BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - FINANZIATO IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DI COLLE SANT'ANGELO: Un importante traguardo, la messa in sicurezza, e riqualificazione di colle Sant'Angelo. Sono 9960000 mila euro la liquidità per il progetto, finanziati dallo stato. In data 23 febbraio 2021, con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e NO LODO| TEMERE IL FONDO: Redazione- Da oggi 24 febbraio 2021 è disponibile su tutte le piattaforme streaming e digital stores “Temere il fondo” il secondo singolo del cantautore abruzzese Franco Alfano, in arte No Lodo.Il brano del giovane artista abruzzese segue il singolo d’esordio POMPEI D’ORIENTE| PRESENTATI A UNISALENTO I RISULTATI DEGLI SCAVI: Redazione- Sono stati presentati questa mattina, nel corso di una conferenza internazionale online organizzata dall’Università del Salento, i più recenti risultati delle indagini della Missione a Shahr-i Sokhta, eldorado archeologico che sorge nella provincia dell’Iran orientale Sistan-va-Baluchistan iscritto nella lista FINA SU CELANO| INQUIETUDINE PER I FATTI CONTESTATI: Redazione- "I fatti contestati a Filippo Piccone, al sindaco di Celano Santilli e ad altri sono di una gravità inaudita. Quelli di natura sessuale, se confermati, sono ancora più vomitevoli. Con lo spirito garantista che mi appartiene osserverò con attenzione TUSCIA SPORT&LEISURE| IL NUOVO TURISMO: Redazione- Sono tra gli "studios a cielo aperto" più usati d'Italia e non solo, in grado di ispirare generazioni di registi italiani e stranieri e percorribili in bici, a piedi e a cavallo.Si tratta dei percorsi dedicati e rilanciati dalla APICOLTURA| SEI WEBINAR DI PARTENZA: Redazione- A grande richiesta torna il corso base di apicoltura organizzato da Confartigianato Servizi Srl in collaborazione con Assapira (Associazione Apicoltori Regione Abruzzo), ASL1 Avezzano Sulmona L’Aquila e l’Istituto Zooprofilattico di Teramo.A causa dell’emergenza Covid era stato necessario sospendere l’avvio SICILIANI PER SEMPRE| NEL CUORE DELLA SICILIA: Redazione- Dal 25 febbraio in libreria e negli store digitali “Siciliani per sempre”, la collana antologica di Edizioni della Sera a cura di Giusy Sciacca e con la prefazione di Mario Venuti. Una raccolta di ventiquattro racconti di autrici e RAI | AL VIA LA CAMPAGNA PATATA DEL FUCINO IGP: Redazione- Obiettivo principe dei coltivatori dell’AMPP – Associazione Marsicana Produttori Patate – e del Consorzio di Tutela IGP Patata del Fucino è fare della Patata del Fucino un brand forte, significativo della qualità intrinseca del prodotto, già riconosciuta dal Ministero UNIONE EUROPEA - ASTRAZENECA SCHIAFFEGGIA ANCORA I GRNADI D'EUROPA, DIMEZZATE LE DOSI IN COSEGNA: Redazione- Nuova tegola sull'Unione europea nella lotta al Coronavirus: AstraZeneca nel secondo trimestre dell'anno, quindi a partire dalla fine marzo, potrebbe fornire ai 27 stati membri, Italia inclusa, meno della metà delle dosi di vaccino anti-Covid ordinate da Bruxelles. È SCANNO - LA CNN PREMIA IL PAESE TRA I PIU' BELLI D'ITALIA: Redazione- L’articolo della CNN è ricco di elogi, in particolar modo per quel che concerne le facciate dei palazzi, la particolare disposizione degli stessi, nonchè le chiese, le fontane e alcune case in legno, che rendono Scanno molto simile ad un presepe,

MAGDI ALLAM: "L'EUROPA DELLE MOSCHEE SI PORTA LA GUERRA IN CASA. CI DISTRUGGERANNO"

In evidenza Magdi Allam Magdi Allam

Redazione-L’ennesimo attentato di Londra(e Parigi n.d.r.) ci fa toccare con mano che l’Europa da Dar al hudna, «Casa della tregua», si è ormai trasformata in Dar al harb, «Casa della guerra».La tregua nell’islam corrisponde ad uno stratagemma all’insegna della dissimulazione, che si stipula con un nemico che non si è in grado di sconfiggere per pugnalarlo alle spalle alla prima occasione. A ispirarla è il comportamento di Maometto che nel 628 sottoscrisse la «Tregua di Hudaibiya» con i nemici meccani, che lo impegnava a non combatterli per dieci anni, mentre la violò poco più di un anno dopo conquistando con la forza la Mecca nel 630.

L’Europa è stata «Casa della tregua» fintantoché i musulmani, in minoranza, hanno rispettato le leggi laiche dello Stato. Ora che stanno prendendo il sopravvento demograficamente, con quattro capitali europee (Londra, Bruxelles, Amsterdam e Oslo) in cui i nuovi nati sono prevalentemente musulmani, con l’auto-invasione di milioni di giovani musulmani provenienti dall’Africa, dall’Asia e dal Medioriente, con fette di territorio europeo sottratte alla sovranità nazionale e sottomesse alla sharia, la legge di Allah, l’Europa è di fatto diventata «Casa della guerra».

L’obiettivo è lo stesso che anima i musulmani dal Settimo secolo: sottomettere anche l’Europa all’islam, dopo aver sottomesso le popolazioni della sponda orientale e meridionale del Mediterraneo che erano al 98% cristiani. Oggi l’Europa ha tutte le condizioni che favoriscono la sua islamizzazione. Innanzitutto la resa ideologica all’islam, che è stato riconosciuto come religione alla pari dell’ebraismo e del cristianesimo nonostante che i suoi contenuti siano del tutto in contrasto con le leggi dello Stato. Negli ultimi mesi c’è stato un attentato ogni 15 giorni in alcune delle più grandi capitali europee.

Concretamente l’Europa ha consentito, nel contesto dell’ideologia del multiculturalismo, che i musulmani si comportino come se fossero una «comunità» a se stante, che ha la prerogativa di auto-amministrarsi sulla base di proprie regole e della sharia, accordando loro deroghe nel rispetto della legge, consentendo loro di avere una rete sempre più fitta e capillare di moschee, scuole coraniche, negozi e macellerie halal, banche che vietano l’interesse sui prestiti, enti assistenziali e di beneficenza islamici, tribunali sharaitici.

Ebbene dobbiamo essere consapevoli che non ci sarebbe terrorismo islamico se non ci fosse questo contesto, che ha generato la grande paura degli europei nei confronti dell’islam. Al punto che l’Europa ha paura di prendere atto che siamo in guerra. Una guerra di natura aggressiva, non reattiva, scatenata nel nome di Allah. Una guerra ormai autoctona ed endogena, perché l’Europa è diventata una «fabbrica di terroristi islamici».

Ecco perché se vogliamo sconfiggere il terrorismo islamico dobbiamo sia combattere quelli che sgozzano, decapitano, massacrano e si fanno esplodere, sia scardinare la realtà dello «Stato islamico» annidato in seno al nostro Stato laico e liberale. Se non lo dovessimo fare, faremmo la fine dei cristiani d’Oriente. In gioco non c’è solo la nostra vita, ma anche la

nostra civiltà.

Fonte:riscattonazionale.it

Ultima modifica ilMartedì, 20 Giugno 2017 01:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.