BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
AQUARIUS 2 RESTA SENZA BANDIERA PANAMENSE: TUTTA COLPA DI SALVINI: Redazione-Ancora tensioni tra il governo italiano e l'ong Msf che gestisce le operazioni in mare della Aquarius.Panama avrebbe avviato un procedimento per cancellare dai propri registri navali la Aquarius 2 (nuovo nome dell'imbarcazione). Alla base dell'iter avviato dalle autorità panamensi LANCIANO, MARITO E MOGLIE RAPINATI IN VILLA: I MALVIVENTI TAGLIANO IL LOBO DELL'ORECCHIO ALLA DONNA: Redazione-L'uomo è stato picchiato selvaggiamente. Illeso il figlio disabile della coppia .Scene da Arancia Meccanica, durante una rapina in villa.Secondo una primissima ricostruzione, sembra che verso le 4 di notte alcuni malviventi abbiano fatto irruzione in una villa a Carminiello CARSOLI, AL VIA LA QUARTA EDIZIONE DEL MEMORIAL -EDOMANI SI GIOCA-: Ci siamo!!! Siamo alla quarta edizione dell'evento/memorial.....EDOmanisigioca....vi aspettiamo. Trascorreremo una intera giornata insieme ricordando Edo. (Domenica 7 Ottobre 2018 presso il centro sportivo Le Sequoie) Avremo modo di condividere con voi e relazionarvi su quanto l'Associazione sta facendo. L'ATTIVISTA DI SINISTRA FRANCESE TATIANA VENTO'SE PICCHIATA SELVAGGIAMENTE DA MIGRANTI: -PARIGI E' IL TERZO MONDO-: Redazione-Dopo l'aggressione Tatiana Ventòse, nota youtuber, ha rivisto le sue idee politiche descrivendo poi la situazione di estremo degrado in cui versa ParigiUn'attivista di sinistra francese nonchè nota youtuber, Tatiana Ventòse, è stata picchiata selvaggiamente e senza alcun motivo da MARIE LE PEN DOVREBBE SOTTOPORSI A PERIZIA PSICHIATRICA PER AVER DENUNCIATO GLI ORRORI DI DAESCH: Redazione-Marine Le Pen dovrà essere sottoposta a perizia psichiatrica per aver diffuso su Twitter le foto di esecuzioni dello Stato islamico. Lo ha denunciato la stessa presidente di Rassemblement national: "Dai magistrati bisogna aspettarsi di tutto, credevo di aver visto MATTEO SALVINI E LA FLAT TAX: -ALIQUOTA AL 15% PER UN MILIONE DI ITALIANI-: Redazione-"Stiamo lavorando per far pagare almeno a un 1 milione di italiani il 15% del loro fatturato". Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini ospite di Atreju, la festa politica di Fratelli d'Italia in corso a Roma. "Siamo al governo per CARSOLI, UN TOMBINO PERICOLOSO: Redazione-Un nostro lettore ci sottopone una segnalazione a proposito di un potenziale pericolo per la sicurezza dei cittadini. Nello specifico, si tratta di un tombino di ghisa, collocato in via delle Recocce nei pressi dello stabilimento Oti e della Scuola ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA, MARCELLO MARIANI: FORME DAL TERREMOTO: Accademia di Belle Arti di Roma, Sala Colleoni, dal 19 al 29 settembre 2018     Redazione-Marcello Mariani (L’Aquila 1938-2017), artista astratto di caratura internazionale, è diventato il simbolo dell’anima ferita ma indomita dell’Aquila dopo il devastante terremoto del 2009, dell’arte che non PRESENTATO A COSENZA L'ULTIMO ROMANZO -RITROVARSI-CARLA- DI MARLISA ALBAMONTE: Redazione-E’ stato presentato a Cosenza, nella suggestiva cornice dell’Area Archeologica della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Ritrovarsi - Carla (The Writer), un appassionante romanzo di Marlisa Albamonte.Sono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Rita Fiordalisi, direttore Biblioteca Nazionale di Cosenza; Maria Francesca CARSOLI, 38ENNE ARRESTATO CON L’ACCUSA DI DETENZIONE E SPACCIO DI STUPEFACENTI: COLTIVAVA MARIJUANA SUL PROPRIO TERRAZZO: Redazione-I Carabinieri di Carsoli, nell’ambito della consueta attività di controllo e prevenzione sul territorio, hanno tratto in arresto un giovane 38enne del luogo con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L’uomo, sottoposto ora ai domiciliari con un provvedimento dell’autorità

CARSOLI, DOMENICO D'ANTONIO: -SQUARCIO NELLA MAGGIORANZA-

Comune di Carsoli Comune di Carsoli

Redazione-Dal Consigliere Comunale Domenico D’Antonio riceviamo ed integralmente pubblichiamo:<<

Ho aspettato ad intervenire sulla questione delle dimissioni dell’assessore Augusto Di Gennaro in quanto attendevo un suo comunicato (che però ad oggi non c’è stato) per avere elementi sulle motivazioni di tale importante decisione.

Del resto, essendo in periodo festivo, la chiusura degli uffici comunali non mi ha consentito di poter richiedere copia della lettera di dimissioni protocollata; nemmeno ho il dono di essere un veggente per affermare, come qualcuno ha fatto, che “sulla lettera di dimissioni non sarebbero contenute le motivazioni”.

Credo che su quanto accaduto vadano fatte delle riflessioni e delle considerazioni:

  1. Innanzitutto apprezzare il gesto inaspettato ed isolato del Di Gennaro che con uno scatto di orgoglio e dignità ha rimesso il proprio incarico rinunciando alla comodissima poltrona di assessore; io feci questa scelta nel mio primo incarico, dimettendomi da vice sindaco ed assessore e comprendo perfettamente tutte le implicazioni che comporta prendere le distanze dalla maggioranza nella quale sei stato eletto, dovendo scegliere tra il rispetto del mandato dei cittadini e la presa di coscienza dell’impossibilità di realizzare e concretizzare tale impegno per le più svariate ragioni;
  2. È semplicistico e riduttivo ricondurre il tutto ad un singolo elemento (la collocazione del mercato); quando si prendono tali importanti decisioni sono molti gli elementi che, nel tempo,  intervengono e che determinano il venir meno del rapporto di fiducia.

Del resto si avvertiva, già da tempo, che si stava verificando uno sfilacciamento ed uno sgretolamento all’interno della maggioranza e che solo l’attaccamento alla poltrona o l’aspirazione di prendere uno strapuntino riusciva e riesce a fare da collante. Il tutto si era ingigantito con la decisione illogica del sindaco Nazzarro e di molti appartenenti alla maggioranza di votare, per le elezioni degli organi provinciali, un rappresentante del Comune di Pescina e non Mario Mazzetti, assessore della stessa maggioranza e dello stesso territorio;

  1. c.Ancora una volta il PD carseolano ha vinto le elezioni facendo affidamento sul c.d. zoccolo duro (che vota con il paraocchi a prescindere da altre considerazioni e senza minimamente preoccuparsi dell’interesse del Paese) e sull’appoggio di persone della c.d. società civile che, poi, vengono puntualmente emarginate ed accantonate.

Speriamo che quanto accaduto serva da insegnamento per il futuro;

  1. Cosa succederà adesso? L’assessore Di Gennaro sarà semplicemente sostituito? Ed in questo caso da chi considerando che, pur esistendo molte anime all’interno della maggioranza, il PD ha sempre preteso la falsa rappresentazione che ci fosse un unico gruppo consiliare? Oppure le dimissioni saranno l’occasione per realizzare la c.d. alternanza degli assessori promessa e condivisa prima delle elezioni e che costituisce un ulteriore motivo di forte contrasto all’interno della maggioranza da qualche mese? Anche queste le solite promesse successivamente rinnegate.
  2. e.Il nostro Comune ha perso considerazione e dignità dentro e fuori il nostro territorio per atteggiamenti e comportamenti che non attengono al ruolo istituzionale ricoperto; dopo i botta e risposta con privati cittadini su argomenti delicatissimi, abbiamo letto delle assurde dichiarazioni del primo cittadino “avevo richiamato più volte lo stesso (Di Gennaro) a valutare l’opportunità di una maggiore presenza in Comune per adempiere alle delicate funzioni del suo ruolo”.

Se ciò corrispondesse a verità per quale motivo il sindaco ha cercato, con la collaborazione di altri componenti della maggioranza, di far desistere il Di Gennaro chiedendogli di ritirare le dimissioni?

  1. In tutta questa situazione lo scontento e sconcerto generale dei cittadini, l’acclarata incapacità amministrativa di questa maggioranza, il non rispetto degli impegni elettorali, la non realizzazione di quanto promesso e dei punti del programma elettorale, il degradamento continuo delle condizioni di vita nel nostro Paese non hanno avuto alcuna importanza? O forse la motivazione delle dimissioni risiede proprio nel fatto che qualcuno ha finalmente aperto gli occhi ed ha deciso di non volersi far coinvolgere fino in fondo in tale situazione, squarciando quell’apatia e quell’indifferenza che aveva colpito un po’ tutti, in particolare quei tanti fervidi scrivani molto prolifici durante la precedente amministrazione e che all’improvviso avevano ed hanno perso la vena creativa.

Forse il sindaco Nazzarro, in questa come in altre situazioni, avrebbe dovuto mostrare più ruolo istituzionale, più eleganza e più diplomazia. L’istinto, l’emotività ed il rancore non si addicono alla figura del primo cittadino; il sindaco Lauri, che era maestro in ciò, affermava spesso, riportando una frase di Pietro Nenni, che la politica non si fa con i sentimenti figuriamoci con i risentimenti”.

In tali situazioni sarebbe stata opportuna la c.d. tecnica del silenzio.

Del resto, ricollegandoci a quanto sopra e facendo riferimento ad un detto popolare

“non siamo mica al mercato”>>.

Ultima modifica ilMartedì, 09 Gennaio 2018 23:00

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.