BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
MONDIALI HOCKEY INLINE| L'ITALIA OGGI IN CAMPO CONTRO IL CANADA: Redazione- Dopo la prova maiuscola di ieri contro la Francia, battuta 4 a 1, l’Italia di coach Luca Rigoni dovrà vedersela oggi con il Canada, tra le favorite per la conquista dell’oro. I canadesi hanno nel loro roster giocatori del ISCRIZIONE CORSO LIS 1° LIVELLO A RIETI| PROROGATA AL 7 OTTOBRE 2021: ISCRIZIONE CORSO LIS 1° LIVELLO A RIETI| PROROGATA  AL 7 OTTOBRE 2021 GRUPPO CONSILIARE UNIONE CIVICA PER CARSOLI, GROTTE DI PIETRASECCA| PERCORSI IPOGEI (SOTTOTRACCIA): Redazione- Dal Gruppo Unione Civica per Carsoli, riceviamo ed integralmente pubblichiamo il seguente comunicato:<<L’argomento gestione della Riserva delle Grotte di Pietrasecca meriterebbe un approfondimento particolare per verificare l’esistenza o meno di incongruenze, forzature o addirittura illegittimità che potrebbero essere state perpetrate SECONDA GIORNATA TORNEO MASCHILE HOCKEY INLINE| L'ITALIA AFFRONTA IL CANADA NEL BIG MATCH DELLE 19:00: Redazione- Seconda giornata del torneo maschile nel Mondiale di Hockey Inline di Roccaraso. Alle 8.30 nel primo match in programma, Argentina battuta 1 a 0 dalla Namibia che rimane a punteggio pieno, dopo la vittoria di ieri sull’India. La Lettonia, -LABIRINTO BOSE'- E' IL NUOVO LIBRO DI GIOVANNI VERINI SUPPLIZI: Redazione- Esistono dei personaggi straordinari nella Storia del Novecento che c’hanno traghettato nel nuovo secolo con classe ed eleganza, attraversando diversi linguaggi artistici. È il caso di Miguel Bosé, figlio della bellissima attrice Lucia e del torero Luis Miguel Dominguín. Dall’esordio cinematografico nel 1973 Giovanni I PAPABOYS ISTITUISCONO IL PREMIO DIFFERENT PER LA 78a EDIZIONE DELLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA: TRA I PREMIATI ANCHE: Redazione- Nella splendida cornice del chiostro di San Francesco della Vigna a Venezia, si è tenuta lo scorso 10 settembre la cerimonia di assegnazione dei Premi “Different” istituiti dai Papaboys nell’ambito della 78esima edizione della Mostra del Cinema. Sono stati insigniti -GLI APPETITI DEL PANGOLINO- A -UNA MARINA DI LIBRI- | STORIE DI COLPE, INGIUSTIZIE E RIVALSE SOCIALI: Redazione- La casa editrice Edizioni Ex Libris sarà presente a Palermo alla manifestazione “Una Marina di libri con la presentazione del libro “Gli appetiti del Pangolino – Storie di colpe, ingiustizie, rivalse”; l’appuntamento con i lettori è programmato per sabato ESORDIO CON VITTORIA DEGLI AZZURRI AI MONDIALI DI HOCKEY INLINE: Redazione- Grandissima prova della Nazionale Italiana al torneo maschile dei Mondiali di Hockey Inline 2021 di Roccaraso. Gli Azzurri, grazie ad una prestazione maiuscola, schiantano la Francia con il punteggio di 4 a 1, all’esordio nella manifestazione. Bella gara di MONDIALI HOCKEY INLINE 2021| NEL TORNEO MASCHILE PARTONO BENE CANADA E REPUBBLICA CECA: Redazione- Inizia con una vittoria il Mondiale del Messico che batte, nel quarto incontro di giornata del torneo maschile, Cina Taipei per 2 a 1. Il Canada conferma il pronostico della vigilia, imponendosi per 6 a 3 sulla Slovacchia, nel POSTE ITALIANE: L’AQUILA, NUOVA ILLUMINAZIONE LED PER 11 UFFICI POSTALI DELLA PROVINCIA: Redazione- Proseguono anche in provincia dell’Aquila gli interventi di Poste Italiane che consentiranno all’azienda di raggiungere entro il 2030 l’obiettivo di “zero emissioni nette di anidride carbonica”, come previsto dal Piano strategico “2024 Sustain & Innovate”, che mette al centro della

NUOVO MERCANTILISMO DELLA GERMANIA, COME USCIRNE: SOLUZIONI E POSSIBILI COSTI

In evidenza Macron e La Merkel Macron e La Merkel

Redazione-Una delle questioni in sospeso nei rapporti tra i vari paesi membri dell’Unione Europea è quello del surplus nella bilancia commerciale tedesca. In crescita costante dal 2000, spinto dalla forza dell’export e dall’alta propensione al risparmio di famiglie, imprese e governo, il surplus delle partite correnti tedesco, nel 2016 ha raggiunto il valore record di 266 miliardi di Euro (253 miliardi è il solo avanzo commerciale) ed è pari all’8,6% del Pil. Viceversa, la Germania è un esportatore netto di capitali, galleggiando, dal 2013, il deficit netto sopra quota 200 miliardi. Di fronte a questa situazione sono in molti a ritenere l’uscita dall’euro o l’alternativa di una doppia circolazione come un toccasana per i tanti paesi come l’Italia, che sono, invece, schiacciati dalla concorrenza tedesca.

 

Le variabili dell’export

A decidere gli acquisti dall’estero di beni e servizi sappiamo concorrono due fondamentali variabili. La prima è la domanda estera complessiva, la seconda, la parte che al Paese toccherà della quota della domanda estera. Tale quota di export dipende dalla posizione competitiva rispetto ai concorrenti che, in un area di cambi fissi come in quella dei paesi aderenti all’unione monetaria, dipende sostanzialmente dalla qualità dei beni prodotti (in rapporto a quello che possono offrire gli altri paesi) e dal livello dei prezzi delle esportazioni in rapporto ai prezzi degli altri paesi. Con specifico riferimento all’ Italia, nonostante l’indubbia qualità del “made in Italy”, i prezzi sono fuori mercato, per una serie di inefficienze di cui si dibatte quotidianamente sui giornali (dalla burocrazia, ai costi di finanziamento, del lavoro e dell’energia, per non parlare del carico fiscale).

“Euro dei poveri”? No grazie

Tuttavia, la possibilità di manovrare sul tasso di cambio, in definita uscire e fare un “euro dei poveri” per i paesi del Sud da opporre a quelli germanocentrici o, semplicemente, provare un ritorno alla lira è illusoria. In effetti, occorre considerare quanto segue. L’idea che con tassi flessibili sia possibile il riaggiustamento delle bilance commerciali è stato dimostrato essere vero solo in parte, ed il sentiero peraltro è strettissimo. Infatti, nonostante cambi flessibili, che teoricamente dovrebbero portare, attraverso la svalutazione dell’”euro dei poveri”, ad una ritrovata energia dei paesi schiacciati dall’egemonia tedesca, potremmo trovarci di fronte ad un incremento delle importazioni tale da compensare il beneficio immediato della svalutazione.La questione può riassumersi nel fatto che l’eventuale incremento delle esportazioni dovuto alla svalutazione accresce il reddito disponibile che si riversa sulle importazioni nella misura della propensione del paese ad acquistare beni esteri. Ciò sta accadendo alla Gran Bretagna, che pur trovandosi già in un sistema di cambi flessibili, sperimenta come la rinegoziare dei trattati che la legano all’Unione ha come conseguenza un incremento nei costi all’importazione.

Cercare strade d’uscita

Dunque, una politica economica efficacie nell’ipotesi di uscita dall’euro imporrebbe ai Paesi il limite alle importazioni e di “promuovere” le esportazioni, cosa che in realtà si dovrebbe fare anche a cambi fissi per ottenere una bilancia dei pagamenti attiva. Naturalmente, una politica orientata alle esportazioni ha un costo che, se non si fa molta attenzione, viene pagato con la disoccupazione e con la non utilizzazione degli impianti, con una produzione troppo bassa per il mercato interno e dunque, con un tasso di crescita modesto. Insomma, nonostante una eventuale uscita dall’euro ci si ritroverebbe in breve a far fronte alle stesse malattie di cui il nostro paese già soffre. Da questo punto di vista la posizione, riassunta brevemente in queste righe, che è, peraltro, sostenuta da molti degli economisti di matrice post-keynesiana, deve farci riflettere e può contribuire a verificare le possibili strade di uscita dal tunnel in cui l’Italia, in particolare, ma anche altri partner europei sono finiti.

Fonte:stopeuro.org

Ultima modifica ilSabato, 29 Luglio 2017 15:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.