BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
MATTEO SALVINI E LA LEGA STANNO DIVENTANDO GLI INTERLOCUTORI PRIVILEGIATI DEI CATTOLICI CONSERVATORI: Redazione-Matteo Salvini sta diventando il leader della destra cattolica conservatrice.Così come successo a Donald Trump negli Stati Uniti per via delle politiche antiabortiste, il fronte tradizionalista italiano ha iniziato a guardare al ministro dell'Interno come a più di un semplice L'ANIMA POPOLARE DI FLAVIO OREGLIO RIPARTE DALLO ZELIG: Giovedì 15 e venerdì 16 febbraio, nello storico locale milanese, due serate di spettacolo del cantautore “catartico” con un nuovo progetto discografico   Redazione-Sarà un grande ritorno sulle scene, su questo non c'è ombra di dubbio.Dopo il “trentennale lungo” (parafrasando “Il Secolo Breve” AVEZZANO, LA CONSIGLIERA ANTONIETTA DOMINICI RISPONDE ALL'APPELLO DI LEGNINI: IN CAMPO PER UN ABRUZZO MIGLIORE: Redazione-C'è anche la consigliera comunale di Avezzano, Antonietta Dominici, tra le 102 candidate donne della coalizione guidata da Giovanni Legnini per le elezioni regionali del 10 febbraio. La Dominici, presidente della commissione Pari Opportunità di Avezzano, ha scelto di schierarsi a L'EX SEGRETARIO DI RIFONDAZIONE COMUNISTA FERRERO DIFENDE BATTISTI E ATTACCA SALVINI: -E' DEPISTAGGIO DI MASSA, I PROBLEMI SONO ALTRI-: Redazione-L’ex segretario di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero continua a difendere il pluriomicida appena catturato Cesare Battisti e attacca il ministro Matteo Salvini: “È un depistaggio di massa, i problemi sono altri”.La sinistra proprio non riesce ad arrendersi.E così, non appena 7° CONCORSO INTERNAZIONALE DI ARTE E LETTERATURA -PIETRO IADELUCA & AMICI-: Redazione-L’associazione culturale “il Cuscino di Stelle – Pietro Iadeluca” indice il “7° Concorso Internazionale di Arte e Letteratura “Pietro Iadeluca & amici”. Art.1-Al concorso possono partecipare tutti gli autori residenti in Italia e all’estero, purché le opere rispondano alle caratteristiche richieste ROMA, ESPERIENZE DI LABORATORI CULTURALI NELLE CARCERI DEL LAZIO: SARA’ PRESENTE L’AUTORE Esperienze di laboratori culturali nelle carceri del Lazio Dalle 15,00 del 16 Gennaio alle 18,00 del 17 Gennaio 2019 LARGO ASCIANGHI, 5 - ROMA Evento organizzato dal CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO e dal GARANTE DIRITTI DETENUTI Per chi è detenuto i laboratori di ORICOLA, IL SINDACO ANTONIO PARANINFI CANDIDATO ALLA REGIONE CON LA LISTA –AZIONE POLITICA- A SOSTEGNO DEL CANDIDATO PRESIDENTE MARCO MARSILIO: Redazione-il Sindaco di Oricola Antonio Paraninfi ha deciso di scendere in campo come candidato alla regione Abruzzo in un lista civica denominata “Azione Politica” a sostegno del candidato alla presidenza Marco Marsilio per il centro destra. Quello abruzzese è un QUESTIONE DI GIORNI E BERGOGLIO CANCELLERA' L'EREDITA' DI PAPA BENEDETTO XVI: Redazione-Questione di giorni e altri due importanti fili che tengono legato papa Francesco al suo predecessore saranno tagliati: voci sempre più insistenti danno infatti per certa la soppressione della Prefettura della Casa Pontificia, il cui titolare è monsignor Georg Gänswein, UN INIZIO 2019 AMARO PER IL REAL CARSOLI SCONFITTO IN CASA DAL SAN BENEDETTO VENERE PER O-1: Redazione- Una sconfitta amara per il Real Carsoli in casa contro il San Benedetto Venere nonostante il bel gioco dimostrato in campo. Tante le occasioni mancate per segnare: al 10° del primo tempo Emanuele Mazzetti sfiora il palo con un -TI ASPETTO ALL'ALTARE- : IL PROSSIMO CONCERTO DI TONY COLOMBO E' QUASI SOLD OUT: L’evento si svolgerà il 28 febbraio al Teatro Palapartenope. Special guest: Franco Ricciardi Redazione-E’ quasi già sold out il prossimo concerto di Tony Colombo che si terrà giovedì 28 febbraio (alle ore 21) al Teatro Palapartenope di Napoli. “Ti aspetto all’altare”: questo il titolo dell’evento, lo stesso del

Michele Suriani

LA VERA NATURA DEI TRATTATI EUROPEI

Europa e Euro Europa e Euro

Redazione-I Trattati dell’Unione Europea condannano – in modo inconfutabile – l’Italia alla schiavitù. Fughiamo, una volta per tutte, ogni dubbio, confrontandolo con la nostra Costituzione. Ognuno può accedere a quelle pagine, ma chi, fra noi, le ha lette?L’ultima moda dei gazzettieri italici oppone la sovranità nazionale alla democrazia. Sovranità e nazione sono sinonimi di totalitarismo, nazionalismo e di quelli che chiamano fascismi. Per capirci: questi sono gli stessi signori che sbattono, sui loro giornali, la bandiera dello Stato inesistente del Kekistan, spacciandola per neonazista. A costoro sfugge, dunque, il comma due del nostro primo articolo: “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Il potere, nella democrazia italiana, spetta solo ai cittadini del Paese. Essi se ne avvalgono attraverso i propri rappresentati, eletti al Parlamento (articolo 48).È così deplorevole, dunque, governarci, anziché farci governare? Chiediamoci, poi: quanti docenti insegnano ancora Educazione civica nelle scuole e quanti italiani conoscono, almeno, i princìpi fondamentali della Carta costituzionale?

Deragliamo di due decenni. Siamo nel 1992 e l’Italia firma il Trattato di Maastricht. La catena dello schiavo fa “clac”. Ci siamo appena consegnati – in tutta libertà – ai grandi gruppi finanziari internazionali. I carcerieri assicurano: le genti d’Europa sono unite e uguali. Meno di mezzo secolo di pace sbriga, così, millenni di sangue versato sul continente. Incantati, seguiamo i predoni come i topolini il pifferaio magico. Nessuno di noi visiona i documenti che ha sotto il naso. Viviamo la Penisola da turisti.Per rispettare i parametri dell’Unione Europea privatizziamo i beni statali, frutto del sudore dei padri. Enel, Ferrovie (ancora pubbliche, nel 2018, in Francia e Germania), Italgel, Telecom Italia, Eni. Ancora: autostrade, Banca commerciale italiana, Credito italiano, Banca nazionale del lavoro. Ciliegina: nel 1993, il Presidente della Repubblica nomina, Carlo Azeglio Ciampi, Presidente del Consiglio dei ministri. Un banchiere guida il governo. “È indispensabile per salvare l’Italia”, dicono. Lo Stato sparisce, gli squali del capitale divorano il Paese, ma gli italiani son entusiasti: non dovranno più esibire il passaporto al confine.

È il terzo articolo – comma uno e due – del Trattato di Maastricht a imporci la genuflessione davanti a “un’economia di mercato aperta e in libera concorrenza”, mediante “la fissazione irrevocabile di tassi di cambio, che comportano l’introduzione di una moneta unica, l’Ecu”. Poi, euro.A proposito di tale sistema, la nostra Costituzione (articolo 41, secondo comma) stabilisce che l’iniziativa economica non possa “svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla […] libertà, alla dignità umana”. Parliamone con gli innumerevoli giovani italiani, laureati e poliglotti, che lavorano – per 600 euro il mese – in aziende dislocate nei Paesi dell’Ue sull’orlo del collasso. E’ utilità sociale? Dignità, forse?

Non basta. Come l’Unione Europea garantisce la libertà appena accennata? Attraverso la vigilanza: “Il Consiglio sorveglia”, “La Commissione sorveglia”. Il verbo “sorvegliare” si ripete otto volte nel Trattato. Questo enorme controllo spalanca il terreno al Sistema europeo di banche centrali (Sebc) e alla Banca centrale europea, la Bce. Si tratta di un istituto cui il documento di Maastricht conferisce totale e assoluta sovranità. Nessuno – secondo l’articolo 107 del Trattato e il settimo del Protocollo – può fornire istruzioni all’organo, che opera come gli antichi despoti orientali. Le banche centrali di ogni nazione, infatti, devono agire “secondo gli indirizzi e le istruzioni della Bce” (Protocollo, capo III, articolo 14.3).

Vediamo, quindi, cosa dice la Costituzione in merito alla limitazione della sovranità. Essa è possibile (articolo 11) se l’Italia non è subordinata ad altre nazioni e solo in caso di guerra, situazione che il Paese “ripudia”. Lo scopo della restrizione è la formazione di un ordinamento internazionale – in specie: l’Onu – che consegua una pace fondata sulla giustizia. Tuttavia, l’articolo 78 prevede che il Parlamento possa “deliberare lo stato di guerra”. La contraddizione è palese, ma un aspetto è chiarissimo: il nostro Stato deve sempre trovarsi in condizione di parità con gli altri.

Il Trattato di Maastricht, quindi, vuole la “pace e giustizia fra la Nazioni” (articolo 11 della Costituzione italiana) o la spoliazione del nostro glorioso patrimonio pubblico, come le spoglie dei nemici vinti, che i sovrani di Roma depositavano nel tempio di Giove Feretrio?

Ci fossimo informati, avremmo evitato il disastro. Impariamo dalla nostra negligenza. I signori che minacciano crolli in caso di liberazione dalle catene sono gli stessi che ci promisero la felicità, saccheggiando il Paese. Ci siamo fatti togliere la nostra terra, i giovani fuggono, un contratto a tempo indeterminato è un miraggio, una casa di proprietà nemmeno a parlane. Quali crolli, dunque?

È impossibile sprofondare oltre.

Fonte:Igor Buric  Giancarlo Cavazzini-ilprimatonazionale.it

Ultima modifica ilMercoledì, 21 Marzo 2018 12:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.