BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PIANA DEL CAVALIERE, IL FESTIVAL PREPARA IL BIS: DUE SETTIMANE DI SPETTACOLI: Si comincia il 2 giugno, con i concerti dei giovani dell’Accademia del Festival Aperte le iscrizioni alle masterclass gratuite di perfezionamento musicale Redazione-Tra i borghi di Pereto, Rocca di Botte e Oricola, dal 9 al 22 luglio è in programma la seconda IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE JUNCKER MINACCIA SALVINI:- STAREMO ATTENTI A SALVAGUARDARE I DIRITTI DEGLI AFRICANI IN ITALIA-: Redazione- Juncker stavolta ha alzato troppo il tiro. Il presidente della Commissione Ue minaccia, anche se indirettamente, il futuro ministro degli Interni Matteo Salvini: “Staremo attenti a salvaguardare i diritti degli africani in Italia”. Ma a salvaguardare i diritti degli MATTARELLA CONVOCA AL QUIRINALE GIUSEPPE CONTE PER L'INCARICO DA PREMIER: AL VIA IL NUOVO GOVERNO GIALLO-VERDE?: Redazione-Giuseppe Conte salirà al Colle alle 17.30. La comunicazione ufficiale del Quirinale arriva dopo la conferma sul suo nome di Lega e M5S per il conferimento dell'incarico da premier. Finisce così, salvo ulteriori colpi di scena, l'attesa per la formazione L'ECONOMISTA PROF.RE NINO GALLONI: -LO STATO ITALIANO DEVE TORNARE A STAMPARE MONETA-: Redazione-Nino Galloni, economista ed ex direttore generale al ministero del Bilancio, sindaco effettivo dell’Inpdap dal 2002 al 2010 e attualmente membro effettivo del Collegio dei sindaci dell’Inps in una recente intervista è stato chiaro: con una moneta sovrana l’Italia potrebbe creare dai IL MINISTRO DEGLI ESTERI DEL LUSSEMBURGO JEAN ASSELBORN MINACCIA L'ITALIA: -MATTARELLA NON PERMETTA CHE UN GOVERNO POPULISTA DISTRUGGA TUTTO-: Redazione-Dopo Francia e Germania, anche in Lussemburgo minacce l’Italia: “Mattarella non permetta che il governo populista distrugga tutto il lavoro fatto negli ultimi anni”. Si, massacrare agricoltori, lavoratori, aziende, famiglie, giovani e pensionati.“Spero che il presidente” della Repubblica Sergio Mattarella “non permetta” al LA CORALE ARMONIA SINFONICA PRESENTA LA IV RASSEGNA -VIVERE LA MUSICA AD ORICOLA, SABATO 26 MAGGIO A PARTIRE DALLE ORE: Redazione-La Corale Armonia Sinfonica presentarà, Sabato 26 Maggio a partire dalle ore 18:30 presso la Chiesa SS. Salvatore di Oricola, la Quarta Rassegna del"Vivere la Musica"(In onore di Santa Restituta).Parteciperà all'evento anche la Corale G.B. Martini di Colleferro diretta dal CARSOLI, TRAIETTORIE MUSICALI: UN VIAGGIO SPAZIO-TEMPORALE TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE, DAL BAROCCO AL TANGO, CURIOSITA' E SORPRESE NELLA MUSICA CLASSICA: Redazione-Oggi 21/05/2018 presso l'Istituto Onnicomprensivo Statale di Carsoli si sono tenute le lezioni concerto del Gruppo Goya (Francesca Timperi al flauto e Claudio Capuano alla chitarra).Tale evento è stato organizzato dall'Associazione Culturale il Cuscino di Stelle grazie all'aiuto delle maestranze FRANCAVILLA, FAUSTO FILIPPONE NON AVEVA PROBLEMI PSICHICI. DOLORE E SGOMENTO ALLA SCUOLA DELLA FIGLIA: Redazione-Fausto Filippone, l'uomo che ha lanciato la figlia dal viadotto dell'A14 e poi dopo 7 ore si è suicidato, non aveva problemi psichici. E' quanto è emerso finora dagli accertamenti, e sottolineato in conferenza stampa dal questore di Chieti Raffaele GIUSEPPE CONTE, IL PROBABILE NUOVO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO INDICATO DALLA LEGA E DAL M5S: Redazione-Gurista e professore ordinario di diritto privato all'Università di Firenze, Giuseppe Conte potrebbe essere, al più presto, convocato al Quirinale da Mattarella e ricevere l'incarico da premier. Pare infatti che sia proprio il suo il nome che Matteo Salvini e Luigi LAURENT MUSCHEL DELLA COMMISSIONE EUROPEA ALL'ITALIA: -DOVETE CONTINUARE AD ACCOGLIERE I MIGRANTI-: Redazione-Non c’è ancora il governo, ma la Commissione Europea già minaccia l’Italia, Laurent Muschel: “Dovete continuare ad accogliere i migranti”.Il Direttore alla Migrazione e protezione della Commissione Europea, Laurent Muschel, ha bacchettato l’Italia per quanto concerne i pochi rimpatriche il nostro Paese sta effettuando:

ANTONIO SOCCI: MACRON E IL FUNERALE DELLA DEMOCRAZIA

In evidenza Emmanuel Macron Emmanuel Macron

Redazione-Giuliano Amato - oggi giudice costituzionale - è una personalità importante e intelligente dell' establishment e, intervistato ieri dal Corriere della Sera, fa capire benissimo qual è la strada da percorrere (esattamente opposta a quella da lui indicata).
Parlando delle elezioni francesi - per esempio - inneggia a Macron grazie al quale il voto di protesta - secondo Amato - avrebbe abbandonato i «populisti» e sarebbe rientrato nei binari giusti (cioè si sarebbe fatto di nuovo abbindolare dall' establishment, votando Macron, il candidato del Palazzo e della Merkel).

Sfugge ad Amato un piccolo dettaglio: in Francia il 51,29% degli elettori ha deciso di non andare nemmeno a votare. Significa che solo il 48,71% degli elettori francesi si è recato ai seggi. Se questa non è protesta, se questo non è un gravissimo segno di malessere della democrazia francese, davvero non si capisce più nulla.

Non solo. In quel 48% dei francesi che hanno votato, Macron - il beniamino delle élite - si è preso circa il 32%, che corrisponde al 15,39% del totale degli elettori. I suoi voti effettivi dunque rappresentano una piccolissima parte della Francia.
Ma, con il 15% degli elettori francesi, Macron si aggiudica dai 400 ai 455 seggi su un totale di 557, quindi molto più della maggioranza assoluta: porta a casa circa il 70% dei parlamentari.

Ripetiamo: agguanta il 70% dei parlamentari per aver avuto il voto del 15,39% sul totale degli elettori francesi.
Tutto bene? Tutto normale? Non ravvisate alcun problema? Amato non vede problemi, a tal punto che, nell' intervista citata, arriva a caldeggiare anche per l' Italia il sistema maggioritario francese, cioè proprio il sistema che dà questi «meravigliosi» risultati.

Quattro gatti - Del resto uno che - come Amato - descrive queste elezioni francesi come «il radunarsi di una larga maggioranza attorno a un giovane che promette governo», non si sa che film abbia visto. Quale «larga maggioranza»? Il 15% del Paese sarebbe una «larga maggioranza»?

In ogni caso questo risultato permette ad Amato di essere «ottimista» sulla tenuta dell' Unione europea. Certo, l' Europa dell' establishment può festeggiare Macron (che è un suo uomo), ma i popoli si allontanano sempre di più. Amato è il tipico rappresentante di un establishment che definisce sprezzantemente «populismo» le decisioni dei popoli contrarie all' establishment e fa di tutto per neutralizzarle.

Infatti, in questa intervista, dove egli suggerisce di raccogliersi «attorno alla Germania» per rendere ancora più stretta, (cioè più soffocante) l' Unione europea (cioè la Grande Germania di cui siamo sudditi), Amato arriva a dire che «il Regno Unito potrà e forse dovrà riproporre ai suoi elettori la scelta tra restare e uscire».

Capito l' antifona? La Brexit li ha battuti e loro vogliono annullarla. Se la squadra dell' establishment è uscita sconfitta sul campo, si cancella la partita e la si rigioca finché non la vincono loro (provvedendo prima a terrorizzare gli elettori sulle conseguenze apocalittiche della Brexit, come stanno già facendo, anche grazie agli errori macroscopici di Theresa May).
Al di là del fatto che oggi Amato è un giudice costituzionale, non più un politico, quindi dovrebbe astenersi dai comizi, resta il fatto che il sistema francese è quanto di peggio ci possa essere, perché estromette dal Parlamento partiti che prendono un sacco di voti e regala percentuali bulgare di parlamentari a chi rappresenta il 15% del Paese.

Sistema assurdo - È il modo migliore per aumentare lo scollamento tra popolo e istituzioni. È il funerale della democrazia. Non a caso François Mitterrand definì «un colpo di stato permanente» la quinta repubblica francese (anche se poi conquistò lui l' Eliseo e allora se la fece piacere volentieri). Resta il fatto che quello francese è un sistema assurdo. Non solo perché butta a mare la rappresentatività, cioè la democrazia (e scusate se è poco), ma anche perché non garantisce nemmeno la «stabilità» o «governabilità», per usare le categorie furbesche oggi in voga nel Palazzo. Lo si è visto con Hollande.

Quando sei al potere in un Paese di cui tu rappresenti solo una piccolissima parte, non riesci a tenere insieme la nazione e a governare davvero, perché non hai il consenso della società, sei di fatto delegittimato costantemente. Salta tutto per aria. Sarebbe dunque il caso che i nostri apprendisti stregoni che in Italia si cimentano con le leggi elettorali ci riflettessero evitando di dare ascolto ad Amato. E alle altre sirene che vorrebbero suggerire altri sistemi elettorali europei. D' altra parte la tipica esterofilia nostrana, in questi giorni, subisce un altro colpo perché il tanto mitizzato sistema inglese - che a detta di molti sarebbe il non plus ultra - ha partorito anch' esso un Parlamento dove è difficile costruire una maggioranza di governo.
Segno evidente che non sono le leggi elettorali a garantire un governo solido e non bisogna fare leggi elettorali sbandierando il vessillo (balordo) della governabilità, perché è un trucco che serve solo a togliere peso, rappresentatività e potere agli elettori.
La governabilità è casomai un effetto secondario, peraltro non garantito nemmeno da sistemi elettorali come il Porcellum.
Lo scopo primario di una legge elettorale deve essere la rappresentatività, perché la nostra Costituzione, all' articolo 1, proclama che «la sovranità appartiene al popolo» (da cui si desume pure che i parlamentari non possono essere «nominati» dai partiti, ma devono essere decisi degli elettori) e all' articolo 48 afferma che «il voto è personale ed eguale, libero e segreto».

A me pare che l' unico modo per garantire l'«eguaglianza» del voto degli italiani sia il sistema proporzionale che dà a ciascun partito, in Parlamento, il peso effettivo che ha nel Paese. Si può introdurre un piccolo premio di maggioranza per eventuali coalizioni, ma non tale da alterare e manipolare la rappresentatività del Parlamento (la sonora bocciatura dell' Italicum del 4 dicembre scorso ha questo preciso significato).

Veniamo da anni di tale delegittimazione della sovranità popolare - espropriata in ogni modo - che si è costretti a ricordare e difendere questi principi basilari della nostra Costituzione, che poi sono i principi della democrazia. Sappiamo che le élite non amano il proporzionale, perché detestano la sovranità popolare e hanno orrore del rapporto diretto fra eletti ed elettori che costringe i politici a rappresentare davvero la gente che li elegge.

I forconi - Invece nei sistemi come quello francese possono continuare a comandare lorsignori dell' establishment, dietro un paravento di apparente democraticità. Ma attenzione, perché prima o poi la pentola in ebollizione scoppia e - come la storia insegna - quando comincia a scarseggiare il pane non serve consigliare di mangiare brioche, perché a quel punto arrivano i forconi. E non è il caso di arrivarci. Macron ha il Palazzo dalla sua, ma la grande maggioranza del suo Paese sta all' opposizione. Meglio tenersi alla larga da questa pericolosa involuzione della democrazia. Parigi val bene una messa al bando dell' establishment

(e dei sistemi elettorali che esso caldeggia).

Fonte:Antonio Socci-liberoquotidiano.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.