BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ABRUZZO - SUPERATI I DIECIMILA POSITIVI: Sfondano quota diecimila ed arrivano a 10.102 i casi totali di Covid-19 registrati in Abruzzo dall'inizio dall'emergenza ad oggi. Il dato piu' rilevante è il 27% di positivi in piu' solo nell'ultima settimana. Un dato che ci fa riflettere molto, COVID 19 - CON 35000/40000 POSITIVI AL GIORNO SARA' LOCKDOWN, CI AVVICINIAMO: Oggi sono stati poco piu' di 31000 i positivi in Italia, e purtroppo ci avvicianiamo alla soglia dei 35000/40000 postitivi al giorno per portare al governo a stabilire un nuovo lockdown. Gli esperti parlano di un imminente arrivo del DPCM PD ABRUZZO| GRAVE SITUAZIONE VOLONTARIATO E ASSOCIAZIONISMO: Redazione- “Riceviamo con grande preoccupazione la forte richiesta di aiuto dei circoli e associazioni a seguito delle nuove misure del Governo per contenere il rischio di diffusione dei contagi. I centri ricreativi, sociali e culturali, tra l’altro spina dorsale del AMORE| SCOPO DI VITA: Redazione- L'amore é un sentimento di cui hanno parlato  da secoli poeti e scrittori, celebrato da sempre come il più nobile dei sentimenti. Chi vive senza amore precipita molto spesso nel buio della depressione, aggrappandosi poi a qualsiasi sogno o P.I.| ATTIVO IL NUOVO GESTORE DELLE ATTESE LIGHT: Redazione- Poste Italiane continua nello sviluppo digitale degli uffici postali della provincia dell’Aquila. Negli uffici postali di L’Aquila 5 (Centi Colella), Onna San Gregorio, Pescina, Trasacco e San Benedetto dei Marsi, infatti, è stato installato ed è operativo il nuovo DANIELA SCHEMBRI VOLPE| KILLER TATTOO- LA STRANA COPPIA: Redazione- È disponibile in libreria e negli store digitali “Killer Tattoo: la strana coppia”, il nuovo libro di Daniela Schembri Volpe pubblicato da Castelvecchi nella collana Tasti. Un noir che attraversa un’ Europa dalle tinte pigmentate di macabro, i cui ATTACCO TERRRORISTICO A NIZZA| IL TUNISINO AUTORE DELLA STRAGE ERA STATO ESPULSO DALL'ITALIA: Redazione- L’autore dell’attentato di Nizza si chiama Brahim Aoussaoui, cittadino tunisino di 21 anni. Aoussaoui era arrivato a Lampedusa lo scorso 20 settembre. Quel giorno arrivarono sull’isola siciliana una ventina di barconi con a bordo soprattutto tunisini, tra cui il SEN. DI GIROLAMO| LA FERROVIA VELOCE ROMA-PESCARA SARA' UN'OPERA UTILE: Redazione- Ribadisco quanto già detto alla presentazione del progetto di prefattibilità del potenziamento della linea ferroviaria Pescara-Roma ed il conseguente corridoio trasversale per persone e merci.Una visione ecologica richiede di agire da subito per decongestionare i grandi centri urbani dove MARINELLI| GOVERNO E MAGGIORANZA REGIONALI INADEGUATI: Redazione- Mentre la maggioranza che governa la Regione Abruzzo si occupa di aumentare gli stipendi ai dirigenti e di regolare i conti interni dopo le sconfitte elettorali, confezionando un vero e proprio rimpasto in perfetto stile e in piena pandemia, FESTIVAL DELLA DIPLOMAZIA| IL FUTURO POST COVID: Redazione- La pandemia di Covid-19 ha cambiato radicalmente le vite dei cittadini di tutto il mondo e ha reso urgente la gestione condivisa dell’emergenza. Con i Paesi occidentali e in particolare europei alle prese con la seconda ondata, la “ricostruzione”

ROMA, SARA BRUCIATA VIVA E UCCISA: CONFESSA L'EX

ROMA, SARA BRUCIATA VIVA E UCCISA: CONFESSA L'EX Sara Di Pietrantonio

Redazione-Cosparsa di alcol e data alle fiamme con un accendino mentre era ancora viva. È così, secondo la ricostruzione della polizia, che sarebbe stata uccisa Sara Di Pietrantonio, la studentessa di 22 anni trovata all'alba di ieri carbonizzata nei pressi della sua auto in fiamme, in via della Magliana, alla periferia di Roma. Per l'omicidio è stato fermato Vincenzo Paduano, l'ex fidanzato della vittima, di 27 anni. Il giovane ha confessato l'omicidio dopo un interrogatorio durato 8 ore. E' accusato di omicidio volontario premeditato.

"In 25 anni di questo lavoro non ho mai visto un delitto così atroce", ha detto il capo della squadra mobile di Roma Luigi Silipo in una conferenza stampa in Questura con il procuratore aggiunto Maria Monteleone. "Abbiamo motivo di ritenere che il fermato avesse seguito Sara altre volte, almeno in due occasioni, e l'ultima è stata fatale", ha aggiunto. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, "Sara usciva da una storia malata, un rapporto morboso".

 

"Se è vero che non aveva subito vessazioni fisiche nell'ultimo anno ha subito vessazioni psicologiche a causa di un amore malato che neanche si può definire amore ma solo possessione", ha spiegato Silipo. Tra i due c'era stata una relazione di due anni, nel corso della quale Sara aveva già lasciato il suo ex altre volte, almeno tre, fino alla decisione definitiva. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la ragazza era apparsa preoccupata nell'ultima settimana per la morbosità del giovane, tanto da averne parlato anche ad alcuni amici.

La serata di Sara era cominciata con una visita del suo ex fidanzato a casa sua, durante la quale, stando a quanto riferito dagli stessi familiari della giovane, tra i due non ci sarebbe stata nessuna discussione accesa. Poi la ragazza è uscita per andare in un pub con un'amica e dopo si è vista con il suo nuovo ragazzo, un ex compagno di scuola che frequentava da una ventina di giorni.

Intanto l'ex, che faceva la guardia giurata in una portineria poco distante dal luogo del delitto, si è allontanato dal lavoro e si è appostato con l'auto sotto casa del nuovo compagno della 22enne. Una volta che Sara l'ha accompagnato a casa, ha atteso che il giovane rincasasse e conoscendo la strada che avrebbe fatto si è allontanato. Poi quando lei è passata con la sua auto l'ha inseguita per poi accostarsi e costringerla a fermarsi.

Dalle indagini sull'auto del fermato sono stati riscontrati dei danni a uno specchietto e alla fiancata dell'auto, compatibili con la dinamica ricostruita dagli investigatori. Secondo la ricostruzione, Paduano è poi entrato nell'auto di Sara e ci sarebbe stata un'animata discussione. A un certo punto il giovane ha cosparso l'auto con l'alcol gettandolo anche contro la vittima. La 22enne a quel punto sarebbe scesa dall'auto per cercare aiuto ma invano. Il giovane quindi, dopo aver dato alle fiamme l'auto, avrebbe raggiunta la ex, a circa 200 metri e le avrebbe dato fuoco con un accendino. Dopo il delitto, Paduano sarebbe tornato al lavoro all'Eur. Il 27enne svolgeva un lavoro di portineria.

Secondo quanto ricostruito, almeno due auto avrebbero visto la ragazza, probabilmente già cosparsa di alcol, chiedere aiuto mentre il suo ex stava dando alle fiamme la sua auto. Ma nessuno si è fermato né ha chiamato le forze dell'ordine. Gli investigatori hanno rintracciato le auto grazie ai filmati delle telecamere presenti nell'area del parcheggio di un ristorante dove la giovane stava cercando di scappare. Sentiti in Questura, i proprietari hanno riferito di non aver capito cosa stesse accadendo e di temere per la propria incolumità.

Prima del delitto, la madre della ragazza, verso le 3.30, preoccupata, avrebbe telefonato alla figlia "Sto rientrando'', le ultime parole di Sara. Poi più nulla. Tanto che a un certo punto la madre, insieme a un altro familiare, si è recata a cercarla a casa di un'amica che Sara aveva accompagnato a casa. Facendo la strada a ritroso, la donna avrebbe però notato l'auto in fiamme e si sarebbe avvicinata: avrebbe così scoperto la sua Toyota completamente distrutta e, poco lontano, il corpo della figlia.

Il procuratore aggiunto Monteleone, che ha coordinato le indagini sull'omicidio, ha lanciato un appello: "Voglio rivolgere un invito a chi si imbatte in una donna che chiede aiuto, anche di notte, a non restare indifferenti e voltarsi dall'altra parte e a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine. Se questo fosse accaduto Sara sarebbe ancora viva". "Bisogna imparare che se si vedono cose strane di notte è un dovere fare una telefonata a polizia o carabinieri", ha aggiunto il dirigente della squadra mobile di Roma Silipo.(Fonte:Adnkronos)

Sara Di Pietrantonio

Ultima modifica ilLunedì, 30 Maggio 2016 14:22

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.