BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
LA RICERCATRICE DI STORIA DELL'AFRICA ALL'UNIVERSITA' DI TORINO ANNA BONI: -TRA NOI E GLI AFRICANI C'E' UN ABISSO. LA NOSTRA: Redazione-La ricercatrice di storia dell’Africa all’Università di Torino, Anna Boni, bastona i buonisti di sinistra e i servi del politicamente corretto: “Tra noi e il popolo africano c’è un abisso. La nostra civiltà occidentale è superiore”. Poi aggiunge: “Impossibile integrare CNA AVEZZANO: SCONTI SIAE PER GLI ASSOCIATI: Redazione-La CNA di Avezzano informa che in virtù degli accordi che l’Associazione ha sottoscritto con la S.I.A.E. a livello nazionale, fino al 31 marzo 2018, per la diffusione di musica di ambiente, agli associati alla CNA verranno applicati i livelli MIGRANTI, ANTONIO SOCCI SU PAPA FRANCESCO: -E' NEMICO DELL'ITALIA E DELLA CHIESA. E' AMICO DI ISLAMICI E COMUNISTI-: Redazione-Immigrati e accoglienza, durissimo attacco dello scrittore e giornalista cattolico Antonio Socci contro Bergoglio: ” Va superato questo devastante pontificato, nemico della Chiesa e nemico dell’Italia, amico dell’islam, dei regimi comunisti e dei potentati obamiani”.La paura sembra condizionare i rapporti tra ROMA, UN'OPERA UNICA DI ALDO TURCHIARO: Per la rassegna “UNUM” di Francesco Gallo Mazzeo - Un’opera unica di Aldo Turchiaro Roma - Bibliothè Contemporary Art - Mercoledì 17 gennaio 2018, ore 19.00 Redazione-Autori dei testi: Francesco Gallo Mazzeo, storico dell’arte e Marcia Theophilo, “la Poetessa dell'Amazzonia”, nota per NEGLI STATI UNITI DI DONALD TRUMP NON VI E' PIU' UN DISOCCUPATO: Redazione-Negli Stati Uniti del rozzo, volgare, inadatto e razzista Donald Trump non si trova più un disoccupato. Grazie alle politiche economiche del tycoon, di cui i media di regime hanno difficoltà a parlare, gli Usa vanno verso un boom economico REAL CARSOLI VS VALLELONGA 5-0: UN GRAN RISULTATO CHE FA BEN SPERARE PER IL NUOVO ANNO: Redazione-Inizia il girone di ritorno con un gran risultato il Real che mantiene la testa della classifica. Dopo i primi 10 minuti di gioco per studiare gli avversari, il Real ha iniziato a spingere per fare risultato pieno e subito si è PAPA FRANCESCO, L'INVASIONE E' SERVITA: -GESU' CRISTO SI IDENTIFICA NEGLI IMMIGRATI. ACCOGLIETE, PROTEGGETE, INTEGRATE-: Redazione-"Ogni forestiero che bussa alla nostra porta è un'occasione di incontro con Gesù Cristo, il quale si identifica con lo straniero accolto o rifiutato di ogni epoca". È il messaggio pastorale e politico di Papa Francesco, nel suo Angelus dedicato L'AQUILA, FDI: -SDEGNO E INDIGNAZIONE PER LA NOMINA AL CDA DEL TEATRO STABILE D'ABRUZZO-: Redazione-"Sdegno e indignazione per la nomina, targata Pd e centrosinistra, di un pluricondannato al cda del Teatro stabile d'Abruzzo". La denuncia arriva dal circolo aquilano di Fratelli d'Italia. "Non entriamo nel merito delle figure e delle competenze delle altre scelte POGGIO CINOLFO, 30° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE PRO LOCO AGINULFO: Redazione-Domenica 14 gennaio alle ore 10:30 è in programma la S. Messa in suffragio e a ricordo dei Soci che non sono più con noi; alle ore 11:30, nel Centro Don Cesare Rossi di Poggio Cinolfo, Sede della Pro Loco, proseguirà -ITALIA AGLI ITALIANI: NASCE IL -BLOCCO NERO- ELETTORALE TRA FORZA NUOVA E FIAMMA TRICOLORE PER CHI AMA L'ITALIA: Redazione-“Italia agli italiani”, è nato il “blocco nero” elettorale per chi ama l’Italia: Forza Nuova e Fiamma Tricolore si uniscono per espugnare il Parlamento il prossimo 4 marzo. Molte sigle patriottiche stanno aderendo al progetto di Roberto Fiore e di

CARSOLI, DOMENICO D'ANTONIO: -SQUARCIO NELLA MAGGIORANZA-

Comune di Carsoli Comune di Carsoli

Redazione-Dal Consigliere Comunale Domenico D’Antonio riceviamo ed integralmente pubblichiamo:<<

Ho aspettato ad intervenire sulla questione delle dimissioni dell’assessore Augusto Di Gennaro in quanto attendevo un suo comunicato (che però ad oggi non c’è stato) per avere elementi sulle motivazioni di tale importante decisione.

Del resto, essendo in periodo festivo, la chiusura degli uffici comunali non mi ha consentito di poter richiedere copia della lettera di dimissioni protocollata; nemmeno ho il dono di essere un veggente per affermare, come qualcuno ha fatto, che “sulla lettera di dimissioni non sarebbero contenute le motivazioni”.

Credo che su quanto accaduto vadano fatte delle riflessioni e delle considerazioni:

  1. Innanzitutto apprezzare il gesto inaspettato ed isolato del Di Gennaro che con uno scatto di orgoglio e dignità ha rimesso il proprio incarico rinunciando alla comodissima poltrona di assessore; io feci questa scelta nel mio primo incarico, dimettendomi da vice sindaco ed assessore e comprendo perfettamente tutte le implicazioni che comporta prendere le distanze dalla maggioranza nella quale sei stato eletto, dovendo scegliere tra il rispetto del mandato dei cittadini e la presa di coscienza dell’impossibilità di realizzare e concretizzare tale impegno per le più svariate ragioni;
  2. È semplicistico e riduttivo ricondurre il tutto ad un singolo elemento (la collocazione del mercato); quando si prendono tali importanti decisioni sono molti gli elementi che, nel tempo,  intervengono e che determinano il venir meno del rapporto di fiducia.

Del resto si avvertiva, già da tempo, che si stava verificando uno sfilacciamento ed uno sgretolamento all’interno della maggioranza e che solo l’attaccamento alla poltrona o l’aspirazione di prendere uno strapuntino riusciva e riesce a fare da collante. Il tutto si era ingigantito con la decisione illogica del sindaco Nazzarro e di molti appartenenti alla maggioranza di votare, per le elezioni degli organi provinciali, un rappresentante del Comune di Pescina e non Mario Mazzetti, assessore della stessa maggioranza e dello stesso territorio;

  1. c.Ancora una volta il PD carseolano ha vinto le elezioni facendo affidamento sul c.d. zoccolo duro (che vota con il paraocchi a prescindere da altre considerazioni e senza minimamente preoccuparsi dell’interesse del Paese) e sull’appoggio di persone della c.d. società civile che, poi, vengono puntualmente emarginate ed accantonate.

Speriamo che quanto accaduto serva da insegnamento per il futuro;

  1. Cosa succederà adesso? L’assessore Di Gennaro sarà semplicemente sostituito? Ed in questo caso da chi considerando che, pur esistendo molte anime all’interno della maggioranza, il PD ha sempre preteso la falsa rappresentazione che ci fosse un unico gruppo consiliare? Oppure le dimissioni saranno l’occasione per realizzare la c.d. alternanza degli assessori promessa e condivisa prima delle elezioni e che costituisce un ulteriore motivo di forte contrasto all’interno della maggioranza da qualche mese? Anche queste le solite promesse successivamente rinnegate.
  2. e.Il nostro Comune ha perso considerazione e dignità dentro e fuori il nostro territorio per atteggiamenti e comportamenti che non attengono al ruolo istituzionale ricoperto; dopo i botta e risposta con privati cittadini su argomenti delicatissimi, abbiamo letto delle assurde dichiarazioni del primo cittadino “avevo richiamato più volte lo stesso (Di Gennaro) a valutare l’opportunità di una maggiore presenza in Comune per adempiere alle delicate funzioni del suo ruolo”.

Se ciò corrispondesse a verità per quale motivo il sindaco ha cercato, con la collaborazione di altri componenti della maggioranza, di far desistere il Di Gennaro chiedendogli di ritirare le dimissioni?

  1. In tutta questa situazione lo scontento e sconcerto generale dei cittadini, l’acclarata incapacità amministrativa di questa maggioranza, il non rispetto degli impegni elettorali, la non realizzazione di quanto promesso e dei punti del programma elettorale, il degradamento continuo delle condizioni di vita nel nostro Paese non hanno avuto alcuna importanza? O forse la motivazione delle dimissioni risiede proprio nel fatto che qualcuno ha finalmente aperto gli occhi ed ha deciso di non volersi far coinvolgere fino in fondo in tale situazione, squarciando quell’apatia e quell’indifferenza che aveva colpito un po’ tutti, in particolare quei tanti fervidi scrivani molto prolifici durante la precedente amministrazione e che all’improvviso avevano ed hanno perso la vena creativa.

Forse il sindaco Nazzarro, in questa come in altre situazioni, avrebbe dovuto mostrare più ruolo istituzionale, più eleganza e più diplomazia. L’istinto, l’emotività ed il rancore non si addicono alla figura del primo cittadino; il sindaco Lauri, che era maestro in ciò, affermava spesso, riportando una frase di Pietro Nenni, che la politica non si fa con i sentimenti figuriamoci con i risentimenti”.

In tali situazioni sarebbe stata opportuna la c.d. tecnica del silenzio.

Del resto, ricollegandoci a quanto sopra e facendo riferimento ad un detto popolare

“non siamo mica al mercato”>>.

Ultima modifica ilMartedì, 09 Gennaio 2018 23:00

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.