BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
AVEZZANO, CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE: -DE ANGELIS COMPIA UN ATTO DI RISPETTO PER GLI AVEZZANESEI, SI DIMETTA-: Redazione-"Un sindaco assente e distante dalla Città, troppo impegnato ad assegnare poltrone e incarichi per ascoltare le istanze dei cittadini e persino per portare avanti i lavori già approntati dalla precedente Amministrazione”. É secca e senza appello la bocciatura da SCONTRO TRA IL SOVRANISMO DI BANNON E IL GLOBALISMO DI SOROS: L'ITALIA SARA' DETERMINANTE: Redazione-Veni, vidi, vici. Potrebbero essere le parole pronunciate da Giulio Cesare dopo la vittoria contro l’esercito di Farnace II a Ponto, a sintetizzare l’intervento a Roma di Steve Bannon acclamato dal pubblico di Atreju, l’evento politico organizzato annualmente da Fratelli d’Italia.Qualcuno IL MINISTRO TONINELLI SUI PILONI DELL'A24, A25: -CONDIZIONI ALLARMANTI-: Redazione-Alcuni piloni dei viadotti delle autostrade A24 e A25 "che ho potuto visionare con i miei occhi, sono in condizioni così degradate da risultare allarmanti". A dirlo è il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, riferendo, all'assemblea dell’Ance, del GOVERNO, AL VIA LA MANOVRA E IL DL FISCALE: TUTTE LE NOVITA' SULLE MISURE: Redazione-Ci sono anche la pace fiscale e le pensioni d'oro nell'accordo raggiunto durante il vertice di governo. Dopo una mattinata e un primo pomeriggio ad alta tensione, i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno infatti preso parte E’ USCITO IL PRIMO EP DELLA PERCUSSIONISTA DAYA NARA CON IL NUOVO SINGOLO -SATORI-(VIDEO): Redazione-È uscito il primo EP della percussionista Daya Nara, artista eclettica con alle spalle un passato caotico e sperimentale ed un singolo dal nome “ SATORI ”, ultimo, in ordine di tempo, di tre singoli fino ad ora in cui GALLERIA NAZIONALE DI COSENZA: GRANDE MATERNITA': Redazione-Il patrimonio della Galleria Nazionale di Cosenza si arricchisce della scultura Grande Maternità di Antonietta Raphaël (Vilnius 1895 - Roma 1975). L’opera giunge nelle collezioni del museo per volontà del donante, Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, con decisione condivisa da Giulia IL MOTOCLUB CARSOLI ENDURO SI AGGIUDICA LA MEDAGLIA D'ORO DEL FMI 2018: Redazione-Il Trofeo delle Regioni ha regalato anche per questa edizione, la tredicesima, grandi emozioni, fairplay, gioia e sorrisi. La gara, che si è svolta oggi, domenica 14 ottobre, nella bellissimaMatelica (MC), ha visto al via 221 piloti in rappresentanza di 16 regioni e 16 motoclubprovenienti da APPELLO AI 5S DEI PARTIGIANI PER SALVARE IL MODELLO RIACE: -FERMATE SALVINI-: Redazione-Appello ai Cinque Stelle per salvare il modello Riace. A chiedere di fermare Salvini è Carla Nespolo, presidente nazionale dell'Anpi che scrive: "Con l'ipotizzato spostamento di duecento migranti, il ministro dell'Interno consuma un ulteriore atto di violenza e vendetta nei RIACE, IL MINISTERO DEGLI INTERNI PREDISPONE IL TRASFERIMENTO DEI MIGRANTI: Redazione-Un altro colpo al sistema di accoglienza del sindaco di Riace, Mimmo Lucano finito in manette per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.Il Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione che fa parte del Viminale con una nota ha predisposto il trasferimento dei GRECIA, LA CROCE DI CRISTO E' RAZZISTA E OFFENDE GLI IMMIGRATI: LA ONG -COESISTENZA E COMUNICAZIONE NELL'EGEO- LA FA ABBATTERE: Redazione-“La croce di Gesù Cristo è razzista e offende gli immigrati islamici”: a Lesbo, in Grecia, l’Ong terrorista e criminale “Coesistenza e comunicazione nell’Egeo”, costringe il sindaco (probabilmente una zecca di sinistra) ad abbattere la croce cristiana per non offendere la

LA NUOVA VITA DI KABOBO, STUDIA E LAVORA IN CARCERE: POTREBBE AVERE UNA RIDUZIONE DELLA PENA

Kabobo Kabobo

Redazione-Una nuova vita, cinque anni dopo quel terribile 11 maggio 2013. Terribile per quei tre passanti che ammazzò a colpi di piccone, triplice omicidio per cui è stato condannato in via definitiva a 20 anni di reclusione col riconoscimento del vizio parziale di mente. Adam Kabobo, il ghanese di 36 anni che cinque anni fa seminò il terrore nel quartiere Niguarda di Milano, sta lentamente imparando l'italiano e ha iniziato a studiare partendo dal programma delle scuole elementari, e lavora portando il vitto ai detenuti del 41 bis.

CONDIZIONI MIGLIORATE .Oggi, come ha spiegato uno dei suoi legali, l'avvocato Benedetto Ciccarone, che lo ha assistito con la collega Francesca Colasuonno, il ghanese, passato da San Vittore ad Opera, è sottoposto ancora a cure psichiatriche e le sue condizioni sono a poco a poco migliorate. Tanto che, come prevedono i normali programmi di recupero sociale dei detenuti, può svolgere alcuni lavori nella casa di reclusione, anche di pulizia, e ha deciso di mettersi a studiare a partire dal programma delle elementari, dato che non è mai andato a scuola.

SCONTO DI PENA? Intanto, nei prossimi mesi dovrebbe tenersi un cosiddetto 'incidente di esecuzione' per applicare la continuazione tra i reati di omicidio (pena 20 anni) e di tentato omicidio (8 anni per aver ferito altre due persone). Continuazione che porterebbe ad uno 'sconto' sul cumulo della pena. Quando avrà finito di scontarla, poi, passerà in una casa di cura (per tre anni) e il Tribunale di Sorveglianza dovrà valutare, di volta in volta, la sua pericolosità per decidere se confermare e fino a quando la misura di sicurezza.

UNA CARNEFICINA .Quel mattino di più di cinque anni fa Kabobo, come scrissero i giudici d'appello, uccise per «rancore e sfinimento per le sue esperienze di quotidiana lotta per la sopravvivenza», compiendo una «azione criminale agevolata dalla malattia» mentale. Morirono Daniele Carella, 21 anni, Alessandro Carolè, 40 anni, e Ermanno Masini, 64 anni. Andrea Masini, che ha perso il padre, ha sempre parlato di quei 20 anni come di una «pena insufficiente», mentre i genitori di Daniele Carella hanno più volte auspicato che «questo signore stia in carcere e non stia più in strada». Dalla relazione psichiatrica, che venne depositata nell'inchiesta, era uscito fuori un racconto, a tratti allucinato, di un immigrato con disturbi mentali sbarcato da clandestino a Lampedusa, dopo aver visto morire il fratello in Africa, ed entrato prima nei Cie e poi in carcere. E sempre accompagnato da quelle che lui chiamava «voci» e che sentiva in testa. «Queste voci mi dicevano - tentò di spiegare ai periti - che la popolazione africana, la parte del nord anche loro stavano uccidendo le persone
 

a picconi quindi mi sono sentito anch'io di fare la stessa cosa». 

Fonte:leggo.it

Ultima modifica ilGiovedì, 19 Luglio 2018 13:53

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.