BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
AVEZZANO, IL TEATRO DEI MARSI OSPITA L'ORCHESTRA SINFONICA MAV DI BUDAPEST: Redazione-Tutto pronto per il secondo appuntamento con la stagione musicale al Teatro dei Marsi di Avezzano. Giovedì 19 ottobre, a partire dalle 21.00, si esibirà la prestigiosa Orchestra Sinfonica MAV di Budapest. Fondata nel 1945 dalle Ferrovie dello Stato ungherese LAZIO, ABRUZZO E MOLISE VERSO UN'UNICA REGIONE: Redazione-La proposta di un ex consigliere regionale del Lazio, eletto in quota Pdl con il listino Polverini, Pier Ernesto Irmici prova a mettere insieme Molise, Abruzzo e Lazio. È una proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale la CULTURA E MUSICA SI UNISCONO: NASCE L'ACCADEMIA MUSICALE DEL FESTIVAL DELLA PIANA DEL CAVALIERE: Redazione-L’Associazione Aisico, dopo il grande successo di pubblico riscosso in luglio dalla prima edizione del Festival della Piana del Cavaliere, ha deciso di contribuire in maniera più incisiva allo sviluppo di un territorio ricco di suggestioni culturali e turistiche come PROVINCIA DELL'AQUILA: LE IMPRESE DECRESCONO IL TRIPLO RISPETTO AL RESTO D'ITALIA: Redazione-La Provincia dell'Aquila perde 636 imprese e decresce del 2,46%, valore triplo della flessione italiana che è stata dello 0,77%, nel triennio dal gennaio 2014 al dicembre 2016, scendendo da 25.837 a 25.201. Lo rende noto in un report il POLO POSITIVO, IMMAGINI PER LA CALABRIA: MOSTRA OPERE FINALISTE: Redazione-La mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo, concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40, allestita a Cosenza - Galleria Nazionale di Cosenza - Palazzo Arnone, rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017.La PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE: Redazione-Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d’Europa.L’Italia mostra alcuni segnali di ripresa, ma non ha ancora recuperato AL VIA LE PREVENDITE PER IL CONCERTO DI NATALE AD AVEZZANO: ATTESA E FERMENTO PER I FAN MARSICANI DI: Redazione-Manca esattamente una settimana all’apertura ufficiale delle prevendite per l’esibizione di Massimo Ranieri alla Cattedrale di Avezzano. In occasione della diciottesima edizione del Concerto di Natale, che l’artista partenopeo terrà nelle serate del 15 e 16 dicembre (con inizio alle SEBASTIAN KURZ, SOVRANISTA, ANTI- ISLAM E CONTRO L'IMMIGRAZIONE DI MASSA E' IL VINCITORE DELLE ELEZIONI IN AUSTRIA: Redazione-Contro l’islamizzazione dell’Europa, contro l’invasione di massa di clandestini, critico con le politiche dell’unione europea, sovranista: l’Austria del neo-primo ministro Sebastian Kurz chiude le porte.Sebastian Kurz è il vincitore delle elezioni in Austria. Secondo le prime proiezioni, il partito popolare CARSOLI, E’ LUCIANO CAMERLENGO IL NUOVO PRESIDENTE DEL COMITATO DELLA CROCE ROSSA: Redazione-Si sono da poco concluse le operazioni di scrutinio per il rinnovo delle cariche del Comitato della Croce Rossa. Da quanto si è appreso, Luciano Camerlengo di Rocca di Botte, è stato eletto Nuovo Presidente. Eligio Ferrari, Giampiero Tiburzi e  L'AUSTRIA VIRA A DESTRA: AFFERMAZIONE DEI POPOLARI, UNA VALANGA DI VOTI PER IL PARTITO DELLA LIBERTA'. L'UE TREMA: Redazione-Elezioni in Austria, exit poll: vittoria del centro-destra, Sebastian Kurz sarà il primo ministro più giovane d’Europa. Valanga di voti per l’estrema destra. Ora la dittatura eurocomunista inizia a tremare. L’Austria vira a destra. Come da pronostico. Secondo i primi exit poll del

STORICO DISCORSO DI VIKTOR ORBAN: VI E' UN PIANO PER TRASFORMARE L'EUROPA IN UN CALIFFATO

Il premier ungherese Viktor Orban Il premier ungherese Viktor Orban

Redazione-Il premier ungherese Viktor Orbán ha pronunciato un discorso che si può senza alcun timore definire storico, smascherando il disegno criminale teso a trasformare l'Ue in un califfato islamico: "Esiste un piano per realizzare una Europa nelle mani di una popolazione cosmopolita con preminenza musulmana" ha affermato il primo ministro magiaro, nel corso della 28esima edizione dell'Università Libera di Tusnádfürdő. "Circa 27 anni addietro avevamo pensato che il nostro futuro fosse in Europa.

Attualmente, noi siamo il futuro dell'Europa", ha sottolineato nel suo discorso annuale, manifestando l'idea che le elezioni parlamentari che si svolgeranno la prossima primavera nel Paese avranno un'importante dimensione europea. "Quello che accadrà in Ungheria avrà importanti implicazioni per l'insieme dell'Europa, perché oggi un'Ungheria forte gioca un ruolo decisivo nella battaglia per evitare la scristianizzazione dell'Europa", ha spiegato.Orbán è convinto che un paese forte non possa permettersi un declino demografico: "I Paesi più forti sono quelli che sono in grado di mantenersi biologicamente.

Perché l'Ungheria abbia un futuro deve mantenere un tasso di fecondità di 2,1 figli per famiglia". Rivendicando il successo delle politiche di sgravi fiscali a favore delle famiglie ungheresi che fanno figli, il premier ha sottolineato che uno Stato forte necessita di un buon livello di sicurezza, inclusa la protezione delle sue frontiere e la lotta contro il terrorismo, così come il mantenimento di un "forte senso di identità culturale". Nemica di questi principi secondo Orbán è l'Unione europea, vittima a suo giudizio di un cambiamento culturale e demografico dalle imprevedibili conseguenze. "L'immigrazione non apporterà alcuna soluzione ai problemi economici. Cercare di rimediare la scarsezza di mano d'opera mediante l'importazione di immigrati è come se, nel mezzo di un naufragio, ti metti a consumare acqua di mare. È anche quella acqua ma il problema lo farà aumentare".In particolare, il primo ministro magiaro si è mostrato molto franco e deciso circa le sfide dell'integrazione di un numero eccessivo di immigrati musulmani in un continente a tradizione cristiana. "Non possiamo mantenere i nostri ideali solidali nelle nostre nazioni quando esistono gruppi etnici che pretendono di modificare la cultura europea. Non possiamo mantenere i nostri ideali nel mezzo di collettività che si oppongono all'esistenza e alla cultura europea, perché il risultato finale sarebbe catastrofico", ha sottolineato Orban.

"La sfida nei prossimi decenni è se l'Europa continuerà ad appartenere agli europei. Se l'Ungheria continuerà ad essere la terra degli ungheresi, se la Germania continuerà ad essere la terra dei tedeschi, se la Francia continuerà ad essere la terra dei francesi, se l'Italia seguirà ad essere la terra degli italiani", ha aggiunto il leader populista, criticando in questo senso i burocrati europei, schiavi dell'impero mondialista di George Soros, che si oppongono alla volontà delle nazioni."Esiste un piano di Soros, che lui stesso ha scritto": secondo Orbán, tale piano consisterebbe nel trasferire milioni di immigrati sul territorio dell'Unione Europea. "Al loro arrivo vengono loro erogati in totale 15.000 milioni di euro per mantenere così l'effetto di attrazione. Questo importo è maggiore del reddito medio degli ungheresi. Soros pretende che gli immigrati siano distribuiti in tutti i paesi dell'Unione Europea. Proteggere le nostre frontiere di fronte all'entrata di questi migranti illegali ha comportato un grande sforzo economico. L'Europa si è caricata di una piccola parte di questo costo. Oggi la Germania si trova sull'orlo della bancarotta, quindi non osino più venirci a parlare di mancanza di solidarietà dell'Ungheria", ha chiarito. "Se l'Europa vuole continuare ad esistere, deve recuperare la sua sovranità e liberarsi dell'Impero di Soros", ha ribadito.Orbán si è inoltre pronunciato per una riforma dell'Unione Europea tesa al ritorno alla forma originaria prevista dai trattati costitutivi.

"Le Nazioni Unite devono proteggere le frontiere dell'Europa. Questa affermazione può suonare dura, ma coloro che sono entrati illegalmente in Europa devono essere espulsi. L'Europa non può seguitare ad essere un continente senza protezione delle frontiere", ha affermato il primo ministro ungherese. Orbán si è augurato che i leader europei sappiano essere all'altezza delle loro responsabilità e che l'Europa recuperi la sua competitività, garantendo la pace, aprendosi agli stati balcanici e risolvendo i problemi con la Russia e la Turchia. Il premier ungherese ha ribadito la necessità di opporsi al progetto di scristianizzazione del Continente e di resistere all'attacco ideologico in atto da parte dei liberisti e degli intellettuali, denunciando come anche i partiti socialdemocratici abbiano rinunciato a difendere i diritti dei lavoratori nazionali. "Loro sono tutti impegnati a difendere gli interessi economici del neoliberismo", ha denunciato.Secondo Orbán esiste chiaramente un piano per mettere il territorio europeo nelle mani di una popolazione cosmopolita, in modo predominante musulmana, un piano di sostituzione etnica dei popoli. "La riuscita di questo piano richiede un'Europa scristianizzata, governi tecnici e senz'anima", ha avvertito il leader magiaro. "Siamo noi il principale ostacolo per la realizzazione del piano Soros", ha dichiarato, ribadendo che il principale scoglio sarà quello di rappresentato dai partiti dell'opposizione del suo Paese, foraggiati dal miliardario statunitense. "Noi dobbiamo in primo luogo misurarci con la rete di Soros, gli eurocrati di Bruxelles ed i loro media. Conosciamo le loro tattiche, basate sul ricatto, sulla diffamazione e sul giornalismo prostituito ai grandi interessi". Orban ha avvisato che c'è molto in gioco in questa sfida: non soltanto nell'ambito nazionale ma anche a livello europeo. "Da 27 anni pensiamo al nostro futuro in Europa.

Oggi siamo il futuro dell'Europa", ha concluso lo statista magiaro.

Fonte:ilpopulista.it

Ultima modifica ilVenerdì, 18 Agosto 2017 17:41

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.