BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CONCESSIONI AUTOSTRADALI, INTERVENTO DI GIORGIA MELONI SU BENETTON: -CI FANNO LA MORALE SUI MIGRANTI MA PAGANO LE TASSE ALL'ESTERO-: Redazione-“Ci fanno la morale sui migranti ma pagano le tasse all’estero”: la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un video su Facebook disintegra il clan dei Benetton, corresponsabili della tragedia avvenuta ieri a Genova.Il tragico disastro del ponte Morandi a Genova che LEGAMBIENTE SULL’ EMERGENZE DEI VIADOTTI AUTOSTRADALI A24, A25: -VALUTARE SICUREZZA-: Redazione-La tragedia di Genova riporta l'attenzione sulla sicurezza dei ponti, a rilanciare l'emergenza in Abruzzo è Legambiente. "La più grande opera pubblica di sicurezza e occupazionale resta la manutenzione" dice il presidente regionale Giuseppe Di Marco. "Nel giorno del cordoglio LA NOBILE ANIMA DI PEPPINO RANALLI: Redazione-Se mi chiedessero di descrivere Peppino Ranalli, protagonista incontrastato del libro “Peppino e la perfezione del melograno” di Lina Ranalli, ricorrerei senza alcun dubbio ad una canzone evocativa e introspettiva: “Impressioni di Settembre” della PFM. Il motivo è semplice: nel suo ACIAM, CITTADINI SEMPRE PIU' ATTENTI E CONSAPEVOLI: L'ISTANTANEA DELL'ANALISI SUL RIFIUTO ORGANICO: Redazione-Una consapevolezza crescente nei confronti dell'ambiente e delle corrette pratiche di conferimento dei materiali, da parte dei cittadini, insieme a un'attenzione sempre maggiore nell'attuazione delle stesse. É questo il quadro delineatosi al termine della campagna annuale di analisi merceologiche realizzata GENOVA, CROLLA IL PONTE MORANDI SULL'A10: 35 MORTI: Redazione-È sprofondato mentre le automobili e i tir sfrecciavano in un senso e nell'altro  Un tonfo devastante di cemento e calcinacci che da oltre cinquanta metri di altezza si è riversato rovinosamente sul quartiere Sampierdarena, che corre sotto ponte Morandi, L'AQUILA, TORNANO A MORDERE LE VIPERE: DUE UOMINI RICOVERATI IN RIANIMAZIONE AL SAN SALVATORE: Redazione-Era da tempo che nell'Aquilano non si registravano casi di persone morse da vipere. Questo trend positivo, purtroppo, si è interrotto sabato quando si sono verificati due gravi episodi: uno a Santi di Preturo, nei pressi di un resort e CHIESA DI SAN ZULIAN, SPUTI SUL CROCIFISSO. IL PARROCO: -ISLAMICHE CON IL VELO LO HANNO PROFANATO-: Redazione-Dopo il braccio spezzato al Cristo Settecentesco di San Geremia da parte di un franco-magrebino (ora espulso) pochi giorni fa gli sputi a un altro crocifisso nella chiesa di San Zulian, a pochi passi da San Marco sotto gli occhi del sorvegliante: L'AQUILA, MICHELE MALAFOGLIA DI FDI: -MORELLI IMPRECISO, DISTRATTO, POCO LUCIDO. IN POCHE PAROLE DISASTROSO-: Redazione-“Impreciso, distratto, poco lucido. In poche parole disastroso”. Con queste parole il portavoce comunale di Fratelli d’Italia, Michele Malafogila, intende replicare alla nota diffusa dal coordinatore comunale di Forza Italia, Stefano Morelli. “Viene da chiedersi, innanzitutto, se anche consiglieri e GLI APRE'S LA CLASSE PRONTI A SCUOTERE LA MARSICA: Redazione-É iniziato il conto alla rovescia per il concerto più atteso nella Marsica, che il 15 agosto, a Luco dei Marsi, nell'ambito della Festa de l'Unità, vedrà protagonista gli “ Après La Classe”, stellare band   ska ed electro rock salentina. L'AQUILA, CASTEL DEL MONTE: -SE VI PIACE ASCOLTAR-: Gli scritti del poeta-pastore Francesco Giuliani ispirano un documentario sull’antico tratturo da Campo Imperatore-Castel del Monte fino al Tavoliere Redazione-La poetica narrazione della transumanza del pastore e poeta Francesco Giuliani (Castel del Monte, 1890-1970) ha ispirato la realizzazione di un documentario

IL REDDITO DI CITTADINANZA DEI PENTASTELLATI E' PURA DEMAGOGIA

Di Maio Di Maio

Redazione-Da gente che delira ogni giorno su scie chimiche, pomodori antigelo, microchip sottocutanei, l'Aids che non esiste e le sirene invece sì, il falso sbarco sulla luna, il complotto dei frigoriferi a Roma, lo smog che uccide più della peste, non c'era certo da aspettarsi tanto di meglio. 

Il reddito di cittadinanza è stato uno dei motori principali, se non il più potente, della crescita del consenso elettorale dei grillini, da parte dei parassiti che preferiscono prendersi un po' di soldi senza cercarsi un lavoro, stando a casa a far niente campando sulle spalle dello Stato. E ciò si è visto dalle migliaia di grottesche richieste ai Caf del Sud, subito dopo il risultato del M5s il 4 marzo. Peccato che la proposta demenziale e puramente demagogica partorita dalle menti dei parlamentari M5s, sia semplicemente insostenibile, come più volte ripetuto da molti economisti. Le cifre ballano di centinaia di euro al mese, i progetti collaterali dalla formazione all'inserimento lavorativo rimangono vaghi e fumosi e le coperture sono solo pura fantasia.

Come prova che il reddito di cittadinanza sarebbe un fallimento nazionale, c'è ora un caso di studio locale: è la bella Livorno, dove il Comune grillino del sindaco Filippo Nogarin continua a sbagliare tutto. Nella città labronica il reddito di cittadinanza è una realtà già da due anni. Nogarin l'ha varato nel 2016, stanziando 300mila euro (a fronte però di 290mila euro di tagli al capitolo sociale del bilancio del capoluogo: una coincidenza non casuale) per garantire 500 euro al mese per 6 mesi a 100 nuclei familiari in difficoltà. L'anno dopo le risorse aumentano a quota 400mila euro, si triplica la platea dei beneficiari (348) i quali si vedono il loro assegno decisamente ridotto: da 80 ad un massimo di 220 euro, a seconda dei casi.

Eppure il grande statista Luigi Di Maio e tutto il movimento al gran completo, hanno sempre propagandato via social e via blog il reddito di cittadinanza alla livornese, come un esempio virtuoso delle capacità amministrative a cinque stelle e della possibilità di estenderlo a livello nazionale, richiamando la scelta «pionieristica nella lotta alla povertà» di cui parlava Nogarin. Lo stesso che oggi deve fare i conti con stanziamenti insufficienti e conti sbagliati. Per il 2018 raggranellare le risorse necessarie sarà praticamente impossibile. Ad oggi, infatti, sono disponibili solo 200mila euro (metà del fabbisogno del 2017), che servirà a fatica ad erogare 200 euro a testa per 170 cittadini. Un'elemosina.

A livello nazionale sarebbe ancora peggio. Il reddito di cittadinanza a geometria variabile (da 780 euro mensili per i single a 1.950 per famiglie con due figli che hanno più di 14 anni) costerebbe 17 miliardi. Nel magico mondo di Di Maio ad ogni disoccupato verrebbero offerti tre posti di lavoro, pena la decadenza del reddito di cittadinanza se li rifiutasse tutti. I disoccupati in Italia sono 2,8 milioni (dato Istat 2017), significa che Di Maio promette 2,8 milioni di posti di lavoro, e garantirà quasi 9 milioni di offerte di lavoro.

Se non è pronto a fare il premier lui chi altri? 

Fonte:Fabrizio Boschi-ilgiornale.it

Ultima modifica ilMercoledì, 25 Aprile 2018 12:01

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.