BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PRESENTATO A COSENZA L'ULTIMO ROMANZO -RITROVARSI-CARLA- DI MARLISA ALBAMONTE: Redazione-E’ stato presentato a Cosenza, nella suggestiva cornice dell’Area Archeologica della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Ritrovarsi - Carla (The Writer), un appassionante romanzo di Marlisa Albamonte.Sono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Rita Fiordalisi, direttore Biblioteca Nazionale di Cosenza; Maria Francesca CARSOLI, 38ENNE ARRESTATO CON L’ACCUSA DI DETENZIONE E SPACCIO DI STUPEFACENTI: COLTIVAVA MARIJUANA SUL PROPRIO TERRAZZO: Redazione-I Carabinieri di Carsoli, nell’ambito della consueta attività di controllo e prevenzione sul territorio, hanno tratto in arresto un giovane 38enne del luogo con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L’uomo, sottoposto ora ai domiciliari con un provvedimento dell’autorità PAPA FRANCESCO SI SCAGLIA CONTRO LE NUOVE FORME DI XENOFOBIA E RAZZISMO: IL NAZIONALISMO POPULISTA E' NEGATIVO: Redazione-Mentre in Medio Oriente e in Asia gli islamici continuano col genocidio dei cristiani, la priorità dei vescovi della Chiesa, è la lotta alla xenofobia, al razzismo e al nazionalismo populista”. “Tutti i cristiani e tutti coloro che sostengono i LUCA BONAFFINI: -LA NOTTE IN CUI SPUNTO' LA LUNA DAL MONTE-: Le canzoni e la storia di Pierangelo Bertoli   Redazione-Quasi trent’anni fa, nel febbraio del 1991, Pierangelo Bertoli (a sorpresa e contro ogni previsione) strappò l’applauso più lungo della storia del Festival di Sanremo. Tanti già lo conoscevano per i suoi successi ARSOLI, PRESENTAZIONE UFFICIALE DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE -NO LABEL-: DOMENICA 23 SETTEMBRE IN VIA APRUTINA 43 CON INIZIO ALLE ORE 15:30   MUSEO STATALE DI MILETO: OMAGGIO ALLA CANZONE NAPOLETANA: Redazione-Sabato 22 settembre 2018, alle ore 19.00, il Museo Statale di Mileto, guidato da Faustino Nigrelli, celebra le Giornata Europee del Patrimonio, con un’iniziativa di grande suggestione Omaggio alla canzone napoletana, atteso concerto a cura del Cantiere Musicale Internazionale.Una scelta CNA AVEZZANO: PREMIO CAMBIAMENTI: Redazione-Il Premio CAMBIAMENTI è il grande concorso nazionale, istituto dalla CNA, che rientra ormai tra gli eventi di spicco nell’universo delle startup e che ha registrato, nelle prime due edizioni, oltre 1300 imprese candidate. Il Premio è rivolto a imprese FDI: BIONDI AD ATREJU 2018 CON IL CIRCOLO AQUILANO: Redazione-"Anche gli esponenti del circolo aquilano di Fratelli d’Italia saranno presenti da venerdì 21 settembre, giorno di apertura, alla ventunesima edizione di Atreju, manifestazione promossa dal partito della Presidente Giorgia Meloni che sino a domenica 23 si svolgerà sull'Isola Tiberina CARSOLI, ASSOCIAZIONE LUMEN: -I CANTI DELLA GRANDE GUERRA E CONTRIBUTI ABRUZZESI-: Redazione-L'associazione Lumen, nel suo lavoro per la diffusione della cultura, ha organizzato per il prossimo sabato 22, alle ore 17,30 presso la Chiesa del Carmine di Carsoli, un interessante incontro che ha per tema "I Canti della Grande Guerra e GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO: PROSPETTIVA GOLD COSENZA: Redazione-Sabato 22 e domenica 23 settembre 2018 la Galleria Nazionale di Cosenza celebra le Giornate Europee del Patrimonio con numerosi imperdibili appuntamenti. Queste in dettaglio le iniziative previste:   “Prospettiva Gold Cosenza” Data: sabato 22 settembre 2018, ore 16.30-18.30; domenica 23 settembre 2018, ore

LA STAMPA TEDESCA AVANZA L'IPOTESI DELLA FINE DELL'EUROZONA

Eurozona Eurozona

Redazione-“Le elezioni politiche in Italia con la vittoria dei populisti sono uno shock per l’Europa, ma potrebbero anche rivelarsi un colpo di fortuna – scrive oggi il quotidiano tedesco “Sueddeutsche Zeitung” -. Nel bel mezzo della discussione su un’ambiziosa euro-riforma e sui nuovi strumenti di stabilizzazione del bilancio e di finanziamento, l’esito del voto italiano e’ un campanello d’allarme: la zona euro richiede regole e istituzioni che continuino a funzionare se uno Stato membro sospende la cooperazione e fa perno su una politica irresponsabile”.

“Il dibattito sulla riforma dell’unione monetaria europea – prosegue l’articolo – ha negligentemente ignorato questa possibilita’. Finora, la preoccupazione principale e’ stata quella che la zona euro potesse essere colpita da shock esterni. Un esempio e’ stata la Brexit. Un altro scenario sono gli attacchi di panico sui mercati dei titoli di Stato innescati da eventi globali, che portano a un circolo vizioso di tassi di interesse in aumento e banche in difficolta’. Per tutti questi casi devono essere costruiti nuovi strumenti di difesa. Nuovi strumenti di finanziamento, come le “obbligazioni sicure” favorite dalla Commissione europea, dovrebbero fornire maggiore sicurezza sui mercati obbligazionari”.

“E un sistema europeo di assicurazione dei depositi e’ inteso a proteggere i sistemi bancari nazionali dagli shock di una crisi del debito sovrano nazionale. Tutte queste idee – scrive ancora il quotidiano tedesco -possono avere senso partendo dal presupposto che gli Stati della zona euro siano guidati da governi responsabili che non provocano essi stessi uno shock asimmetrico”.

“Il risultato delle elezioni italiane mette in dubbio questo presupposto. Il programma del Movimento a cinque stelle, primo partito italiano, include promesse che vanno dal reddito di cittadinanza, alle pensioni minime e ai tagli alle tasse oltre ad investimenti statali di grandi dimensioni. Se attuato in modo anche parziale – aggiunge il “Sueddeutsche Zeitung”, tale programma minaccia di scuotere la fiducia degli investitori nel futuro economico del paese”.

“Se ci fosse gia’ un Fondo monetario europeo o un sistema europeo di assicurazione dei depositi, tutti questi strumenti sarebbero attivati per prevenire una nuova capitolazione in Italia. In questo modo, le conseguenze negative delle decisioni elettorali irresponsabili sarebbero socializzate in larga misura e i risparmiatori europei diverrebbero garanti delle banche italiane”. Ma la realtà è che non c’è.

L’Italia ha un debito pubblico di 2.300 miliardi di euro, che e’ sette volte il debito pubblico greco. Il paese e’ chiaramente troppo grande per fallire. Una bancarotta disordinata causerebbe una nuova crisi finanziaria internazionale. L’Europa dovrebbe evitare un crollo finanziario di questa economia a quasi tutti i costi. Anche le regole come il Patto di stabilita’ e crescita non offrono alcuna via d’uscita. Il patto di stabilita’ non ha funzionato per i governi italiani favorevoli all’Europa. Nessuno crede seriamente che il patto possa essere utile per un governo a Cinque stelle con il suo rifiuto programmatico della presunta dittatura di Bruxelles”.

“Pertanto – conclude l’autorevole giornale tedesco –  il quadro dell’euro deve essere sufficientemente solido per funzionare anche con i governi non cooperativi. I nuovi strumenti devono essere progettati in modo tale che la loro attivazione sia credibilmente esclusa per i paesi irresponsabili. Solo in questo modo la zona euro puo’ essere immunizzata contro i tentativi di ricatto di elettori e politici. Inoltre le banche della zona euro dovrebbero in futuro detenere solo un numero limitato di titoli di Stato. Questo limite garantirebbe che una bancarotta sovrana di un paese della zona euro non affligga anche gli altri. L’Europa ha bisogno di un’istituzione veramente indipendente e non politica che dia credibilita’ a condizioni e regole. La Commissione europea non e’ adatta a questo compito a causa del suo ruolo di moderatore e attore politico, dimostrato di nuovo ogni anno dalla sua gestione del Patto di stabilità”.

In pratica, la soluzione prospettata è quella di una zona euro di prima “classe” e un’altra marginale, sganciando di fatto l’euro da paesi come l’Italia e la Grecia.

Un po’ come dire che l’Eurozona così com’è deve finire.

Fonte:stopeuro.news

Ultima modifica ilGiovedì, 29 Marzo 2018 12:03

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.