BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ANTICOLI CORRADO - LA TENACIA, DI RIPRENDERE LA PROPRIA PASSIONE, QUESTA E' LA DIPLOMANDA ELEONORA POMPEI DELLA THE SOUL: Il percorso della danza, è un mondo incantato, dove i sacrifici abbracciano la gioia, la passione, e a volte la vita ci fa perdere la propria strada. Oggi, arriva per l'allieva ELEONORA POMPEI della THE SOUL FLIES ACCADEMY DANCE di ROVIANO - GRINTA, SACRIFICIO, PIANTO, TUTTI GLI INGREDIENTI DELLA DIPLOMANDA GIULIA DI FABIO ALLA THE SOUL FLIES ACCADEMY DANCE DI: Nulla arriva senza sacrificio, senza soffrire, ridere, piangere. Nelle ore di danza, si vede il pianto, la gioia, gli alti e spesso i bassi, dove ogni attimo sembra correre, e a volte sembra fermarsi in un silenzio. Ma giorno dopo CARSOLI - ALLA THE SOUL FLIES ACCADEMY DANCE ENCOMIO PER LA DIPLOMANDA ARIANNA DI CASIMIRO: Una giornata piena di emozioni, alla scuola di danza in stile accademico THE SOUL FLIES ACCADEMY DANCE di Carsoli, dove si sono svolti gli esami di fine anno accademico 2023/2024. Tra gli allievi, tre sono le ragazze diplomande, e tra POZZUOLI - DOPO LA FORTE SCOSSA DI TERREMOTO IN SERATA IM MIGLIAIA IN STRADA PER LA NOTTE: In serata una forte scossa, di 4.4, ha veramente messo paira alla popolazione di Pozzuoli. In Milgiaia in strada, con la paura che si evidenziava senza chiedere nulla, molte le scene di ansia ed isterismo, causato da uno sciame sismico ULTIM'ORA CAMPLI FLEGREI - IN SERATA FORTE SCOSSA DI TERREMOTO 4.4, LA PIU' FORTE DEGLI ULTIMI QUARANTA ANNI: Non si placa la sciame sismico nella zona dei Campli Flegrei, ed in serata una delle scosse piu' forti. Ai Campi Flegrei è in corso uno sciame sismico, non ancora concluso, che ha fatto registrare oltre 20 terremoti nell'arco di CARSOLI - SI E' CONCLUSO IL PROGETTO DELLA CRI " DIARIO DELLA GENTILEZZA ": A Dicembre la CRI di Carsoli, aveva attuato il progetto DIARIO DELLA GENTILEZZA, consegnando dei Diari, in cui i ragazzi della 3 elementare delle scuole di Carsoli, Oricola, Pereto e Rocca di Botte avrebbero dovuto scrivere ogni giorno un gesto TAGLIACOZZO - SCIENZIATI DA TUTTO IL MONDO PER IL CONVEGNO INTERNAZIONALE SULL'EPILESSIA: Oltre sessanta persone tra medici, scienziati e ricercatori nel campo della neurologia sono a convegno da oggi, lunedì 20 maggio, fino al prossimo sabato 25, a Tagliacozzo. “International residential course on drug resistant epilepsies” è il nome di questo importante evento SARDEGNA IN TAVOLA - LASAGNA DI PANE CARASAU: Le lasagne di pane carasau sono un primo piatto ricco e gustoso, che ben si presta ad essere servito anche come piatto unico. Le lasagne di pane carasau sono una ricetta davvero originale: scoprirete che le classiche lasagne di pasta possono CARSOLI - LA ISON VOLLEY VINCE IL CAMPIONATO FEMMINILE DI PALLAVOLO: Un grande traguardo per le ragazze del Presidente Cimei, ed un garnde encomio per tutta la popolazione. La Ison Volley Carsoli vince il campionato di II Divisione Femminile del C.T. di Roma e passa in Prima Divisione. Un grande gruppo, TUFO DI CARSOLI - L'INTONACO ICONA DEL PAESE, STORIA DEL MAESTRO ALBERTO MANZI: Per chi non lo conoscesse Alberto Manzi è stato, negli anni cinquanta, un famoso maestro che nei primi anni della televisione, attraverso un famoso programma “Non è mai troppo tardi” insegnò a molti adulti, reduci dalla guerra e in gran

ROMA, DALL'11 MARZO AL MUSEO DELLE MURA LA MOSTRA FOTOGRAFICA BOCHOTEI

In evidenza Una foto della mostra Una foto della mostra

Redazione- La mostra  fotografica “Bōchōtei – Vite all’ombra del muro. Enrico Graziani”, ospitata a Roma nella suggestiva cornice del Museo delle Mura dall’11 marzo al 14 maggio 2023, è il risultato di un reportage realizzato da Enrico Graziani, fisico delle particelle di professione e fotografo per passione, nel Giappone nord-orientale. Il tema del reportage è incentrato sulle conseguenze della costruzione di possenti muri di protezione da tsunami, con lo sguardo rivolto soprattutto all’impatto architettonico e sociale e alla vita quotidiana degli abitanti.

La mostra, promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, è a cura di Enrico Graziani e Zhanna Stankovych e sarà inaugurata sabato 11 marzo alle ore 17:30.

Dodici anni fa, l’11 marzo 2011, la regione del Tohoku fu investita dai più violenti terremoto e tsunami mai registrati in Giappone. Per ovvi motivi il paesaggio - umano e naturale - delle zone colpite dall’evento è da allora profondamente mutato.

Oggi, c’è un elemento che rischia di cambiarlo ulteriormente in maniera forse irreversibile. Il Giappone sta investendo cifre colossali nella costruzione di muri di protezione da tsunami lungo le coste del Tohoku. C’è una parola giapponese, bōchōtei per l’appunto, che identifica questi muri. Bōchōtei porta etimologicamente con sé un senso di protezione, dal mare. Ed è proprio questa la critica principale che le popolazioni locali, pescatori, navigatori, allevatori di ostriche, consumatori di sushi, muovono al progetto: distacco dal mare, senso di reclusione, danni per il turismo, distruzione di spiagge e ambienti umidi.

Scarse le voci in favore: salvataggio di vite umane, ovviamente, e poi protezione di attività commerciali, porti, infrastrutture, stabilimenti di lavorazione del pesce.

Attraverso le fotografie esposte in mostra, Enrico Graziani invita a riflettere sulla possibilità e/o necessità di essere consensualmente separati dal mare, per esserne protetti. E, se la vita sotto il muro è non-vita, anzi spesso non ce n’è affatto, allora potrebbe essere opportuno fare un salto con l’immaginazione ed evadere dalla realtà per perdersi nell’infinito, oltre i muri.

Il progetto

La mostra

La data di apertura di “Bōchōtei – Vite all’ombra del muro. Enrico Graziani” coincide con l’anniversario del grande terremoto e del grande tsunami del 2011 e lo spazio museale che la ospita è oltremodo congeniale, avendo sede il Museo delle Mura nella Porta San Sebastiano, una delle più grandi e meglio conservate all'interno delle Mura Aureliane.

La mostra contiene quarantadue fotografie di vario formato, scattate prevalentemente nelle città e nei dintorni di Kesennuma e Rikuzen Takata, ed è tematicamente suddivisa in più categorie.

Una parte è dedicata all’impatto architettonico dei bōchōtei, muri imponenti, di varia dimensione, forma e struttura, che incombono brutalmente sulle vite degli abitanti, con effetti anche spettacolari e talvolta persino estetici.

Un’altra sezione della mostra illustra le attività lavorative a cui la popolazione residente è dedita, con un’economia locale basata quasi interamente sulla pesca e sulla lavorazione del pescato. Particolare importanza assume il porto peschereccio di Kesennuma, uno dei principali del Giappone, distrutto e risorto dallo tsunami. Una serie di fotografie è dedicata alla vita quotidiana degli abitanti di città che hanno vissuto un drammatico tempo zero e sono poi coraggiosamente ripartite.

 

L’Artista

Enrico Graziani, fisico delle particelle di professione, fotografo per passione. Ha lavorato al CERN di Ginevra per gli esperimenti Delphi e Atlas, realizzando la scoperta del bosone di Higgs nel 2012. Dal 2015 frequenta il Giappone, e in particolare il laboratorio KEK a Tsukuba (Ibaraki), ove prende parte all’esperimento Belle II.

Inizialmente scettico sul fascino del Sol Levante, se ne è poi lasciato coinvolgere. “Conosco tre facce del Giappone (il che non esclude che ce ne siano altre a me al momento ignote). Il Giappone di Blade Runner, annidato nelle metropoli, Tokyo in primis. Il Giappone rurale, quello delle risaie, dei cimiteri e delle statue di Buddha e shintoiste in mezzo ai campi, che è quello, sembrerà strano, che frequento di più. E infine il Giappone marittimo, quello delle piccole città affacciate sull’oceano, dove si vive di pesca e dove tutto odora di pesce ed ostriche. Quest’ultimo è, di gran lunga, il mio preferito.”

 

I lavori di Enrico Graziani sono stati esposti in mostre personali:

Les Mots font l’amour - Civitanova Marche

Pantheon – presso il festival Photolux–Lucca, e presso Magazzino 33 - Roma

Bōchōtei – Vite all’ombra del muro – Civitavecchia

in mostre

in mostre collettive al Photolux-Lucca; DIVOC Galleria InCinque – Roma; TAG Tevere Art Gallery – Roma; Parole e Ombre TAG Tevere Art Gallery – Roma; Castello di Santa Severa; San Martino al Cimino; Les Rencontres de la Photographie - Arles (Francia); Arte per la Libertà (in supporto all’Ucraina) - Spazio Veneziano, Roma

e pubblicati sulla Rivista Erodoto108.

 

 

INFORMAZIONI MOSTRA

 

Titolo: “Bōchōtei – Vite all’ombra del muro. Enrico Graziani”

Sede:Roma, Museo delle Mura, Via di Porta San Sebastiano, 18

Periodo: 11 marzo – 14 maggio 2023

A cura di: Enrico Graziani e Zhanna Stankovych

Orario: dal martedì alla domenica ore 9.00-14.00 (chiuso il lunedì);

Ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura.

Giorni di chiusura: 1° gennaio, 1° maggio.

Il camminamento del Museo delle Mura segue gli orari e le modalità di accesso del Museo

Ingresso libero

Per informazioni: Tel. 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00;

https://www.museodellemuraroma.itwww.museiincomune.it; www.zetema.it

Sito Artista: https://www.instagram.com/_enrico.graziani/

 

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.