BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
STRAORBINARIO| IL GRAND TOUR DELLE VALLI: Redazione- Un contesto unico e romantico farà da palcoscenico alle storie di personaggi ed eventi che hanno caratterizzato il territorio della Valle Roveto. L’esperienza in treno, con “StraorBinario”, su una antica tratta ferroviaria da Avezzano a Canistro, fino a raggiungere 21 GIUGNO| RIAPRE VILLA CA' ZENOBIO: Redazione- Villa Ca’ Zenobio riapre al pubblico. Lo fa con rinnovati spazi e servizi, che andranno ad arricchire il già pregevole contesto seicentesco di questa dimora storica, che l’estate scorsa è stata palcoscenico delle “Serate in villa”.Dal 21 giugno, a DOMINIO PUBBLICO 2021| LA CITTA' DEGLI UNDER 25: Redazione- Dopo un anno di isolamento forzato, in cui a farne le spese sono stati soprattutto i ragazzi e le ragazze, dal 25 giugno al 4 luglio, la città torna agli Under 25 che, con gioia e orgoglio se ne SALERNO| WEBINAR DELL'ODCEC: Redazione- Approfondire l'impatto degli effetti della pandemia sulla redazione dei bilanci e sull'attività di revisione legale attraverso l’analisi delle disposizioni legislative straordinarie emanate tra il 2020 e il 2021: è l’obiettivo del webinar “La Revisione Legale – La formazione del LUCO DEI MARSI| INAUGURATO IL CENTRO SERVIZI SOCIO- CULTURALI: Redazione- Un assolato pomeriggio ha incorniciato l'inaugurazione del "Centro Servizi Socio Culturali" di Luco dei Marsi, nel convento dei cappuccini. Cultura e bellezza gli ingredienti principali dell'evento, nel corso del quale i presenti hanno potuto apprezzare anche un’interessante selezione di ABRUZZO - DA DOMANI ATTIVA LA PIATTAFORMA PER LE AZIENDE PRODUTTIVE: Redazione- Sarà on line da domani mattina la piattaforma telematica regionale riservata alle aziende produttive che vogliono attivare un punto di vaccinazione straordinario riservato ai dipendenti e ai loro familiari all'interno di proprie strutture.Lo comunica l'Assessorato alla Salute.Per accedere alla ABRUZZO - TORNANO I VOUCHER PER UNIVERSITA' E SPECIALIZZAZIONE: Redazione- Tornano i voucher che finanziano l'alta formazione. Lo annuncia l'assessore regionale alle Politiche formative Pietro Quaresimale dopo la decisione della Giunta regionale che ha stanziato circa un milione di euro da destinare ai voucher di Alta Formazione. "Si tratta TRASACCO - RALLENTA LA CURVA EPIDEMIOLOGICA , LOBENE: CHIUSURA MOSCHEA FINO A FINE MESE: Redazione- Nove positività al Covid-19 negli ultimi giorni e andamento epidemiologico in netto miglioramento. Dopo lo screening gratuito effettuato su tutti i dipendenti delle aziende agricole operanti nel territorio di Trasacco, il sindaco Cesidio Lobene esprime la propria soddisfazione per ABRUZZO - DAL PRIMO LUGLIO VACCINAZIONI ANCHE NELLE FARMACIE, CONFRONTO PER ASTRAZENECA: Redazione- Prenderanno il via il prossimo primo luglio le vaccinazioni anti Covid 19 nelle 225 farmacie abruzzesi che hanno aderito alla campagna.Lo comunica l'assessore alla Salute, Nicoletta Verì, dopo la riunione operativa con le associazioni dei farmacisti che si è WEBINAR| LE LINEE GUIDA DI CONFARTIGIANATO PER LE MICRO E PICCOLE IMPRESE: Redazione- Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento (UE) 2016/679 – GDPR in materia di Privacy, recepito dal D.Lgs. 10 Agosto 2018 n.101, vigente dal 19/09/2018. Le aziende devono, dunque, affrontare il tema della conformità alla nuova normativa

ITALIA: DUE DECENNI PERSI NELLA CRISI ECONOMICA E PROSPETTIVE AL RIBASSO PER IL 2016

In evidenza ITALIA: DUE DECENNI PERSI NELLA CRISI ECONOMICA E PROSPETTIVE AL RIBASSO PER IL 2016 Fondo Monetario Internazionale

Redazione-Crescita fragile e modesta, taglio delle stime del PIL, fardello pesante di crediti deteriorati, debito troppo alto, disoccupazione persistente, vulnerabilità di bilancio: è questo il triste quadro dell’economia italiana disegnato dal Fondo Monetario Internazionale nel suo report sul Belpaese. Una storia completamente diversa rispetto a quella che il Governo Renzi sta raccontando da qualche mese a son di hashtag #lasvoltabuona e #italiariparte.

Al centro delle preoccupazioni del FMI ci sono, in particolare, due temi: le difficoltà del comparto bancario italiano appensantito da una quantità di crediti deteriorati che non ha eguali tra i colleghi europei e le turbolenze economiche e finanziarie legate al referendum inglese che ha decretato l’uscita del Regno Unito dall’Unione.

Secondo il FMI l’Italia non tornerà ai livelli pre-crisi prima della metà degli anni 2020: ciò significa che la crisi economica del 2007 ha comportato per il Belpaese quasi due decenni di crisi economica, “due decenni perduti, un crescente divario di reddito con i partner della zona euro, e un lungo periodo di vulnerabilità di bilancio”. Questa è l’eredità lasciato dallo scoppio della bolla immobiliare e dal crollo della Lehman Brothers negli Stati Uniti.

 

FMI taglia le stime del PIL

La crescita italiana resterà sotto l’1% ancora per un paio d’anni: altro che svolta buona, il Balpaese continua ad andare a rilento superato a destra dagli altri membri dell’UE.

Il Fondo americano ha tagliato le stime sulla crescita dell’Italia: ad aprile stimava una crescita pari all’1% per il 2016 e all’1,25% per il 2017; mentre adesso vede un PIL ancora sotto l’1% nell’anno in corso e intorno all’1% nel 2017. Ma il vero problema è che anche questo scenario presenta rischi al ribasso. Ciò significa che per centrare queste stime, ben più basse di quelle fatte qualche mese fa e di quelle ottimiste del Governo, tutto dovrà andare per il meglio.

Rischi per l’Italia

I fattori di rischio che il FMI vede all’orizzonte non sono cose di poco conto. Al primo soffio di vento contro l’economia italiana anche le stime al ribasso sul PIL del Belpaese potrebbero diventare irraggiungibili. L’andamento dell’economia globale resta zoppicante, l’eurozona è alle prese con sfide importanti come l’immigrazione e la condizione della Grecia, per non parlare dei problemi per la realizzazione dell’Unione bancaria con Germania e Olanda in testa contrari alla condivisione dei rischi. Ma i due fattori che maggiormente possono mettere il crisi l’Italia sono le conseguenze della Brexit in campo economico e finanziario europeo e la situazione delle banche italiane.

Il FMI vede la situazione così complessa da invitare l’Italia e l’UE a considerare l’intervento dello Stato nel salvataggio delle banche più in difficoltà. Sottolinea, infatti, che la direttiva europea sulle risoluzioni bancarie, la BRRD, prevede una certa flessibilità: in caso di rischio sistemico la direttiva prevede la possibilità di utilizzare una “ricapitalizzazione precauzionale” per mettere al riparo le banche in dissesto, una delle ipotesi sul tavolo per il salvataggio di MPS.

Insomma, dopo l’uscita dalla recessione nel 2015, il 2016 sarebbe dovuto essere l’anno delle svolta, dell’accelerazione verso la vera ripresa. Invece il 2016 sarà un anno di tristi conferme: la crescita sarà ancora debole, la disoccupazione alta e i rischi al ribasso resteranno dietro l’angolo.

(di Marta Panicucci da http://it.ibtimes.com/)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.