BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
DI GIROLAMO SU VENDITE RECORD DI BICI ANCHE IN ABRUZZO| MERITO DELLA VISIONE POLITICA DEL M5S: Redazione- Gli operatori economici del settore della bicicletta confermano che anche in Abruzzo si registra una forte crescita delle vendite di questo mezzo di trasporto geniale e sostenibile. Le richieste sono letteralmente esplose in concomitanza del tanto attaccato quanto efficace POSTE ITALIANE: IN PROVINCIA DELL’AQUILA LE PENSIONI DI LUGLIO IN PAGAMENTO DAL 25 GIUGNO: Redazione- Poste Italiane comunica che in provincia dell’Aquila le pensioni del mese di luglio verranno accreditate a partire da venerdì 25 giugno per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I INFRASTRUTTURE, LEGA| GRAZIE AL NOSTRO IMPEGNO AL VIA INTERVENTO SU SS.80 DEL GRAN SASSO D'ITALIA: Redazione- “Con la proposta di nomina del commissario Mucilli, l’Abruzzo accelera sull’intervento SS 80 "del Gran Sasso d'Italia" - Tratta stradale Teramo - Mare: variante alla SS 80 dalla A14 (Mosciano S. Angelo) alla SS16.Ingegnere e dirigente ANAS, Mucilli è AIELLI: DOMANI LA PRESENTAZIONE DELLA CARTOLINA FILATELICA: Redazione- Poste Italiane partecipa alla inaugurazione del murale dedicato a Dante Alighieri, in programma ad Aielli domani, giovedì 24 giugno.Nell’ambito dell’evento, sarà infatti presentata la cartolina dedicata al piccolo comune marsicano, insieme all’annullo filatelico realizzato per l’occasione. Poste Italiane attiverà DA L'AQUILA PARTONO I - MESSAGGERRI D'ABRUZZO NEL MONDO-: Il libro di Dom Serafini sarà presentato il 9 Luglio 2021, ore 18, presso il GSSI Redazione- É vero, all’estero pochi sanno dove si trova l'Abruzzo, ma tutti conoscono L'Aquila, sia per il fatto che d'inverno è la cittá piú fredda POSTE ITALIANE| AL VIA L’HUB PER L’E-COMMERCE PIU’ GRANDE D’ITALIA: Redazione- Poste Italiane inaugura a Landriano (Pavia) il più grande hub d’Italia per l’e-Commerce e i servizi di corriere espresso. L’impianto sorge su una superficie totale di 80 mila metri quadrati, pari a 5 volte Piazza del Duomo a Milano, CONTINUA L'AVVENTURA-COMING & SONGS- DI MAURIZIO FERRANDINI:   Il rocker sanremese propone il videoclip a fumetti «Destinazione America » Redazione- Il 7 giugno è comparso on line "Destinazione America", il secondo singolo tratto dal disco IO NON C'ENTRO COL ROCK di Maurizio Ferrandini che, come un vero e proprio inno di resistenza APPALTI| OLTRE 80MILA LAVORATORI IN ABRUZZO CON PIU' TUTELE E DIRITTI: Redazione- “Sono oltre 80mila le lavoratrici e i lavoratori che in Abruzzo, su un totale di quattro milioni in tutto il Paese, beneficeranno di maggiori tutele e diritti grazie al lavoro del Partito Democratico nell’ambito del percorso parlamentare del decreto VISITE GUIDATA A CA' SPINEDA: Redazione- Sono aperte le prenotazioni per le prossime viste guidate della nuova ala espositiva di Ca’ Spineda, che accoglie la mostra “Pittori a Treviso e nella Marca tra Otto e Novecento con sguardi a Venezia”. I visitatori potranno accedere anche ai SPADAFORA INCONTRA IL FITNESS: Redazione- E’ stato allo Sport Village Campania, l’ex Ministro alle Politiche giovanili e allo sport, Vincenzo Spadafora, per incontrare chi nel fitness ce la sta mettendo davvero tutta in questa ripartenza, dopo tanti mesi di chiusura.Vincenzo Spadafora è da sempre

L'UNIONE EUROPEA STA OFFRENDO AGLI STATI INCENTIVI PER FARLI ADERIRE : ECCO LA PROVA CHE L'EURO E' FALLITO

In evidenza La Moneta Unica La Moneta Unica

Redazione-Un fondo monetario europeo, un ministro delle Finanze della Ue, un unico presidente per Commissione e Consiglio. Il discorso sullo stato dell’Unione pronunciato ieri dal numero uno dell’eurogoverno, Jean-Claude Juncker, è molto ambizioso ma riflette punto per punto i desiderata della Germania. A cominciare da quell’euro «moneta di tutti i 27 Paesi della Ue» (meno la Gran Bretagna) che asservirebbe a Berlino anche gli stati come Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Croazia, Romania e Bulgaria che hanno nella moneta debole – la loro – uno degli elementi trainanti per l’economia. Capace di rendere molto convenienti i prodotti locali rispetto a quelli di Eurolandia e del resto dell’Occidente, grazie anche a svalutazioni pilotate.

Ma questo da fastidio alla Germania. Così Juncker ha proposto ieri di creare «un vero e proprio strumento di adesione all’euro che dia aiuti finanziari ai Paesi che vogliono aderire alla moneta unica». L’obiettivo è far diventare davvero l’euro «la moneta dell’Unione europea» non solo degli attuali 19 Stati dell’Eurozona. Per fugare ogni dubbio su quali siano gli obiettivi dell’operazione, il presidente della Commissione ha chiarito che «si tratta di incoraggiare i paesi a entrare nell’unione bancaria ma ciò presuppone che tutti abbiano fatto i loro compiti di bilancio a casa in modo da assicurare gli investimenti e i prestiti». Facile leggere in queste parole e nei famigerati «compiti a casa» la solita regia dei falchi tedeschi. Se fai quello che vuole Berlino, entri nel club dei Paesi costretti a indossare la camicia di Nesso della moneta unica e fai le riforme che dice la Merkel, i soldi arrivano. Sotto forma di finanziamenti a fondo perduto e prestiti. Altrimenti nisba. Bruxelles non scucirà più un cent.
«Se vogliamo che l’euro unisca e non divida il continente», ha insistito Juncker, «occorre che la moneta unica sia più della valuta di un ristretto numero di Paesi. Gli Stati che vogliono aderire all’euro devono poterlo fare».

Simile il ragionamento sull’unione bancaria: «Se vogliamo che le banche operino con le stesse regole e sotto la stessa supervisione nel continente dobbiamo incoraggiare l’adesione all’unione bancaria il cui completamento è urgente per ridurre i rischi che restano in alcuni Stati», ha aggiunto Juncker, ma «per accedere al sistema unico di garanzia dei depositi occorre che prima ciascuno faccia i propri compiti a casa». Operando sul bilancio e sui conti pubblici sotto dettatura dei tedeschi.

Tutto il resto del menu junckeriano, declamato ieri a Bruxelles, è strumentale ad aumentare la presa dei veri padroni della Ue sui Paesi periferici: Italia, Spagna e Portogallo, ma anche sui Balcani. Il super ministro delle Finanze Ue e il Fondo monetario europeo sono al servizio di questo disegno di «colonizzzazione monetaria». Serve un cane da guardia con super poteri che intervenga ogniqualvolta i Paesi periferici si scordano di seguire il percorso tracciato per loro da Bruxelles (Berlino). E serve uno strumento di finanziamento sensibile alle politiche dell’Unione in materia di bilanci e conti pubblici per ridurre il potere esercitato degli economisti dell’Fmi ad esempio nelle crisi dei debiti sovrani.

Il presidente unico per Commissione e Consiglio dei capi di Stato e di governo della Ue, chiesto sempre ieri da Juncker, suggellerà il nuovo patto fondativo dell’Unione.

Scritto rigorosamente nella lingua della Merkel.

Fonte:Attilio Barbieri-liberoquotidiano.it

Ultima modifica ilSabato, 16 Settembre 2017 21:52

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.