BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
SANTE MARIE - TEST RAPITI GRATUITI, VENERDI 5 E SABATO 6: Il Comune di Sante Marie ha disposto per Venerdì 5 e sabato 6 marzo in collaborazione con la Protezione Civile comunale di Sante Marie ha organizzato degli screening gratuiti per tutti i residenti Verrà allestito un ambulatorio nella sala don Beniamino dove personale sanitario ABRUZZO - FONDO PERDUTO ASD, DOPO UN MESE DALLE DOMANDE ANCORA NESSUNA RISPOSTA: Sempre piu' nera la situazione per le asd, senza ancora un Ristoro da Gennaio, pur essendo il settore piu' penalizzato con le chiusure.Da alcune segnalazioni, sembra che le asd abruzzesi, che hanno richiesto di concessione di contributi a fondo perduto PREFETTURA DI L'AQUILA| CONTRIBUTO DI CONFCOMMERCIO AL GRUPPO DI LAVORO TEMATICO: Redazione-In qualità di Delegato Confcommercio Sub-Provinciale L’Aquila e Presidente Provinciale FidaConfcommercio (Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione), nel corso della quinta riunione del Gruppo di Lavoro tematico “commercio ed artigianato” costituito per Sua volontà del nell’ambito del “Tavolo di sostegno e rilancio ALBERTO SALERNO| STORIE DI MUSICA: Redazione- Nella puntata che sarà disponibile da venerdì 5 marzo di “Storie di Musica”, Alberto Salerno racconta di Donatella Rettore, con Claudio Rego, musicista, autore, produttore e compagno di vita della cantante. Cosa succede nel momento in cui le storie di vita si intrecciano con COOPERAZIONE PENSIONATI LUCHESE| APERTE LE ISCRIZIONI: Redazione- L'Associazione dei “Pensionati della Cooperazione luchese” riprende le attività e invita tutti i concittadini a iscriversi e a partecipare alle iniziative del Gruppo. L’invito è rivolto non solo ai pensionati, bensì a tutti coloro che, pur non più giovanissimi, IL MONDO DELLE PALESTRE E DELLE SCUOLE DI DANZA SCENDE IN PIAZZA: Redazione- Da Piazza Monte Citorio a Piazza del Popolo per il Popolo di Tutte le Attività Sportive.Il 9 Marzo a Roma in piazza del Popolo, dalle ore 15.00, Gli organizzatori YURI DORIAN GRAY e IMMA SCHETTINO, hanno voluto far sentire VACCINI ABRUZZO - RIAPERTA PIATTAFORMA PER PRENOTAZIONI OVER 80, DIVERSAMENTI ABILI E CATEGORIE FRAGILI: Redazione- L apiattaforma era rimasta attiva per dieci giorni dal 10 Febbraio al 28 Febbraio, raccogliendo di oltre 66mila adesioni.“In seguito alle numerose richieste ricevute in questi giorni, abbiamo deciso di riaprire la piattaforma telematica per le manifestazioni di interesse ABRUZZO - 47 NUOVI POSITIVI, 9 IN MARSICA: Redazione- La ASL 1,nelle ultime 24 ore, ha registrato 47 nuovi positivi, di cui 9 nella Marsica. Dei nuovi contagiati, 4 fanno riferimento al Comune di Avezzano, 2 a Balsorano, 1 a Carsoli, 1 a Magliano de’ Marsi, 1 a Pescina. SENATO - UNA BUSTA CON PROIETTILI RECAPITATA A MATTEO RENZI: Redazione- Una busta, con all’interno due bossoli di proiettile da arma da fuoco. È quanto è stato fatto recapitare al leader di Italia Viva Matteo Renzi nel suo ufficio a Palazzo Madama. La notizia è stata diffusa dalle agenzie di stampa, che hanno appreso il ATTACCO TERRORISTICO IN SVEZIA| UN UOMO HA ACCOLTELLATO OTTO PERSONE: Redazione- Otto persone accoltellate in Svezia. E' successo a Vetlanda, una cittadina di circa 13mila abitanti nel sud del Paese. Secondo quanto riferiscono i media locali un giovane di 20 anni sarebbe stato fermato dalla polizia che nella sparatoria lo

ROCCA DI BOTTE,FERNANDO MARZOLINI SUL SANTO PATRONO PIU' AMATO DAI ROCCATANI:S.PIETRO EREMITA

In evidenza ROCCA DI BOTTE,FERNANDO MARZOLINI SUL SANTO PATRONO PIU' AMATO DAI ROCCATANI:S.PIETRO EREMITA

Rocca di Botte-San Pietro Eremita è il Santo venerato a Rocca di Botte e Trevi nel Lazio.Il 29 Agosto i roccatani si sono recati dai loro "Compari" di Trevi per festeggiare il Comune Patrono e Domenica prossima, 6 Settembre,riceveranno la la visita dei Trebani con la quale si concluderanno i festeggiamenti in onore del Santo.Abbiamo voluto chiedere al Neo Sindaco Fernando Marzolini di parlarci un pò di questo storico personaggio che durante i secoli,ha unito così fortemente queste due Comunità:<<   Rocca di Botte è conosciuta per l'opera di conservazione dell'antico borgo costruito con pietra calcarea del luogo, per la sua antica tradizione religiosa e per l'ambiente decisamente salutare.  Nella parte bassa del paese, cioè nella vallata denominata “Piana del Cavaliere”  si è formato un villaggio, con case e ville di nuova costruzione, che ha contribuito all'aumento della popolazione, che oggi conta circa mille abitanti.Il suo territorio di circa 30 chilometri  quadrati comprende vaste zone boschive e nella zona pianeggiante terreni agricoli ampiamente coltivati.La sua altitudine 750 metri s.l.m. e i suoi collegamenti con l'Autostrada dei Parchi, rendono il paese apprezzato dai villeggianti anche per l'aria e il clima salutare che l'ambiente dei Monti Simbruini può ancora offrire.Sono  notoriamente presenti sia una ricca fauna selvatica, sia una flora endemica particolarmente interessante.Su un monte difronte al paese si trova il santuario della Madonna dei Bisognosi a 1059 metri di altezza, dove si venera un'antica Madonna lignea del 1200 proveniente da Siviglia.Nella chiesa parrocchiale si può ammirare un pulpito antico in marmo di notevole interesse artistico e, nella patria che ha dato i natali al famoso musicista del '700 Bonifacio Graziani, si conserva perfettamente restaurato e funzionante un organo del '600 che rappresenta una rarità su scala nazionale.

A Rocca di Botte si svolgono ogni anno negli ultimi tre giorni di Agosto e otto giorni dopo in Settembre(quest’anno Domenica 6 Settembre) le feste patronali in onore di San Pietro Eremita. San Pietro nacque e visse a Rocca e morì a Trevi nel Lazio. Per l'autorità di Papa Innocenzo III fu proclamato Santo dal Vescovo di Anagni nel 1215. Sono quindi 900 anni a partire dall'anno della canonizzazione(il 1 Ottobre ricorrerà l’anniversario) che si è instaurato un gemellaggio tra Rocca di Botte, il paese dove è nato, e Trevi nel Lazio, il paese dove morì il 30 Agosto a causa di un forte attacco di febbre.

Durante la sua opera di evangelizzazione operò alcuni miracoli: si racconta che fece sgorgare l'acqua dove ancora oggi esiste la “Fonte di San Pietro”, la sorgente dove il Santo fece dissetare un viandante, raggiungibile attraverso un sentiero di  montagna; si dice anche che un ragazzo recuperò l'uso della vista e un altro l'uso delle gambe.

“Le Prese di San Pierto”, un vasto appezzamento di terreno situato nella parte alta del Monte “Cima di Vallevona” (m. 1832), erano il campo dove l'Eremita coltivava il grano ottenendo sempre abbondanti raccolti.

Gli abitanti di Rocca, sin dalle origini uniti nel comparato con quelli di Trevi nel Lazio, considerano così forte il legame che li unisce ai Trebani al punto da assimilarlo a quello che unisce i consanguinei ed è per questo motivo che vengono evitati i matrimoni tra gli abitanti dei due paesi.

Il 29 Agosto iniziano le feste patronali in onore del Santo e nel corso della mattinata il Sindaco e la popolazione di Rocca di Botte si recano a Trevi nel Lazio dove vengono accolti dal Sindaco e dai Trebani al suono di una banda musicale. Si aprono i festeggiamenti con gli spari e seguono la processione con gli stendardi e la statua del Santo e le funzioni religiose.

Il 30 Agosto i Roccatani festeggiano il Santo riunendosi in processione con in  testa il Sindaco e  altre Autorità civili e religiose.

La casa e la cappella con l'altare dove San Pietro officiava la messa rimangono aperte per consentirne la visita e il pellegrinaggio dei fedeli. Alcune donne ripetono il rito della panificazione usando il forno della casa del Santo e offrendo panini ai visitatori.

                Nel mese di settembre si ripete a Rocca di Botte la cerimonia tenutasi a Trevi nel Lazio. Il Sindaco e la popolazione di Rocca accolgono i Trebani al suono della banda musicale con spari e fuochi di artificio. Di sera si riuniscono in  processione in onore del Santo percorrendo le vie del paese con i ceri accesi in  mano.

                Si osserva che, in occasione dei festeggiamenti, anche coloro che per vari motivi sono andati a vivere altrove e persino all'estero sentono il richiamo che esercita su di loro il ricordo e la tradizione delle feste in onore del Santo e accorrono numerosi.

                Il valore dell'unione perpetuatasi tra le due popolazioni per motivi religiosi  crea emotività e larga partecipazione>>.

 

Ultima modifica ilMercoledì, 02 Settembre 2015 21:17

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.