BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CENTRO RACCOLTA RIFIUTI DI ARSOLI | L'AMMINISTRAZIONE CAUCCI INCASSA IL NO DELLA SOPRINTENDENZA: Redazione- Dal Comitato Civico " Arsoli Libera" , riceviamo ed integralmente pubblichiamo il seguente comunicato :<< Finalmente la pessima idea di realizzare un Centro Raccolta Rifiuti in Via Aprutina è ormai naufragata.Il parere negativo della Soprintendenza è chiaro e inesorabile, e LA LUNA CELATA | DOPO LA TERAPIA DEL COVID, ECCO I MIEI SECONDI 40 ANNI: Redazione- Un mese di terapia intensiva a causa del Covid all’ospedale “Cardarelli” di Napoli. Un viaggio all’inferno, senza l’aiuto di Virgilio, ma con la forza dell’amore, la vicinanza di Wanda, sua musa ispiratrice, e la volontà di completare un libro XXII EDIZIONE DEL PREMIO MASSIMO TROISI: Tra gli ospiti in programma  Ezio Greggio, Ale e Franz, Gigi Finizio, Sandra Milo, Nathaly Caldonazzo, Ebbanesis, Super4 e Vincenzo De Lucia. Conduce le serate Titta Masi.  Redazione- La XXII edizione del Premio dedicato al grande attore sangiorgese è organizzata e promossa dalla Città di San Giorgio a Cremano (Na) e CONFERENZE SUL FUTUTO ALLA FESTA DELL'UNITA' A PESCARA: Redazione- Si apre domani mercoledì 6 luglio nella cornice della Festa Unità a Pescara, alle 21 all’Auditorium Cerulli, il ciclo “Conferenze sul futuro” promosso dal Comitato per le Idee del Partito Democratico abruzzese.“Abbiamo voluto dedicare questa prima conferenza alla dolorosa ROCCA SAN GIOVANNI PRESENTA IL CALENDARIO DEGLI EVENTI ESTIVI: Tanti eventi di musica, cultura, sport ed enogastronomia per tutte le età Redazione –  Musica, cultura, enogastronomia, sport e teatro per gli eventi estivi a Rocca San Giovanni. Un ricco calendario di iniziative, a partire da domani, che coinvolgeranno il centro DALL’ECCELLENZA CULINARIA ALLO SVILUPPO DEL TERRITORIO | LA PATATA DEL FUCINO IGP PROTAGONISTA DEL CONVEGNO PROMOSSO DALL’AMPP: Anteprima dei risultati che presto porteranno all’innovazione del prodotto. Redazione- La patata del Fucino IGP torna sotto i riflettori con il Convegno “Dall’eccellenza culinaria allo sviluppo del territorio”, organizzato dall’AMPP, Associazione Marsicana Produttori Patate, in collaborazione con l’Accademia Italiana della Cucina, LE VACANZE LUCHESI ACCENDONO L'ESTATE | DUE MESI DI ARTE, CULTURA ED EVENTI SPECIALI: Redazione- Grande musica, teatro, spazi letterari, sport, iniziative speciali, itinerari nel gusto: tutto pronto a Luco dei Marsi per il nuovo appuntamento con le "Vacanze luchesi", l’atteso cartellone degli eventi estivi giunto quest'anno alla quinta edizione. Nel programma, pensato in LAZIO YOUTH CARD | UNA ESTATE A PORTATA DI APP: Un’estate a portata di app: fino al 30 settembre per gli Under30 ingressi gratuiti per oltre 100 concerti, 10.000 buoni libro e biglietti per viaggiare gratis nel Lazio fra cultura, natura, mostre, relax alle terme e molto altro con LAZIO I PAPI E CELESTINO V | IN VIAGGIO VERSO LA TERRA DI ORIGINE: Redazione- Un lungo viaggio per raggiungere Sant’Angelo d’Alife, in una rovente domenica di luglio, Comune in provincia di Caserta di circa duemila abitanti gemellato con L’Aquila che vanta i natali di Celestino V, per l’evento eccezionale dell’anteprima assoluta del libro PAGINE D'ARPA | A PESCARA ARRIVA IL MAESTRO DAVIDE BURANI: Evento realizzato dall’Accademia musicale OSA, appuntamento sabato 9 luglio alle ore 21 all’Auditorium Cerulli la Casa delle Arti Redazione- L’Accademia musicale OSA (Officina Scuola Arte), apre la stagione estiva del ciclo di incontri culturali Addetti ai Lavori 2022 con un grande

ARMANDO IADELUCA| INTERVISTA A MAJA HERMAN SEKULIC

Il Grande Progetto Il Grande Progetto
Redazione- Una interessante intervista realizzata da Armando Iadeluca alla scrittrice MAJA HERMAN SEKULI.<<
1- Cara Maja, raccontaci qualcosa della tua infanzia: luoghi, famiglia, ecc.
Sono nata a Belgrado in una famiglia di intellettuali, aristocratici e rivoluzionari pazzi e ho studiato e vissuto in tutto il mondo sin dalla tenera età di 13 anni. Ho vissuto per quasi un decennio negli anni '90 in 3 indirizzi e nei 3 continenti tra Bangkok, Belgrado e New York. Ho conseguito il dottorato di ricerca in Letterature comparate presso la prestigiosa Ivy League Princeton University e ora trascorro il mio tempo tra New York e Belgrado.
2- Quando hai iniziato a scrivere? 
Ho scritto e autoprodotto il mio primo romanzo "Voyage to Saturn" alla tenera età di 12 anni, ho ottenuto il mio primo tesserino da giornalista all'età di 14 anni e ho iniziato a pubblicare le prime traduzioni letterarie e le prime poesie come studentessa universitaria in riviste letterarie molto serie.
3- Chi è stato il tuo Mentore? 
Non sono mai stata particolarmente incoraggiata a diventare una poetessa, ma sono stata sempre incoraggiato a fare quello che volevo. In effetti fin dall'età di 12 anni tutti nella mia famiglia, incluso mio nonno che era un famoso pittore del circolo di Monaco, erano sicuri che avrei studiato arte perché stavo ricevendo i più prestigiosi riconoscimenti per bambini per i miei dipinti, ma ha anche detto "lascia vediamo cosa succederà dopo la pubertà" e aveva ragione io mi sono dedicata sempre di più alla scrittura dopo il (già citato) mio primo "romanzo" ma non ho mai perso l'interesse per le arti visive. 
Ho appena finito un romanzo sulla grande pittrice italo-serbo Milena Pavlovic Barilli, che merita di essere un'icona tanto quanto Frida Kahlo, e spero di contribuirvi con il mio libro e la sceneggiatura di un film. Per quanto riguarda i mentori, ho avuto la fortuna sin dalla prima infanzia di conoscere e fare amicizia con alcuni delle più grandi menti e poeti di questo secolo e ho avuto anche qualche grande professore che certamente mi ha arricchito ma non riesco a individuare alcuna figura di particolare autorità . Nella teoria della letteratura penso di considerare Northrop Frye e Harold Bloom come i più rilevanti, ho scritto di loro ed ero anche loro amica, Harold Bloom a un certo punto ha detto che io sono la sua figlia spirituale, nella narrativa moderna ho fatto il dottorato su Joyce, Mann e il modernista russo meno conosciuto Andrei Bely. Dei classici della poesia ho studiato e amo i sonetti di Michelangelo e di Shakespeare, e mi piacciono i racconti di Calvino e di Landolfi. In poesia, amo i poeti serbi Crnjanski e Vasko Popa, che è stata una figura paterna per me, e in inglese tra i classici moderni mi piacciono TS Eliot e Yeats, inoltre adoro i miei amici che non sono più con me, Mark Strand e Joseph Brodsky. Il poeta inglese Richard Berengarten, che ha scritto della mia poesia, ha visto una continuità di Popa nella poesia serba in alcune delle mie poesie che trattano dei miti.
4- Il tuo libro italiano contiene una poesia ispirata alla dea Maja, spiega meglio ai lettori italiani chi era e perché l'hai studiata.
 È la mia lunga poesia sulla "Signora di Vincha", Vinča, che è uno dei più antichi siti archeologici vicino a Belgrado, nel territorio della cosiddetta "Vecchia Europa" ed è dedicata alla dea White, secondo Robert Graves , e la Musa Divina e la Grande Dea, secondo me. Sembra molto probabile che la primissima poetessa, proto poeta e proto artista fosse una signora di Vincha, il primo insediamento urbano come il centro della grande cultura e la lingua proto neolitica europea era appunto quella di Vinchan, datata 5700-4500 a.C. Le ho dato un nome personale alla dea arcaica Maya, Maia, di cui porto il nome, perché nella poesia tutto ciò che è soggettivo diventa oggettivo. Nella mitologia greca è madre di Hermes, anche in sanscrito madre di Buddha e omonima legata alla madre "Majka", "Maja", nonna in serbo, madre in italiano, e tutte le altre lingue indoeuropee.
5- Com'è il tuo rapporto con i lettori italiani? 
Sono molto grata di essere stata premiata come poetessa straniera lo scorso anno a Roma, e spero di avere il miglior rapporto possibile con i lettori italiani grazie alla grande traduzione delle mie poesie fatta dalla mia cara collega poetessa Claudia Piccinno e alla bellissima prefazione del venerabile Dante Maffia, e spero di avere molti futuri incontri con loro. 
Amo la lingua italiana e l'ho studiata un po' all'Università per gli stranieri di Perugia ma non la parlo fluentemente come mio marito che ha studiato architettura al famoso Politecnico di Milano. Spero di avere la possibilità di praticarla di più in futuro!
6- Vivendo tra 2 paesi in questa era pandemica, che idea hai della gestione della crisi dei sistemi sanitari in Serbia e negli Stati Uniti? 
Siamo tutti negli stessi panni, soffriamo la stessa crisi ed è da tempo che nessuno si aspettava una simile catastrofe. Soprattutto l'Italia nella prima ondata ha reagito con ardore, stavamo tutti ammirando le persone che cantavano sui loro balconi. Successivamente si è trasferito a New York ma non ho assistito al peggio. I sistemi sanitari ovunque hanno fallito per lo più perché il Covid-19 era così inaspettato, ma ormai siamo tutti abituati a convivere coni dispositivi di sicurezza e con più restrizioni che solo un anno fa non avremmo mai potuto

immaginare>>.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.