BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
FDI-AN: RENZI SNOBBA L'AQUILA: Redazione-"Il mai rimpianto ex premier Matteo Renzi snobba L’Aquila, la sua Amministrazione e i suoi cittadini". Lo dichiara il portavoce di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale Michele Malafoglia."Nel corso della sua giornata abruzzese il segretario del Pd non è riuscito a trovare un LA CHIESA ORTODOSSA RUSSA CELEBRA BENEDETTO XVI COME DIFENSORE DEI VALORI CRISTIANI: Redazione-Schiaffo a Bergoglio dalla Russia: la Chiesa ortodossa celebra Papa Ratzinger: “Al nome di Papa Benedetto XVI è legata la battaglia per la difesa dei valori cristiani tradizionali”. Il metropolita di Volokolamsk, Hilarion, si è recato personalmente al monastero Mater Ecclesiae, in L'IMAM DI SINGAPORE: "COME PICCHIARE VOSTRA MOGLIE IN CASO DI NECESSITA'": Redazione-Un articolo, su uno dei principali quotidiani di Singapore, il Berita Harian, in cui l'imam Ustaz Mohammad Zaid Isahak ha spiegato come "gestire una moglie ostinata". Dei consigli in pieno stile coranico, tra i quali figura anche: usare la forza INTERVISTA A MARIO CIMEI D.G. DEL VOLLEY CARSOLI IN VISTA DELLA NUOVA STAGIONE CHE STA PER INIZIARE: Redazione-In vista della prima di campionato abbiamo sentito Mario Cimei D.G. del Volley Carsoli e Consigliere Territoriale della Fipav (federazione italiana pallavolo) per il CT Abruzzo Nord Ovest che comprende le province di L’aquila e Teramo Mario è tutto pronto per LA CHIESA DI POLONIA IN RIVOLTA CONTRO PAPA FRANCESCO: DOPO IL ROSARIO ANTI-ISLAM, E' GUERRA ALLE DOTTRINE BUONISTE: Redazione-La Chiesa polacca è in rivolta contro Bergoglio, dopo il rosario contro l’islamizzazione che ha coinvolto milioni di fedeli, snobbati dal Vaticano, è guerra contro le dottrine buoniste ed eretiche del pontefice. — La dottrina di Papa Bergoglio e la sua esortazione apostolica METEO, UN PEZZO DELL'URAGANO OPHELIA DIRETTO VERSO L'ITALIA: ARRIVERA' DOMENICA: Redazione-La furia dell'uragano Ophelia non è ancora terminata e pare che abbia riservato una sorpresina anche per l'Italia. A lanciare l'allarme un gruppo di meteorologi che avvisa: "Domenica 22 quando raggiungerà l'Italia "il figlio di Ophelia", un centro depressionario staccatosi dall'uragano che TAEKWON-DO SARDEGNA PROTAGONISTA AL MONDIALE DI DUBLINO: FARIGU, ORIOLANI E SPANO CAMPIONI DEL MONDO: Redazione-ITF Dal 10 al 15 Ottobre, si è svolto a Dublino,in Irlanda, il Campionato del Mondo di Taekwon-do ITF, con oltre 1100 atleti provenienti da 60 Paesi. La delegazione italiana, composta da 35 atleti, contava con 7 atleti sardi: la CEI, MONS. DI TORA:" LA LEGGE SULLO IUS SOLI RISOLVE IL PROBLEMA DELLA NATALITA'": Redazione-Ancora catto-comunisti che fanno propaganda per la sostituzione etnica degli italiani. Il Presidente della commissione Cei sulle migrazioni Di Tora senza vergogna: “La legge sullo Ius Soli risolvere il problema della denatalità”. Sono da arresto.A destra molti la chiamano “sostituzione etnica”: AVEZZANO, IL TEATRO DEI MARSI OSPITA L'ORCHESTRA SINFONICA MAV DI BUDAPEST: Redazione-Tutto pronto per il secondo appuntamento con la stagione musicale al Teatro dei Marsi di Avezzano. Giovedì 19 ottobre, a partire dalle 21.00, si esibirà la prestigiosa Orchestra Sinfonica MAV di Budapest. Fondata nel 1945 dalle Ferrovie dello Stato ungherese LAZIO, ABRUZZO E MOLISE VERSO UN'UNICA REGIONE: Redazione-La proposta di un ex consigliere regionale del Lazio, eletto in quota Pdl con il listino Polverini, Pier Ernesto Irmici prova a mettere insieme Molise, Abruzzo e Lazio. È una proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale la

CORTE DI CASSAZIONE: " GLI IMMIGRATI HANNO L'OBBLIGO DI RISPETTARE I VALORI DELLA NOSTRA SOCIETA'"

In evidenza Migranti Migranti

Redazione-Gli immigrati che hanno scelto di vivere nel mondo occidentale hanno “l’obbligo” di conformarsi ai valori della società nella quale hanno deciso “di stabilirsi” ben sapendo che “sono diversi” dai loro e “non è tollerabile che l’attaccamento ai propri valori, seppure leciti secondo le leggi vigenti nel paese di provenienza, porti alla violazione cosciente di quelli della società ospitante”. Lo sottolinea la Cassazione condannando un indiano sikh che voleva circolare con un coltello ‘sacro’ secondo i precetti della sua religione.

In una società multietnica, – prosegue il verdetto della Suprema Corte – la convivenza tra soggetti di etnia diversa richiede necessariamente l’identificazione di un nucleo comune in cui immigrati e società di accoglienza si debbono riconoscere. Se l’integrazione non impone l’abbandono della cultura di origine, in consonanza con la previsione dell’art. 2 della Costituzione che valorizza il pluralismo sociale, il limite invalicabile è costituito dal rispetto dei diritti umani e della civiltà giuridica della società ospitante”. Con questa sentenza, i supremi giudici hanno respinto il ricorso di un indiano sikh condannato a duemila euro di ammenda dal Tribunale di Mantova, nel 2015, perchè il sei marzo del 2013 era stato sorpreso a Goito (Mn), dove c’è una grande comunità sikh, mentre usciva di casa armato di un coltello lungo quasi venti centimetri. L’indiano aveva sostenuto che il coltello (kirpan), come il turbante “era un simbolo della religione e il porto costituiva adempimento del dovere religioso”. Per questo aveva chiesto alla Cassazione di non essere multato, e la sua richiesta era stata condivisa dalla Procura della Suprema Corte che, evidentemente ritenendo tale comportamento giustificato dalla diversità culturale, aveva chiesto l’annullamento senza rinvio della sentenza di condanna.

Ad avviso della Prima sezione penale della Suprema Corte, invece, “è essenziale l’obbligo per l’immigrato di conformare i propri valori a quelli del mondo occidentale, in cui ha liberamente scelto di inserirsi, e di verificare preventivamente la compatibilità dei propri comportamenti con i principi che la regolano e quindi della liceità di essi in relazione all’ordinamento giuridico che la disciplina”.

Il verdetto aggiunge che “la decisione di stabilirsi in una società in cui è noto, e si ha la consapevolezza, che i valori di riferimento sono diversi da quella di provenienza, ne impone il rispetto e non è tollerabile che l’attaccamento ai propri valori, seppure leciti secondo le leggi vigenti nel paese di provenienza, porti alla violazione cosciente di quelli della società ospitante”.(Fonte:ilpopulista.it)

Integrazione

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.