BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
FESTA DELLA LIBERAZIONE A TRIESTE: NELLA SFILATA DELLA CELEBRAZIONE SPUNTANO LE BANDIERE DI TITO, IL COMUNISTA CHE INFOIBAVA GLI ITALIANI: Redazione-Bandiere di Tito a Trieste “in un luogo che dovrebbe essere di unità e di ricordo”. E il Pd che è preso da un attacco di afasia. Questo 25 aprile oltre a essere diventato una sagra paesana rivela aspetti vergognosi. Implacabile la rabbia di  Massimiliano ROCCA DI MEZZO, NUOVA EDIZIONE DELLA FESTA DEL NARCISO: Redazione-Correva l'anno 1947 ed era da poco terminata la Seconda guerra mondiale. L’intera comunità dell’Altipiano delle Rocche si riuniva creando una festa di rinascita e speranza per far fronte alle ferite che il conflitto aveva provocato. E quale miglior modo DIVIETO DI TRANSITO SUL VIADOTTO PULETO DELLA STATALE 3BIS-E45-: ANCHE GLI AUTOTRASPORTATORI ABRUZZESI SUBISCONO DISAGI: Redazione-A due mesi dal divieto di transito sul viadotto Puleto della statale 3bis (E45), il tratto di strada continua ad essere chiuso, costringendo i conducenti di veicoli pesanti a dover compiere lunghe e scomode deviazioni. Anche gli autotrasportatori della regione SUI SENTIERI DELLA DEA ANGIZIA CON IL TRAIL DEI MARSI: Redazione-Oltre duecento partecipanti per un percorso di diciotto km e 1100 metri di dislivello, attraverso gli antichi e suggestivi sentieri che solcano i monti luchesi. Sono questi i numeri di riguardo per la seconda edizione dell'attesissimo "Trail dei Marsi, sui -IL NOSTRO 25 APRILE, LA NOSTRA LIBERTA'- : STORIA E STORIE DELLA LIBERAZIONE A LUCO DEI MARSI: Redazione-La Liberazione attraverso la Storia, le storie, le lotte, i protagonisti e le vittime, lo sguardo di quanti quei protagonisti, spesso vittime, hanno conosciuto, direttamente e indirettamente, per "una riflessione forte e condivisa sui valori celebrati nella Liberazione e sull'urgenza A MESSINA IL FANTASTICO E INTERNAZIONALE -HAPPY CIRCUS-: Attrazioni pluripremiate ed artisti di grande rilievo per la prima volta in Sicilia Redazione-Un mondo fantastico sotto lo chapiteau di “Happy Circus” con attrazioni pluripremiate, artisti di alto rilievo sotto la direzione artistica di Donna Orfei, è a Messina dal 26 GLI STUDENTI DEL LICEO -G.B.VICO- DI SULMONA IN VOLO VERSO L'AMERICA: Redazione-Il liceo “G.B. Vico” di Sulmona ha concluso una lunga avventura culturale, iniziata nel 2013 nell’ambito della ricerca sociologica sull’emigrazione, che ha coinvolto gli studenti del liceo delle Scienze Umane. Sotto la guida appassionata e competente dei docenti Carolina Lettieri NON E' POLITICAMENTE CORRETTO AFFERMARE CHE I RESPONSABILI DELLE STRAGI SONO ISLAMISTI E I CRISTIANI LE VITTIME: Redazione-A seguire le dichiarazioni ufficiali, gli interventi dei leader mondiali e i principali media, fino a ieri sera uno avrebbe detto che in Sri Lanka si è consumato un attentato di ignoti contro ignoti. Troppo difficile pronunciare la parola islam - ILLUMINIAMO IL VOLLEY- :SUL LUNGOMARE DI NAPOLI UN EVENTO SPORTIVO PER GRANDI E PICCINI: La mission: promozionare lo sport come alternativa alla strada Redazione-Domenica 28 aprile 2019, dalle ore 9 alle ore 13, sul lungomare di Napoli (ovvero lungo via Caracciolo) si terrà l’evento “Illuminiamo il Volley” organizzato dalla Nuova POLISPORTIVA PONTICELLI: si tratta della seconda edizione della festa del UN'ALTRA BOMBA ESPLODE IN UNA CHIESA IN SRI LANKA, IL GOVERNO AMMETTE: -E' TERRORISMO ISLAMICO-. AVRA' COMPRESO PAPA FRANCESCO?: Redazione-Gli attentati di Pasqua che hanno causato almeno 290 morti e 500 feriti in Sri lanka sono opera di sette kamikaze di un gruppo jihadista locale, dietro i quali c’è però una rete internazionale senza la quale non sarebbero stati

BOLDRINI, BACHELET, GUTERRES: LA CRITICA -ROSSA- PRO-MIGRANTI AI VERTICI DELL'ONU CHE FA LA GUERRA ALL'ITALIA

Bachelet,Boldrini Bachelet,Boldrini

Redazione-Da Laura Boldrini portavoce dell’Unhcr nel 1998-2012, al segretario socialista Antonio Guterres, per finire con Michelle Bachelet: ecco alcuni dei rappresentanti della critica “rossa” pro invasione islamica ai vertici dell’Onu che sta facendo la guerra all’Italia.Ai vertici dell’Onu si annida una «cricca» pro Ong di talebani dell’accoglienza con idee di sinistra, talvolta estreme, vicina a papa Bergoglio.

La sparata dell’Alto commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, di inviare ispettori in Italia a caccia di razzisti è solo l’ultima mossa di una strategia ben precisa e anti italiana. Una serie di attacchi pro migranti iniziati con la nomina a segretario generale dell’Onu dell’ex premier socialista portoghese, Antonio Guterres.

Lo scorso anno, a margine della giornata mondiale del rifugiato, Guterres ha fatto capire che secondo lui l’Italia non rispetta le norme internazionali sui rifugiati nell’accordo sulla Libia per tamponare il flusso di migranti. Il governo era quello di centrosinistra ed il ministro dell’Interno, Marco Minniti, che stava preparando il famoso codice di condotta per le Ong.

Guterres, molto vicino a papa Francesco, soprattutto sull’immigrazione, punta ad azzerare la differenza fra rifugiati, che hanno diritto all’asilo e migranti economici, che dovrebbero essere rimandati a casa. Il segretario generale dell’Onu è sulla stessa linea delle Ong. Non c’è da stupirsi tenendo conto che Guterres ha ricoperto per dieci anni la carica di Alto commissario dell’agenzia dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) ingigantita a dismisura sotto il suo mandato. Più o meno nello stesso periodo, dal 1998 al 2012, la portavoce dell’Unhcr in Italia era Laura Boldrini. Quando Guterres ha conquistato il vertice dell’Onu la pasionaria pro migranti era presidente della Camera. E ha commentato così la nomina: «Sono dunque più che felice del fatto che sia stato scelto. Avendo lavorato con lui, sono certa che farà molto bene».

Gli attacchi della cricca dell’Onu all’Italia sul fronte dei migranti sono iniziati lo scorso anno, con la tacita approvazione del segretario generale, per bocca del predecessore di Bachelet. Il principino giordano Zeid bin Raad Al Hussein sparava a zero sull’Europa accusando la Ue di puntare al «blocco della rotta (dei migranti, nda) verso l’Europa» dalla Libia, come se fosse un reato e non una legittima decisione. Al Hussein accusava «in particolare l’Italia che appoggia la Guardia costiera libica, che ha sparato alla nave di una Ong con il risultato che le Organizzazioni umanitarie operano a maggiore distanza in alto mare». L’Alto commissario dell’Onu sposava la linea oltranzista di Medici senza frontiere facendo da stampella alle loro accuse e alla richiesta di aprire le porte a tutti.

In contemporanea a casa nostra il portavoce del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, Andrea Iacomini, bollava sull’account twitter dell’Unicef come «idiota» e «fascista» chi si è schierato contro la legge sullo Ius soli. L’ex addetto stampa di un assessorato della seconda giunta capitolina del sindaco Walter Veltroni ha fatto politica per 20 anni diventando segretario giovanile del Partito popolare. Candidato per l’Ulivo, in quota Margherita, nelle elezioni comunali di Roma del 2006 non è stato eletto per un soffio.

Sul solco di Laura Boldrini anche Iacomini vede come un incubo la linea di fermezza di Matteo Salvini sull’immigrazione. All’inizio di luglio in un’intervista al Mattino di Napoli ha svelato il piano di battaglia: «Adesso serve una grande alleanza che unisca Ong, mondo cattolico, società civile, per proporre a questo governo idee e progetti costruttivi».

Bachelet, la nuova responsabile dei diritti umani per l’Onu, è socialista come il segretario generale Guterres. E anche più estremista per la sua benevolenza nei confronti di regimi comunisti come quello cubano, venezuelano e dell’ex sandinista Daniel Ortega in Nicaragua. L’Italia è un obiettivo prediletto per un Alto commissario del genere, alfiere della «cricca»

sinistrorsa, pro Ong e talebana dell’accoglienza che ha in mano l’Onu.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilSabato, 22 Settembre 2018 15:18

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.