BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ITALIA DEMOCRATICA E PROGRESSISTA PRESENTA LE CANDIDATE E I CANDIDATI: Redazione- “La nostra comunità politica ha investito in un processo di ricostruzione, sono candidati coloro che ci hanno creduto sempre e con coraggio: la nostra proposta è fatta di queste donne e questi uomini”: lo ha detto Michele Fina, segretario SPOLTORE ENSEMBLE | ARRIVA REMO RAMPINO CON VITA, MORTE E MIRACOLI DI BONFIGLIO LIBORIO: Redazione- Domani sera alle 21.30  alla quarantesima edizione dello Spoltore Ensemble, “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio”, una lettura particolare del romanzo di Remo Rapino, vincitore del premio Campiello 2020, a cura della Compagnia Teatrale Ennio Flaiano, del FLA MOMO' E MILUA, MELODRAMMA GIOIOSO ISPIRATO A MADAMA BUTTERFLY: Redazione- E’ un melodramma gioioso in due atti il nuovo libro pubblicato nella collana “I Diamanti della Narrativa” dell’Aletti editore, dal titolo “Momò e Milua”, scritto da Loredana Ciferni, nata a Montesilvano, in provincia di Pescara, e laureata in Lettere ASILI, LEGA | 8.250.000 EURO ALL'ABRUZZO PER AMBIENTI DIDATTICI INNOVATIVI: Redazione- “Il ministero dell’Istruzione ha destinato all’Abruzzo 8.250.000 euro grazie al Bando PON Ambienti Didattici Innovativi per la Scuola dell’Infanzia, finalizzato alla realizzazione di ambienti didattici innovativi nelle scuole dell’infanzia statali: 2.175.000 euro in provincia di L’Aquila, 1.875.000 euro in IL SEGRETARIO DEL PD MICHELE FINA CANDIDATO AL SENATO: Redazione- Il segretario del Pd Abruzzo Michele Fina sarà capolista al Senato della Repubblica per l’Abruzzo della lista "Italia Democratica e Progressista". Dandone notizia Fina ha pubblicato alcune considerazioni sulla sua pagina Facebook. Scrive tra l'altro che "porterò in questa nuova SAN GIOVANNI ROTONDO | IL GRANDE SHOW D'ESTATE DEL CIRCO PAOLO ORFEI: Redazione- Nel cuore del Gargano, a San Giovanni Rotondo, il grande show d'estate del Circo Paolo Orfei,  dal 19 al 28 agosto, lo spettacolo più affascinante e travolgente d'Italia, l’unico con attrazioni esotiche ed acquatiche, con artisti internazionali. Il Circo Paolo XXIX FESTIVAL DEL TEATRO MEDIEVALE DI ANAGNI: Redazione- Dal 20 al 27 agosto 2022 torna per la sua 29° edizione, nella scenografia di Piazza Innocenzo III ad Anagni (FR), lo storico Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni con la direzione artistica di Giacomo Zito e LUCO DEI MARSI, PARATA DI STELLE PER L'INIZIO DEL GIUBILEO 2022: Redazione- Grande attesa a Luco dei Marsi per l’inizio dei festeggiamenti in onore di Maria Santissima dell’Ospedale e dei Santi Patroni, quest’anno in edizione straordinaria per il 150° anniversario della Solenne Incoronazione della Venerata immagine della Madonna dell'Ospedale, "celebre per SPOLTORE ENSEMBLE | CONTO ALLA ROVESCIA PER LA QUARANTESIMA EDIZIONE: Redazione- È tutto pronto per la quarantesima edizione di Spoltore Ensemble che si terrà da martedì 16 agosto a domenica 21 nel cuore del borgo. Largo San Giovanni, come ogni anno, ospiterà gli spettacoli della rassegna di arte e cultura LAGO DEL FUCINO - STORIA DI UN GRANDE LAGO: Redazione- La storia del Lago del Fucino comincia in epoca glaciale. La sua superficie, ad oggi, si stima raggiungesse i 155 Km² con una profondità massima di ventidue metri. Era il terzo lago in Italia per estensione, dopo il Lago di Garda e

PAPA FRANCESCO SENZA LIMITE: "BASTA PREGIUDIZI CONTRO L'ISLAM". E I LORO PREGIUDIZI CONTRO "GLI INFEDELI" CRISTIANI?

In evidenza Papa Francesco Papa Francesco

Redazione-Bergoglio superato il limite della decenza: “Basta pregiudizi contro l’Islam”. Il pontefice difende gli islamici e si dimentica dei cristiani, le vere vittime di pregiudizi e persecuzione, non sono in medio oriente ma anche dentro l’Europa. Poi ancora ingerenze sulla politica: “Colpa dei politici avanzano le formazioni estremiste e populiste”. Quella che lui definisce estremisti sono i movimenti che si oppongono alla dittatura eurocomunista, alla sostituzione etnica del popolo europeo e all’avanzata islamista. Tutti argomenti schifati dai cattocomunisti del Vaticano servi del mondialismo, nemici e traditori dei veri cattolici.Papa Francesco torna a parlare di politica: “Per colpa dei politici avanzano le formazioni estremiste e populiste che fanno della protesta il cuore del loro messaggio politico, senza tuttavia offrire la alternativa di un costruttivo progetto politico“, ha detto oggi all’incontro “Ripensare l’Europa”, che si è tenuto in Vaticano.

Il Pontefice ha poi affermato: ““Da più parti si ha la sensazione che il bene comune non sia più la obiettivo primario perseguito e tale disinteresse è percepito da molti cittadini“. La visione che si contappone ai populismi è, secondo il Santo Padre, quella del dialogo: “Al dialogo si sostituisce o una contrapposizione sterile, che può anche mettere in pericolo la convivenza civile, o una egemonia del potere politico che ingabbia e impedisce una vera vita democratica. In un caso si distruggono i ponti e nella altro si costruiscono muri“.

Per Bergoglio “i cristiani sono chiamati a favorire il dialogo politico, specialmente laddove esso è minacciato e sembra prevalere lo scontro. I cristiani sono chiamati a ridare dignità alla politica, intesa come massimo servizio al bene comune e non come una occupazione di potere“.

In merito il Papa ha dichiarato che è necessario impegnarsi nella formazione alla politica che, ha detto, non è l’arte della improvvisazione bensì “una espressione alta di abnegazione e dedizione personale a vantaggio della comunità. Essere leader – ha concluso – esige studio, preparazione ed esperienza“.

Contro l’islam un pregiudizio laicista

Nel suo discorso, papa Francesco ha reso omaggio “al contributo del dialogo interreligiosonel favorire la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani in Europa“. “Purtroppo – ha aggiunto parlando al Convegno ‘Ripensare l’Europa’ promosso in Vaticano dai vescovi europei – un certo pregiudizio laicista, ancora in auge, non è in grado di percepire il valore positivo per la società del ruolo pubblico e oggettivo della religione, preferendo relegarla ad una sfera meramente privata e sentimentale. Si instaura così pure il predominio di un certo pensiero unico, assai diffuso nei consessi internazionali, che vede nell’affermazione di un’identità religiosa un pericolo per sé e per la propria egemonia, finendo così per favorire un’artefatta contrapposizione fra il diritto alla libertà religiosa e altri diritti fondamentali“.

Favorire il dialogo, qualunque dialogo – ha scandito Francesco – è una responsabilità basilare della politica, e, purtroppo si nota troppo spesso come essa si trasformi piuttosto in sede di scontro fra forze contrastanti. Alla voce del dialogo – ha concluso il Papa – si sostituiscono le urla delle rivendicazioni

Il richiamo del Papa alle istituzioni

Bergoglio ha richiamato alle loro responsabilità anche le istituzioni: “Spetta parimenti ai governi creare le condizioni economiche che favoriscano una sana imprenditoria e livelli adeguati di impiego. Alla politica compete specialmente riattivare un circolo virtuoso che, a partire da investimenti a favore della famiglia e dell’educazione, consenta lo sviluppo armonioso e pacifico dell’intera comunità civile“.

“Non scartare i migranti”

Ma il Santo Padre ha toccato anche un altro argomento, a lui molto caro: i migranti. “Davanti al dramma dei profughi e dei rifugiati, non ci si può dimenticare il fatto di essere di fronte a delle persone, le quali non possono essere scelte o scartate a proprio piacimento, secondo logiche politiche, economiche o perfino religiose“, ha detto Francesco.

Responsabilità comune dei leader – ha scandito il Papa – è favorire un’Europa che sia una comunità inclusiva, libera da un fraintendimento di fondo“. Secondo il Santo Padre, “inclusione non è sinonimo di appiattimento indifferenziato. Al contrario, si è autenticamente inclusivi allorchè si sanno valorizzare le differenze, assumendole come patrimonio comune e arricchente. In questa prospettiva, i migranti sono una risorsa più che un peso“.

I cristiani – ha aggiunto il Papa – sono chiamati a meditare seriamente l’affermazione di Gesù: ‘Ero straniero e mi avete accolto’“. Questo, ha tenuto a chiarire, “non è in contrasto con il dovere di ogni autorità di governo di gestire la questione migratoria con la virtù propria del governante, cioè la prudenza, che deve tener conto tanto della necessità di avere un cuore aperto, quanto della possibilità di integrare pienamente coloro che giungono nel paese a livello sociale, economico e politico“.

Ma per l’accoglienza ci sono delle regole: “Non si può pensare che il fenomeno migratorio sia un processo indiscriminato e senza regole, ma non si possono nemmeno ergere muri di indifferenza o di paura. Da parte loro – ha continuato – gli stessi migranti non devono tralasciare l’onere grave di conoscere, rispettare e anche

assimilare la cultura e le tradizioni della nazione che li accoglie“.

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilDomenica, 29 Ottobre 2017 14:22

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.