BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CORONAVIRUS: IL CANE SUNNY AIUTA A CONSEGNARE LA SPESA AI VICINI CHE SONO IMPOSSIBILITATI AD USCIRE DI CASA: Redazione- Un cane di nome Sunny, un golden retriever che vive con la sua padrona a Manitou Springs (Colorado), è diventato il protagonista di una storia davvero commovente.Tutto inizia quando Karen Evelth, a fronte dell’emergenza creata dalla pandemia in corso, -IO STO A CASA-IO GUARDO DA CASA-: ART VISUAL EXHIBITION: Redazione- La Galleria Arte in Regola consapevole del ruolo nodale dell'arte tra le componenti della società, lancia un'insolita “Virtual Art Exhibition” dal titolo “IO RESTO A CASA IO GUARDO DA CASA”, nel rispetto delle norme promulgate che vietano qualsiasi forma CORONAVIRUS, FIDA-CONFCOMMERCIO, OK SCONTI SU BUONI IMPRESA: Redazione- Il Consiglio Nazionale FIDA CONFCOMMERCIO, convocato permanentemente a seguito dell'emergenza Coronavirus e del quale fa parte il Presidente Provinciale FIDA CONFCOMMERCIO L’AQUILA Angelo Liberati,  ha aderito alla richiesta del Governo di applicare lo sconto sui buoni  spesa destinati alle CARSOLI, IL CONSIGLIERE DOMENICO D'ANTONIO DONA 1.000 MASCHERINE DI PROTEZIONE DA COVID-19: Redazione- Apprendiamo con immenso piacere il gesto di solidarietà compiuto dal Consigliere Domenico D'Antonio il quale , in un momento così drammatico di crisi economico-sociale ed epidemiologico che sta vivendo il nostro Paese, ha deciso di donare 1.000 mascherine di DON ALEX ZANOTELLI CONTRO LE PREGHIERE DI SALVINI: -FAR MALE ED E' GRAVE. LASCI STARE LA RELIGIONE-: Redazione- Padre Alex Zanotelli stronca l’’eterno riposo’ recitato in diretta tivù dal segretario della Lega Matteo Salvini con Barbara D’Urso: “Fa male ed è grave questo continuo uso strumentale della religione che continua a fare Salvini. Faccia quello che può PESCARA, ALLA CASA DI RIPOSO - ISTITUTO SORELLE DELLA MISERICORDIA- CI SONO 23 POSITIVI SU 50: Redazione- Su un totale di 50 tamponi eseguiti, 23 persone sono risultate positive al Covid-19 presso l'Istituto Sorelle della Misericordia di Verona, casa di riposo che si trova a Pescara, in zona Colli.Si tratta di nove suore, due operatori sociosanitari CORONAVIRUS CONFCOMMERCIO: SPORTELLO ONLINE ATTIVO: Redazione- Un vero e proprio sportello attivo ogni giorno, per dare informazioni ed assistenza, organizzato per affrontare l'emergenza Coronavirus.  Confcommercio L’Aquila si è organizzata così per rispondere alle tante domande che arrivano dei propri associati.  Le richieste giungono da ogni CORONAVIRUS, GRAVE UN RAGAZZO 23ENNE PESCARESE IN RIANIMAZIONE: E' IL PIU' GIOVANE IN ABRUZZO IN TERAPIA INTENSIVA: Redazione- Sfortunatamente, c'è anche un 23enne, tra le persone positive al Covid-19, ricoverato in terapia intensiva in Abruzzo. E' il più giovane tra i pazienti abruzzesi in rianimazione. Il ragazzo, di Pescara, arrivato in ospedale con una grave insufficienza respiratoria, EMERGENZA COVID-19, IL GOVERNO PENSA AD UNA PROROGA DELLE MISURE RESTRITTIVE PER ALTRI 15 GIORNI: Redazione- Il 3 aprile, scadrà il decreto firmato il 22 marzo dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte con cui lo stesso ha disposto le ormai note misure restrittive, con lo scopo di evitare il contagio da coronavirus.Sappiamo già che questo L'AQUILA, FDI:- L'ON STEFANIA PEZZOPANE DA REGINA DEI SALOTTI TELEVISIVI IN "SUA MAESTA' DELLE CANTONATE"-: Redazione- L'emergenza coronavirus ha trasformato l'onorevole Stefania Pezzopane da regina dei salotti televisivi in "sua maestà delle cantonate". È uno degli effetti collaterali del Covid19, fortunatamente non dannoso per la salute ma che continua a colpire la già claudicante immagine

ALLA GROTTA DI SAN FRANCO D’ASSERGI

Gita alla Grotta di San Franco Gita alla Grotta di San Franco

Redazione- Nel quadro dei festeggiamenti dell’Assunta, tre giorni dopo l’immancabile gita all’Acqua di San Franco, il 16 agosto 2019 si è svolta ad Assergi, come è tradizione da qualche anno a questa parte, un’escursione con meta la grotta di San Franco, il luogo dove, secondo la tradizione, il santo eremita del Gran Sasso trascorse i suoi ultimi quindici anni di vita e dove morì, la notte tra il 4 e il 5 giugno di un anno imprecisato tra il 1220 e il 1230. Si racconta che quella notte gli abitanti di Assergi furono svegliati dalle campane della chiesa, che suonarono a distesa, ad annunciare più una festa che una morte, mentre dalla grotta rifulgeva un grande straordinario chiarore. Non lontana dal tragitto c’è un’altra grotta legata alla memoria del santo, più piccola, e accessibile solo con l’aiuto di una corda assicurata ad un gancio fissato nella roccia: quella dei “Peschioli” , località non lontana dalla stazione intermedia della funivia che porta a Campo Imperatore.

Quest’anno la piccola comitiva, composta di assergesi sia residenti e non, si è arricchita della graditissima presenza di Nino Scipioni, nativo della vicina Camarda, noto e prestigioso imprenditore del capoluogo abruzzese ed infaticabile camminatore. Il gruppo, diretto dall’assergese Leandro Giannangeli, guida esperta e simpatica, ha preso le mosse dal piazzale della stazione della funivia del Gran Sasso. Il percorso, lungo ed impervio, ha messo a dura prova i polpacci, ma la fatica non ha spento il clima festoso dell’ascensione. Una breve sosta a metà cammino per un piccolo panino e un sorso d’acqua, e su…su fino all’affascinante spelonca, lunga e stretta, poco distante dai rilievi rocciosi di Pizzo Cefalone. La fatica è stata ripagata, lungo tutto il tragitto, da una vista mozzafiato. Poco sotto, un piccolo mare di verde, quello del bosco di “Macchia grande”; più in basso, dove la campagna si confonde con la valle, il borgo di Assergi, con le sue case in pendìo e le sue antiche mura di cinta da poco restaurate: uno spettacolo che lo sguardo accarezza a lungo, insieme al verde della ridente valle del Raiale, che da lassù appare ancor più dolce e piena di magìa. Viene da pensare che questi uomini di Dio erano anche dei grandi esteti.

Franco, nativo di Roio, monaco benedettino fin da giovane nel convento di Collimento di Lucoli, sentendo nel suo cuore una chiamata più radicale, assetato di solitudine, e rivestito del solo nudo Vangelo, non aveva esitato a prendere congedo dai suoi confratelli, e aveva girovagato a lungo nelle montagne circostanti prima di stabilirsi negli orridi e irraggiungibili anfratti del Gran Sasso. La mente stenta a credere, alle sole viste umane, come l’anacoreta abbia potuto vivere da solo in questa grotta angusta e umida, considerati i rigidi inverni delle nostre montagne. Forse un altro prodigio, in aggiunta ai tanti attribuiti al santo in vita e dopo la morte. E’ lecito ipotizzare, comunque, che l’eremita, di tanto in tanto, scendesse per ascoltare la messa, e accettasse volentieri, al ritorno, di dare consigli a chi gliene chiedesse: ai pastori, che volentieri avranno ricambiato con del buon pecorino o con un pezzo di carne appena arrostita; e ai suoi confratelli del convento di Assergi, che forse gli davano ricetto nei periodi invernali più rigidi.

Del resto, era destino dei solitari dello spirito – sarà così anche per Pietro Celestino – che più si ritraessero dalla vita associata e più la gente li cercasse. San Franco, come l’eremita del Morrone portatore sano di una lucida follia che quasi gli invidiamo, ha molto da dire a noi uomini moderni “equilibrati” ed insani, che spesso ci scopriamo soli e sperduti anche nelle piazze più affollate. In questi luoghi di silenzio, lontano dal fragore della quotidianità, l’anima è più disposta a cantare. Per pochi minuti ci siamo raccolti per recitare una preghiera molto bella (di seguito trascritta), riprodotta ed incorniciata in un rudimentale quadretto consunto dai venti e dalle piogge: parole inusitate, di un’altra grammatica, di un altro mondo. Poco dopo è iniziata la discesa, che ha richiesto pari impegno della salita, con la guida alpina a sorvegliare i passi di ciascuno, come fa un buon cane pastore abruzzese con le pecore che gli sono state affidate.

PREGHIERA A SAN FRANCO

O San Franco d’Assergi,

eroico eremita del Gran Sasso!

Tu lasciasti tutto nel modo,

per ritrovare tutto in Dio.

Ti allontanasti dagli uomini

per avvicinarti al Signore.

Rinunciasti alla terra

per acquistare il Cielo.

Sulle cime dei monti,

immensi altari della natura,

offristi al Creatore l’omaggio

della tua vita innocente

e penitente: pura come il cielo,

vergine come l’acqua che sgorgò,

per tua preghiera, dalla roccia;

dura come i denti del lupo

che ammansisti,

difficile come i dirupi impervi

che praticasti.

Oh, la bellezza della tua

vita solitaria, nascosta

con Cristo, in Dio.

O caro Santo, noi siamo ancora

troppo legati alla terra:

Ottienici dal Signore

il distacco dalle cose,

e avviaci per il sentiero

delle vette dello spirito:

Fa’ che non abbiamo paura

di salire.

Salire di virtù in virtù.

Dacci coraggio: tu fosti scalatore!

Tu sei una guida! Facci trovare

le fresche sorgenti della Grazia,

che sono i Sacramenti:

con Cristo nell’anima

raggiungeremo la meta del Cielo.

Verremo con te: vedremo il Signore:

godremo per sempre. Amen.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.