BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ABRUZZO - BUONE NOTIZIE,SCENDE L'RT, DOPO SETTIMANE IN CRESCITA: Finalmente l'indice di trasmissione RT medio calcolatosui casi sintomatici è pari a 0,97(range 0,85-1,11)-Dopo cinque settimane in crescita, finalmente scende l'rt.il quadro degli Rt puntuali regione per regione contenuto nella bozza del 36/o monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute con dati PESCARA - CHIUSE TRE SCUOLE , OLTRE 500 PERSONE IN QUARANTENA: La Asl di Pescara ha disposto la sospensione, da domani e fino al 5 febbraio prossimo, delle attività didattiche in presenza di tre scuole di Pescara in cui si sono registrati casi di Covid-19.  Circa 500, tra alunni e docenti, le ULTIM'ORA - TORNA A TREMARE LA TERRA A VICOVARO: Redazione- E' tornata a tremare la terra nel comune di Vicovaro. Alle 20.34 una scossa di terremoto, ben avvertita dalla popolazione.  Un terremoto di magnitudo Md 1.8 è avvenuto nella zona: 2 km E Vicovaro (RM), il 22-01-2021 19:34:07 (UTC) 2 ore, 34 minuti fa 22-01-2021 20:34:07 PROVINCIA DELL’AQUILA| LE PENSIONI DI FEBBRAIO IN PAGAMENTO DAL 25 GENNAIO NEL RISPETTO DELLE NORME ANTI-COVID: Redazione-  Poste Italiane comunica che in provincia dell’Aquila le pensioni del mese di febbraio verranno accreditate a partire da lunedì 25 gennaio per i clienti che hanno scelto l’accredito su Libretto di Risparmio, Conto BancoPosta o Postepay Evolution. I titolari LFOUNDRY| DISPONIBILITA' DEL SOTTOSEGRETARIO MANZELLA A TORNARE AD AVEZZANO: Redazione- "Il sottosegretario allo Sviluppo Economico Gian Paolo Manzella si è messo a disposizione per tornare ad Avezzano ed affrontare direttamente con l'azienda la vertenza LFoundry. Ha chiesto l'incontro in una lettera appena recapitata alla proprietà": lo ha detto il PUNTO DI NASCITA| DUE ANNI DI ASSORDANTE SILENZIO DA PARTE DELLA REGIONE ABRUZZO: Redazione- A distanza di due anni, ci troviamo nella medesima situazione che induce il Comitato Percorso Nascite nazionale del Ministero della Salute ad esprimere parere negativo alla richiesta di proroga chiusura del Punto nascita di Sulmona.Abbiamo la fortuna di avere ECUADOR| L’AMORE TRA FUGA E REALTA’: LO STRABILIANTE NUOVO SINGOLO DEL CANTANTE NICK SIMON: Redazione- La canzone, ad un ‘attenta analisi, presenta due livelli semantici particolarmente interessanti : quello musicale e quello verbale; mentre il primo presenta uno stile indubbiamente originale poiché convivono tonalità tipiche della canzone italiana e quella tipica del mondo latino-sud SALUTE E BENESSERE - SCOPRIAMO IL ROIBOS, LA PIANTA DEL SUD AFRICA: Redazione- Il ROIBOS è una pianta appartenente alla famiglia Fabaceae; le sue foglie sono utilizzate per preparare un'infusione chiamata rooibos, Red Bush o anche tè rosso africano.La pianta cresce esclusivamente nella regione del Cederberg in Sudafrica (Province del Capo). La bevanda ottenuta dalle foglie è da sempre usata dalle popolazioni locali. SEN. DI GIROLAMO| NUOVE RISORSE ECONOMICHE PER LE IMPRESE DI TRASPORTO SCOLASTICO COLPITE DALLA PANDEMIA: Redazione- “Le imprese che effettuano il trasporto scolastico per conto dei Comuni potranno ottenere ulteriori sostegni economici al fine di coprire le perdite subite a causa delle restrizioni necessarie a limitare la diffusione del Covid-19.Grazie a un fondo di 20 SULMONA - IL MINISTERO VUOLE LA DATA DI CHIUSURA DEL PUNTO DI NASCITA: Redazione- No perentorio del Ministero alla Regione per mantenere il Punto Nascita dell'Opsedale di Sulmona aperto. parere negativo alla proroga dell’apertura del punto nascita di Sulmona il Comitato Percorso Nascita nazionale (CPNn) del Ministero della Salute chiede alla Regione la data perentoria di chiusura della

RECORD DI GIOVANI DISOCCUPATI IN ITALIA: +17% NEGLI ULTIMI OTTO ANNI. SOLO LA SPAGNA FA PEGGIO

RECORD DI GIOVANI DISOCCUPATI IN ITALIA: +17% NEGLI ULTIMI OTTO ANNI. SOLO LA SPAGNA FA PEGGIO Giovani In Cerca Di Lavoro

Redazione-Record di giovani disoccupati in Italia dal 2007 al 2015. La disoccupazione giovanile in questi anni è aumentata nel nostro Paese di 17,4 punti percentuali, passando dal 21,4% (ultimo trimestre 2007) al 38,8% (ultimo trimestre 2015). Nello stesso periodo di tempo la categoria dei Neet, i giovani non occupati che non frequentano né scuole né corsi di formazione, è inoltre cresciuta di 7,4 punti percentuali (passando dal 19,5% al 26,9%). In entrambi i casi il nostro Paese si colloca ai gradini più bassi nelle rispettive classifiche a livello europeo.

Lo rivela una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su elaborazione di dati Ocse e pubblicata su impresalavoro.org. Nel periodo di tempo considerato, la crescita percentuale degli italiani di età compresa tra i 15 e i 24 anni che sono senza lavoro (ma che sarebbero disponibili a lavorare e che hanno effettuato almeno una ricerca attiva di lavoro nelle ultime quattro settimane) risulta superiore a quella di quasi tutti gli altri Paesi europei.

Peggio di noi hanno fatto solo Spagna (+27,4 punti percentuali, passata dal 19% al 46,4%) e Grecia (+26,5 punti, passata dal 22% al 48,5%). L’Italia fa molto peggio della media dei 28 Paesi dell’Ue - in cui il tasso di disoccupazione giovanile a fine 2015 era del 19,7% (+4,4 punti rispetto al 2007) - e perde il confronto con tutti gli altri competitor europei. In paticolare con Irlanda (+11,1 punti percentuali, passata dal 9,3% al 20,4%), Portogallo (+8,5 punti, passato dal 23% al 31,5%), Francia (+6,0 punti, passata dal 18,5% al 24,5%), Gran Bretagna (-0,3 punti, passata dal 13,7% al 13,4%) e Germania (-4,3 punti, passata dall'11,3% al 7%).

Preoccupano, sottolineano gli analisti di ImpresaLavoro, anche i dati relativi alla categoria dei Neet, i giovani non occupati che non frequentano né scuole né corsi di formazione. Osservando i dati Ocse si scopre infatti che nella classifica siamo il Paese dell'UE con il più alto tasso di inattività giovanile per quanto riguarda l'anno 2015. Tra il 2007 e il 2015 la percentuale di Neet è cresciuta in Italia di 7,4 punti (passando dal 19,5% al 26,9%), con un incremento inferiore soltanto a quello registrato in Grecia (+8,3 punti, passata dal 16,4% al 24,7%).

È vero che nello stesso periodo di tempo l'incremento percentuale dei Neet è un dato comune a tutta l'Europa (il tasso medio 2015 nell'UE a 28 Stati è del 16%, +1,3 punti rispetto al 2007) ma in tutti gli altri Paesi, osservano gli analisti, si registra una crescita del fenomeno inferiore a quella italiana quando non addirittura un'inversione di tendenza.

Nel primo gruppo vanno inseriti ad esempio Spagna (+6,8 punti percentuali, passata dal 15,9% al 22,7%), Francia (+4,3 punti, passata dal 12,9% al 17,1%), Irlanda (+2,1 punti, passata dal 14,5% al 16,6%) e Portogallo (+1,9 punti, passato dal 13,2% al 15,1%). Del secondo gruppo, invece, fanno parte tra gli altri Gran Bretagna (-1,0 punti, passata dal 14,6% al 13,6%) e soprattutto Germania (-3,5 punti, passata dal 12,3% all'8,8%).(Fonte:Adnkronos)

Disoccupazione

Ultima modifica ilDomenica, 11 Settembre 2016 15:13

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.