BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
GENOVA, DALLA CRONACA ALLO SPAESAMENTO: RICERCA DI ORIZZONTI DI SENSO: Redazione-È lutto nazionale.Si sono celebrati oggi i funerali di Stato per le vittime del disastro avvenuto a Genova, il 14 Agosto scorso, a seguito del crollo del ponteMorandi.Centinaia di immagini affollano il web a corredo delle notizie sulla catastrofe, dalla SINISTRA VERGOGNOSA, LA GIORNALISTA DEL TG1 MARINA NALESSO LINCIATA PERCHE' PORTA IL CROCIFISSO. EX. CONS. PD: - ARROGANZA DI UN: Redazione-Estremisti laicisti e i pericolosi nemici della cultura e tradizione italiana di sinistra, da sempre dalla parte degli estremisti islamici che il PD fa diventare assessori, linciano per la seconda volta la giornalista del Tg1 Marina Nalesso, colpevole di aver TERREMOTO IN MOLISE, NON SI ESCLUDONO SCOSSE PIU' FORTI: Redazione-Altre scosse di terremoto sono state registrate nella notte in Molise dall'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. La prima, di magnitudo 2.4, ha avuto come epicentro Guglionesi, in provincia di Campobasso, ed è stata registrata alle 23,17. La seconda, di AL VIA IL FESTIVAL -NELL'ATERNO SCORRE MUSICA XII EDIZIONE-: EVENTO INAUGURALE CON GIROTTO, DI SABARINO E CAVUTI INTERPRETI DELLE MELODIE: Redazione-Il prossimo 21 agosto, alle ore 21.00, nello splendido scenario del Palazzo dell’Emiciclo all’Aquila (sede del Consiglio Regionale), si apre, con lo spettacolo musicale “Fellini/De Sica in musica”, la dodicesima edizione del Festival “Nell’Aterno scorre Musica”, con l’ideazione e la CONFCOMMERCIO: “SHOPPING E MUSICA SOTTO LA LUNA”, NOTTE BIANCA A CARSOLI LUNEDI' 20 AGOSTO 2018: Redazione-La Confcommercio Imprese per l’Italia provincia di l’Aquila delegazione Ascom di Carsoli insieme al Comune di Carsoli-assessorato al commercio hanno promosso la “Notte Bianca” per il 20 agosto prossimo, nella quale si esibiranno diverse band musicali e ci saranno diversi eventi in GOVERNO, AL VIA L'ITER PER LA REVOCA DELLA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE: Redazione-Luigi Di Maio aveva confermato la "volontà" politica di revocare la concessione alla società autostrade dopo il crollo del ponte di Genova.Icosti per l'erario potrebbero essere onerosi, eppure Toninelli infoprma che è stata inviata dal Mit una lettera a Autostrade -A CHE COSA SERVE LA MUSICA?-, UNA RIEDIZIONE INTERESSANTE DEL SAGGIO MUSICALE DEL FAMOSO MAESTRO PIETRO IADELUCA: Redazione-<<Rimettere mano a un’opera scritta oltre 40 anni fa da mio padre, è stato doloroso ed emozionante allo stesso tempo. Doloroso perché ogni piccola cosa ti riporta alla mente la scomparsa di una persona importante; emozionante perché in qualche modo MAGLIANO DEI MARSI, AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI ARTI PERFORMATIVE - IL CAPPELLO DELLE DONNE-: Redazione-Un festival all’insegna della musica, della letteratura, della recitazione e dell’arte in ogni sua forma per supportare una causa tra le più nobili e importanti nella Marsica. Con questa precisa motivazione nasce la rassegna “Il Cappello Delle Donne”, prevista per GENOVA E IL BEL PAESE: EMPOWERMENT DELLE VITTIME E DELLA COLLETTIVITÀ: Redazione-Quando incontriamo un essere umano siamo soliti, dopo averlo salutato, chiedergli come sta. Sono giornate come queste che ci fanno comprendere il perché di questa domanda, convinti di aver stabilito per sempre un equilibrio, assistiamo a lezioni di vita, che STRADA DEI PARCHI: -A24 E A25, VIADOTTI E PONTI SICURI-(VIDEO): Redazione-Dopo l’incidente del ponte di Genova, sono tanti i viaggiatori che hanno domandato qual è lo stato di sicurezza dei viadotti sulle nostre autostrade. Viaggiare su A24 e A25 è sicuro, dedichiamo tempo e risorse alla manutenzione delle infrastrutture e

IN DANIMARCA E' ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE ANTI BURQA E NIQAB. SINISTRA E AMNESTY DELIRANO

Donna Con Burqa Donna Con Burqa

Redazione-La Danimarca disastrata prova a combattere contro il cancro islamico insinuato nella società danese grazie al buonismo e alla favola dell’integrazione degli immigrati musulmani. Da oggi le estremiste islamiche “sforna jihadisti” non potranno indossare i famigerati burqa e niqab, le coperture islamiche di tortura e sottomissione delle donne imposte dai potenziali terroristi maschi e dal Corano, nei luoghi. A protestare contro la sacrosanta legge ovviamente la sinistra nemica giurata dei popoli e la pericolosa organizzazione finanziata da Soros Amnesty International. Ennesimo giro di vite della Danimarca riguardo alle politiche di integrazione degli immigrati. Dopo l’istituzione di corsi sui valori fondamentali della società occidentale e sulle tradizioni danesi e la confisca dei beni come pegno in cambio di accoglienza e welfare, è di qualche giorno fa l’entrata in vigore di una legge (approvata a maggio) che applica restrizioni sull’uso del velo islamico.

La Danimarca è così la quinta nazione europea a bandire il velo integrale. Il provvedimento – come prevedibile – ha suscitato da un lato l’ira della comunità musulmana danese e degli immigrazionisti i quali hanno subito inscenato proteste in tutto il Paese, e dall’altro il plauso delle forze sovraniste e conservatrici. Chi compie il reato per la prima volta rischia una multa di 1000 Corone (134 Euro), in caso di recidiva la condanna aumenta fino al 10 mila Corone o la reclusione fino a sei mesi.

La pena si estende anche a chiunque costringa una persona, con la forza o con minacce, ad indossare indumenti che coprano il volto, e prevede la reclusione fino a due anni. Sasha Andersen, attivista del movimento Party Rebels, ha subito bollato la legge come discriminatoria nei confronti della minoranza musulmana danese ed ha organizzato una protesta a “volto coperto” invitando tutte le forze antagoniste e progressiste a parteciparvi. Il provvedimento è risultato particolarmente disumano anche agli occhi del direttore della segreteria europea di Amensty International Fotis Filippou, il quale ha dichiarato che le donne “dovrebbe essere libere di vestirsi come vogliono e di indossare gli abiti che meglio esprimono la loro identità e il loro credo religioso”

“Questo divieto avrà un impatto particolarmente negativo su quelle donne musulmane che scelgono (sic!) di indossare il niqab o il burqa, le quali verranno criminalizzate per una loro scelta personale.” Silenzio stampa di Filippou sul fatto che nella maggioranza dei casi le donne non scelgono affatto di indossare questi capi di abbigliamento, ma viene loro imposto in un clima di prevaricazione e di violenza. In ottemperanza a questa legge, i funzionari di polizia danesi dovranno chiedere alle donne che indossano il burqa o il niqab di rimuoverli o di

allontanarsi dalle zone pubbliche, pena le sanzioni sopra citate.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilSabato, 11 Agosto 2018 21:27

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.