BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Accedi
Ultime Notizie
ANTONIO SOCCI: " SOLO PAPA BENEDETTO XVI HA IL CORAGGIO DI AFFRONTARE L'ISLAM": Redazione-Il terrorismo islamista è entrato anche nelle elezioni francesi e ormai fa parte stabilmente delle cronache europee. Non è più un caso accidentale e non potremo spazzarlo via tanto facilmente. L' Isis prima ha cercato in Europa «Foreign Fighters» che ON.MELONI (FDI-AN): " BIONDI AMA L'AQUILA: LA CITTA' MERITA UN SINDACO COSI'": Redazione-Una sala “Cesare Rivera” traboccante di cittadini ed entusiasmo ha accolto, questa mattina a Palazzo Fibbioni, la presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, onorevole Giorgia Meloni, intervenuta all’Aquila al fianco del candidato sindaco della coalizione di centrodestra, Pierluigi Biondi.   Un incontro a ARSOLI, RINVIATA AL 7 MAGGIO LA "FESTA DELLA PRIMAVERA E SAGRA DELLA PIZZAFRITTA" A CAUSA DI UN GRAVE LUTTO: In seguito ad un grave lutto che ha colpito l’intera comunità arsolana, la manifestazione “Festa della Primavera e Sagra della Pizzafritta”, prevista per il 25 APRILE 2017, è rinviata al 7 MAGGIO 2017. Redazione-La manifestazione sarà  una “ghiotta” occasione per conoscere il CASAPROBA VS REAL CARSOLI 2-6, UNA VITTORIA CON UNA “VALANGA DI GOALS”: Redazione-Ancora una grande prova del Real che vince meritatamente fuori casa. Primo tempo giocato in modo ordinato: il Real va in rete al 25' con Flamini con un gran tiro dal limite dell'area, raddoppia Muzi al 36' e si va PRESIDENZIALI FRANCESI, PRIME PROIEZIONI: MACRON PRIMO, LE PEN SECONDA: Redazione-Chiusi i seggi d'Oltralpe, le prime proiezioni danno i partiti tradizionali (socialisti e repubblicani) fuori dal ballottaggio. Se così finisssero le cose si sfiderebbero al ballottagio Emannuel Macron (En Marche) al 23,7% e Marine Le Pen (Front National) al 22%. PAPA FRANCESCO: " E' UN SUICIDIO CHIUDERE LE PORTE AI MIGRANTI": Redazione-“Se in Italia si accogliessero due, due migranti per municipio (comune), ci sarebbe posto per tutti.E questa generosità del sud, di Lampedusa, della Sicilia, di Lesbo, possa contagiare un po’ il nord. E’ vero: noi siamo una civiltà che non L'AQUILA, IL CENTRODESTRA ATTACCA I VERTICI DEL PD SULLA CONFERENZA CONVOCATA PER DOMANI: Redazione-Il partito democratico ed il centrosinistra ci riprovano: nel 2012 comprarono i voti degli aquilani consentendo agli inquilini delle new town di non pagare affitti e bollette (per poi chiedere un salatissimo conto con gli interessi agli aquilani), oggi, ad RINASCE A CARSOLI IL LICEO SCIENTIFICO, IL SINDACO VELIA NAZZARRO: "UN GRAZIE AL SOLE 24 ORE": Redazione-Dopo aver completato tutti gli adempimenti burocratici è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando che fissa i termini per la ricostruzione del liceo del comune abruzzese di Carsoli, dopo il terremoto dell'Aquila del 6 aprile 2009. Una opera di APPELLO DI CE'CILE KYENGE ALL'UE: "FATE COME IN ITALIA, ACCOGLIETE TUTTI GLI IMMIGRATI": Redazione-«Fate come in Italia». Largo agli immigrati, braccia spalancate ai viaggi della morte, accoglienza senza se e senza ma e poco importa se il corto circuito è inevitabile. Sembra una boutade, di fronte al dramma dei flussi migratori ormai incontenibili I GESUITI A PAPA FRANCESCO: "BASTA CON GLI APPELLI PER L'ACCOGLIENZA DEGLI IMMIGRATI": Redazione-Converrete che non c' è beffa peggiore, per un Papa gesuita, di essere sbugiardato dai gesuiti. Per di più sul tema a lui più caro, quello dell' accoglienza dei migranti. È ormai palese-scrive Liberoquotidiano- l' abissale distanza tra i messaggi

L'EURO E' TECNICAMENTE FALLITO. E LA COLPA E' DELLA GERMANIA

In evidenza L'EURO E' TECNICAMENTE FALLITO. E LA COLPA E' DELLA GERMANIA Euros

Redazione-L’Uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, come prevedibile, lascia parecchi strascichi non solo fra i sudditi di Sua Maestà, ma anche nell’Eurozona. La quale si è risvegliata con una stella in meno nella propria bandiera ed una serie di problemi irrisolti che, se possibile, fanno ancora più rumore di prima.

Uno dei timori maggiormente condivisi è che ora, senza il ‘peso’ britannico, la Germania sarà ancora più dominante nelle politiche economiche dell’area Euro. Ma il punto cruciale resta la sostenibilità dell’Euro, che il premio Nobel per l’economia Josip Stiglitz aveva già definito “tecnicamente fallito” proprio a causa delle politiche tedesche. Ora, ad affiancare un parere così autorevole, c’è anche l’ex Governatore della Banca di Italia Antonio Fazio.

 

Fazio è tornato a fare le sue analisi sull’economia nazionale e internazionale in un incontro promosso dalla Fondazione Formiche e da Spin, puntando il dito contro Olanda e soprattutto Germania, e i loro mostruosi surplus commerciali, nell’analisi del mal funzionamento della moneta unica.

“La sola Germania mette da parte così più di 300 miliardi di euro l’anno – ha detto -, e lascia tutti gli altri paesi in deflazione, che produce bassa crescita e disoccupazione. Se non si rimettono in circolo quei 300 miliardi non c’è speranza che l’Europa e la sua moneta restino in piedi”. Come aveva previsto Stiglitz già due anni orsono.

Del resto anche il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi aveva replicato agli attacchi di Berlino contro la sua politica dei tassi bassi sottolineando che il persistente surplus della Germania nel saldo con l’estero nè è una delle cause principali, suscitando reazioni rabbiose. Ma è ormai oggettivo che I tassi bassi e il surplus tedesco sono i due gemelli micidiali dell’economia dell’Eurozona. Il surplus è la causa dei tassi bassi, come dice giustamente Draghi. Ma è vero anche che i tassi bassi nell’ultimo anno hanno fatto crescere il surplus, grazie alla svalutazione dell’euro: infatti, una valuta deprezzata rende i beni e servizi tedeschi più competitivi al di fuori della zona euro.

Insistendo sull’austerità durante la crisi dell’Eurozona – scrive in proposito il Financial Times -, e non aumentando la spesa per investimenti in patria, Berlino ha contribuito in modo decisivo a deprimere la domanda aggregata, sia entro i confini nazionali sia nell’Eurozona in generale. La lunga depressione dell’Eurozona ha provocato il calo dell’inflazione al di sotto del tasso obbiettivo (che è appena sotto il 2 per cento). La risposta della Bce è stata tagliare i tassi a breve termine a livelli negativi e comprare attività finanziarie. Se la politica di bilancio della Germania fosse stata neutrale, in questo periodo, il compito della Bce sarebbe stato più semplice: avrebbe centrato il suo obbiettivo di inflazione e non avrebbe dovuto ridurre così tanto i tassi.

In teoria – come fa notare Wolfgang Münchau sul Financial Times -, una soluzione semplice ci sarebbe: Berlino potrebbe tagliare le tasse e aumentare la spesa per investimenti. I margini per farlo ce li ha, e in abbondanza: dopo anni di austerità, il moltiplicatore fiscale – l’impatto di ciascun euro di spesa in disavanzo – è considerevole.

 

Sfortunatamente, la regola tedesca che obbliga al pareggio di bilancio rende impossibile seguire questa strada. Cosa ancora più importante, l’elettorato e i suoi rappresentanti politici non vogliono seguirla. Vogliono rifondere i loro debiti: è una scelta sbagliata, ma è una scelta democratica. La conseguenza, però, è che finché la Germania rimarrà nell’euro gli squilibri non potranno correggersi da soli.(Fonte:quifinanza.it)

 

Eurocrash

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.