BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ANDRIA - FINTO PRETE 23ENNE TRUFFAVA LE DIOCESI RISCUTENDO DONAZIONI, ANCHE IN ABRUZZO I SUOI COLPI: A 23 anni girava le parrocchie spacciandosi per un prete impegnato nel sociale. E di “collega” in “collega” raccoglieva soldi per i bisognosi quando in realtà le donazioni finivano dritte nelle sue tasche. Un giovane di Andria (Bat) è stato CASTELLI D'ABRUZZO - IL CASTELLO ARAGONESE DI ORTONA: La prima costruzione risale al 1452. La famiglia aragonese lo costruì sopra la vecchia struttura dei Caldora del XIV secolo. Tale struttura tuttavia risale all'epoca angioina del XIII secolo. Secondo le stesse ipotesi Giacomo Caldora avrebbe potuto potenziare il castello SITI ARCHEOLOGICI D'ABRUZZO - PELTUINUM: La fondazione di Peltuinum si colloca intorno alla metà del I secolo a.C., nella piana di Navelli, esattamente tra gli attuali comuni di Prata d’Ansidonia e San Pio delle Camere. Le prime campagne di studio furono avviate tra il 1983 SANTUARIO SAN GABRIELE DELL'ADDOLORATA - 32° RADUNO ALPINI ABRUZZESI: Domenica 3 marzo 2024 dalle ore 9.00 presso il Santuario di San Gabriele 32° Raduno degli Alpini Abruzzesi, in ricordo dei caduti nella campagna di Russia del 1942. L’incontro è organizzato dall’associazione nazionale alpini (A.N.A.) sezione “Abruzzi” e dal Gruppo di SCURCOLA MARSICANA - LA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA: Fu innalzata nell’alto di Scurcola, prima dai De Pontibus e poi dagli Orsini e quindi dai Colonna a fianco della antica Rocca, che prima era di forma quadrangolare: una delle quattro torri dovette essere abbattuta per far posto alla nuova COLLALTO SABINO - DOMANI 2 MARZO SU RAIDUE A "BELLISSIMA ITALIA" IL BORGO E LE SUE RICHEZZE: La Pro-loco, comunica che domani su Raidue alle 16,45 , il paese di Collalto Sabino sarà raccontato, nel programma RAI, BELLISSIMA ITALIA. Ancora una volta, il bellissimo borgo viene raccontatao al piccolo schermo. Le bellezze di una Collalto Sabino incantata, CAPISTRELLO - LADRI CHIUDONO I PROPRIETARI IN UNA STANZA, E FUGGONO CON IL BOTTINO, MOLTA PAURA: Molte sono nelle ultime settimane le segnalazione, di furti, o tentati, nella zona. L'altra sera due malviventi incappucciati,hanno fatto suonare l'allarme di una villa, diverse volte, portando il proprietario a pensare ad un mal funzionamento, staccando lo stesso. I ladri, E BASTA COI MINORI SBATTUTI SUI SOCIAL !: Redazione-  Non se ne può più, ovunque ti giri, on line, vedi immagini di bambini adoperati per far pubblicità ai loro genitori. La Ferragni in questo, detta legge ma se ne contano a centinaia di sue seguaci che mettono in L'AQUILA - COPPIA DI ANZIANI TRUFFATI IN VIA STRINELLA: Redazione-  Una truffa che si ripete, sempre a discapito dei poveri anziani. La coppia ha ricevuto una telefonata in cui qualcuno li avvisava che il figlio, residente fuori regione, aveva avuto un incidente e aveva bisogno di denaro.La trama della VILLALAGO - UNA GIOVANE CERVA CURIOSA ENTRA NELLA VERANDA DI UN BAR: Redazione-  Il paese di Villalago, luogo incantato dalla natura, dove l'uomo osserva la natura, senza disturbare, in un connubio emblematico. Qualche giorno fa, una giovane cerva, forse incuriosita, dai rumori, è entrata in una veranda di un bar. Questa è

RIFORMA SU AUTONOMIA DIFFERENZIATA | LA UIL ESPRIME PREOCCUPAZIONE

Seminario Seminario

Il segretario regionale Michele Lombardo: “No a disuguaglianze tra le regioni, sì alla crescita armonica del sistema economico e sociale”

Questa mattina all’Aurum di Pescara il seminario con la partecipazione della segretaria confederale Ivana Veronese

Redazione- Si è tenuto questa mattina all’Aurum di Pescara il seminario di approfondimento sulla riforma delle autonomie differenziate tra le regioni, organizzato da Uil Abruzzo, con la partecipazione della segretaria confederale nazionale Ivana Veronese.

Tante le preoccupazioni espresse durante l’incontro, organizzato nell’ambito dell’esecutivo regionale, relative alla possibile discrepanza tra le regioni e alle conseguenze irreversibili che l’approvazione della riforma potrebbe determinare. Un tema, quello dell’autonomia differenziata, che Uil Abruzzo guarda con attenzione. “La Uil non ha una posizione ideologica contro l’autonomia, ma esprime la propria contrarietà alla bozza proposta dal ministro Calderoli – ha spiegato il segretario regionale Michele Lombardo - perché così com’è scritta pone in essere una condizione per la quale soprattutto le regioni del Centro Sud Italia, che sono già in una condizione di ritardo di sviluppo, rischiano di subire notevoli peggioramenti sui servizi essenziali, quali scuola e sanità, con effetti devastanti sotto l’aspetto sociale”. “Chiediamo invece – ha aggiunto - livelli essenziali delle prestazioni che devono essere garantiti in modo uniforme sull'intero territorio nazionale. Questo sì che potrebbe portare ad un’autonomia che eviti di lasciare indietro alcune regioni, che permetta di avere una solidarietà costruttiva tra i vari territori e che garantisca la crescita armonica del nostro sistema economico, produttivo e sociale”.

La discussione ha ripercorso le criticità del disegno di legge attraverso gli interventi dell’esecutivo confederale regionale e dei segretari e coordinatori regionali e territoriali e delle singole categorie. Puntuale e condiviso l’intervento di Ivana Veronese, segretaria confederale Uil nazionale, che ha sottolineato l’impegno del sindacato a sollevare i punti critici della riforma e a far comprendere a tutte le regioni, da Nord a Sud, quali sono le conseguenze, in caso di attuazione, per le regioni del Mezzogiorno. Territorio già in difficoltà rispetto all’erogazione di servizi essenziali, soprattutto in ambito sanitario, scolastico e del trasporto pubblico.

“Di questa riforma si sta discutendo al Consiglio dei ministri in maniera molto frettolosa - ha spiegato Ivana Veronese - perché quando si parla di autonomia differenziata si deve pensare a garantire livelli di prestazioni essenziali a tutti i cittadini e come garantirli, ovvero con quali finanziamenti e rispetto a quale materia. La scuola ad esempio non è uno di quei temi da poter dare alle regioni come materia differenziata”. ”La nostra preoccupazione - ha aggiunto - è che con questa fretta che c’è, si facciano solo danni e che si crei una crepa ancora maggiore per quelle regioni che già oggi fanno fatica a riconoscere i diritti delle prestazioni e i diritti sociali alle persone. C’è molta miopia e poca competenza. Basta pensare alle persone che operano e lavorano nel Mezzogiorno che di fatto sono costrette a pagare per avere prestazioni sanitarie e altri servizi “.

“Dobbiamo alzare la voce – ha ribadito poi il segretario generale Uil Abruzzo Michele Lombardoè una riforma che ci riguarda molto da vicino. Tre quarti della popolazione abruzzese vive in aree interne e subisce da tempo la dicotomia economico sociale tra aree interne e costiere. La riforma accentuerebbe le disuguaglianze che la nostra regione già vive”. “Come Uil Abruzzo – ha concluso Lombardo - abbiamo pianificato una serie di

assemblee e incontri territoriali che si terranno a febbraio e marzo e che si concluderanno, ad aprile, con una giornata in cui ospiteremo il segretario nazionale Pierpaolo Bombardieri”.

Ultima modifica ilGiovedì, 09 Febbraio 2023 17:17

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.