BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ANAGNI, TERREINAZIONE 2019: IV EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA CULTURA POPOLARE: Redazione- Terre in azione, terre che cantano e si raccontano, terre che ballano e che s’incontrano. Le nostre terre di oggi e di ieri, ma anche le terre lontane da noi, e quelle vicine, nonostante le lontananze: i colori, i COR VELENO, FUNKALLISTO, ENZA'S CHOO-CHOO TRAIN DAL 25 AL 31 LUGLIO AL PARCO SCHUSTER DI ROMA: Redazione- Musica, teatro e nuove tendenze sono le tre parole chiave della programmazione di Parco Schuster dal 25 al 31 luglio, con una chiusura del mese in grande stile in compagnia di Cor Veleno con Spirito Che Suona Tour (25 FESTIV'ALBA SI SPOSTA A ROSCIOLO DEI MARSI: 3 CONCERTI ALL'INTERNO DELLA CHIESA DI S. MARIA IN VALLE PORCLANETA. CRESCE L'ATTESA: Redazione- Alba Fucens. Dopo la bellissima esibizione dell’Orchestra Sinfonica Giovanile Europe, andata in scena domenica all’interno dell’anfiteatro romano di Alba Fucens alla presenza di 450 spettatori, Festiv’Alba trasloca a Rosciolo dei Marsi. La suggestiva chiesa di Santa Maria in Valle MUSICA, BALLI, SERATE SPECIALI E IL MARE DEI TRABOCCHI NELLA SETTIMANA DELLE VACANZE LUCHESI: Redazione-Musica e balli sotto le stelle, mercatini sul viale in festa, serata a tutto rock, storia, archeologia e un tuffo nel mare cristallino dei Trabocchi, nell'ambito del gemellaggio culturale entroterra-costa inaugurato lo scorso anno. Questi gli ingredienti della nuova tornata BILANCIO PIU' CHE POSITIVO PER IL FESTIVAL MOMENTI MUSICALI 2019: Redazione- Il Festival Momenti Musicali 2019, organizzato dall'Associazione Culturale “Il cuscino di stelle” nella persona di Armando Iadeluca, presidente dell'associazione, ha ospitato quattro giovani talenti musicali: il pianista Roberto Imperatrice che si è esibito il 5 luglio 2019 alle 21:00 CIVITA CASTELLANA, XXXI CIVITAFESTIVAL: IL PROGRAMMA DAL 17 AL 21 LUGLIO: Redazione- Dopo i primi appuntamenti che hanno visto per la prima volta in Italia Adam Pieronczyk Quintet, il dissacrante teatro di Antonio Rezza e la danza contemporanea francese di “Un po’ di più”, il CivitaFestival, giunto alla sua 31esima edizione, OTTO PER MILLE: GRAZIE ALLE POLITICHE DI PAPA FRANCESCO, LA CHIESA CATTOLICA PERDE DUE MILIONI DI BENEFATTORI: Redazione- Sempre meno contribuenti italiani destinano l’otto per mille alla Chiesa Cattolica. Dati alla mano, negli ultimi sette anni la Chiesa ha perso due milioni di benefattori. Il crollo degli introiti emerge dagli ultimi dati sulla ripartizione delle somme prelevate PIETRASECCA, LA SIGNORA GINA DI CARLO HA COMPIUTO 101 ANNI: AUGURI VIVISSIMI: Redazione- Apprrendiamo con gioia e con viva soddisfazione che la Sig.ra Gina Di Carlo di Pietrasecca ha raggiunto la venerabile età di 101 anni. Una donna che, sicuramente, ha contribuito a fare la Storia del meraviglioso ed antico borgo arroccato ANGIZIA LUCO, IL PRESIDENTE FAVORITI LASCIA. INCONTRO CON L'AMMINISTRAZIONE: Venerdì il termine per l'iscrizione al campionato di Eccellenza Redazione- Venti di bufera sull’Angizia Luco a tre giorni dalla chiusura dei termini per l’iscrizione al campionato di Eccellenza. Dopo quelle del Direttivo arrivano le dimissioni del presidente Omar Favoriti. “É una APPELLO DI C.RACKETE ALL'UE AFFINCHE' ACCOLGA I 500MILA PROFUGHI TENUTI IN LIBIA. SALVINI: -SIAMO ALLE COMICHE-: Redazione- In un'intervista alla Bild, la comandante della Sea Watch 3 fa un appello all'Unione europea perché accolga "il mezzo milione di persone tenute in Libia", compresi i rifugiati climatici". Matteo Salvini: "Siamo alle comiche".Carola Rackete, la capitana della Sea

CAROLA RACKETE, LA CAPITANA DELLA SEA WACTH 3 CON LA SINDROME DEL MESSIA

Carola Rackete Carola Rackete

Redazione-La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare 3 università, a 23 anni mi sono laureata. Sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto, ho sentito l’obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità”. Signore e signori, ecco Carola Rackete, la “capitana” della Sea Watch tutta dread e sindrome del Messia che dallo scorso 14 giugno si trova al largo di Lampedusa senza poter fare ingresso nelle acque territoriali italiane. Così si rivela in un’intervista apparsa oggi su Repubblica. E sì che il “cattivo” ministro dell’Interno le aveva offerto delle alternative: andate in Tunisia, tanto per cominciare. Ma “non ha una normativa per i rifugiati”, obietta la capitana. E perché non in Olanda? “E’ ridicolo, bisogna circumnavigare l’Europa!”. Nel frattempo la Sea Watch ha percorso più di 1400 miglia nautiche su e giù lungo il confine delle acque territoriali: significa che a quest’ora la nave avrebbe già potuto trovarsi oltre lo stretto di Gibilterra – ma sono particolari. Intanto Salvini è stato chiaro: in Italia non sbarcate nemmeno a Natale.

Una vita a caccia di emozioni

Una vita all’insegna delle esperienze mozzafiato, quella di Carola: a 23 anni era al timone di una nave rompighiaccio al Polo Nord per uno dei maggiori istituti oceanografici tedeschi, l’Alfred Wegener Institute. I problemi della gente? Interessanti solo se a migliaia di km di distanza dalla Germania. Il copione è quello usuale della ragazza ricca e progressista che se non cercasse di salvare il mondo, probabilmente la madre le starebbe pagando analisi e antidepressivi. Racconta del suo primo viaggio all’estero, in Sudamerica: i famosi viaggi che dovrebbero “curare il razzismo e il fascismo” – e come controindicazione ti instillano una sindrome da Messia Salvatore che recentemente è stata additata come “razzista” e “suprematista” persino da alcune frange di pensatori liberal americani. Anche i suoi dreadlocks “puzzano” (forse non solo metaforicamente) di privilegio bianco: in Usa gli afrocamericani l’avrebbero già accusata di appropriazione culturale. Ma qua in Europa può ancora sfuggire a queste categorizzazioni.

Il gioco degli scafisti

Carola gira il mondo un’avventura dopo l’altra: a 25 anni diventa secondo ufficiale della Ocean Diamond, a 27 viene arruolata da Greenpeace. Inizia a collaborare con la Sea-Watch dal 2016. “Ho conosciuto culture e popoli diversi dal nostro e quando sei lì, non puoi accorgerti dell‘ingiustizia e dell’inuguaglianza“. Già, non puoi. Troppo difficile sistemare le cose lì; troppo poco redditizio, anche. Per questo diventi una traghettatrice di esseri umani verso il

Primo Mondo facendo il gioco di scafisti e trafficanti di vite.

Fonte:rassegneitalia.info

Ultima modifica ilMercoledì, 03 Luglio 2019 20:04

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.