BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI, IN ARRIVO LA CARTA D'INDENTITA' ELETTRONICA: Redazione-A partire dal 23 Luglio 2018, nel Comune di Carsoli sarà a pieno regime l’attività di emissione della nuova a Carta d’ Identità Elettronica (CIE), unico strumento sicuro e completo che vale come documento d’identità e di espatrio in tutti GERMANIA, 30ENNE IRANIANO ACCOLTELLA PASSEGGERI SU UN AUTOBUS: 9 FERITI, TRE GRAVI: Redazione-Un uomo di 30 anni, iraniano, ha accoltellato i passeggeri di un autobus nel quartiere Kücknitz di Lubecca. Il bilancio secondo fonti ministeriali è di 9 feriti di cui tre in gravi condizioni. Lo ha riferito il ministro degli interni dello Schleswig-Holstein, Hans Joachim Grote, nel DON ALESSANDRO MINUTELLA: -BERGOGLIO E' FALSO, ACCOGLIENDO GLI ISLAMICI NELLE CHIESE LE DISSACRA. HO TUTTI CONTRO, NON HO PAURA-: Redazione-“Bergoglio è falso, accogliendo i musulmani nelle chiese le si dissacrano. Non ho paura, ma so che ho contro, oltre alla falsa Chiesa, anche la massoneria”. Sono le durissime parole di don Alessandro Minutella, un prete ribelle siciliano considerato eretico MUSEO ARCHEOLOGICO DELL'ANTICA KAULON: CONCERTO DI FABIO MACAGNIGNO -CANDALIA BY THE JASMINE COAST-: Redazione-Venerdì 27 luglio 2018, ore 21.30, nel giardino del Museo archeologico dell’antica Kaulon, situato a pochi chilometri dall’odierno centro cittadino di Monasterace (RC), si terrà, come prima manifestazione nell’ambito delle serate del Piano di valorizzazione - MIBAC anno 2018, il A CASTELLALTO DEBUTTA L'ABRUZZO BOOK FESTIVAL: Redazione-Il 21 luglio a Castellalto al via la prima edizione di Abruzzo Book Festival, promossa dall’associazione culturale “LIBEReMENTI” di Teramo.La manifestazione rappresenterà per gli editori l’opportunità per presentare nuovi autori e cataloghi; per gli autori sarà l’occasione per raccontarsi e ORICOLA, 6^ EDIZIONE DEL FESTIVAL MOMENTI MUSICALI DELLA PIANA DEL CAVALIERE: DOMANI, RECITAL PER PIANO E VOCE CON DOMENICO: Redazione- Prosegue a ritmo serrato la la 6^ Edizione del Festival Momenti Musicali Piana del Cavaliere in Memoriam del M° Pietro Iadeluca. Dopo la kermesse musicale di Francesca Timperi e il suo flauto magico, che ha accompagnato in un viaggio onirico tutti gli spettatori LA NUOVA VITA DI KABOBO, STUDIA E LAVORA IN CARCERE: POTREBBE AVERE UNA RIDUZIONE DELLA PENA: Redazione-Una nuova vita, cinque anni dopo quel terribile 11 maggio 2013. Terribile per quei tre passanti che ammazzò a colpi di piccone, triplice omicidio per cui è stato condannato in via definitiva a 20 anni di reclusione col riconoscimento del L'AQUILA, ALL'I.I.S. -AMEDEO D'AOSTA- PRENDE IL VIA IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI SUPERIORI PER IL TURISMO: Redazione-Si è conclusa con successo la selezione dei candidati al Corso di formazione per “Tecnico Superiore per il Turismo integrato e sostenibile” che prende il via venerdì 20 luglio 2018 fino ad ottobre 2019 a L’Aquila, presso l’Istituto d’Istruzione Superiore “Amedeo d’Aosta.Trentuno gli ammessi dopo il superamento delle MIGRANTI, PASSA LA LINEA DI SALVINI: L'ITALIA CHIUDE I PORTI ALL'UE. STOP ALLA MISSIONE SOPHIA: Redazione-Svolta del governo populista italiano. Nuovo trionfo per Matteo Salvini, l’Italia chiude i porti anche all’Unione Europea. Una lettera del ministro degli Esteri Enzo Moavero indirizzata all’Alto rappresentante Federica Mogherini annuncia lo stop alla missione Sophia, una follia firmata e L'ANTICA- CORSA DEL CAPPELLO- DI PAGANICA: Redazione-L'attività ludica nel territorio aquilano in età antica non può prescindere dalle specifiche usanze del periodo italico-romano.In ambito amiternino e tardo vestino, gli svaghi nei riti agresti che si svolgevano entro le mura dei castelli che fondarono la città dell'Aquila

STORICO DISCORSO DI VIKTOR ORBAN: VI E' UN PIANO PER TRASFORMARE L'EUROPA IN UN CALIFFATO

Il premier ungherese Viktor Orban Il premier ungherese Viktor Orban

Redazione-Il premier ungherese Viktor Orbán ha pronunciato un discorso che si può senza alcun timore definire storico, smascherando il disegno criminale teso a trasformare l'Ue in un califfato islamico: "Esiste un piano per realizzare una Europa nelle mani di una popolazione cosmopolita con preminenza musulmana" ha affermato il primo ministro magiaro, nel corso della 28esima edizione dell'Università Libera di Tusnádfürdő. "Circa 27 anni addietro avevamo pensato che il nostro futuro fosse in Europa.

Attualmente, noi siamo il futuro dell'Europa", ha sottolineato nel suo discorso annuale, manifestando l'idea che le elezioni parlamentari che si svolgeranno la prossima primavera nel Paese avranno un'importante dimensione europea. "Quello che accadrà in Ungheria avrà importanti implicazioni per l'insieme dell'Europa, perché oggi un'Ungheria forte gioca un ruolo decisivo nella battaglia per evitare la scristianizzazione dell'Europa", ha spiegato.Orbán è convinto che un paese forte non possa permettersi un declino demografico: "I Paesi più forti sono quelli che sono in grado di mantenersi biologicamente.

Perché l'Ungheria abbia un futuro deve mantenere un tasso di fecondità di 2,1 figli per famiglia". Rivendicando il successo delle politiche di sgravi fiscali a favore delle famiglie ungheresi che fanno figli, il premier ha sottolineato che uno Stato forte necessita di un buon livello di sicurezza, inclusa la protezione delle sue frontiere e la lotta contro il terrorismo, così come il mantenimento di un "forte senso di identità culturale". Nemica di questi principi secondo Orbán è l'Unione europea, vittima a suo giudizio di un cambiamento culturale e demografico dalle imprevedibili conseguenze. "L'immigrazione non apporterà alcuna soluzione ai problemi economici. Cercare di rimediare la scarsezza di mano d'opera mediante l'importazione di immigrati è come se, nel mezzo di un naufragio, ti metti a consumare acqua di mare. È anche quella acqua ma il problema lo farà aumentare".In particolare, il primo ministro magiaro si è mostrato molto franco e deciso circa le sfide dell'integrazione di un numero eccessivo di immigrati musulmani in un continente a tradizione cristiana. "Non possiamo mantenere i nostri ideali solidali nelle nostre nazioni quando esistono gruppi etnici che pretendono di modificare la cultura europea. Non possiamo mantenere i nostri ideali nel mezzo di collettività che si oppongono all'esistenza e alla cultura europea, perché il risultato finale sarebbe catastrofico", ha sottolineato Orban.

"La sfida nei prossimi decenni è se l'Europa continuerà ad appartenere agli europei. Se l'Ungheria continuerà ad essere la terra degli ungheresi, se la Germania continuerà ad essere la terra dei tedeschi, se la Francia continuerà ad essere la terra dei francesi, se l'Italia seguirà ad essere la terra degli italiani", ha aggiunto il leader populista, criticando in questo senso i burocrati europei, schiavi dell'impero mondialista di George Soros, che si oppongono alla volontà delle nazioni."Esiste un piano di Soros, che lui stesso ha scritto": secondo Orbán, tale piano consisterebbe nel trasferire milioni di immigrati sul territorio dell'Unione Europea. "Al loro arrivo vengono loro erogati in totale 15.000 milioni di euro per mantenere così l'effetto di attrazione. Questo importo è maggiore del reddito medio degli ungheresi. Soros pretende che gli immigrati siano distribuiti in tutti i paesi dell'Unione Europea. Proteggere le nostre frontiere di fronte all'entrata di questi migranti illegali ha comportato un grande sforzo economico. L'Europa si è caricata di una piccola parte di questo costo. Oggi la Germania si trova sull'orlo della bancarotta, quindi non osino più venirci a parlare di mancanza di solidarietà dell'Ungheria", ha chiarito. "Se l'Europa vuole continuare ad esistere, deve recuperare la sua sovranità e liberarsi dell'Impero di Soros", ha ribadito.Orbán si è inoltre pronunciato per una riforma dell'Unione Europea tesa al ritorno alla forma originaria prevista dai trattati costitutivi.

"Le Nazioni Unite devono proteggere le frontiere dell'Europa. Questa affermazione può suonare dura, ma coloro che sono entrati illegalmente in Europa devono essere espulsi. L'Europa non può seguitare ad essere un continente senza protezione delle frontiere", ha affermato il primo ministro ungherese. Orbán si è augurato che i leader europei sappiano essere all'altezza delle loro responsabilità e che l'Europa recuperi la sua competitività, garantendo la pace, aprendosi agli stati balcanici e risolvendo i problemi con la Russia e la Turchia. Il premier ungherese ha ribadito la necessità di opporsi al progetto di scristianizzazione del Continente e di resistere all'attacco ideologico in atto da parte dei liberisti e degli intellettuali, denunciando come anche i partiti socialdemocratici abbiano rinunciato a difendere i diritti dei lavoratori nazionali. "Loro sono tutti impegnati a difendere gli interessi economici del neoliberismo", ha denunciato.Secondo Orbán esiste chiaramente un piano per mettere il territorio europeo nelle mani di una popolazione cosmopolita, in modo predominante musulmana, un piano di sostituzione etnica dei popoli. "La riuscita di questo piano richiede un'Europa scristianizzata, governi tecnici e senz'anima", ha avvertito il leader magiaro. "Siamo noi il principale ostacolo per la realizzazione del piano Soros", ha dichiarato, ribadendo che il principale scoglio sarà quello di rappresentato dai partiti dell'opposizione del suo Paese, foraggiati dal miliardario statunitense. "Noi dobbiamo in primo luogo misurarci con la rete di Soros, gli eurocrati di Bruxelles ed i loro media. Conosciamo le loro tattiche, basate sul ricatto, sulla diffamazione e sul giornalismo prostituito ai grandi interessi". Orban ha avvisato che c'è molto in gioco in questa sfida: non soltanto nell'ambito nazionale ma anche a livello europeo. "Da 27 anni pensiamo al nostro futuro in Europa.

Oggi siamo il futuro dell'Europa", ha concluso lo statista magiaro.

Fonte:ilpopulista.it

Ultima modifica ilVenerdì, 18 Agosto 2017 17:41

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.