BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CONCESSIONI AUTOSTRADALI, INTERVENTO DI GIORGIA MELONI SU BENETTON: -CI FANNO LA MORALE SUI MIGRANTI MA PAGANO LE TASSE ALL'ESTERO-: Redazione-“Ci fanno la morale sui migranti ma pagano le tasse all’estero”: la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un video su Facebook disintegra il clan dei Benetton, corresponsabili della tragedia avvenuta ieri a Genova.Il tragico disastro del ponte Morandi a Genova che LEGAMBIENTE SULL’ EMERGENZE DEI VIADOTTI AUTOSTRADALI A24, A25: -VALUTARE SICUREZZA-: Redazione-La tragedia di Genova riporta l'attenzione sulla sicurezza dei ponti, a rilanciare l'emergenza in Abruzzo è Legambiente. "La più grande opera pubblica di sicurezza e occupazionale resta la manutenzione" dice il presidente regionale Giuseppe Di Marco. "Nel giorno del cordoglio LA NOBILE ANIMA DI PEPPINO RANALLI: Redazione-Se mi chiedessero di descrivere Peppino Ranalli, protagonista incontrastato del libro “Peppino e la perfezione del melograno” di Lina Ranalli, ricorrerei senza alcun dubbio ad una canzone evocativa e introspettiva: “Impressioni di Settembre” della PFM. Il motivo è semplice: nel suo ACIAM, CITTADINI SEMPRE PIU' ATTENTI E CONSAPEVOLI: L'ISTANTANEA DELL'ANALISI SUL RIFIUTO ORGANICO: Redazione-Una consapevolezza crescente nei confronti dell'ambiente e delle corrette pratiche di conferimento dei materiali, da parte dei cittadini, insieme a un'attenzione sempre maggiore nell'attuazione delle stesse. É questo il quadro delineatosi al termine della campagna annuale di analisi merceologiche realizzata GENOVA, CROLLA IL PONTE MORANDI SULL'A10: 35 MORTI: Redazione-È sprofondato mentre le automobili e i tir sfrecciavano in un senso e nell'altro  Un tonfo devastante di cemento e calcinacci che da oltre cinquanta metri di altezza si è riversato rovinosamente sul quartiere Sampierdarena, che corre sotto ponte Morandi, L'AQUILA, TORNANO A MORDERE LE VIPERE: DUE UOMINI RICOVERATI IN RIANIMAZIONE AL SAN SALVATORE: Redazione-Era da tempo che nell'Aquilano non si registravano casi di persone morse da vipere. Questo trend positivo, purtroppo, si è interrotto sabato quando si sono verificati due gravi episodi: uno a Santi di Preturo, nei pressi di un resort e CHIESA DI SAN ZULIAN, SPUTI SUL CROCIFISSO. IL PARROCO: -ISLAMICHE CON IL VELO LO HANNO PROFANATO-: Redazione-Dopo il braccio spezzato al Cristo Settecentesco di San Geremia da parte di un franco-magrebino (ora espulso) pochi giorni fa gli sputi a un altro crocifisso nella chiesa di San Zulian, a pochi passi da San Marco sotto gli occhi del sorvegliante: L'AQUILA, MICHELE MALAFOGLIA DI FDI: -MORELLI IMPRECISO, DISTRATTO, POCO LUCIDO. IN POCHE PAROLE DISASTROSO-: Redazione-“Impreciso, distratto, poco lucido. In poche parole disastroso”. Con queste parole il portavoce comunale di Fratelli d’Italia, Michele Malafogila, intende replicare alla nota diffusa dal coordinatore comunale di Forza Italia, Stefano Morelli. “Viene da chiedersi, innanzitutto, se anche consiglieri e GLI APRE'S LA CLASSE PRONTI A SCUOTERE LA MARSICA: Redazione-É iniziato il conto alla rovescia per il concerto più atteso nella Marsica, che il 15 agosto, a Luco dei Marsi, nell'ambito della Festa de l'Unità, vedrà protagonista gli “ Après La Classe”, stellare band   ska ed electro rock salentina. L'AQUILA, CASTEL DEL MONTE: -SE VI PIACE ASCOLTAR-: Gli scritti del poeta-pastore Francesco Giuliani ispirano un documentario sull’antico tratturo da Campo Imperatore-Castel del Monte fino al Tavoliere Redazione-La poetica narrazione della transumanza del pastore e poeta Francesco Giuliani (Castel del Monte, 1890-1970) ha ispirato la realizzazione di un documentario

LA SOVRANITA' MONETARIA E IL GIAPPONE: RAGGIUNTA LA PIENA OCCUPAZIONE NONOSTANTE IL RAPPORTO DEBITO/PIL ALLE STELLE

Industria Nipponica Industria Nipponica

Redazione-Tv e giornaloni di regime continuano a diffondere fake news. Una su tutti è quella che l’alto tasso di disoccupazione dipenda anche dall’alto debito pubblico, e che quindi l’aver vissuto – fino a qualche anno fa – ad di “sopra delle nostre possibilità”, abbia inciso negativamente sulle nuove generazioni.E’ COMPLETAMENTE FALSO! Queste sono le vere fake news da censurare! E non abbiamo affatto vissuto al di sopra delle nostre possibilità. Quando si ha sovranità monetaria (senza nemmeno dover rispettare vincoli e parametri economici capestro) il debito pubblico non esiste. Nel senso che, essendo espresso nella medesima valuta che lo Stato può creare dal nulla ed essendo regolato da giurisdizione nazionale, è lo Stato stesso a rendersi integralmente garante del debito attraverso una sua Banca centrale che funga da prestatrice illimitata di ultima istanza.

Nell’eurozona, invece, avendo gli Stati perso sovranità monetaria, e avendo istituito una Banca centrale (la Bce) che per suo stesso statuto non può esercitare la funzione di prestatrice illimitata di ultima istanza, la situazione è totalmente diversa. Il debito pubblico è un macigno ed è garantito da cittadini e imprese, che sostituiscono funestamente la Banca centrale nella sua funzione tipica di pagatrice in ultima istanza.Di qui ne deriva che il peso del debito venga interamente scaricato sul popolo e sui suoi diritti fondamentali costituzionalmente garantiti. Ecco perché cittadini e imprese vengono vessati da uno Stato giacobino e senza scrupoli.

In questa situazione, determinata dalla perdita di sovranità monetaria, lo Stato non è più in grado di garantire alcuni dei più importanti diritti fondamentali: lavoro, salute, pensioni e così via.Ma v’è di più. L’euro è un accordo di cambi fissi, quindi, per poter tornare ad essere competitivi gli Stati dell’eurozona – non potendo più intervenire sul cambio, cioè sulla leva della svalutazione monetaria – sono costretti a scaricare il peso della competitività sul lavoro. In che modo? Riduzione del personale, contrazione dei salari e smantellamento delle garanzie contrattuali e di legge in favore dei lavoratori.La dimostrazione empirica di quanto premesso ci giunge dal Giappone:

rapporto debito pubblico/Pil al 250% e tasso di disoccupazione al 2,8%, vale a dire piena occupazione.

Fonte:Giuseppe Palma.stopeuro.news

Ultima modifica ilSabato, 16 Dicembre 2017 18:09

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.