BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
LA CHIESA DI POLONIA IN RIVOLTA CONTRO PAPA FRANCESCO: DOPO IL ROSARIO ANTI-ISLAM, E' GUERRA ALLE DOTTRINE BUONISTE: Redazione-La Chiesa polacca è in rivolta contro Bergoglio, dopo il rosario contro l’islamizzazione che ha coinvolto milioni di fedeli, snobbati dal Vaticano, è guerra contro le dottrine buoniste ed eretiche del pontefice. — La dottrina di Papa Bergoglio e la sua esortazione apostolica METEO, UN PEZZO DELL'URAGANO OPHELIA DIRETTO VERSO L'ITALIA: ARRIVERA' DOMENICA: Redazione-La furia dell'uragano Ophelia non è ancora terminata e pare che abbia riservato una sorpresina anche per l'Italia. A lanciare l'allarme un gruppo di meteorologi che avvisa: "Domenica 22 quando raggiungerà l'Italia "il figlio di Ophelia", un centro depressionario staccatosi dall'uragano che TAEKWON-DO SARDEGNA PROTAGONISTA AL MONDIALE DI DUBLINO: FARIGU, ORIOLANI E SPANO CAMPIONI DEL MONDO: Redazione-ITF Dal 10 al 15 Ottobre, si è svolto a Dublino,in Irlanda, il Campionato del Mondo di Taekwon-do ITF, con oltre 1100 atleti provenienti da 60 Paesi. La delegazione italiana, composta da 35 atleti, contava con 7 atleti sardi: la CEI, MONS. DI TORA:" LA LEGGE SULLO IUS SOLI RISOLVE IL PROBLEMA DELLA NATALITA'": Redazione-Ancora catto-comunisti che fanno propaganda per la sostituzione etnica degli italiani. Il Presidente della commissione Cei sulle migrazioni Di Tora senza vergogna: “La legge sullo Ius Soli risolvere il problema della denatalità”. Sono da arresto.A destra molti la chiamano “sostituzione etnica”: AVEZZANO, IL TEATRO DEI MARSI OSPITA L'ORCHESTRA SINFONICA MAV DI BUDAPEST: Redazione-Tutto pronto per il secondo appuntamento con la stagione musicale al Teatro dei Marsi di Avezzano. Giovedì 19 ottobre, a partire dalle 21.00, si esibirà la prestigiosa Orchestra Sinfonica MAV di Budapest. Fondata nel 1945 dalle Ferrovie dello Stato ungherese LAZIO, ABRUZZO E MOLISE VERSO UN'UNICA REGIONE: Redazione-La proposta di un ex consigliere regionale del Lazio, eletto in quota Pdl con il listino Polverini, Pier Ernesto Irmici prova a mettere insieme Molise, Abruzzo e Lazio. È una proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale la CULTURA E MUSICA SI UNISCONO: NASCE L'ACCADEMIA MUSICALE DEL FESTIVAL DELLA PIANA DEL CAVALIERE: Redazione-L’Associazione Aisico, dopo il grande successo di pubblico riscosso in luglio dalla prima edizione del Festival della Piana del Cavaliere, ha deciso di contribuire in maniera più incisiva allo sviluppo di un territorio ricco di suggestioni culturali e turistiche come PROVINCIA DELL'AQUILA: LE IMPRESE DECRESCONO IL TRIPLO RISPETTO AL RESTO D'ITALIA: Redazione-La Provincia dell'Aquila perde 636 imprese e decresce del 2,46%, valore triplo della flessione italiana che è stata dello 0,77%, nel triennio dal gennaio 2014 al dicembre 2016, scendendo da 25.837 a 25.201. Lo rende noto in un report il POLO POSITIVO, IMMAGINI PER LA CALABRIA: MOSTRA OPERE FINALISTE: Redazione-La mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo, concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40, allestita a Cosenza - Galleria Nazionale di Cosenza - Palazzo Arnone, rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017.La PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE: Redazione-Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d’Europa.L’Italia mostra alcuni segnali di ripresa, ma non ha ancora recuperato

BOOM ECONOMICO DELL’UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

In evidenza Viktor Orban Viktor Orban

Redazione-L’economia ungherese e’ destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media dell’eurozona, della quale per sua fortuna – e scelta – non fa parte.

 

E’ quanto riferisce la societa’ di ricerca economica Penzugykutato in un rapporto sulle previsioni di crescita. Anche un afflusso dei finanziamenti europei potrebbe stimolare la crescita di quest’anno, riferisce il rapporto, che potrebbe essere ulteriormente alimentata da un allentamento della politica fiscale prima delle elezioni generali del prossimo anno. Politica fiscale che è già su livelli che sono mediamente del 50% più bassi dei paesi che usano l’euro. Il governo Orban, inoltre, ha abbassato l’Iva su molti prodotti alimentari, ridotto di più del 30% i costi delle bollette di luce-gas-acqua, aumentato del 20% le pensioni e del 25% gli stipendi dei lavoratori riducendo la tassazione sulle buste paga.

La crescita economica dell’Ungheria potrebbe ricevere un grande impulso nel 2017 da una crescita degli investimenti, per cui si prevede un aumento del 16 per cento. Persistono tuttavia dei problemi strutturali che frenano ancora un po’ la crescita, riferisce il rapporto, altrimenti il livello per il 2017 supererebbe anche il 4% previsto, arrivando ad insidiare i target della Cina.

L’inflazione media potrebbe attestarsi a circa il 2,7 per cento quest’anno, se la Banca centrale consolidera’ il tasso di riferimento allo 0,9 per cento, banca centrale che non risponde più alla Bce, ma decide autonomamente dopo che il governo Orban tre anni fa letteralmente cacciò dall’Ungheria l’Fmi e l’allora governatore della Banca centrale d’Ungheria, che era agli ordini della Bce, sotituendolo con un altro in sintonia con le politiche del governo. E il risultato è stato spettacolare.

Il rapporto di Penzugykutato inoltre sostiene che il debito pubblico potrebbe calare al 72,4 per cento del Pil entro la fine dell’anno, facendo dell’Ungheria uno die paesi più virtuosi d’Europa anche dal punto di vista dei conti pubblici.

Per i salari medi si prevede per il 2017 una crescita del 10 per cento, mentre quelli reali dovrebbero salire del 7,1 per cento. Il tasso di occupazione dovrebbe toccare le 4.450.000 unita’ nel 2017, mentre 200 mila dovrebbero essere le persone in cerca di lavoro: un dato che si traduce in un tasso di disoccupazione del 4,3 per cento, il più basso d’Europa.

Le esportazioni in euro, secondo quanto riferisce il rapporto della societa’ ungherese, si prevede che aumenteranno del 4 per cento mentre le importazioni sono destinate a crescere del 6 per cento, il che significa che il surplus del commercio estero potrebbe ridursi rispetto allo scorso anno, quando le esportazioni sono cresciute del 2,9 per cento mentre le importazioni sono aumentate del 1,5 per cento, ma il dato è del tutto marginale, in un quadro roseo come questo.

Ovviamente, nella Ue tutti questi dati positivi dell’Ungheria passano sotto silenzio, perchè al governo legittimamente eletto c’è Viktor Orban, un leader che da quando è al potere non ha fatto altro che lavorare per gli interessi del suo popolo, prima di ogni altra cosa.(Fonte:stopeuro.org)

Crescita

Ultima modifica ilSabato, 25 Marzo 2017 10:54

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.