BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
LA CHIESA DI POLONIA IN RIVOLTA CONTRO PAPA FRANCESCO: DOPO IL ROSARIO ANTI-ISLAM, E' GUERRA ALLE DOTTRINE BUONISTE: Redazione-La Chiesa polacca è in rivolta contro Bergoglio, dopo il rosario contro l’islamizzazione che ha coinvolto milioni di fedeli, snobbati dal Vaticano, è guerra contro le dottrine buoniste ed eretiche del pontefice. — La dottrina di Papa Bergoglio e la sua esortazione apostolica METEO, UN PEZZO DELL'URAGANO OPHELIA DIRETTO VERSO L'ITALIA: ARRIVERA' DOMENICA: Redazione-La furia dell'uragano Ophelia non è ancora terminata e pare che abbia riservato una sorpresina anche per l'Italia. A lanciare l'allarme un gruppo di meteorologi che avvisa: "Domenica 22 quando raggiungerà l'Italia "il figlio di Ophelia", un centro depressionario staccatosi dall'uragano che TAEKWON-DO SARDEGNA PROTAGONISTA AL MONDIALE DI DUBLINO: FARIGU, ORIOLANI E SPANO CAMPIONI DEL MONDO: Redazione-ITF Dal 10 al 15 Ottobre, si è svolto a Dublino,in Irlanda, il Campionato del Mondo di Taekwon-do ITF, con oltre 1100 atleti provenienti da 60 Paesi. La delegazione italiana, composta da 35 atleti, contava con 7 atleti sardi: la CEI, MONS. DI TORA:" LA LEGGE SULLO IUS SOLI RISOLVE IL PROBLEMA DELLA NATALITA'": Redazione-Ancora catto-comunisti che fanno propaganda per la sostituzione etnica degli italiani. Il Presidente della commissione Cei sulle migrazioni Di Tora senza vergogna: “La legge sullo Ius Soli risolvere il problema della denatalità”. Sono da arresto.A destra molti la chiamano “sostituzione etnica”: AVEZZANO, IL TEATRO DEI MARSI OSPITA L'ORCHESTRA SINFONICA MAV DI BUDAPEST: Redazione-Tutto pronto per il secondo appuntamento con la stagione musicale al Teatro dei Marsi di Avezzano. Giovedì 19 ottobre, a partire dalle 21.00, si esibirà la prestigiosa Orchestra Sinfonica MAV di Budapest. Fondata nel 1945 dalle Ferrovie dello Stato ungherese LAZIO, ABRUZZO E MOLISE VERSO UN'UNICA REGIONE: Redazione-La proposta di un ex consigliere regionale del Lazio, eletto in quota Pdl con il listino Polverini, Pier Ernesto Irmici prova a mettere insieme Molise, Abruzzo e Lazio. È una proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale la CULTURA E MUSICA SI UNISCONO: NASCE L'ACCADEMIA MUSICALE DEL FESTIVAL DELLA PIANA DEL CAVALIERE: Redazione-L’Associazione Aisico, dopo il grande successo di pubblico riscosso in luglio dalla prima edizione del Festival della Piana del Cavaliere, ha deciso di contribuire in maniera più incisiva allo sviluppo di un territorio ricco di suggestioni culturali e turistiche come PROVINCIA DELL'AQUILA: LE IMPRESE DECRESCONO IL TRIPLO RISPETTO AL RESTO D'ITALIA: Redazione-La Provincia dell'Aquila perde 636 imprese e decresce del 2,46%, valore triplo della flessione italiana che è stata dello 0,77%, nel triennio dal gennaio 2014 al dicembre 2016, scendendo da 25.837 a 25.201. Lo rende noto in un report il POLO POSITIVO, IMMAGINI PER LA CALABRIA: MOSTRA OPERE FINALISTE: Redazione-La mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo, concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40, allestita a Cosenza - Galleria Nazionale di Cosenza - Palazzo Arnone, rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017.La PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE: Redazione-Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d’Europa.L’Italia mostra alcuni segnali di ripresa, ma non ha ancora recuperato

L'EURO E' TECNICAMENTE FALLITO. E LA COLPA E' DELLA GERMANIA

In evidenza L'EURO E' TECNICAMENTE FALLITO. E LA COLPA E' DELLA GERMANIA Euros

Redazione-L’Uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, come prevedibile, lascia parecchi strascichi non solo fra i sudditi di Sua Maestà, ma anche nell’Eurozona. La quale si è risvegliata con una stella in meno nella propria bandiera ed una serie di problemi irrisolti che, se possibile, fanno ancora più rumore di prima.

Uno dei timori maggiormente condivisi è che ora, senza il ‘peso’ britannico, la Germania sarà ancora più dominante nelle politiche economiche dell’area Euro. Ma il punto cruciale resta la sostenibilità dell’Euro, che il premio Nobel per l’economia Josip Stiglitz aveva già definito “tecnicamente fallito” proprio a causa delle politiche tedesche. Ora, ad affiancare un parere così autorevole, c’è anche l’ex Governatore della Banca di Italia Antonio Fazio.

 

Fazio è tornato a fare le sue analisi sull’economia nazionale e internazionale in un incontro promosso dalla Fondazione Formiche e da Spin, puntando il dito contro Olanda e soprattutto Germania, e i loro mostruosi surplus commerciali, nell’analisi del mal funzionamento della moneta unica.

“La sola Germania mette da parte così più di 300 miliardi di euro l’anno – ha detto -, e lascia tutti gli altri paesi in deflazione, che produce bassa crescita e disoccupazione. Se non si rimettono in circolo quei 300 miliardi non c’è speranza che l’Europa e la sua moneta restino in piedi”. Come aveva previsto Stiglitz già due anni orsono.

Del resto anche il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi aveva replicato agli attacchi di Berlino contro la sua politica dei tassi bassi sottolineando che il persistente surplus della Germania nel saldo con l’estero nè è una delle cause principali, suscitando reazioni rabbiose. Ma è ormai oggettivo che I tassi bassi e il surplus tedesco sono i due gemelli micidiali dell’economia dell’Eurozona. Il surplus è la causa dei tassi bassi, come dice giustamente Draghi. Ma è vero anche che i tassi bassi nell’ultimo anno hanno fatto crescere il surplus, grazie alla svalutazione dell’euro: infatti, una valuta deprezzata rende i beni e servizi tedeschi più competitivi al di fuori della zona euro.

Insistendo sull’austerità durante la crisi dell’Eurozona – scrive in proposito il Financial Times -, e non aumentando la spesa per investimenti in patria, Berlino ha contribuito in modo decisivo a deprimere la domanda aggregata, sia entro i confini nazionali sia nell’Eurozona in generale. La lunga depressione dell’Eurozona ha provocato il calo dell’inflazione al di sotto del tasso obbiettivo (che è appena sotto il 2 per cento). La risposta della Bce è stata tagliare i tassi a breve termine a livelli negativi e comprare attività finanziarie. Se la politica di bilancio della Germania fosse stata neutrale, in questo periodo, il compito della Bce sarebbe stato più semplice: avrebbe centrato il suo obbiettivo di inflazione e non avrebbe dovuto ridurre così tanto i tassi.

In teoria – come fa notare Wolfgang Münchau sul Financial Times -, una soluzione semplice ci sarebbe: Berlino potrebbe tagliare le tasse e aumentare la spesa per investimenti. I margini per farlo ce li ha, e in abbondanza: dopo anni di austerità, il moltiplicatore fiscale – l’impatto di ciascun euro di spesa in disavanzo – è considerevole.

 

Sfortunatamente, la regola tedesca che obbliga al pareggio di bilancio rende impossibile seguire questa strada. Cosa ancora più importante, l’elettorato e i suoi rappresentanti politici non vogliono seguirla. Vogliono rifondere i loro debiti: è una scelta sbagliata, ma è una scelta democratica. La conseguenza, però, è che finché la Germania rimarrà nell’euro gli squilibri non potranno correggersi da soli.(Fonte:quifinanza.it)

 

Eurocrash

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.