BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Redazione

Redazione

URL del sito web:

SAPORI DIMENTICATI,RICETTE ABRUZZESI DI UNA VOLTA

Redazione-La nostra cara regione, che è considerata la prima del meridione e l'ultima del settentrione, dove la nostra cucina odierna è definita semplice da più di qualcuno,  anche se questo qualcuno non sa che tra i grandi cuochi in giro per il mondo ci sono gli abruzzesi. Forse chi parla di cucina semplice , non sa che i piatti per esaltarne il gusto devono contenere pochi condimenti, e forse non si è mai messo seduto davanti alle nostre specialità culinarie. Nei piatti, che da oggi  presenterò, ci sarà la variante del lievito, dove richiesto, visto che prima veniva usato il lievito madre, che era quel lievito che di volta in volta veniva messo da parte per le volte successive. Verranno usati lieviti freschi, e le classiche bustine acquistabili in tutti i negozi alimentari.

Per sapori dimenticati intendo riferirmi a quei piatti, a quelle pietanze che oggi sono state messe da parte dal progresso, dai piatti già pronti, a tutte quelle specialità che richiedono condimenti e spezie che prima, almeno nella nostra regione non erano conosciute. Certo è vero che la vita deve sempre migliorare, ma io voglio ricordare ciò che i nostri predecessori erano di solito mangiare. Con questo non pretendo che le popolazioni attuali tornino indietro di alcuni secoli, ma posso comunque affermare che i piatti di qualche tempo fa erano molto più genuini. Sono piatti poveri e semplici, dunque, dove il pane ha avuto sempre un ruolo importante nell'alimentazione non solo dei contadini, basta pensare che prima di andare nei campi a colazione mangiavano il pane raffermo con acqua olio e basilico. Ci tengo anche a ricordare che se un pezzo di pane cadeva a terra, una volta raccolto prima di mangiarlo veniva baciato, oggi molto probabilmente viene buttato. Come cambia la vita. Come primo piatto voglio presentare il PANCOTTO, tipica pietanza abruzzese, uno dei piatti più poveri sicuramente dei nostri avi. Ci saranno in futuro ricette antiche del nostro caro Abruzzo, sia quelle povere che quelle dei ricchi e quelle che i poveri erano solito mangiare nei giorni di festa, ma ce ne saranno tante della nostra zona, che forse ben pochi conoscono. Se qualcuno vuole cimentarsi a preparare questi piatti, sappiate che tutto ciò che pubblicherò sarà stato cucinato da me e dalla mia compagna.. E con questo auguro a tutti Voi BUON APPETITO.                                     

 

                    IL PANCOTTO

.

Ricetta per 4 persone

 

500 gr. di pane raffermo

50   gr. di olio di oliva

1     lt di acqua

       sale e pecorino grattugiato a piacere

 

Unire l'olio all'acqua, aggiungere il sale, come se si dovesse cuocere la pasta, portare a bollore.

A questo punto aggiungere il pane, precedentemente spezzettato. Cuocere per cinque sei minuti.

Si ottiene tipo una zuppa da servire calda, cospargendola una volta nel piatto con del pecorino-

BUON APPETITO                                                     ( di Angelo Minati )

Comments ()