BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
RAI - ALESSANDRO GRECO TORNA A CONDURRE, UNOMATTINA ESTATE: Alessandro Greco sarebbe pronto a ritornare su Rai1 alla guida di uno dei programmi estivi più seguiti dal pubblico italiano: Unomattina estate che aprirà i battenti il prossimo 3 giugno. L'indiscrezione arriva da TvBlog. La madre di Alessandro Greco, di ROMA - PAPA FRANCESCO IN VISITA A SORPRESA AD UNA PARROCCHIA DELLA BORGHESIANA: “Segreto quasi mantenuto”. Così papa Francesco ha commentato la sua visita a sorpresa, questo pomeriggio, a una parrocchia della periferia romana, San Giovanni Maria Vianney del quartiere Borghesiana, dove si è intrattenuto per un’ora con quasi 200 bambini del catechismo. GIULIANOVA - RINVENUTA NAVE ROMANA CON IL SUO CARICO AL LARGO: Una notizia fantastica, quella che ci arriva da Giulianova, infatti sembra eser stata seganalata al largo di Giulianova la presenza di una nave romana con il suo carico.la nave trasportava un carico considerevole di anfore, di cui alcune furono recuperate SANTE MARIE - ORSO GOLOSO DISTRUGGE APIARI: Con una nota, il Comune ha segnalato l'incursione di un Orso Marsicano, nel territorio di Sante Marie, in un campo dove c’erano delle arnie distruggendo i favi e disperdendo le api. Con l'improvviso alzamento delle temperature, ed il brusco calo EMISSIONE FRANCOBOLLO VESPA CLUB: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 20 aprile 2024 viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato al Vespa Club d’Italia, relativo al - LE ESPERIENZE DEL PICCOLO OCTO- | QUEL POLPO CHE INSEGNA LA DIVERSITÀ A GRANDI E BAMBINI: Redazione-  E’ un piccolo polpo grigiastro, molliccio e appiccicoso, con i suoi otto tentacoli e un gran testone, il protagonista del libro di Giovanna Candiani, dal titolo “Le esperienze del piccolo Octo”, edito da Aletti. “Una nuova amica” è il TAVOLA ROTONDA - A PROPOSITO DEL GRUPPO 70: CODICI, PAROLE, INTERAZIONI | GALLERIA D’ARTE MODERNA, MARTEDÌ 23 APRILE: Redazione-  Nell'ambito della mostra «La poesia ti guarda». Omaggio al Gruppo70 (1963-2023), a cura di Daniela Vasta, in corso alla Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale, il museo propone ai visitatori, martedì 23 aprile ore 18.00, una tavola rotonda di LA LETTURA CONTRO L'ATTESA, A FRANCAVILLA LA TUA COLLABORA CON "LIBRIDINE": Redazione-  C'è sempre più la necessità per le storie di essere trasversali, di abitare nei libri e non solo. Sempre più assistiamo a nuove modalità di fruizione delle storie, basti pensare agli audiolibri o al kindle. Alla luce di ciò, POSTE ITALIANE: MORINO, L’UFFICIO POSTALE SI PREPARA AD ACCOGLIERE I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Redazione-  Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Morino da oggi, venerdì 19 aprile, è interessato da interventi di ammodernamento per migliorare la qualità dei servizi e dell’accoglienza. La sede infatti è inserita nell’ambito di “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, POSTE ITALIANE: NELLA GIORNATA CELEBRATIVA DEL 90° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ REALIZZATI UN ANNULLO SPECIALE E UNA: Redazione-  In occasione del 90° Anniversario della Fondazione dell’Istituto Superiore di Sanità, domani sabato 20 aprile, presso il Palazzo di viale Regina Elena a Roma si svolgerà una manifestazione celebrativa alla quale parteciperà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Poste Italiane

LUCI E COLORI FILTRATI | MOSTRA PERSONALE DI NICOLA FURLAN

In evidenza L'Anima del Tintoretto L'Anima del Tintoretto

Redazione- Inaugura venerdì 2 settembre, alle 18.30, a Casa dei Carraresi di Treviso la mostra personale di Nicola Furlan “Luci e Colori filtrati”, a cura di Elena Petras Duleba, Art Manager e Gallerista della D’E.M. Venice Art Gallery. La presentazione è a cura degli storici e critici d’arte Siro Perin e Lorenzo Renzulli.

Nicola Furlan, artista veneziano, si connota per un percorso artistico permeato di memorie tradotte nelle sue tele in chiave astratta. Ogni opera è la narrazione di un ricordo che arriva a celare dietro un velo, caricandolo della simbologia di un momento che appartiene a un tempo lontano, ma che ancora oggi suscita in lui il fremito di emozioni mai davvero sopite o obliate.

La sua originale tecnica si impregna di un sapore filosofico, andando a coinvolgere antiche teorie ascetiche che guardano all’arte come a un mezzo che conduce alla libertà. Un astrattismo che possiamo definire libero e sentimentale, dove fondamentale è il ruolo delle emozioni e dei ricordi, che si esprime attraverso un uso attento della tavolozza, raggiungendo un cromatismo equilibrato.

Per Schopenhauer il velo di Maya rappresenta ciò che nasconde la realtà delle cose del mondo, Per Furlan è un filtro che sbiadisce, ma in qualche modo al contempo ingentilisce i ricordi di una vita lunga, intensa e piena di esperienze.

Sempre attenta la sua scelta di colori, distribuiti con maestria sul supporto per dare vita a una composizione equilibrata e gradevole, parzialmente coperta o se si vuole attenuata o offuscata da quel velo, che in realtà la valorizza ulteriormente.


Le forme che utilizza, sono semplici e possono ricordare singole pennellate osservate come attraverso una lente d’ingrandimento. L’insieme della composizione è caratterizzato dalla disposizione dei singoli elementi, con una resa di eccezionale precisione, intensità cromatica e di notevole dinamismo.

Spesso le opere astratte hanno titoli ermetici, generici, anonimi, vengono magari semplicemente numerate, le opere di Nicola Furlan hanno un approccio decisamente differente. Ognuna fa riferimento a un ricordo, ha quindi un suo titolo preciso: “Laguna in Secca”, “Brose”, “Bosco”, “Materia Grigia”, “La Pala d’oro”, “Nel mio giardino”, “Terra viva”, “Fondotinta”, “Con Paolo Veronese”, “Ricami di mia madre”, ecc. Ognuna è una storia che l’artista ci racconta.

Dietro a questi e altri titoli ci sono opere che rimandano a ricordi d’infanzia, a fonti di ispirazione artistica, a incontri ed esperienze di vita quotidiana, magari anche banali, ma fissate in un ricordo e poi in un’opera.

Ad emergere è un senso di intimità e non comune profondità. Non c’è solo una componente decorativa pur rilevante, ma pensieri alti che si concedono alla nostra vista solo attraverso il diaframma di un velo di lino, sotto al quale ci è permesso solo intravedere un segreto che viene custodito nella memoria dell’autore e che lui solo parzialmente decide di rivelarci e raccontarci, a suo modo.

“Nicola Furlan è a pieno titolo un pittore veneziano, ma è anche un artista contemporaneo sofisticato – afferma Elena Petras Duleba, gallerista della D'E.M. Venice Art Gallery e curatrice della mostra – La sua tecnica unica crea uno speciale effetto di armonia e uniformità, su superfici vibranti e vive. L’insieme della composizione è caratterizzata da una disposizione di forme individualmente semplici e ricche di movimento, dall’eccezionale   intensità   cromatica.
Nelle sue opere si nota l'insistenza sul concetto di duplicità: simbolo di Luce in movimento, in cui si fondono la natura umana con i suoi pensieri e il Divino senso di espandere Luce, in raggi lucenti che si muovono in armonia verso un infinito di sogni e fantasie dell’artista. Le cose allo stesso tempo sono e non sono ciò che sembrano appartengono a una classificazione reale, mentre si assumono in senso figurato d’Arte".

La mostra sarà aperta fino al 22 settembre 2022, tutti i giorni dalle 15 alle 19.

D’E.M. Venice Art Gallery 
Via Cappuccina, 15 
30172 Mestre (Ve)
www.demveniecartgallery.com  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel. 388 8530870

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.