BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI| ASS. CULTURALE IL QUADRIFOGLIO- LA LINGUA DEI SEGNI ITALIANA: Redazione- La presidente dell'associazione culturale "IL QUADRIFOGLIO" Carla, ci scrive ricordandoci che <<la lingua dei segni italiana LIs è una lingua con proprie regole grammaticali, sintattiche, morfologiche e lessicali. Si è evoluta naturalmente, come tutte le lingue vocali. Rappresenta un MATTIA TONI| E' USCITO IN RADIO E DIGITALE FINO ALL'ALBA: Redazione- Da venerdì 18 settembre in radio e digitale “FINO ALL'ALBA” (MainTrackMusic), il secondo singolo di MATTIA TONI, estratto dall’album “No Party” in uscita nel 2021, con il quale il cantautore debutterà con un progetto discografico totalmente in italiano.«Ho messo AVEZZANO| DA DOMANI TORNA APERTURA POMERIDIANA POSTE IN VIA MARCONI: Redazione- Poste Italiane comunica che da lunedì 21 settembre l’ufficio postale di Avezzano 2 (via Guglielmo Marconi), che nell’ultimo periodo aveva rimodulato l’orario di apertura al pubblico, tornerà disponibile con orario continuato dal lunedì al venerdì, dalle 8.20 alle 19.05 LA MENTE É UN PARACADUTE | FUNZIONA SOLO SE SI APRE: Redazione- "Einstein non aveva alcun torto!Già ma pochi usano la mente aprendola davvero e molti si trovano poi nei guai, ne parlo in modo dettagliato nel mio libro: "Mostri!". I comportamenti anomali e quelli che non hanno una spiegazione se ORICOLA| ODORE NAUSEABONDO PROVENIENTE DALLA ZONA INDUSTRIALE: Redazione- Alcuni cittadini residenti nel comune di Oricola, ci hanno segnalato che , questa mattina, dal nucleo industriale, un  cattivo odore molto intenso ed acre(probabilmente una nube) si è espanso in tutta l’area comunale provocando un enorme fastidio al naso ABRUZZO - SPAGHETTI ALLA TRAPPITARA, GUSTO E TRADIZIONE CONTADINA: Redazione-  Gli spaghetti alla trappitara sono un eccellenza antica della cucina abruzzese, il vanto culinario per l'entroterra della nistra regione, un primo piatto della tradizione contadina abruzzese. Perché si chiamano “alla Trappitara”?. Il termine “Trappitara” deriva dal termine abruzzese “trappete” che è il PESCINA - CERVO INVESTITO SULL'A25: Redazione- Purtroppo l'animale è stato trovato già morto, lungo la carreggiata Roma-Pescara dell’autostrada A25 Strada dei Parchi, nel comune di Pescina. Il personale della viabilità autostradale, hanno provveduto a rimuovere la carcassa ripristinando le condizioni di sicurezza alla viabilità. Accertamenti CARSOLI - IL BENESSERE CON LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE: Redazione- I metodi della Medicina alternativa, metodi antichi.La riflessologia plantare fa parte di un istinto innato nell’uomo, un retaggio ancestrale che portiamo dentro di noi, le cui origini si perdono nella notte dei tempi.  Contrariamente a quanto comunemente creduto, la riflessologia è sempre CARSOLI - ARRIVA IL KUNDALINI YOGA, L'ANTICA ENERGIA VEDANTICA: Redazione- Una meditazione antica, diversa dalle altre, spirito, corpo, anima, il risveglio della propria energia. Tutto questo nel corso di KUNDALINI YOGA, che si svolgerà presso la THE SOUL FLIES ACCADEMY DANCE centro Danza e Fitness a Carsoli, due gli MORRIS GOLA| PLEXIGLASS-IL SOUND DELLA RIPARTENZA: Redazione- Lavoro, giustizia sociale, periferie: dopo la deriva tra macchine costose e gioielli, il rap torna a parlare di attualità e società con Morris Gola, dalla periferia di Roma, in uscita con il nuovo singolo Plexiglas, il 18 settembre 2020

FU COSÌ CHE UN ABRUZZESE CON LA VALIGIA DI CARTONE DIVENNE -CHAPLIN DELL’ITALÌ-

5. Vincenzo Pelliccione alias Eugene De Verdi impersona Charlot per le strade di Hollywood nella locandina pubblicitaria del film Tempi moderni 5. Vincenzo Pelliccione alias Eugene De Verdi impersona Charlot per le strade di Hollywood nella locandina pubblicitaria del film Tempi moderni

Redazione- Era nato a Rosciolo dei Marsi, un borgo di Magliano dei Marsi in provincia de L’Aquila, il 21 giugno 1893 da Sebastiano e Carolina Marini, ma in quella piccola frazione abruzzese lui, pur amandola, non ci voleva stare, perché esuberante e fantasioso com'era, sognava di lavorare nel varietà. I suoi genitori e i suoi cinque fratelli (Nicola, Giovannino, Benedetto, Pasquale e Maria), mentre si recavano nei campi a lavorare duro, scuotevano la testa sorridendo di fronte a queste sue fantasie fumiste e un po' megalomani, ma Vincenzo Pelliccione era testardo come tutti gli Abruzzesi e deciso a perseguire i suoi sogni.

E così in quel 1915 funestato dalla Grande Guerra, Vincenzo salutò i genitori, i familiari e i compaesani e s'imbarcò per l’America al grido di «Voglio diventare famoso»: dalla sua aveva la giovane età (22 anni), un bell'aspetto, una valigia legata con lo spago, una buona dose di ottimismo e uno straordinario talento nelle imitazioni. Approdò in Pennsylvania e si impiegò nei lavori più umili: «Guadagnavo due dollari al giorno: uno lo spendevo per mangiare, l’altro per le lezioni di inglese», ricorderà in seguito. Lavorava senza tregua, con tenacia e determinazione per inseguire il suo sogno: approdare a Los Angeles. Ci riuscirà quattordici anni dopo, nel 1929, dopo aver vissuto per un breve periodo anche in Ohio.

A Los Angeles, appena poteva, si recava ad Hollywood, la Mecca del Cinema, a guardare da vicino i suoi idoli: Buster Keaton, Gloria Swanson e sopratutto lui, Charlie Chaplin, l’amatissimo Charlot, di cui aveva visto e rivisto tutti i film ed imitato tutte le movenze. Con bombetta, bastone di bambù e la classica andatura a paperottolo, Pelliccione faceva ridere tutti i suoi compagni di lavoro e tutti gli dicevano che era identico...ma proprio identico! Ed era vero. Vincenzo, quando si metteva i baffetti finti e indossava gli abiti lisi e troppo larghi di Charlot, diventava proprio il suo sosia. E questo fu la sua fortuna. Iniziò a fare spettacolini in piccoli locali di Los Angeles con lo pseudonimo di Eugene De Verdi, collaborando nel contempo in teatro con Mae West e al cinema con Buster Keaton, fino a che arriva la svolta inaspettata e fortunosa.

Una sera che come sempre stava imitando Charlot capitò tra il pubblico un noto, stravagante e intraprendente impresario americano, Sid Grauman, il quale sulla celebre Walk of Fame (la passeggiata della celebrità) aveva il suo Grauman’s Chinese Theatre dalla caratteristica forma a pagoda, proprio quello davanti al quale ci sono i blocchi di cemento su cui le stars di Hollywood hanno lasciato le proprie impronte di mani e piedi. Ebbene Grauman, impressionato dalla somiglianza e dalla capacità imitativa di Pelliccione/De Verdi, lo presentò al suo grande amico Charlie Chaplin.

Il sogno del giovane emigrante abruzzese si era avverato: viene scritturato come controfigura di Charlot in alcune scene di “Luci della città” e di “Tempi moderni”, lo sostituisce nelle prove de “Il Circo”, “Il Dittatore” e appare come suo sosia negli eventi pubblicitari e durante i tour in Florida o in California: «Io, povero abruzzese emigrato in cerca di fortuna, diventavo Chaplin. La gente mi fermava per strada, mi applaudiva quando facevo il numero con la bombetta e i pantaloni a fisarmonica. Riuscivo a imitarlo in modo ineccepibile, nessuno sarebbe stato in grado di distinguere la copia dall’originale», ripeteva nelle interviste.

Una volta che per strategia di marketing se ne andò in giro per Los Angeles vestito da Charlot, la gente, convinta di trovarsi veramente davanti al vero Chaplin, formò una ressa tale e si creò un ingorgo così caotico con macchine e taxi, che il povero Pelliccione dovette rifugiarsi in un Teatro. E un'altra volta Grauman allestì nell’atrio del suo teatro un piccolo museo delle cere in cui figuravano personaggi famosi di allora, tra i quali Fred Astaire e Jean Harlow. Non avendo fatto in tempo a far forgiare la statua di cera del mitico Charlot, l'impresario pregò Vincenzo di fingere di essere la sua statua, restando completamente immobile con tanto di bombetta sul capo e solito il bastoncino in mano.

Ben 300 persone sfilarono davanti a lui, senza accorgersi che quella non era una statua, ma Vincenzo Pelliccione, alias Eugene De Versi in persona, fino a quando lui, inevitabilmente, si mosse, seminando il panico tra i presenti. La collaborazione con Charlie Chaplin durò fino al 1940 e terminò con l’uscita del film “Il grande dittatore”, film-parodia sul Nazismo. Vincenzo Pelliccione smise i panni di Charlot, ma non lasciò quel mondo dorato e amato di Hollywood. Si riciclò come tecnico delle luci e esperto di effetti speciali, inventando diverse macchine per i set e collaborando a kolossal come “Ventimila leghe sotto i mari” (che vinse il premio Oscar proprio per gli effetti speciali nel 1955), “Ben Hur” e “Cleopatra” e dando un notevole apporto a film rimasti memorabili, fra cui “Il figlio dello Sceicco” con Rodolfo Valentino.

Riuscì a conoscere e a collaborare con le sue dive preferite: Marilyn Monroe, Liz Taylor e Anna Magnani durante la lavorazione del film “La Rosa Tatuata” (per il quale l'attrice italiana vinse l'Oscar e il Golden Globe come miglior attrice). Nel 1968 tornò definitivamente in Italia e collaborò a lungo con il produttore Dino De Laurentiis, sempre come esperto di effetti speciali e a Roma girava con un cocker nero ammaestrato che gli portava il giornale quando faceva colazione al bar. Morì il 20 giugno 1978, a 84 anni, sei mesi dopo la scomparsa di Charlie Chaplin, il suo idolo, il suo mentore.

Le sue spoglie riposano nel cimitero del suo paese d'origine, nella Marsica.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.