BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ANAGNI, TERREINAZIONE 2019: IV EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA CULTURA POPOLARE: Redazione- Terre in azione, terre che cantano e si raccontano, terre che ballano e che s’incontrano. Le nostre terre di oggi e di ieri, ma anche le terre lontane da noi, e quelle vicine, nonostante le lontananze: i colori, i COR VELENO, FUNKALLISTO, ENZA'S CHOO-CHOO TRAIN DAL 25 AL 31 LUGLIO AL PARCO SCHUSTER DI ROMA: Redazione- Musica, teatro e nuove tendenze sono le tre parole chiave della programmazione di Parco Schuster dal 25 al 31 luglio, con una chiusura del mese in grande stile in compagnia di Cor Veleno con Spirito Che Suona Tour (25 FESTIV'ALBA SI SPOSTA A ROSCIOLO DEI MARSI: 3 CONCERTI ALL'INTERNO DELLA CHIESA DI S. MARIA IN VALLE PORCLANETA. CRESCE L'ATTESA: Redazione- Alba Fucens. Dopo la bellissima esibizione dell’Orchestra Sinfonica Giovanile Europe, andata in scena domenica all’interno dell’anfiteatro romano di Alba Fucens alla presenza di 450 spettatori, Festiv’Alba trasloca a Rosciolo dei Marsi. La suggestiva chiesa di Santa Maria in Valle MUSICA, BALLI, SERATE SPECIALI E IL MARE DEI TRABOCCHI NELLA SETTIMANA DELLE VACANZE LUCHESI: Redazione-Musica e balli sotto le stelle, mercatini sul viale in festa, serata a tutto rock, storia, archeologia e un tuffo nel mare cristallino dei Trabocchi, nell'ambito del gemellaggio culturale entroterra-costa inaugurato lo scorso anno. Questi gli ingredienti della nuova tornata BILANCIO PIU' CHE POSITIVO PER IL FESTIVAL MOMENTI MUSICALI 2019: Redazione- Il Festival Momenti Musicali 2019, organizzato dall'Associazione Culturale “Il cuscino di stelle” nella persona di Armando Iadeluca, presidente dell'associazione, ha ospitato quattro giovani talenti musicali: il pianista Roberto Imperatrice che si è esibito il 5 luglio 2019 alle 21:00 CIVITA CASTELLANA, XXXI CIVITAFESTIVAL: IL PROGRAMMA DAL 17 AL 21 LUGLIO: Redazione- Dopo i primi appuntamenti che hanno visto per la prima volta in Italia Adam Pieronczyk Quintet, il dissacrante teatro di Antonio Rezza e la danza contemporanea francese di “Un po’ di più”, il CivitaFestival, giunto alla sua 31esima edizione, OTTO PER MILLE: GRAZIE ALLE POLITICHE DI PAPA FRANCESCO, LA CHIESA CATTOLICA PERDE DUE MILIONI DI BENEFATTORI: Redazione- Sempre meno contribuenti italiani destinano l’otto per mille alla Chiesa Cattolica. Dati alla mano, negli ultimi sette anni la Chiesa ha perso due milioni di benefattori. Il crollo degli introiti emerge dagli ultimi dati sulla ripartizione delle somme prelevate PIETRASECCA, LA SIGNORA GINA DI CARLO HA COMPIUTO 101 ANNI: AUGURI VIVISSIMI: Redazione- Apprrendiamo con gioia e con viva soddisfazione che la Sig.ra Gina Di Carlo di Pietrasecca ha raggiunto la venerabile età di 101 anni. Una donna che, sicuramente, ha contribuito a fare la Storia del meraviglioso ed antico borgo arroccato ANGIZIA LUCO, IL PRESIDENTE FAVORITI LASCIA. INCONTRO CON L'AMMINISTRAZIONE: Venerdì il termine per l'iscrizione al campionato di Eccellenza Redazione- Venti di bufera sull’Angizia Luco a tre giorni dalla chiusura dei termini per l’iscrizione al campionato di Eccellenza. Dopo quelle del Direttivo arrivano le dimissioni del presidente Omar Favoriti. “É una APPELLO DI C.RACKETE ALL'UE AFFINCHE' ACCOLGA I 500MILA PROFUGHI TENUTI IN LIBIA. SALVINI: -SIAMO ALLE COMICHE-: Redazione- In un'intervista alla Bild, la comandante della Sea Watch 3 fa un appello all'Unione europea perché accolga "il mezzo milione di persone tenute in Libia", compresi i rifugiati climatici". Matteo Salvini: "Siamo alle comiche".Carola Rackete, la capitana della Sea

ROGOREDO, PARLA COSIMO MEROLLA, AMICO DI FABRIZIO CORONA: -CHI HA RISCHIATO DI RIMETTERCI LE PENNE SONO IO-

Cosimo e Fabrizio Cosimo e Fabrizio

rischiato di rimetterci le penne sono io”
L’imprenditore napoletano e l’ex fotografo dei vip erano sul posto per girare un documentario


Redazione- Cosimo Merolla, imprenditore napoletano, socio in affari ma soprattutto amico di Corona, fa luce su quanto è realmente accaduto nel bosco di Rogoredo ove lui e Fabrizio si sono più volte recati per girare un servizio su questa piazza di spaccio. “Io e Fabrizio siamo stati due volte a Rogoredo – racconta Cosimo - . La seconda volta mi sono offerto volontario per addentrarmi nel bosco al fine di riprendere ed intervistare chi purtroppo ivi si droga. Sono stato aggredito da tre pusher. Sono riuscito a scappare e, una volta uscito da quel posto infernale, sono corso incontro ai Carabinieri. Alla fine mi sono beccato una denuncia perché impugnavo un’arma (non mia) che ero riuscito a sottrarre a uno degli spacciatori in fase di colluttazione”. “Ora parlo io, visto che le indagini sono giunte finalmente al termine – continua Cosimo -: si è tanto parlato dell’aggressione subita dal mio amico Fabrizio quando ci siamo recati la prima volta a Rogoredo, ma su quello che mi è accaduto – chissà perché – non si è detto nulla a mio favore: i giornali e le televisioni hanno parlato della denuncia, delle indagini in corso che mi riguardavano, del fatto che sarei un imprenditore in cerca di visibilità per il mio marchio (non è mica colpa mia se nell’ambiente dello spettacolo tutti mi identificano come “Cosimo Livello Alto”, o se i miei amici indossano gli abiti che confeziono). Chi ha rischiato di rimetterci le penne sono io: da ragazzo di Secondigliano (ci tengo a precisare incensurato) mi sono immedesimato nella causa e mi sono offerto per registrare immagini e raccogliere interviste all’interno del boschetto, visto che quella realtà – purtroppo – somiglia molto a quella del quartiere dove sono nato, cresciuto e attualmente vivo, realtà che nel mio piccolo cerco di contrastare perché penso che la gente di Secondigliano come quella di Rogoredo meriti di essere considerata di livello alto”. “Come mai “Non è l’arena”, il programma condotto da Massimo Giletti, e tutti i giornali che hanno parlato dell’aggressione subita da ‘Corona’ non hanno parlato anche del rischio che ho corso io? – conclude Cosimo –Fabrizio ha preso le distanze da me solo quando i Carabinieri mi hanno portato in caserma dopo l’accaduto, per ovvi motivi legati alla misura alternativa al carcere cui era sottoposto: dopo qualche ora ha pubblicamente dichiarato attraverso una story che ha condiviso su Instagram di essere mio amico… Poi tutto è finito nel dimenticatoio perché lui è tornato in galera. E io me la sono dovuto cavare da solo,

con i media e con la legge!”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.