BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'ESTABLISHMENT CLERICALE CONTRO SALVINI E LA LEGA: AL VIA UN NUOVO PARTITO CATTOLICO: Redazione-E’ un paradosso. Mentre Matteo Salvini riempie Piazza delpopolo a Roma, ricordando la festa dell’Immacolata, citando De Gasperi e Giovanni Paolo II e, anzi, facendone il punto di riferimento ideale,la burocrazia ecclesiastica della Cei organizza una crociata politica propriocontro la -CARA MAMMA, MI DISPIACE CHE SEI MORTA-, LA TRISTISSIMA LETTERINA DELLE FIGLIE DI ELEONORA GIROLIMINI MORTA NELLA DISCOTECA DI CORINALDO: Redazione-"Cara mamma, mi dispiace che sei morta". Inizia così un biglietto d'addio scritto dalle figlie gemelle di 7 anni di Eleonora Girolimini, 39 anni, una delle sei vittime della tragedia di Corinaldo avvenuta nella notte tra venerdì e sabato. La donna "SUL FILO DELLA VOCE", L'ULTIMA RACCOLTA DI POESIE DI MAEVA PROIETTI: Redazione-La raccolta di poesie “Sul filo della voce” di Maeva Proietti (Edizioni il cuscino di stelle) si legge tutta d’un fiato. Le liriche si susse-guono in uno scintillio di sentimenti, riflessioni, immagini che dall’animo dell’autrice attraversano ogni attimo dell’esistenza di “MEMORIA E DILETTO”, L’AQUILA NELLE IMMAGINI DI AMALIA SPERANDIO: Il prezioso volume fotografico il 12 dicembre, alle ore 17:30, a Palazzo Camponeschi Redazione-Uscito in questi giorni per i tipi della One Group Edizioni “Memoria e diletto. Amalia Sperandio - Scatti inediti sull’Aquila e dintorni tra ‘800 e ‘900”, il prezioso PESCARA, AL MUSEO VITTORIO COLONNA SI PRESENTA IL LIBRO DI LUCILLA SERGIACOMO: -L'ASSOLUTA LIBERTA' DEL FANTASTICO-: Redazione-Martedì 11 Dicembre alle ore 17, nella Sala convegni del Museo “Vittoria Colonna” di Pescara, sarà presentato il libro di Lucilla Sergiacomo “L’assoluta libertà del fantastico. Un viaggio nella fantasia da Omero a Calvino”, pubblicato da Odoya. Partecipano l’Assessore alla CARSOLI, ARTISTI DELLA VALLE DEL CAVALIERE: -RADICI-, MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA: Redazione-“RADICI” si colloca tra i numerosi eventi promossi dalle associazioni del territorio a sostegno della Croce Rossa di Carsoli per l’acquisto di una nuova ambulanza.La mostra, allestita al piano superiore della Galleria Commerciale C2, coinvolge i membri appartenenti all’Associazione “Gli CORINALDO, PAOLO IL MARITO DI ELEONORA GIROLIMINI MORTA ALLA LANTERNA AZZURRA: -MIA FIGLIA URLAVA MAMMA E' GIU'-: Redazione- Il marito di Eleonora Girolimini, la 39enne morta alla “Lanterna Azzurra” insieme a 5 ragazzi tra i 14 e i 16 anni, ha raccontato: “Ho visto mia moglie a terra, hanno provato a rianimarla ma aveva le labbra fredde. REAL CARSOLI VS VIRTUS PRATOLA CALCIO 3-1: UN RISULTATO CHE LASCIA BEN SPERARE PER IL PROSIEGUO DEL CAMPIONATO: Redazione- Un risultato importantissimo, quello odierno, colto dal Real Carsoli in casa contro il Virtus Pratola Calcio che gli assicura la solitaria posizione del sesto posto in classifica del campionato di prima categoria girone A. Una vittoria, insomma, che lascia TRAGEDIA IN DISCOTECA A CORINALDO, IDENTIFICATO CHI HA SPRUZZATO LO SPRAY URTICANTE: -VOLEVA RUBARE UNA CATENINA-: Redazione-Lo spray urticante al concerto di Sfera  Ebbasta lo ha spruzzato un minorenne. È stato individuato ed identificato il minorenne che avrebbe spruzzato uno spray urticante all'interno della discoteca Lanterna Azzurra provocando il panico che ha poi portato alla morte GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA': -NON LASCIARE NESSUNO INDIETRO-: Redazione-Giovedì 13 dicembre 2018, alle ore 10.00, a Cosenza, presso la Biblioteca Nazionale di Cosenza, Sala “Giacomantonio, si terrà un convegno sul tema Non lasciare nessuno indietro - Potenziamento delle persone con disabilità e garanzia dell’inclusione e dell’uguaglianza.All’iniziativa, moderata dallo

GLI EX MUSSULMANI CONVERTITI AL CATTOLICESIMO ATTACCANO PAPA FRANCESCO: -PROPONE IL CORANO COME SALVEZZA-

Papa Bergoglio Papa Bergoglio

Redazione-Gli ex musulmani convertiti al cristianesimo scrivono una lettera contro Bergoglio e le sue eresie dottrinali. Nel merito contro le sue parole pronunciate durante il messaggio per la giornata mondiale del migrante nel 2014, dove il pontefice ha definito il Corano una “via di salvezza”, mettendolo alla pari con la Bibbia e il Vangelo. Per gli ex musulmani queste parole oltre ad essere false sono un tradimento dei cristiani.La lettera ha un destinatario chiaro: papa Francesco. E a redigerla è un gruppo di musulmani convertiti al cattolicesimo che vedono la loro scelta traballare di fronte “all’insegnamento” del Pontefice “riguardo l’islam”, considerato troppo debole e incapace di definire la religione di Allah per quello che “non può che essere”: ovvero “l’Anticristo”.

Si tratta di una sorta di “correzione filiale”, come quella pubblicata nel luglio scorso e che infoltisce il cerchio delle critiche intorno a Francesco. Ma se quel documento firmato da teologi e sacerdoti, così come i Dubia presentati da quattro cardinali o la professione di verità scritta da tre vescovi del Kazakistan, prendevano di mira l’Amoris Laetitia e le aperture sulla comunione ai divorziati, questa volta i fedeli contestano la posizione assunta dal Papa (anche nell’Evangelii Gaudium) nei confronti della religione di Maometto.

“Abbiamo cercato di contattarla, ma non abbiamo mai ricevuto il minimo messaggio di avvenuta ricezione delle nostre lettere”. Inizia così la missiva sottoscritta da oltre 1700 persone e che verrà presentata in Vaticano “non appena sarà raggiunto un numero significativo di firmatari”. Gli autori, tutti ex musulmani convertiti a Cristo, citano il codice di Diritto Canonico per giustificare questa loro iniziativa che si fonda sul “diritto, e anzi talvolta anche il dovere” che hanno i fedeli “di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa”.

“Non comprendiamo il suo insegnamento riguardo l’islam”, scrivono, perché “se l’islam intrinsecamente è una buona religione, come lei sembra insegnare, per quale ragione noi siamo divenuti cattolici?”. E ancora: “Le sue parole non mettono forse in dubbio la fondatezza della scelta che abbiamo fatto, a rischio della nostra vita?”.

Non è chiaro chi si celi dietro la petizione. IlGiornale.it ha provato a contattare l’unico indirizzo e-mail reso disponibile, senza però ottenere ancora risposta. Di certo sono numerosi i credenti che hanno già aderito all’appello e il numero cresce man mano che la notizia si diffonde in ambienti cattolici (e non). “Mentre il Vangelo annuncia la buona novella di Gesù morto e risorto per la salvezza di tutti – si legge nella lettera – Allah non ha altro da offrire se non la guerra e l’uccisione degli ‘infedeli’ in cambio del suo paradiso”. È il dialogo tanto cercato da Francesco che gli ex musulmani non condividono: “Noi non facciamo confusione tra islam e musulmani – precisano – ma se per lei il ‘dialogo’ è la via della pace, per l’islam esso è solo un modo diverso di fare la guerra. Perciò (…) il buonismo di fronte all’islam è una scelta suicida e molto pericolosa. Come si può parlare di pace e al tempo stesso sostenere l’islam, come lei sembra fare?”.

Per i firmatari, “scandalizzati dall’elogio tributato” a Maometto, è “inquietante” che il “Papaintenda proporre il Corano come via di salvezza”. Il riferimento è al messaggio inviato da Bergoglio per la giornata mondiale del migrante del 2014, quando il Pontefice disse che tutti gli uomini devono “strappare” dai loro cuori “la malattia che avvelena le nostre vite”. Precisando poi che i cristiani devono farlo “con la Bibbia” e i musulmani “con il Corano”. Ma se anche il libro sacro di Allah diventa per Bergoglio una “via di salvezza”, si chiedono gli autori della missiva, “dovremmo quindi noi tornare all’islam?”.

Il testo, reso pubblico online il giorno di Natale , prosegue con una “supplica” al Papa a non “cercare nell’islam un alleato nella battaglia che sta conducendo contro le potenze che cercano di asservire il mondo”. E mette in guardia dalle prediche in favore dell’accoglienza ai migranti, posizione che “non tiene conto del fatto che essi sono musulmani”: “Non comprendiamo – si legge – come lei possa perorare la causa dei musulmani che vogliono praticare la loro religione in Europa. (…) Il Buon Pastore è colui che scaccia il lupo, non certo chi lo fa entrare nel recinto delle pecore”.

La richiesta finale è quella di “un discorso franco e diretto sull’islam” da parte di Bergoglio, in modo che i “cattolici provenienti dall’islam” possano “confermare la loro conversione a Gesù Cristo”. Perché “ogni atteggiamento compiacente” verso il Corano “è un tradimento”, scrivono gli autori della lettera. “E noi non vogliamo che l’Occidente continui a

islamizzarsi, né che lei vi contribuisca con la sua azione”.

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilMartedì, 16 Gennaio 2018 19:18

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.