BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
STRASBURGO, SPARI AL MERCATINO DI NATALE: 2 MORTI E 11 FERITI. L'ATTENTATORE UN NORDAFRICANO RADICALIZZATO: Redazione-Attentato con spari in diverse zone del centro a Strasburgo, nell'est della Francia. La Prefettura del Bas-Rhin conferma il bilancio della sparatoia: 2 morti, 7 feriti gravi e 4 feriti lievi. E' quanto riferisce la Prefettura sottolineando che l'autore della ATTENTATO TERRORISTICO A STRASBURGO AL MERCATINO DI NATALE: UN MORTO E TRE FERITI: Redazione-Sarebbe di un morto e tre feriti il primo bilancio di una sparatoria avvenuta nel centro di Strasburgo, nell'est della Francia. Lo riferisce Sky che cita la protezione civile francese. Il mercatino di Natale a Strasburgo è stato evacuato dalla 32° SANREMO ROCK, VENERDI' 14 DICEMBRE I -BAD MEDICINE- DI CARSOLI ALLE SELEZIONI PRESSO L'AUDITORIUM ENRICO FERMI DI CELANO: Redazione-Il Sanremo Rock & Trend Festival, il più longevo e ambito contest nazionale per rock band emergenti, si prepara a due nuove tappe del live tour di selezioni 2018/2019.Giovedì 13 dicembre sul prestigioso palco del Santomato Live Club di Pistoia si terrà la prima LUIS GIO' PALOPOLI, IL PRODIGIOSO PIANISTA DI 10 ANNI DELLA 6° KERMESSE PIANISTICA DELLA PIANA DEL CAVALIERE VINCE PIU' DI: Redazione-Sembra strano, ma è la realtà: è un semplicemente un bambino che ha compiuto 10 anni, eppure, al suo attivo ha già la partecipazione a ben 50 concorsi internazionali, effettuati in soli 3 anni, conquistando i primi posti assoluti, premi L'ESTABLISHMENT CLERICALE CONTRO SALVINI E LA LEGA: AL VIA UN NUOVO PARTITO CATTOLICO: Redazione-E’ un paradosso. Mentre Matteo Salvini riempie Piazza delpopolo a Roma, ricordando la festa dell’Immacolata, citando De Gasperi e Giovanni Paolo II e, anzi, facendone il punto di riferimento ideale,la burocrazia ecclesiastica della Cei organizza una crociata politica propriocontro la -CARA MAMMA, MI DISPIACE CHE SEI MORTA-, LA TRISTISSIMA LETTERINA DELLE FIGLIE DI ELEONORA GIROLIMINI MORTA NELLA DISCOTECA DI CORINALDO: Redazione-"Cara mamma, mi dispiace che sei morta". Inizia così un biglietto d'addio scritto dalle figlie gemelle di 7 anni di Eleonora Girolimini, 39 anni, una delle sei vittime della tragedia di Corinaldo avvenuta nella notte tra venerdì e sabato. La donna "SUL FILO DELLA VOCE", L'ULTIMA RACCOLTA DI POESIE DI MAEVA PROIETTI: Redazione-La raccolta di poesie “Sul filo della voce” di Maeva Proietti (Edizioni il cuscino di stelle) si legge tutta d’un fiato. Le liriche si susse-guono in uno scintillio di sentimenti, riflessioni, immagini che dall’animo dell’autrice attraversano ogni attimo dell’esistenza di “MEMORIA E DILETTO”, L’AQUILA NELLE IMMAGINI DI AMALIA SPERANDIO: Il prezioso volume fotografico il 12 dicembre, alle ore 17:30, a Palazzo Camponeschi Redazione-Uscito in questi giorni per i tipi della One Group Edizioni “Memoria e diletto. Amalia Sperandio - Scatti inediti sull’Aquila e dintorni tra ‘800 e ‘900”, il prezioso PESCARA, AL MUSEO VITTORIO COLONNA SI PRESENTA IL LIBRO DI LUCILLA SERGIACOMO: -L'ASSOLUTA LIBERTA' DEL FANTASTICO-: Redazione-Martedì 11 Dicembre alle ore 17, nella Sala convegni del Museo “Vittoria Colonna” di Pescara, sarà presentato il libro di Lucilla Sergiacomo “L’assoluta libertà del fantastico. Un viaggio nella fantasia da Omero a Calvino”, pubblicato da Odoya. Partecipano l’Assessore alla CARSOLI, ARTISTI DELLA VALLE DEL CAVALIERE: -RADICI-, MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA: Redazione-“RADICI” si colloca tra i numerosi eventi promossi dalle associazioni del territorio a sostegno della Croce Rossa di Carsoli per l’acquisto di una nuova ambulanza.La mostra, allestita al piano superiore della Galleria Commerciale C2, coinvolge i membri appartenenti all’Associazione “Gli

IN DANIMARCA E' ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE ANTI BURQA E NIQAB. SINISTRA E AMNESTY DELIRANO

Donna Con Burqa Donna Con Burqa

Redazione-La Danimarca disastrata prova a combattere contro il cancro islamico insinuato nella società danese grazie al buonismo e alla favola dell’integrazione degli immigrati musulmani. Da oggi le estremiste islamiche “sforna jihadisti” non potranno indossare i famigerati burqa e niqab, le coperture islamiche di tortura e sottomissione delle donne imposte dai potenziali terroristi maschi e dal Corano, nei luoghi. A protestare contro la sacrosanta legge ovviamente la sinistra nemica giurata dei popoli e la pericolosa organizzazione finanziata da Soros Amnesty International. Ennesimo giro di vite della Danimarca riguardo alle politiche di integrazione degli immigrati. Dopo l’istituzione di corsi sui valori fondamentali della società occidentale e sulle tradizioni danesi e la confisca dei beni come pegno in cambio di accoglienza e welfare, è di qualche giorno fa l’entrata in vigore di una legge (approvata a maggio) che applica restrizioni sull’uso del velo islamico.

La Danimarca è così la quinta nazione europea a bandire il velo integrale. Il provvedimento – come prevedibile – ha suscitato da un lato l’ira della comunità musulmana danese e degli immigrazionisti i quali hanno subito inscenato proteste in tutto il Paese, e dall’altro il plauso delle forze sovraniste e conservatrici. Chi compie il reato per la prima volta rischia una multa di 1000 Corone (134 Euro), in caso di recidiva la condanna aumenta fino al 10 mila Corone o la reclusione fino a sei mesi.

La pena si estende anche a chiunque costringa una persona, con la forza o con minacce, ad indossare indumenti che coprano il volto, e prevede la reclusione fino a due anni. Sasha Andersen, attivista del movimento Party Rebels, ha subito bollato la legge come discriminatoria nei confronti della minoranza musulmana danese ed ha organizzato una protesta a “volto coperto” invitando tutte le forze antagoniste e progressiste a parteciparvi. Il provvedimento è risultato particolarmente disumano anche agli occhi del direttore della segreteria europea di Amensty International Fotis Filippou, il quale ha dichiarato che le donne “dovrebbe essere libere di vestirsi come vogliono e di indossare gli abiti che meglio esprimono la loro identità e il loro credo religioso”

“Questo divieto avrà un impatto particolarmente negativo su quelle donne musulmane che scelgono (sic!) di indossare il niqab o il burqa, le quali verranno criminalizzate per una loro scelta personale.” Silenzio stampa di Filippou sul fatto che nella maggioranza dei casi le donne non scelgono affatto di indossare questi capi di abbigliamento, ma viene loro imposto in un clima di prevaricazione e di violenza. In ottemperanza a questa legge, i funzionari di polizia danesi dovranno chiedere alle donne che indossano il burqa o il niqab di rimuoverli o di

allontanarsi dalle zone pubbliche, pena le sanzioni sopra citate.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilSabato, 11 Agosto 2018 21:27

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.