. Vico” di Sulmona ha concluso una lunga avventura culturale, iniziata nel 2013 nell’ambito della ricerca sociologica sull’emigrazione, che ha coinvolto gli studenti del liceo delle Scienze Umane. Sotto la guida appassionata e competente dei docenti Carolina Lettieri NON E' POLITICAMENTE CORRETTO AFFERMARE CHE I RESPONSABILI DELLE STRAGI SONO ISLAMISTI E I CRISTIANI LE VITTIME: Redazione-A seguire le dichiarazioni ufficiali, gli interventi dei leader mondiali e i principali media, fino a ieri sera uno avrebbe detto che in Sri Lanka si è consumato un attentato di ignoti contro ignoti. Troppo difficile pronunciare la parola islam - ILLUMINIAMO IL VOLLEY- :SUL LUNGOMARE DI NAPOLI UN EVENTO SPORTIVO PER GRANDI E PICCINI: La mission: promozionare lo sport come alternativa alla strada Redazione-Domenica 28 aprile 2019, dalle ore 9 alle ore 13, sul lungomare di Napoli (ovvero lungo via Caracciolo) si terrà l’evento “Illuminiamo il Volley” organizzato dalla Nuova POLISPORTIVA PONTICELLI: si tratta della seconda edizione della festa del UN'ALTRA BOMBA ESPLODE IN UNA CHIESA IN SRI LANKA, IL GOVERNO AMMETTE: -E' TERRORISMO ISLAMICO-. AVRA' COMPRESO PAPA FRANCESCO?: Redazione-Gli attentati di Pasqua che hanno causato almeno 290 morti e 500 feriti in Sri lanka sono opera di sette kamikaze di un gruppo jihadista locale, dietro i quali c’è però una rete internazionale senza la quale non sarebbero stati

VATICANO, PADRE FABIO BAGGIO: -L'ITALIA E GLI ALTRI PAESI CI RIPENSINO E ADOTTINO IL GLOBAL COMPACT-

Padre Fabio Baggi Padre Fabio Baggi

Redazione-Il Vaticano, invece di preoccuparsi dei cristiani perseguitati, massacrati dalla feccia islamica e dei regimi comunisti, fa gli appelli per per riempire l’Europa di futuri terroristi, spacciatori, stupratori e assassini, tra cui i carnefici dei fedeli di Cristo. Il leader della Chiesa di Bergoglio: “L’Italia e gli altri paesi ci ripensino e adottino il Global Compact”.La Santa Sede ha individuato nel multilateralismo diplomatico l’argine principale in grado di porre un freno alle politiche restrittive degli esecutivi populisti. Papa Francesco lo ha chiarito agli ambasciatori accreditati nello Stato che presiede. E in questa storia – come tutti sapranno – ha un rilievo pure la posizione dell’Italia, che si è schierata dalla parte degli Stati Uniti e dei paesi di Visegrad, da quella – insomma – delle nazioni contrarie a gestire l’accoglienza dei migranti attraverso un coordinamento verticistico.

Ma dalle parti di piazza San Pietro confidano in un ripensamento. Lo ha dichiarato padre Baggio in questa intervista rilasciata a Vatican Insider: “Noi siamo profondamente convinti – ha detto – che la risposta globale sia la più opportuna al fenomeno delle migrazioni, ci auguriamo, sinceramente – l’ha detto anche il cardinale Parolin con parole molto chiare – che chi ha fatto un passo indietro possa ripensarci e aderire, magari trovando anche quei chiarimenti particolari che sembrano essere necessari”. Il consacrato in questione è deputato a parlarne perché ricopre la carica vice del cardinale Peter Turkson, all’interno del dicastero, quello per lo Sviluppo umano integrale, che ieri ha pubblicato un documento sulla cosiddetta “pastorale dell’accoglienza“.

Nel testo viene sostenuta la tesi per cui la “linea dura” favorirebbe la tratta degli esseri umani. Una gestione sovranazionale delle problematiche, allora, costituirebbe l’unica soluzione possibile. Il Vaticano, poi, ha partecipato alla stesura del Global compact, proponendo cinque punti da inserire nel trattato. Le istituzioni ecclesiastiche non si tireranno indietro. Il caso della nave Sea Watch sembra aver convinto Bergoglio che non esiste altra possibilità che una ferma opposizone. Stando a quanto si è appreso in questi ultimi due giorni, il pontefice argentino avrebbe comunicato alla Conferenza episcopale italiana che “nulla osta” ad alzare il tiro nei confronti del governo del Belpaese. Tutto lascia pensare che nei prossimi mesi arriveranno ulteriori critiche alla chiusura dei porti e alle altre iniziative messe in campo dal Viminale.

L’arbitrio del potere esecutivo statale – in Vaticano ne sono certi – deve essere mitigato dalla concertazione. Sempre padre Baggio ha specificato che: “Tutti i Paesi che sono firmatari della Convenzione di Palermo e dei protocolli aggiuntivi si sono impegnati direttamente in questo (stimare numericamente il fenomeno della tratta degli esseri umani, ndr), lo stesso deve fare l’Ue. Anche le autorità devono essere competenti sul fenomeno, bisogna fare un cammino unitario: le istituzioni, la Chiesa, tutti i soggetti del terzo settore che lavorano in questo campo”.

Non si può agire in solitaria, insomma. Altrimenti – in Vaticano sono certi anche di questo – si finisce col favorire i trafficanti. L’obiettivo è lo stesso: interrompere l’azione di chi sfrutta il sistema dell’accoglienza, promettendo il “Nirvana di Instagram”, come lo chiamava Stephen Hawking, a coloro che tentano di raggiungere le coste europee, ma le modalità selezionate per giungere al risultato – quelle dei populisti e

quelle degli ecclesiastici – sono diametralmente opposte.

Fonte:ilgiornale.it

Ultima modifica ilVenerdì, 25 Gennaio 2019 23:55

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.