BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'INFERNO E' SCESO IN ABRUZZO BRUCIA MEZZA REGIONE: Una giornata per la nostra regione da dimeticare, afferrata da ogni dove da incendi, sfollamenti e tanta paura.  La Costa dei Trabocchi è sotto l’attacco del fuoco, completamente bruciata la pinetina di Vallevò storico polmone verde sul mare che sovrasta l’omonimo CARSOLI - DOPO GIORNI SENZA POSITIVI TORNA UNA SEGNALAZIONE DI POSITIVITA': L'ASL ha comunicato al Sindaco elia Nazzarro, la positività di un cittadino Crseolano, si tratta di una persona non vaccinata, che in qesto moment si trova in isolamento fiduciario presso la propria abitazione.  CARSOLI- GRANDE SUCCESSO PER IL PRIMO RADUNO REGIONALE VESPA:  Una domenica all'insegna della Vespa, quella appena trascorsa a Carsoli, e tutto grazie al VESPA CLUB CARSOLI, e al suo presidente Fulvio De Santis. Una splendita manifestazione, ce ha portato nel borgo di Carsoli tantissime Vespa, recenti e datate, ma INCENDI, PD| PREOCCUPAZIONE, IMPEGNO MASSIMO E COESIONE NECESSARIA: Redazione- “Il Partito Democratico regionale esprime sconcerto e preoccupazione per la gravità dell’emergenza che stanno affrontando diversi territori, a cominciare dalla città di Pescara, a causa degli incendi che si sono sviluppati nella giornata di oggi”: lo dichiarano Michele Fina ARICCIA| FANTASTICHE VISIONI: Redazione- Palazzo Chigi di Ariccia (RM) ospita fino al 13 agosto Fantastiche Visioni, un’occasione per rivivere le bellezze architettoniche seicentesche, che incontrano quelle letterarie dell’Italia rinascimentale, la musica popolare e un ironico salto negli Anni Ottanta. Tutto questo attraverso un SOLIDARIETA' AL PROF. GRAVELLI, CAVALIERE AL MERITO DELLA REPUBBLICA: Redazione- “E' paradossale che da Galileo a Semmelweis la storia delle inutili repressioni del pensiero scientifico non abbia insegnato la prudenza alle autorita' decisionali” "Siamo pertanto completamente solidali con il il Prof. Garavelli, minacciato di provedimenti disciplinari per aver osato esprimere, pur in NELLA CHIESA DI SAN GIOVANNI AD AVEZZANO LE SPOGLIE MORTALI DELLA SERVA DI DIO MADRE MARIA TERESA CUCCHIARI: Redazione- Si è tenutai, 31 luglio, alle 10.30, nella chiesa di San Giovanni ad Avezzano, la solenne Celebrazione Eucaristica, presieduta dal Monsignor Pietro Santoro, dedicata alla Serva di Dio Madre Teresa Cucchiari, fondatrice, nel 1762, dell'istituto religioso femminile delle Suore NASCE SPAZIO TEVERE POINT: Redazione-  il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha inaugurato il Centro di Sosta Tevere Point, uno spazio gestito da Under35 volto ad agevolare la fruizione della Valle del Tevere e a consolidare il percorso ciclopedonale tra la Riserva Regionale TIQ | TEATRO IN QUOTA 2021 IL LINGUAGGIO PRESENTE (10 - 23 AGOSTO 2021): Redazione- Linguaggio: In senso ampio, la capacità e la facoltà, peculiare degli esseri umani, di comunicare pensieri, esprimere sentimenti, e in genere di informare altri esseri sulla propria realtà interiore o sulla realtà esterna, per mezzo di un sistema di MANTOVANELLI | PITTORE E SCENOGRAFO VENETO A L’AQUILA (1951-1981): Redazione- Neanche i tanti rinvii provocati dal Covid-19 sono riusciti a spegnere gli entusiasmi e a frenare le iniziative della One Gallery, che giovedì 5 agosto alle ore 17:30 riapre le sue porte a L’Aquila - Via Roma 67 con

MANOVRA FINANZIARIA 2019 BOCCIATA DALL'EUROPA: L'ITALIA ABBIA IL CORAGGIO DI RIPRENDERSI SOVRANITA' E LIBERTA'

In evidenza Sovranità Italiana Sovranità Italiana

Redazione-Non possiamo certo parlare di una guerra combattuta con eserciti e armi convenzionali. Ma è certo una guerra quella scoppiata tra l’Italia e l’Unione Europea, impersonata dalla Commissione Europea, che oggi (senza grandi sorprese in verità) ha bocciato la manovra italiana; fatto mai accaduto, che ci umilia come popolo e come Stato sovrano. Un evento a suo modo storico che ci pone davanti a due strade: “obbedire” all’euroburocrazia e correggere la manovra secondo i loro desiderata, oppure proseguire sulla strada delle politiche di crescita, che necessariamente richiedono maggiore deficit, fino al limite di considerare seriamente l’uscita dall’eurozona onde ripristinare, peraltro, la piena legalità costituzionale.

Non esistono terze vie. E non è contemplata da un punto di vista sovranista e populista l’idea di un cedimento su tutta la linea. Questa scelta o comunque qualsiasi cedimento, anche il più piccolo, verrebbe visto come una capitolazione e avrebbe un impatto negativo sulla fiducia della maggioranza degli italiani che su questo Governo hanno riposto grandi speranze, smorzando l’ondata sovranista e probabilmente sterilizzandola del tutto. Ed è ciò che oggi non possiamo permetterci. Un segno di debolezza sarebbe la vittoria dell’eurobucrazia e di chi c’è dietro: il potere franco-tedesco. E non è un caso che qualcuno già inizi a invocare i mercati, lo spread e dunque il possibile fallimento del sistema bancario, per piegarci e magari imporci un inasprimento delle politiche di austerità.

Dunque il Governo dovrà scegliere e dovrà scegliere in fretta e bene: o stare con gli italiani e riaffermare che la sovranità appartiene al popolo, come del resto sancisce la nostra carta Costituzionale; oppure certificare definitivamente che la sovranità è perduta e che appartiene agli euroburocrati, a Berlino e Parigi e che noi si deve sottostare alle assurde regole eurocratiche che impongono rigore anche quando il rigore uccide.

Deve essere chiaro però un concetto, che io pongo all’attenzione del Governo: qualsiasi cosa esso dovrà decidere o deciderà, dovrà tenere presente che la permanenza nell’euro sta creando lesioni importanti e profonde alla nostra economia e alla nostra società, a tutto vantaggio delle economie nordiche e in particolar modo di quella tedesca, che oggi, come ieri, non ha nessun interesse a che l’Italia esca dalla moneta unica, poiché una sua uscita farebbe crollare l’impero economico che la Germania si è cucita addossa da circa un ventennio. Il nostro popolo, per contro, non può sopportare ulteriormente politiche di austerità che deprimono la crescita ed erodono il risparmio privato. Dunque qualsiasi cedimento avrebbe come unico risultato un ritorno virulento dell’eurismo.

Una sconfitta su tutta la linea.

Fonte:stopeuro.news

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.