BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI, CINZIA CIPRIANI PROTAGONISTA DELLA TERZA EDIZIONE SU RAI 1 DI PRODIGI-LA MUSICA E' VITA-: Redazione-Ci siamo! Anche quest'anno  Rai uno ed EndemolShine Italy,  in collaborazione con Unicef, stanno preparando la terza edizione di Prodigi  - la musica è vita. Sarà una serata speciale e l'arte ne sarà protagonista insieme alla SOLIDARIETÀ.La scuola di danza UNA DOMENICA SPECIALE AD ANXA ANGITIA: ULTIMO APPUNTAMENTO DELLA STAGIONE E VISITA GUIDATA: Redazione-É in programma per domenica, 21 ottobre, l'ultima apertura della stagione per l'area archeologica di Anxa Angitia. L'appuntamento offrirà l'occasione, a grandi e piccoli, di una full immersion nella storia dei Marsi, attraverso la straordinaria narrazione delle vestigia di Anxa, CARSOLI, PRENDE IL VIA IL NUOVO CORSO POLITICO DEL CIRCOLO PD-PIANA DEL CAVALIERE: Redazione-La sera del 4 Ottobre 2018 i tesserati del Circolo PD di Carsoli si sono riuniti per riprendere l’attività politica che si è bruscamente e pesantemente interrotta dopo le elezioni del 4 Marzo. I convenuti, dopo una partecipata discussione, hanno verificato MERCATO, L'OPPOSIZIONE REPLICA AGLI ASSESSORI CASCIERE E SILVAGNI E SFERZA DE ANGELIS: -SI RAVVEDA-: Redazione-“Pochi tragici passaggi che racchiudono tutta la pochezza di questa amministrazione e danno la misura della distanza siderale tra essa e i cittadini, nello specifico gli ambulanti, ma anche con tutti quelli che hanno a cuore una città viva anche AVEZZANO, CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE: -DE ANGELIS COMPIA UN ATTO DI RISPETTO PER GLI AVEZZANESEI, SI DIMETTA-: Redazione-"Un sindaco assente e distante dalla Città, troppo impegnato ad assegnare poltrone e incarichi per ascoltare le istanze dei cittadini e persino per portare avanti i lavori già approntati dalla precedente Amministrazione”. É secca e senza appello la bocciatura da SCONTRO TRA IL SOVRANISMO DI BANNON E IL GLOBALISMO DI SOROS: L'ITALIA SARA' DETERMINANTE: Redazione-Veni, vidi, vici. Potrebbero essere le parole pronunciate da Giulio Cesare dopo la vittoria contro l’esercito di Farnace II a Ponto, a sintetizzare l’intervento a Roma di Steve Bannon acclamato dal pubblico di Atreju, l’evento politico organizzato annualmente da Fratelli d’Italia.Qualcuno IL MINISTRO TONINELLI SUI PILONI DELL'A24, A25: -CONDIZIONI ALLARMANTI-: Redazione-Alcuni piloni dei viadotti delle autostrade A24 e A25 "che ho potuto visionare con i miei occhi, sono in condizioni così degradate da risultare allarmanti". A dirlo è il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, riferendo, all'assemblea dell’Ance, del GOVERNO, AL VIA LA MANOVRA E IL DL FISCALE: TUTTE LE NOVITA' SULLE MISURE: Redazione-Ci sono anche la pace fiscale e le pensioni d'oro nell'accordo raggiunto durante il vertice di governo. Dopo una mattinata e un primo pomeriggio ad alta tensione, i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno infatti preso parte E’ USCITO IL PRIMO EP DELLA PERCUSSIONISTA DAYA NARA CON IL NUOVO SINGOLO -SATORI-(VIDEO): Redazione-È uscito il primo EP della percussionista Daya Nara, artista eclettica con alle spalle un passato caotico e sperimentale ed un singolo dal nome “ SATORI ”, ultimo, in ordine di tempo, di tre singoli fino ad ora in cui GALLERIA NAZIONALE DI COSENZA: GRANDE MATERNITA': Redazione-Il patrimonio della Galleria Nazionale di Cosenza si arricchisce della scultura Grande Maternità di Antonietta Raphaël (Vilnius 1895 - Roma 1975). L’opera giunge nelle collezioni del museo per volontà del donante, Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, con decisione condivisa da Giulia

IN DANIMARCA E' ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE ANTI BURQA E NIQAB. SINISTRA E AMNESTY DELIRANO

Donna Con Burqa Donna Con Burqa

Redazione-La Danimarca disastrata prova a combattere contro il cancro islamico insinuato nella società danese grazie al buonismo e alla favola dell’integrazione degli immigrati musulmani. Da oggi le estremiste islamiche “sforna jihadisti” non potranno indossare i famigerati burqa e niqab, le coperture islamiche di tortura e sottomissione delle donne imposte dai potenziali terroristi maschi e dal Corano, nei luoghi. A protestare contro la sacrosanta legge ovviamente la sinistra nemica giurata dei popoli e la pericolosa organizzazione finanziata da Soros Amnesty International. Ennesimo giro di vite della Danimarca riguardo alle politiche di integrazione degli immigrati. Dopo l’istituzione di corsi sui valori fondamentali della società occidentale e sulle tradizioni danesi e la confisca dei beni come pegno in cambio di accoglienza e welfare, è di qualche giorno fa l’entrata in vigore di una legge (approvata a maggio) che applica restrizioni sull’uso del velo islamico.

La Danimarca è così la quinta nazione europea a bandire il velo integrale. Il provvedimento – come prevedibile – ha suscitato da un lato l’ira della comunità musulmana danese e degli immigrazionisti i quali hanno subito inscenato proteste in tutto il Paese, e dall’altro il plauso delle forze sovraniste e conservatrici. Chi compie il reato per la prima volta rischia una multa di 1000 Corone (134 Euro), in caso di recidiva la condanna aumenta fino al 10 mila Corone o la reclusione fino a sei mesi.

La pena si estende anche a chiunque costringa una persona, con la forza o con minacce, ad indossare indumenti che coprano il volto, e prevede la reclusione fino a due anni. Sasha Andersen, attivista del movimento Party Rebels, ha subito bollato la legge come discriminatoria nei confronti della minoranza musulmana danese ed ha organizzato una protesta a “volto coperto” invitando tutte le forze antagoniste e progressiste a parteciparvi. Il provvedimento è risultato particolarmente disumano anche agli occhi del direttore della segreteria europea di Amensty International Fotis Filippou, il quale ha dichiarato che le donne “dovrebbe essere libere di vestirsi come vogliono e di indossare gli abiti che meglio esprimono la loro identità e il loro credo religioso”

“Questo divieto avrà un impatto particolarmente negativo su quelle donne musulmane che scelgono (sic!) di indossare il niqab o il burqa, le quali verranno criminalizzate per una loro scelta personale.” Silenzio stampa di Filippou sul fatto che nella maggioranza dei casi le donne non scelgono affatto di indossare questi capi di abbigliamento, ma viene loro imposto in un clima di prevaricazione e di violenza. In ottemperanza a questa legge, i funzionari di polizia danesi dovranno chiedere alle donne che indossano il burqa o il niqab di rimuoverli o di

allontanarsi dalle zone pubbliche, pena le sanzioni sopra citate.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilSabato, 11 Agosto 2018 21:27

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.