BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
COLLALTO SABINO - PURTROPPO TROVATO MORTO IL RAGAZZO SCOMPARSO: Redazione- Purtroppo ieri sera è stato ritrovato i corpo del ventsettenne Calabrese, residente a Collalto Sabino, che da giorni era scomparso . E' stato trovato nella sua auto in un parcheggio dl quartiere Salario a Roma, nei pressi di via POPOLI - VOLPE INVESTITA CURATA DAI VOLONTARI ANPANA: Redazione- Investita da un'auto in transito viene salvata dai volontari dell'Anpana di Termoli: è una volpe avvistata più volte nei terreni adiacenti la strada provinciale che da Termoli conduce a San Giacomo degli Schiavoni (Campobasso). I giovani dell'Associazione protezione animali, TRA NATURA E STORIA - I PERCORSI NATURALISTICI ALLE SOGLIE DEL CASTELLO DI ROCCA SINIBALDA: Redazione- Modellato dalla storia del Castello e dallo sperone di roccia in posizione dominate sulla Valle del Turano, Rocca Sinibalda è uno dei borghi più belli del Reatino.Una passeggiata lungo via degli Archi e via Sole permette di ammirare dal basso la maestosità della IL CASTELLO DELLE METAMORFOSI - ROCCA SINIBALDA: Redazione- A un’ora da Roma, a picco sulla valle del Turano, il Castello di Rocca Sinibalda è uno dei più affascinanti e misteriosi castelli italiani. Monumento nazionale dal 1928, risale all’anno Mille. Nel Rinascimento il grande architetto senese Baldassarre Peruzzi POSTE ITALIANE: IN ABRUZZO PRESENZA FEMMINILE AL 64%, E’ IL SESTO DATO PIU’ ALTO IN ITALIA: Nella provincia di Chieti le donne arrivano al 66%: sette su dieci lavorano negli uffici postali. Due donne alla guida delle Filiali provinciali di Pescara e L’Aquila   Redazione- Poste Italiane entra nella top five della classifica sulla parità di TAGLIO DEL NASTRO QUESTA MATTINA ALL’OSPEDALE DELL’AQUILA CON L’INAUGURAZIONE DELLA STANZA ROSA: Redazione- Un altro tassello si è così aggiunto al progetto già avviato dal Soroptimist Club dell’Aquila che ha portato a istituire al Pronto Soccorso il “Codice Rosa” dotato ora anche di uno spazio dedicato non solo alle donne ma a SCOMPARSO A ROMA ROCCO PANETTA, RAGAZZO RESIDENTE A COLLALTO SABINO: Redazione- Non si hanno più notizie di Rocco Panetta, un giovane di 27 anni domiciliato a Collalto Sabino in provincia di Rieti, nel Lazio. Rocco lavora al centro Amazon di Passo Corese e l'ultima volta che la famiglia lo ha PELLE- RISO IN BIANCO: Ritrovare la felicità in "in un po' di sale e un po' di curcuma”: dopo i riscontri ottenuti, la “trap d’autore” di Stefano Pellegrino distribuito da Giuliano Saglia Redazione- Ha iniziato a raccontare la sua parabola in musica a gennaio 2020 -SOMETIMES, L’AMORE TRA ABBANDONO E SPERANZA- : IL SINGOLO D’ESORDIO DELLA CANTANTE DENISE:   Redazione- La giovane autrice del brano descrive la disperazione, diventata quasi ossessione, di essere stata lasciata dall’uomo amato; pur nel dolore si rende conto, in un certo senso, di aver persino perso la sua dignità così come afferma ,nella sua ROCCA DI BOTTTE, RAGAZZO 35ENNE TROVATO MORTO IN CASA: Redazione- Questa mattina, un ragazzo di 35anni di origine romana, è stato trovato morto nel bagno della sua abitazione in località Casaletto, a Rocca di Botte, dai familiari. Si è trattato, purtroppo, di un improvviso arresto cardiocircolatorio. A nulla sono

ORIANA FALLACI: -SONO NATA IN UN PAESAGGIO DI CHIESE, CONVENTI, CRISTI, MADONNE E SANTI-

Oriana Fallaci Oriana Fallaci

Redazione- L’ Italia, è un paese molto vecchio, ma io non la regalo a nessuno. La sua storia dura da almeno tremila anni. La sua identità culturale è quindi molto precisa e bando alle chiacchiere: non prescinde da una religione che si chiama religione cristiana e da una chiesa che si chiama Chiesa Cattolica. La gente come me ha un bel dire: io-con-la-chiesa-cattolica-non-c’ entro. C’ entro, ahimé c’ entro. Che mi piaccia o no, c’ entro. E come farei a non entrarci?

Sono nata in un paesaggio di chiese, conventi, Cristi, Madonne, Santi. La prima musica che ho udito venendo al mondo è stata la musica della campane. Le campane di Santa Maria del Fiore che all’ Epoca della Tenda la vociaccia sguaiata del muezzin soffocava. È in quella musica, in quel paesaggio, che sono cresciuta. È attraverso quella musica e quel paesaggio che ho imparato cos’ è l’ architettura, cos’ è la scultura, cos’ è la pittura, cos’ è l’ arte. È attraverso quella chiesa (poi rifiutata) che ho incominciato a chiedermi cos’ è il Bene, cos’ è il Male, e perdio… Ecco: vedi? Ho scritto un’ altra volta «perdio».

Con tutto il mio laicismo, tutto il mio ateismo, son così intrisa di cultura cattolica che essa fa addirittura parte del mio modo d’ esprimermi. Oddio, mioddio, graziaddio, perdio, Gesù mio, Dio mio, Madonna mia, Cristo qui, Cristo là. Mi vengon così spontanee, queste parole, che non m’ accorgo nemmeno di pronunciarle o di scriverle. E vuoi che te la dica tutta? Sebbene al cattolicesimo non abbia mai perdonato le infamie che m’ ha imposto per secoli incominciando dall’ Inquisizione che m’ ha pure bruciato la nonna, povera nonna, sebbene coi preti io non ci vada proprio d’ accordo e delle loro preghiere non sappia proprio che farne, la musica delle campane mi piace tanto. Mi accarezza il cuore. Mi piacciono pure quei Cristi e quelle Madonne e quei Santi dipinti o scolpiti. Infatti ho la mania delle icone.

Mi piacciono pure i monasteri e i conventi. Mi danno un senso di pace, a volte invidio chi ci sta. E poi ammettiamolo: le nostre cattedrali son più belle delle moschee e delle sinagoghe. Si o no? Sono più belle anche delle chiese protestanti. Guarda, il cimitero della mia famiglia è un cimitero protestante. Accoglie i morti di tutte le religioni ma è protestante. E una mia bisnonna era valdese. Una mia prozia, evangelica.

La bisnonna valdese non l’ ho conosciuta. La prozia evangelica, invece, sì. Quand’ ero bambina mi portava sempre alle funzioni della sua chiesa in via de’ Benci a Firenze, e… Dio, quanto m’ annoiavo! Mi sentivo talmente sola con quei fedeli che cantavano i salmi e basta, quel prete che non era un prete e leggeva la Bibbia e basta, quella chiesa che non mi sembrava una chiesa e che a parte un piccolo pulpito aveva un gran crocifisso e basta. Niente angeli, niente Madonne, niente incenso… Mi mancava perfino il puzzo dell’ incenso, e avrei voluto trovarmi nella vicina basilica di Santa Croce dove queste cose c’ erano. Le cose cui ero abituata.

E aggiungo: nella mia casa di campagna, in Toscana, v’ è una minuscola cappella. Sta sempre chiusa. Dacché la mamma è morta non ci va nessuno. Però a volte ci vado, a spolverare, a controllare che i topi non ci abbiano fatto il nido, e nonostante la mia educazione laica mi ci trovo a mio agio. Nonostante il mio mangiapretismo, mi ci muovo con disinvoltura. E credo che la stragrande maggioranza degli italiani ti confesserebbe la medesima cosa. (A me la confessò Berlinguer). Santiddio! (Ci risiamo).

Sto dicendoti che noi italiani non siamo nelle condizioni degli americani: mosaico di gruppi etnici e religiosi, guazzabuglio di mille culture, nel medesimo tempo aperti ad ogni invasione e capaci di respingerla. Sto dicendoti che, proprio perché è definita da molti secoli e molto precisa, la nostra identità culturale non può sopportare un’ ondata migratoria composta da persone che in un modo o nell’ altro vogliono cambiare il nostro sistema di vita. I nostri valori.

Sto dicendoti che da noi non c’ è posto per i muezzin, per i minareti, per i falsi astemi, per il loro fottuto Medioevo, per il loro fottuto chador. E se ci fosse, non glielo darei. Perché equivarrebbe a buttar via Dante Alighieri, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Raffaello, il Rinascimento, il Risorgimento, la libertà che ci siamo bene o male conquistati, la nostra Patria. Significherebbe regalargli l’ Italia. E io l’ Italia non gliela regalo.

(tratto da: La rabbia e l’orgoglio di Oriana Fallaci)

Ultima modifica ilGiovedì, 13 Giugno 2019 16:07

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.