BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
STRAORBINARIO| IL GRAND TOUR DELLE VALLI: Redazione- Un contesto unico e romantico farà da palcoscenico alle storie di personaggi ed eventi che hanno caratterizzato il territorio della Valle Roveto. L’esperienza in treno, con “StraorBinario”, su una antica tratta ferroviaria da Avezzano a Canistro, fino a raggiungere 21 GIUGNO| RIAPRE VILLA CA' ZENOBIO: Redazione- Villa Ca’ Zenobio riapre al pubblico. Lo fa con rinnovati spazi e servizi, che andranno ad arricchire il già pregevole contesto seicentesco di questa dimora storica, che l’estate scorsa è stata palcoscenico delle “Serate in villa”.Dal 21 giugno, a DOMINIO PUBBLICO 2021| LA CITTA' DEGLI UNDER 25: Redazione- Dopo un anno di isolamento forzato, in cui a farne le spese sono stati soprattutto i ragazzi e le ragazze, dal 25 giugno al 4 luglio, la città torna agli Under 25 che, con gioia e orgoglio se ne SALERNO| WEBINAR DELL'ODCEC: Redazione- Approfondire l'impatto degli effetti della pandemia sulla redazione dei bilanci e sull'attività di revisione legale attraverso l’analisi delle disposizioni legislative straordinarie emanate tra il 2020 e il 2021: è l’obiettivo del webinar “La Revisione Legale – La formazione del LUCO DEI MARSI| INAUGURATO IL CENTRO SERVIZI SOCIO- CULTURALI: Redazione- Un assolato pomeriggio ha incorniciato l'inaugurazione del "Centro Servizi Socio Culturali" di Luco dei Marsi, nel convento dei cappuccini. Cultura e bellezza gli ingredienti principali dell'evento, nel corso del quale i presenti hanno potuto apprezzare anche un’interessante selezione di ABRUZZO - DA DOMANI ATTIVA LA PIATTAFORMA PER LE AZIENDE PRODUTTIVE: Redazione- Sarà on line da domani mattina la piattaforma telematica regionale riservata alle aziende produttive che vogliono attivare un punto di vaccinazione straordinario riservato ai dipendenti e ai loro familiari all'interno di proprie strutture.Lo comunica l'Assessorato alla Salute.Per accedere alla ABRUZZO - TORNANO I VOUCHER PER UNIVERSITA' E SPECIALIZZAZIONE: Redazione- Tornano i voucher che finanziano l'alta formazione. Lo annuncia l'assessore regionale alle Politiche formative Pietro Quaresimale dopo la decisione della Giunta regionale che ha stanziato circa un milione di euro da destinare ai voucher di Alta Formazione. "Si tratta TRASACCO - RALLENTA LA CURVA EPIDEMIOLOGICA , LOBENE: CHIUSURA MOSCHEA FINO A FINE MESE: Redazione- Nove positività al Covid-19 negli ultimi giorni e andamento epidemiologico in netto miglioramento. Dopo lo screening gratuito effettuato su tutti i dipendenti delle aziende agricole operanti nel territorio di Trasacco, il sindaco Cesidio Lobene esprime la propria soddisfazione per ABRUZZO - DAL PRIMO LUGLIO VACCINAZIONI ANCHE NELLE FARMACIE, CONFRONTO PER ASTRAZENECA: Redazione- Prenderanno il via il prossimo primo luglio le vaccinazioni anti Covid 19 nelle 225 farmacie abruzzesi che hanno aderito alla campagna.Lo comunica l'assessore alla Salute, Nicoletta Verì, dopo la riunione operativa con le associazioni dei farmacisti che si è WEBINAR| LE LINEE GUIDA DI CONFARTIGIANATO PER LE MICRO E PICCOLE IMPRESE: Redazione- Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento (UE) 2016/679 – GDPR in materia di Privacy, recepito dal D.Lgs. 10 Agosto 2018 n.101, vigente dal 19/09/2018. Le aziende devono, dunque, affrontare il tema della conformità alla nuova normativa

PETROLIO LOW COST, PERCHE' NON BISOGNA ESSERE TROPPO FELICI

In evidenza PETROLIO LOW COST, PERCHE' NON BISOGNA ESSERE TROPPO FELICI

Redazione-Il prezzo del petrolio è crollato del 70% negli ultimi mesi. Dopo anni che è stato venduto a circa 120 dollari il barile, il greggio ha toccato il fondo, arrivando a costare circa 35 dollari il barile.A prima vista, questo può sembrare un motivo di festa. Con un abbassamento del costo del petrolio, costa meno la benzina, i biglietti aerei, le spese di fabbricazione e trasporto di molti prodotti e servizi. Quel poco che si riesce a risparmiare al momento facendo il pieno alla macchina migliora i conti in tasca nell’immediato, ma rischia di passare una salata fattura a lungo andare.

Il precedente

 

Una situazione simile, ma al contrario, era accaduta nel 1974, quando i prezzi del petrolio sono arrivati alle stelle, passando da tre a 12 dollari il barile. I Paesi esportatori di petrolio (Venezuela Arabia Saudita, Iran), membri dell’Opec, sono diventati potenze economiche nel mondo, schiacciando i Paesi importatori (Stati Uniti, Europa), molto indeboliti da questa congiuntura.

Tendenza contraria

 

Oggi la situazione è inversa: i Paesi esportatori di petrolio stanno attraversando una crisi economica senza precedenti nella storia. I fantasmi dell’inflazione, debito pubblico, disoccupazione e recessione economica sono tornati per i Paesi che si alimentano di petrolio. Le spese dello Stato del Venezuela, Russia e Iran, per esempio, sono sostenute principalmente dal reddito petrolifero. Con un barile venduto a poco, molti sussidi sono venuti a meno, provocando caos sociale in molti Paesi.

L’esempio del Venezuela

 

Il Venezuela, per citare l’esempio più drammatico, attraversa una profonda problematica di approvvigionamento di medicine e alimenti. Nel 2005 l’inflazione è stata di 215%. Il Fondo Monetario Internazionale prevede che arriverà al 720% nel 2016. L’influenza regionale del progetto socialista del governo venezuelano, e le alleanze strategiche con altri Paesi come Cuba, è rimasta a secco.

L’effetto sulle Borse

 

Altri che non se la passano bene sono i mercati. Le Borse di tutto il mondo sono in tilt a causa del crollo del petrolio, tra gli altri fattori. Ovviamente, il settore più colpito è quello energetico. Dalla Bp alla Chevron, le imprese multinazionali hanno dovuto tagliare i costi per riequilibrare i bilanci. Le perdite fino ad adesso si calcolano in circa 380 miliardi di dollari.

Paura per la crisi

 

Questo si traduce anche in molti licenziamenti e progetti bloccati. Negli ultimi mesi 35mila Americani hanno perso il posto di lavoro. Stati Uniti, Canada, Angola, Norvegia e Nigeria sono alcuni dei Paesi più preoccupati che la crisi petrolifera diventi una crisi economica.

Aria più inquinata

 

E, finalmente, anche l’aria che respiriamo subisce un duro colpo dalla caduta del prezzo del petrolio. Con il barile più economico, si abbassano i costi della benzina in molti Paesi. Non in Italia (e in Europa in generale), dove le tasse imposte sul carburante hanno mantenuto gli stessi prezzi. Con la benzina leggermente più economica l’uso dell’auto si diffonde, contaminando ancora di più l’ambiente.

Ultima modifica ilLunedì, 21 Marzo 2016 11:01

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.