BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CHERIF CHEKAT IL KILLER DI STRASBURGO E' STATO UCCISO DALLE FORZE SPECIALI. L'ISIS: -ERA UN NOSTRO SOLDATO-: Cherif Chekatt si era rifugiato in un magazzino non lontano da Neudorf, dove aveva fatto perdere le tracce 48 ore fa dopo lʼattentato Redazione-L'attentatore di Strasburgo, Cherif Chekatt, è stato ucciso in un blitz delle forze speciali. Il killer, che non A24-A25, IL MINISTRO DANILO TONINELLI AI SINDACI DI ABRUZZO E LAZIO: - PIU' PROTESTATE FACENDO CAMPAGNA ELETTORALE CONTRO IL GOVERNO: Redazione-<<C’è un messaggio che voglio mandare, ancora una volta, ai sindaci di Abruzzo e Lazio che hanno annunciato per oggi un’altra manifestazione, questa volta vicino al Senato, in merito alle autostrade A24-A25. Voglio dire loro che protestando contro il Governo FDI E GN: -IL SENATORE MARCO MARSILIO DIMOSTRA ANCORA UNA VOLTA DI AVERE A CUORE LE SORTI DELL'AQUILA-: Redazione-Con la sua proposta di emendamento, che se approvato sventerebbe l'aumento dei pedaggi dal prossimo anno, il senatore Marco Marsilio dimostra ancora una volta di avere a cuore le sorti dell'Aquila e le aree interne. È quanto affermano il portavoce L'AQUILA, FDI: -FINALMENTE I GIUDICI DEL CONSIGLIO DI STATO HANNO MESSO LA PAROLA FINE-: Redazione-Finalmente i giudici del Consiglio di Stato hanno messo la parola fine a una vicenda che non sarebbe neanche dovuta iniziare. Hanno stabilito che il ricorso  era infondato e, nonostante il giudizio del Tar, gli intrepidi quanto spregiudicati ricorrenti hanno SAN NUNZIO SULPRIZIO-IL SENTIERO DELLA SEMPLICITA', UN LIBRO DI EDOARDO DE LUCA: Redazione-Secondo libro pubblicato, dopo la canonizzazione del santo, e primo scritto da un autore abruzzese laico locale, di Scafa (PE), paese a pochi chilometri da Pescosansonesco.E' una strenna di Natale, in uscita nell'anno stesso della canonizzazione, il libro "San Nunzio -SOS NATALE IO SEGNALO- , ARRIVA IL NUMERO WHATSAPP PER DENUNCIARE CHI VIETA IL PRESEPE A SCUOLA: Redazione-Si chiama “SOS Natale Io segnalo”, il servizio di denuncia, attraverso un apposito numero di telefono WhatsApp – il 3397360574  – al quale i genitori, spesso intimoriti nel denunciare pubblicamente quello che è un vero e proprio sopruso verso i SECONDO STEVE BANNON PAPA FRANCESCO -STA CON L'ELITE GLOBALISTA-: Redazione-Steve Bannon sembra aver cambiato la sua personale opinione su papa Francesco.L'ex guru di Donald Trump, in riferimento allo scandalo - abusi che sta interessando la Chiesa cattolica negli Stati Uniti, aveva in qualche modo preso le difese del pontefice -UN NUOVO PIANO FINANZIARIO PER BLOCCARE I RINCARI-: APPELLO AL GOVERNO DA STRADA DEI PARCHI: Redazione-Su decisione del Concessionario lo scorso autunno erano stati sospesi gli aumenti (12,9%) entrati in vigore il primo gennaio 2018 decisi dal precedente governo.Il primo gennaio aumenteranno i pedaggi autostradali in tutta Italia.Vale la pena di ricordare che, dall’ottobre scorso COSENZA, PALAZZO ARNONE: PRESENTAZIONE DEL VOLUME -L’ARTE E IL PAESAGGIO-LE BELLE CONTRADE-DI GIORGIO CERAUDO: Redazione-Martedì 18 dicembre 2018, alle ore 16.30, a Cosenza, presso la Galleria Nazionale di Cosenza, Salone “Giorgio Leone”, sarà presentato il volume di Giorgio Ceraudo dal titolo L’ARTE E IL PAESAGGIO Le belle contrade (Rubbettino Editore).Interverranno all’iniziativa, moderata dallo IL SINDACO DI ORICOLA A. PARANINFI E IL SINDACO DI PERETO G. SCIO' SUI POZZI IDRICI DELLA PIANA DEL CAVALIERE:: Redazione-E’ evidente che essendo ormai in prossimità della campagna elettorale per le prossime elezione Regionali d’Abruzzo, ognuno cerchi visibilità per attestare la propria candidatura e/o riconferma ma crediamo che sia corretto riconoscere i giusti meriti a chi effettivamente li ha.Ultimamente,

ROSETO DEGLI ABRUZZI, FESTINI DI SESSO E DROGA CON MINORI NEL RESIDENCE CHE OSPITA 124 MIGRANTI

Migranti Migranti

Redazione-Ecco cosa facevano i finti profughi nel residence Roseto Degli Abruzzi in provincia di Teramo a spese dei contribuenti italiani. Festini a base di droga e sesso con le ragazzine minorenni. Si stavano rilassando prima di pagarci le pensioni. Facevano festini di droga e sesso con minorenni e il luogo scelto per lo sballo era un residence. Ma non uno qualunque: il “Felicioni”, una struttura a Roseto degli Abruzzi (Teramo), fronte mare con piscina, che ospita da anni 124 migranti. Tutti richiedenti asilo.

A finire in manette sono stati cinque albanesi a conclusione di una lunga indagine partita lo scorso aprile con l’ arresto di uno di loro, trovato in possesso di 40 grammi di cocaina: i Carabinieri della compagnia di Giulianova hanno intuito che dietro quello spacciatore poteva esserci un giro più ampio e – utilizzando sia i classici strumenti di pedinamento e appostamento, ma anche quelli tecnologici di intercettazioni telefoniche, ambientali e filmati – hanno scoperto che dietro quel ragazzo albanese c’ era un gruppetto composto da altri connazionali. Una vera e propria gang della quale facevano parte Alban Guga (23 anni) e Bruno Xhaysa (28 anni), entrambi residenti a Roseto, più Gezim Papa (29 anni), Victor Gjeci (23 anni) e Bledar Laci (29 anni), residenti a Rutigliano (Bari), tutti pluripregiudicati. I cinque avevano organizzato un giro si spaccio di cocaina e marijuana tra Roseto e dintorni e spesso gli incontri con gli acquirenti (decine e decine di giovani anche minorenni, tutti ripresi dai carabinieri con foto e video) avvenivano proprio all’ interno del “Residence Felicioni”, dove gli indagati prenotavano le camere e organizzavano dei veri festini a base di droghe e sesso: in alcuni casi le ragazze che partecipavano agli incontri, non avendo soldi, pagavano cocaina e marijuana con prestazioni sessuali.

Le accuse per i cinque albanesi sono di spaccio di stupefacenti aggravato dalla minore età dei destinatari (per i due albanesi residenti a Roseto) e spaccio ed estorsione aggravata (per i tre albanesi residenti a Puglia). E l’ assurdo è che le presunte vittime di estorsione sarebbero proprio i due albanesi residenti a Roseto, che dai tre connazionali residenti in Puglia avevano acquistato a credito 200 grammi di cocaina (dal valore di circa 10mila euro) senza poi pagarli: da qui erano partite diverse spedizioni punitive per recuperare i soldi seguite da minacce di morte, tanto che i due albanesi di Roseto avevano denunciato gli altri tre connazionali. Denuncia successivamente ritirata, però, presumibilmente dopo un accordo tra loro, visto che i tre connazionali nel frattempo si erano stabiliti a Roseto per condurre insieme gli affari.

L’ aspetto più inquietante della storia, però, è quello che riguarda il “Residence Felicioni” e ora gli abitanti del luogo reclamano la chiusura della struttura. Per farlo si appellano alla legge secondo cui «è legittima la sospensione del locale pubblico frequentato da soggetti pregiudicati, in quanto situazione idonea a creare allarme sociale, indipendentemente dalla colpa del gestore»: lo ha stabilito il Tar Lombardia in quanto la frequentazione ambientale è da considerare come fonte di pericolo «concreto ed attuale» per la collettività.
Non solo. Sempre secondo la normativa (art. 100 del R.D. 1931 n. 773) «oltre i casi indicati dalla legge, il questore può sospendere la licenza di un esercizio nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini, o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose o che, comunque, costituisca un pericolo per l’ ordine pubblico, per la moralità pubblica e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini».
E non sarebbe la prima volta che queste leggi vengono applicate in questa zona nei confronti di diverse attività commerciali (soprattutto bar), come racconta il proprietario di un locale: «Per noi che stiamo dietro ad un bancone far capire ad un pregiudicato che non è gradito, ammesso sempre che lo conosciamo e riconosciamo, è rischioso e quasi sempre subiamo minacce per giorni da parte di questi soggetti. Purtroppo la legge è legge: se vogliamo restare aperti ci dobbiamo anche assumere questo rischio. Nel caso specifico del “Residence Felicioni”, invece,

il proprietario può dire che ha tutte le stanze occupate e il problema è risolto».

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilVenerdì, 20 Ottobre 2017 21:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.