BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PRESENTATO A COSENZA L'ULTIMO ROMANZO -RITROVARSI-CARLA- DI MARLISA ALBAMONTE: Redazione-E’ stato presentato a Cosenza, nella suggestiva cornice dell’Area Archeologica della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Ritrovarsi - Carla (The Writer), un appassionante romanzo di Marlisa Albamonte.Sono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Rita Fiordalisi, direttore Biblioteca Nazionale di Cosenza; Maria Francesca CARSOLI, 38ENNE ARRESTATO CON L’ACCUSA DI DETENZIONE E SPACCIO DI STUPEFACENTI: COLTIVAVA MARIJUANA SUL PROPRIO TERRAZZO: Redazione-I Carabinieri di Carsoli, nell’ambito della consueta attività di controllo e prevenzione sul territorio, hanno tratto in arresto un giovane 38enne del luogo con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L’uomo, sottoposto ora ai domiciliari con un provvedimento dell’autorità PAPA FRANCESCO SI SCAGLIA CONTRO LE NUOVE FORME DI XENOFOBIA E RAZZISMO: IL NAZIONALISMO POPULISTA E' NEGATIVO: Redazione-Mentre in Medio Oriente e in Asia gli islamici continuano col genocidio dei cristiani, la priorità dei vescovi della Chiesa, è la lotta alla xenofobia, al razzismo e al nazionalismo populista”. “Tutti i cristiani e tutti coloro che sostengono i LUCA BONAFFINI: -LA NOTTE IN CUI SPUNTO' LA LUNA DAL MONTE-: Le canzoni e la storia di Pierangelo Bertoli   Redazione-Quasi trent’anni fa, nel febbraio del 1991, Pierangelo Bertoli (a sorpresa e contro ogni previsione) strappò l’applauso più lungo della storia del Festival di Sanremo. Tanti già lo conoscevano per i suoi successi ARSOLI, PRESENTAZIONE UFFICIALE DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE -NO LABEL-: DOMENICA 23 SETTEMBRE IN VIA APRUTINA 43 CON INIZIO ALLE ORE 15:30   MUSEO STATALE DI MILETO: OMAGGIO ALLA CANZONE NAPOLETANA: Redazione-Sabato 22 settembre 2018, alle ore 19.00, il Museo Statale di Mileto, guidato da Faustino Nigrelli, celebra le Giornata Europee del Patrimonio, con un’iniziativa di grande suggestione Omaggio alla canzone napoletana, atteso concerto a cura del Cantiere Musicale Internazionale.Una scelta CNA AVEZZANO: PREMIO CAMBIAMENTI: Redazione-Il Premio CAMBIAMENTI è il grande concorso nazionale, istituto dalla CNA, che rientra ormai tra gli eventi di spicco nell’universo delle startup e che ha registrato, nelle prime due edizioni, oltre 1300 imprese candidate. Il Premio è rivolto a imprese FDI: BIONDI AD ATREJU 2018 CON IL CIRCOLO AQUILANO: Redazione-"Anche gli esponenti del circolo aquilano di Fratelli d’Italia saranno presenti da venerdì 21 settembre, giorno di apertura, alla ventunesima edizione di Atreju, manifestazione promossa dal partito della Presidente Giorgia Meloni che sino a domenica 23 si svolgerà sull'Isola Tiberina CARSOLI, ASSOCIAZIONE LUMEN: -I CANTI DELLA GRANDE GUERRA E CONTRIBUTI ABRUZZESI-: Redazione-L'associazione Lumen, nel suo lavoro per la diffusione della cultura, ha organizzato per il prossimo sabato 22, alle ore 17,30 presso la Chiesa del Carmine di Carsoli, un interessante incontro che ha per tema "I Canti della Grande Guerra e GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO: PROSPETTIVA GOLD COSENZA: Redazione-Sabato 22 e domenica 23 settembre 2018 la Galleria Nazionale di Cosenza celebra le Giornate Europee del Patrimonio con numerosi imperdibili appuntamenti. Queste in dettaglio le iniziative previste:   “Prospettiva Gold Cosenza” Data: sabato 22 settembre 2018, ore 16.30-18.30; domenica 23 settembre 2018, ore

ITALIA E UNGHERIA UNITE SUI MIGRANTI; UN EVENTO STORICO CHE METTE A REPENTAGLIO L'UE

In evidenza Rotta Balcanica Rotta Balcanica

Redazione-L’UE sta affrontando un vero problema ora che una nuova alleanza è emersa al suo interno. L’ incontro ad alto livello tra Ungheria e Italia del 28 agosto è stato un evento storico che ha seriamente messo a repentaglio l’unità europea man mano che quelle profonde divisioni erano emerse allo scoperto. Budapest e Roma hanno concordato di opporsi congiuntamente a Bruxelles sulla questione della migrazione.Esprimendo la loro determinazione a prendere una posizione dura, il Primo Ministro ungherese Viktor Orban e il Vice Capo dello Stato e Ministro degli Interni italiano, Matteo Salvini, hanno fatto centro, creando quello che la CNN ha definito un “cavallo di Troia” all’interno dell’Unione Europea.

I due hanno concordato di perseguire congiuntamente la loro agenda anti-immigrazione prima delle elezioni europee del prossimo maggio. Entrambi hanno criticato il presidente francese Macron per la sua posizione sul problema. Il PM Orban ha descritto il francese come”Il leader dei partiti pro-migrazione in Europa oggi.” Secondo lui, “Attualmente ci sono due campi in Europa e uno è guidato da (Emmanuel) Macron”.

Prima di quell’evento, il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha incontrato il suo omologo ceco Andrej Babis, che è anche contrario al trasferimento dei rifugiati.

Il Sunday Express ha citato Massimiliano Panarari, professore di scienze politiche all’Università Luiss di Roma, il quale ritiene che “l’Italia è diventata un laboratorio del populismo europeo e rischia di allontanarsi non solo dall’Europa, ma anche dalle democrazie occidentali e avvicinarsi, insieme a Orbán Ungheria, a Vladimir Putin, che gode delle manifestazioni di simpatia di Salvini “.

C’era qualcosa di veramente importante che il signor Orban ha detto, durante la conferenza stampa dopo l’incontro con Salvini a Milano, la città che ha dato i natali a Silvio Berlusconi, un membro italiano del Partito popolare europeo (PPE) ed ex primo ministro. Il primo ministro ungherese “ha chiesto il permesso ” per incontrare il funzionario italiano di Berlusconi, che è un amico di vecchia data del presidente della Russia Vladimir Putin. Così è il primo ministro ungherese Victor Orban.
E Salvini? Questi si oppone alle sanzioni russe ed è un membro del governo presieduto dal primo ministro Giuseppe Conte, che dovrebbe presto visitare Mosca. Mentre l’Europa sta respingendo gli attacchi degli Stati Uniti e indugia sulla guerra commerciale , mentre l’influenza della Russia è in crescita per la semplice ragione che molti leader vogliono una relazione amichevole con Mosca, sfidando il dominio di Bruxelles.

L’Italia ha chiesto cambiamenti immediati all’operazione Sophia dell’UE durante il vertice UE della difesa e dei ministri degli esteri a Vienna che si è tenuto il 30-31 agosto. Non è stato raggiunto alcun accordo sui porti in cui sarebbero sbarcate le navi piene di migranti. La missione dell’UE contro la tratta nel Mediterraneo (operazione Sophia), attualmente guidata dall’Italia, è in pericolo. Roma sta minacciando di chiudere i suoi porti alla missione se non si troverà una soluzione questa settimana. Se è così, sarà un duro colpo per l’unità dell’UE proprio prima del vertice del 20 settembre nella città austriaca di Salisburgo, convocato per discutere di migrazione – una questione scottante su cui il blocco non è riuscito a raggiungere un accordo.

La posizione anti-migrazione è supportata dal Visegrad Group (V4), che comprende Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia e Ungheria, nonché l’Austria, che difende il diritto di rimanere Stati nazionali invece di entrare a far parte di un entità federalista guidata dall’alleanza franco-tedesca. Il V4 sfida apertamente l’UE alla sua politica sui rifugiati.A luglio, l’UE ha intrapreso un’azione legale contro la Polonia per la riforma del suo sistema giudiziario. Ma Varsavia è sostenuta da Budapest. La Polonia e l’Ungheria si sono riunite in opposizione alla burocrazia dell’Unione europea su molte questioni. Con le due nazioni che si sostengono a vicenda, non è possibile imporre sanzioni UE contro di loro. Secondo l’articolo 7 della UE, due membri sono sufficienti per mettere il meccanismo in stallo.

L’alleanza emergente “anti-Merkel / Macron”, comprendente il Gruppo di Visegrad, l’Austria e l’Italia, potrebbe presto essere rafforzata da un paese che era stato considerato come membro esemplare dell’UE .

Nel frattempo le elezioni parlamentari in Svezia si terranno il 9 settembre. I democratici euroscettici svedesi di estrema destra dovrebbero vincere in grande – del 18,7% – un aumento di quasi il 50% rispetto alle elezioni del 2014. I bookmaker pronosticano una vittoria ancora più grande. Se è così, quella festa terrà l’equilibrio del potere. I democratici svedesi hanno minacciato di votare contro qualsiasi governo che non abbia voce in capitolo sulla politica di immigrazione. In ogni caso, giocheranno un ruolo importante nel “mercato delle vacche” che seguirà alle elezioni.

L’idea di un’Europa a più velocità è stata ripresa dal presidente francese, augurando una possibile scissione di quel blocco che è già diviso in mini coalizioni. Le possibilità per l’UE rimangono scarse. Il blocco sta per cadere in picchiata. Dovrà lavorare molto duramente per sopravvivere, ma le probabilità di superare

la spaccatura più profonda sembrano essere magre nella migliore delle ipotesi.

Fonte:stopeuro.news

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.