BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
DI GIROLAMO SU VENDITE RECORD DI BICI ANCHE IN ABRUZZO| MERITO DELLA VISIONE POLITICA DEL M5S: Redazione- Gli operatori economici del settore della bicicletta confermano che anche in Abruzzo si registra una forte crescita delle vendite di questo mezzo di trasporto geniale e sostenibile. Le richieste sono letteralmente esplose in concomitanza del tanto attaccato quanto efficace POSTE ITALIANE: IN PROVINCIA DELL’AQUILA LE PENSIONI DI LUGLIO IN PAGAMENTO DAL 25 GIUGNO: Redazione- Poste Italiane comunica che in provincia dell’Aquila le pensioni del mese di luglio verranno accreditate a partire da venerdì 25 giugno per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I INFRASTRUTTURE, LEGA| GRAZIE AL NOSTRO IMPEGNO AL VIA INTERVENTO SU SS.80 DEL GRAN SASSO D'ITALIA: Redazione- “Con la proposta di nomina del commissario Mucilli, l’Abruzzo accelera sull’intervento SS 80 "del Gran Sasso d'Italia" - Tratta stradale Teramo - Mare: variante alla SS 80 dalla A14 (Mosciano S. Angelo) alla SS16.Ingegnere e dirigente ANAS, Mucilli è AIELLI: DOMANI LA PRESENTAZIONE DELLA CARTOLINA FILATELICA: Redazione- Poste Italiane partecipa alla inaugurazione del murale dedicato a Dante Alighieri, in programma ad Aielli domani, giovedì 24 giugno.Nell’ambito dell’evento, sarà infatti presentata la cartolina dedicata al piccolo comune marsicano, insieme all’annullo filatelico realizzato per l’occasione. Poste Italiane attiverà DA L'AQUILA PARTONO I - MESSAGGERRI D'ABRUZZO NEL MONDO-: Il libro di Dom Serafini sarà presentato il 9 Luglio 2021, ore 18, presso il GSSI Redazione- É vero, all’estero pochi sanno dove si trova l'Abruzzo, ma tutti conoscono L'Aquila, sia per il fatto che d'inverno è la cittá piú fredda POSTE ITALIANE| AL VIA L’HUB PER L’E-COMMERCE PIU’ GRANDE D’ITALIA: Redazione- Poste Italiane inaugura a Landriano (Pavia) il più grande hub d’Italia per l’e-Commerce e i servizi di corriere espresso. L’impianto sorge su una superficie totale di 80 mila metri quadrati, pari a 5 volte Piazza del Duomo a Milano, CONTINUA L'AVVENTURA-COMING & SONGS- DI MAURIZIO FERRANDINI:   Il rocker sanremese propone il videoclip a fumetti «Destinazione America » Redazione- Il 7 giugno è comparso on line "Destinazione America", il secondo singolo tratto dal disco IO NON C'ENTRO COL ROCK di Maurizio Ferrandini che, come un vero e proprio inno di resistenza APPALTI| OLTRE 80MILA LAVORATORI IN ABRUZZO CON PIU' TUTELE E DIRITTI: Redazione- “Sono oltre 80mila le lavoratrici e i lavoratori che in Abruzzo, su un totale di quattro milioni in tutto il Paese, beneficeranno di maggiori tutele e diritti grazie al lavoro del Partito Democratico nell’ambito del percorso parlamentare del decreto VISITE GUIDATA A CA' SPINEDA: Redazione- Sono aperte le prenotazioni per le prossime viste guidate della nuova ala espositiva di Ca’ Spineda, che accoglie la mostra “Pittori a Treviso e nella Marca tra Otto e Novecento con sguardi a Venezia”. I visitatori potranno accedere anche ai SPADAFORA INCONTRA IL FITNESS: Redazione- E’ stato allo Sport Village Campania, l’ex Ministro alle Politiche giovanili e allo sport, Vincenzo Spadafora, per incontrare chi nel fitness ce la sta mettendo davvero tutta in questa ripartenza, dopo tanti mesi di chiusura.Vincenzo Spadafora è da sempre

CRONACHETTA 5:"STRANI INCONTRI"

In evidenza CRONACHETTA 5:"STRANI INCONTRI"

Oricola-Non partecipo volentieri ad incontri e convegni. Spesso sono una perdita di tempo. A volte, per curiosità o perché invitato, lo faccio. Mal me ne incoglie. Un paio di anni fa, a Pereto, organizzato dall’Università della Terza età, un discendente di eritrei o somali, tenne una conferenza in cui esaltava la guerra fascista e colonialista di Etiopia (1935-1941), condannata dalla Società delle Nazioni, che portò l’Italia sull’ orlo del disastro economico e che fu condotta in modo spietato contro le popolazioni locali con l’uso di gas, di campi di sterminio nel deserto, di impiccagioni pubbliche contro i resistenti che difendevano la loro terra. Invitato, il 7 dicembre, mi trovo nella Sala Comunale di Carsoli dove all’ingresso mi accolgono “soldati” con le uniformi e le bandiere dell’esercito borbonico. Non è dunque un convegno per approfondire il “Brigantaggio meridionale”. In realtà la riunione serviva a presentare il così detto Movimento neo-borbonico, a battezzare il 12° raduno legittimista, ad esporre le idee del comitato delle Due Sicilie, a vendere libri e CD che esaltavano le gesta dei briganti, spesso delinquenti comuni, ex soldati dell’esercito borbonico, sbandati, fatti passare tutti come eroi, mentre Garibaldi è stato chiamato un “pupazzo” in mano ai Savoia e a Cavour. Non entro nel merito di una questione così importante come il brigantaggio meridionale. Voglio contestare in poche righe il concetto di fondo di questi movimenti conservatori, scissionisti e reazionari. Per loro il Nord ha considerato il Sud come terra di occupazione militare e di conquista violenta contro le popolazioni contadine e se questo non ci fosse stato oggi il Sud sarebbe una terra libera, fiorente e ricca. Allora come mai il 95% delle popolazioni meridionali votarono per l’annessione, contribuendo a formare l’Unità d’Italia? Come mai in più riprese, dallo sbarco dei garibaldini in Sicilia, un esercito di 40.000 soldati borbonici, dotati di armi pesanti, furono più volte sconfitti da volontari, male in arnese, provenienti quasi tutti dalle regioni del Nord? Come mai nessun Stato europeo aiutò Franceschiello rinchiuso a Gaeta? Come mai nessuna azione dei briganti, che avevano anche un seguito di massa, si pose il problema di dare la terra ai contadini? Come mai il brigantaggio fu aiutato ed istigato dalla Chiesa, ostile al processo unitario in difesa dei suoi privilegi e fu foraggiato dai grandi latifondisti terrieri? Come mai il “ridente” regno borbonico fu sconfitto in pochi anni e scomparve dalla storia italiana ed europea? Queste ombre che oggi vagano irrequiete si volgono al passato e non guardano al futuro che si chiama Europa, globalizzazione, mondo. La storia non si fa con i se e con i ma. Ben vengano revisionismi, studi, approfondimenti, ma guai a dimenticare che ancora oggi la Nazione italiana deve farsi Stato, deve costruire nelle menti e nei cuori l’idea e l’amore di Patria, deve diventare Una da tanti e non tanti da Una. Ci sono in giro già troppi populismi e fenomeni disgregativi della società per mettercene uno in più. Posso domandare  infine con quale criterio il Comune di Carsoli, espressione dell’Italia unita e repubblicana, ha concesso la Sala comunale e l’Assessore alla cultura ha portato il saluto dell’Amministrazione a questa iniziativa “politica” monarchico-secessionista? Aspetto gentili risposte.

Ultima modifica ilMartedì, 08 Dicembre 2015 19:11

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.