BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
UNA SPLENDIDA SERATA CULTURALE PER IL TRIBUTO AL POETA NICOLA ENRICO BIORDI: Nel Centro Civico di Paganica forti emozioni nell’incontro sull’eclettico autore aquilano Redazione- Una magnifica e attenta cornice di pubblico ha ricolmato, nella serata di venerdì 21 giugno, il Centro Civico di Paganica, le restaurate scuderie del settecentesco Palazzo Ducale dove LA SEA WATCH 3 ENTRA NELLE ACQUE TERRITORIALI ITALIANE, FORZATO IL BLOCCO NAVALE: IL VIMINALE CHIAMA IN CAUSA L'OLANDA: Redazione- Lo scontro è totale, perché Sea Watch 3 - come annunciato giù alla vigilia - è passata dalle parole ai fatti. La capitana della ong, Carola Rackete, ha infatti forzato il blocco navale entrando con la nave in acque italiane, PIU' DI DUECENTO GLI OSPITI CHE HANNO GREMITO LA -DIMORA L'AMORE E'- PER IL GRAN GALA DELLA STILISTA ELEONORA ALTAMORE: Redazione- L’incantevole villa “Dimora L’Amore è” a Roma ha ospitato la quinta edizione del Gran Gala estivo “The Day of the Summer Fashion and Art”, ideato e curato nella direzione artistica dalla stilista Eleonora Altamore. Sono stati più di duecento AL VIA LA DECIMA EDIZIONE DI -CENANDO SOTTO UN CIELO DIVERSO-: Il rispetto della diversità passa attraverso il buon gusto Domenica 30 giugno presso il Castello di Lettere Redazione- Non esiste modo migliore di imparare il rispetto delle diversità di quello di entrare in contatto con chi, appunto, è diverso da noi. Soltanto CAROLA RACKETE, LA CAPITANA DELLA SEA WACTH 3 CON LA SINDROME DEL MESSIA: Redazione- “La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare 3 università, a 23 anni mi sono laureata. Sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto, ho sentito l’obbligo - IL TINTINNIO NON SMETTE, L'ULTIMA OPERA DI VALENTINA MARTINI: Redazione- L’uso della metrica che non si incanala in una costante precisa, la quale rischierebbe di stravolgere la genuinità delle liriche, è qualche cosa di nuovo perché appartiene a Poeti con-siderati “minori” del ‘900 italiano e che minori non sono, NAPLES HIP HOP DAY, AL VIA LA PRIMA EDIZIONE IL 27 GIUGNO NELL'ARENILE: Special guest: Rocco Hunt, Nicola Siciliano, Geolier, Enzo Dong e Vale Lambo  Il primo evento napoletano dedicato alla musica trap Redazione- A Napoli è in arrivo una nuova manifestazione tutta dedicata alla musica hip hop, o meglio al genere trap, che da essa trae origine : si TUTTO PRONTO PER IL CONCERTO DELLA SCHOOL OF ROCK AL MCDONALD'S DI AVEZZANO. MUSICISTI DI TUTTE LE ETA' PRONTI A: Redazione- E’ ormai tra gli appuntamenti fissi dell’estate avezzanese. Il saggio di fine anno della School Of Rock, infatti, da undici anni a questa parte è cresciuto al tal punto da poter essere considerato un vero e proprio concerto. Un METEO, L'ONDATA DI FORTE CALDO STA PER ARRIVARE: Redazione- L'ondata di caldo che sta per arrivare in Italia, con il suo apice tra giovedì e venerdì, potrebbe essere ancora più forte di quella del 2003, che peraltro si era distinta per la sua lunga durata. Sarà un caldo CARSOLI, I SUPERMERCATI EMME PIU’ RINGRAZIANO GLI AGENTI DELLA POLIZIA STRADALE PER LO SVENTATO FURTO NEL PUNTO VENDITA: Redazione- Dalla pagina facebook Supermercati Emme Più (Carsoli) riportiamo:<< Un enorme ringraziamento agli agenti della polizia stradale di Carsoli che nella notte di Sabato hanno sventato un tentativo di furto nel nostro punto venditaIn particolare ringraziamo il Comandante della polizia

LA NUOVA VITA DI KABOBO, STUDIA E LAVORA IN CARCERE: POTREBBE AVERE UNA RIDUZIONE DELLA PENA

Kabobo Kabobo

Redazione-Una nuova vita, cinque anni dopo quel terribile 11 maggio 2013. Terribile per quei tre passanti che ammazzò a colpi di piccone, triplice omicidio per cui è stato condannato in via definitiva a 20 anni di reclusione col riconoscimento del vizio parziale di mente. Adam Kabobo, il ghanese di 36 anni che cinque anni fa seminò il terrore nel quartiere Niguarda di Milano, sta lentamente imparando l'italiano e ha iniziato a studiare partendo dal programma delle scuole elementari, e lavora portando il vitto ai detenuti del 41 bis.

CONDIZIONI MIGLIORATE .Oggi, come ha spiegato uno dei suoi legali, l'avvocato Benedetto Ciccarone, che lo ha assistito con la collega Francesca Colasuonno, il ghanese, passato da San Vittore ad Opera, è sottoposto ancora a cure psichiatriche e le sue condizioni sono a poco a poco migliorate. Tanto che, come prevedono i normali programmi di recupero sociale dei detenuti, può svolgere alcuni lavori nella casa di reclusione, anche di pulizia, e ha deciso di mettersi a studiare a partire dal programma delle elementari, dato che non è mai andato a scuola.

SCONTO DI PENA? Intanto, nei prossimi mesi dovrebbe tenersi un cosiddetto 'incidente di esecuzione' per applicare la continuazione tra i reati di omicidio (pena 20 anni) e di tentato omicidio (8 anni per aver ferito altre due persone). Continuazione che porterebbe ad uno 'sconto' sul cumulo della pena. Quando avrà finito di scontarla, poi, passerà in una casa di cura (per tre anni) e il Tribunale di Sorveglianza dovrà valutare, di volta in volta, la sua pericolosità per decidere se confermare e fino a quando la misura di sicurezza.

UNA CARNEFICINA .Quel mattino di più di cinque anni fa Kabobo, come scrissero i giudici d'appello, uccise per «rancore e sfinimento per le sue esperienze di quotidiana lotta per la sopravvivenza», compiendo una «azione criminale agevolata dalla malattia» mentale. Morirono Daniele Carella, 21 anni, Alessandro Carolè, 40 anni, e Ermanno Masini, 64 anni. Andrea Masini, che ha perso il padre, ha sempre parlato di quei 20 anni come di una «pena insufficiente», mentre i genitori di Daniele Carella hanno più volte auspicato che «questo signore stia in carcere e non stia più in strada». Dalla relazione psichiatrica, che venne depositata nell'inchiesta, era uscito fuori un racconto, a tratti allucinato, di un immigrato con disturbi mentali sbarcato da clandestino a Lampedusa, dopo aver visto morire il fratello in Africa, ed entrato prima nei Cie e poi in carcere. E sempre accompagnato da quelle che lui chiamava «voci» e che sentiva in testa. «Queste voci mi dicevano - tentò di spiegare ai periti - che la popolazione africana, la parte del nord anche loro stavano uccidendo le persone
 

a picconi quindi mi sono sentito anch'io di fare la stessa cosa». 

Fonte:leggo.it

Ultima modifica ilGiovedì, 19 Luglio 2018 13:53

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.