BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
MATTEO SALVINI E LA FLAT TAX: -ALIQUOTA AL 15% PER UN MILIONE DI ITALIANI-: Redazione-"Stiamo lavorando per far pagare almeno a un 1 milione di italiani il 15% del loro fatturato". Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini ospite di Atreju, la festa politica di Fratelli d'Italia in corso a Roma. "Siamo al governo per CARSOLI, UN TOMBINO PERICOLOSO: Redazione-Un nostro lettore ci sottopone una segnalazione a proposito di un potenziale pericolo per la sicurezza dei cittadini. Nello specifico, si tratta di un tombino di ghisa, collocato in via delle Recocce nei pressi dello stabilimento Oti e della Scuola ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA, MARCELLO MARIANI: FORME DAL TERREMOTO: Accademia di Belle Arti di Roma, Sala Colleoni, dal 19 al 29 settembre 2018     Redazione-Marcello Mariani (L’Aquila 1938-2017), artista astratto di caratura internazionale, è diventato il simbolo dell’anima ferita ma indomita dell’Aquila dopo il devastante terremoto del 2009, dell’arte che non PRESENTATO A COSENZA L'ULTIMO ROMANZO -RITROVARSI-CARLA- DI MARLISA ALBAMONTE: Redazione-E’ stato presentato a Cosenza, nella suggestiva cornice dell’Area Archeologica della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Ritrovarsi - Carla (The Writer), un appassionante romanzo di Marlisa Albamonte.Sono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Rita Fiordalisi, direttore Biblioteca Nazionale di Cosenza; Maria Francesca CARSOLI, 38ENNE ARRESTATO CON L’ACCUSA DI DETENZIONE E SPACCIO DI STUPEFACENTI: COLTIVAVA MARIJUANA SUL PROPRIO TERRAZZO: Redazione-I Carabinieri di Carsoli, nell’ambito della consueta attività di controllo e prevenzione sul territorio, hanno tratto in arresto un giovane 38enne del luogo con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L’uomo, sottoposto ora ai domiciliari con un provvedimento dell’autorità PAPA FRANCESCO SI SCAGLIA CONTRO LE NUOVE FORME DI XENOFOBIA E RAZZISMO: IL NAZIONALISMO POPULISTA E' NEGATIVO: Redazione-Mentre in Medio Oriente e in Asia gli islamici continuano col genocidio dei cristiani, la priorità dei vescovi della Chiesa, è la lotta alla xenofobia, al razzismo e al nazionalismo populista”. “Tutti i cristiani e tutti coloro che sostengono i LUCA BONAFFINI: -LA NOTTE IN CUI SPUNTO' LA LUNA DAL MONTE-: Le canzoni e la storia di Pierangelo Bertoli   Redazione-Quasi trent’anni fa, nel febbraio del 1991, Pierangelo Bertoli (a sorpresa e contro ogni previsione) strappò l’applauso più lungo della storia del Festival di Sanremo. Tanti già lo conoscevano per i suoi successi ARSOLI, PRESENTAZIONE UFFICIALE DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE -NO LABEL-: DOMENICA 23 SETTEMBRE IN VIA APRUTINA 43 CON INIZIO ALLE ORE 15:30   MUSEO STATALE DI MILETO: OMAGGIO ALLA CANZONE NAPOLETANA: Redazione-Sabato 22 settembre 2018, alle ore 19.00, il Museo Statale di Mileto, guidato da Faustino Nigrelli, celebra le Giornata Europee del Patrimonio, con un’iniziativa di grande suggestione Omaggio alla canzone napoletana, atteso concerto a cura del Cantiere Musicale Internazionale.Una scelta CNA AVEZZANO: PREMIO CAMBIAMENTI: Redazione-Il Premio CAMBIAMENTI è il grande concorso nazionale, istituto dalla CNA, che rientra ormai tra gli eventi di spicco nell’universo delle startup e che ha registrato, nelle prime due edizioni, oltre 1300 imprese candidate. Il Premio è rivolto a imprese

ANTONIO SOCCI: -L'ITALIA S'E' DESTA-

In evidenza Antonio Socci Antonio Socci

Redazione-Che l’Italia si trovi ad essere fuori dai Mondiali di calcio - che ci hanno sempre visto protagonisti e molte volte vincitori - provoca un senso di frustrazione e umiliazione. Anche perché il calcio è stato l’unico modo in cui gli italiani per anni hanno potuto esprimere il loro patriottismo e il loro orgoglio nazionale. I Mondiali ci hanno permesso di sventolare il tricolore nelle strade (riconoscendosi tutti in esso) cosa che - in tutti gli altri giorni dell’anno - esponeva al sospetto, se non all’accusa, di fascismo. La stessa parola Patria è bandita da tempo. 

Per una strana coincidenza - che ancora una volta intreccia il Calcio con la nostra storia politica - questa esclusione dai Mondiali sembra arrivare come suggello finale di un periodo in cui l’Italia non solo ha perso colossali quote di sovranità (politica ed economica), ma si è anche fatta umiliare in tutti i modi possibili. Grazie a una classe dirigente subalterna agli stranieri e inadeguata siamo stati trattati da scendiletto e gli altri Paesi e le nomenklature europee si sono sentite in diritto per anni di darci ordini, tirarci pedate, affibbiarci ammonimenti, rimbrotti e perfino insulti. E il nostro interesse nazionale è andato a ramengo. Ma - per una strana coincidenza - l’Italia s’è desta, si sta destando, proprio negli stessi giorni in cui inizia il Mondiale che ci vede esclusi. Infatti si è insediato a Roma un governo che per la prima volta da molti anni non si fa mettere i piedi in testa e lo fa capire al mondo con molta decisione. Un governo a «trazione Salvini». 

LA SVOLTA DEL CASO SAVONA
Questa rinascita di orgoglio nazionale si era già intravista sul “caso Savona”, per le pesanti interferenze straniere che hanno suscitato una vivace reazione (caso poi finito con un pareggio). Ma - una volta insediato l’esecutivo - con la vicenda della nave Aquarius si è subito capito che la musica è del tutto cambiata sull’emigrazione e sui rapporti con gli altri Paesi europei. È un evento che ha fatto enorme clamore, che ha suscitato lo sconcerto di Paesi come la Francia, abituata a trattarci come il suo scendiletto, e che ha subito costretto la Germania - più accorta dei cugini d’oltralpe - a riconoscere le ragioni del nostro Paese.

Oltre a questo ci siamo guadagnati la forte simpatia del presidente americano Trump, di altri Paesi europei come l’Austria o gli ex Paesi dell’est e della Russia di Putin. In pochi giorni l’Italietta, quella rappresentata da Gentiloni che in visita a Berlino veniva lasciato fuori dalla porta dalla Merkel e invitato a tornare un’altra volta, è completamente mutata nella sua immagine pubblica e nella considerazione degli altri governi. Così, curiosamente, proprio quando non possiamo esprimere il nostro spirito patriottico nel calcio, ci troviamo a riviverlo finalmente sulle cose che contano: nella difesa del nostro interesse nazionale. Certo, c’è sempre una parte del Paese, fatto di salotti liberal, che sembra tifare contro l’Italia. L’esempio peggiore lo ha dato Giuliano Ferrara che, dopo le insolenze francesi contro l’Italia e la richiesta di scuse del governo italiano, ha scritto: «Presidente Macron, resista a questa banda di sciamannati: niente scuse a chi ricatta». Un tweet che non merita alcun commento. Perché perfino da sinistra si sono levate proteste contro la Francia di Macron che alza muri contro gli immigrati e poi pretende di dar lezioni all’Italia.

Tuttavia non si deve pensare che la mentalità anti-italiana (che si autodefinisce «europea») sia limitata al solo Ferrara. C’è ben di più. C’è un intero establishment. Quando un presidente emerito della Repubblica come Giorgio Napolitano (che era nella stessa corrente del Pci con Ferrara) arriva a dichiarare che «ormai c’è una sola sovranità a cui rispondere ed è la sovranità europea» e che «non c’è più spazio per le sovranità nazionali chiuse in se stesse», c’è da trasecolare. Infatti non esiste nessuno stato europeo e non esiste nessuna costituzione europea. Esiste lo Stato italiano e la Costituzione della Repubblica italiana la quale proclama al primo articolo che in Italia «la sovranità appartiene al popolo», sottinteso: il popolo italiano. E il presidente della Repubblica italiana presta giuramento con questa formula: «Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione». Giura fedeltà alla Repubblica italiana, non giura di essere fedele alla «sovranità europea» che non si sa cosa sia in termini giuridici (mentre in termini politici sappiamo che significa il volere di Germania e Francia).

A loro volta il Presidente del Consiglio e i ministri del governo italiano giurano ripetendo questa formula: «Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione». Non giurano soltanto fedeltà alla Repubblica italiana e alla sua Costituzione, ma addirittura giurano di agire «nell’interesse esclusivo della Nazione». Non dice nell’interesse degli altri Paesi europei o di milioni di emigranti che, dall’Africa o dall’Asia. vogliono venire in Italia, ma dice «nell’interesse esclusivo della Nazione», cioè del popolo italiano. Interesse - si badi bene - esclusivo.

L’ANALISI DI UN GENERALE
La frase di Napolitano la dice lunga sulla classe dirigente che l’Italia ha avuto negli anni passati. E l’impronta data soprattutto da Salvini al nuovo governo è un ritorno alla normalità italiana dopo anni di assurdità che hanno inflitto al Paese sofferenze enormi.

Il generale Marco Bertolini, un ufficiale che si è guadagnato la stima della Nato e di tutto il mondo, che è stato comandante del Centro operativo interforze e ha guidato tante missioni militari italiane all’estero, un paio di anni fa, andando in congedo per limiti di età, lanciò l’allarme per quello che stava accadendo all’Italia, soprattutto alle sue frontiere prese d’assalto: «Se dovessimo andare avanti in questa maniera scompariremmo. Si usa il termine sovranità come se fosse una bestemmia dimenticando che, invece, è il valore per cui hanno giurato i militari, ma anche i ministri». In queste ore, con un articolo su Analisi difesa, il generale Bertolini ha espresso la sua lieta sorpresa per la svolta storica avvenuta nel nostro Paese. 

Merita leggere tutto l’inizio del suo scritto che è davvero molto eloquente (e mi scuso per la lunghezza): «Ci abbiamo messo sei anni. Ci siamo fatti raggiungere da centinaia di migliaia di immigrati, soprattutto africani, sui quali è pressoché impossibile un controllo efficace. Abbiamo lasciato che alcune zone del nostro paese fossero ridotte a campi profughi nei quali la legge della repubblica fatica ad entrare. Ci siamo abituati a scene di degrado degne del terzo mondo nei salotti delle nostre città. Abbiamo creduto alle parole delle anime belle che ci dicevano che l'invasione è ineluttabile e addirittura auspicabile. Abbiamo alzato le mani, umiliati» aggiunge il Generale «di fronte alla protervia dei paesi europei che si sono rifiutati di spartire con noi l’onere di un flusso migratorio che loro stessi avevano innescato con le loro improvvide iniziative militari. Ci siamo rassegnati a considerare i diritti di chi raggiungeva le nostre coste analoghi se non superiori a quelli dei nostri connazionali, anche di quelli che colpiti da un terribile terremoto lasciamo da anni in condizioni di precarietà e indigenza assoluta».

L’ufficiale conclude: «Abbiamo assistito con impotenza e sgomento a fatti di cronaca incredibili, protagonisti i nostri “ospiti”, in nome di un’accoglienza che tale non è: si tratta infatti semplicemente di resa. Poi, improvvisamente, ci siamo svegliati. O meglio, si è svegliato un governo che definire incredibile è dir poco, vista l’eterogeneità dei suoi componenti, ma che a fronte di alcune nostre sfide nazionali sta

dando prove di determinazione imprevedibili. Consolatorie».

Fonte:liberoquotidiano.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.