BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
INTERVISTA A ERMINIO PALMIERI: Redazione- Erminio Palmieri che parla dell’autore Erminio Palmieri.:<< Raccontaci come ti è venuta l’idea per scrivere “Il lato freddo” L’idea di scrivere IL LATO FREDDO parte da molto lontano.Nel Gennaio del 2016 mi era venuta voglia di scrivere una storia ambientata nei PD ABRUZZO| DOMANI INIZIA IL PRIDE WEEK: Redazione- Inizierà domani domenica 20 giugno, con un dibattito all’Aquila a Campo Imperatore, la serie di iniziative della Pride Week organizzata dalle associazioni riunite nel coordinamento “Abruzzo Pride”. Marielisa Serone e Quirino Crosta, rispettivamente responsabile “Politiche per la parità e DI GIROLAMO | ANCHE LA TERAMO MARE TRA LE INFRASTRUTTURE PER AMMODERNARE L’ABRUZZO: Redazione- C’è anche la “Teramo mare” tra le ulteriori 44 opere pubbliche sbloccate con commissariamento in continuità con il lavoro del Movimento 5 Stelle e dei precedenti governi del presidente Giuseppe Conte. Un risultato per il quale ho molto lavorato IL PREMIO PRATOLA PUNTA SULLA PACE E SULLA SOLIDARIETA': Redazione- Sarà all’insegna della pace e della solidarietà l’undicesima Edizione del Premio Nazionale Pratola 2021 che andrà in scena venerdì 25 giugno dalle ore 18.00, presso la struttura Santacroce Meeting di Sulmona. Nell’anno del decennale della manifestazione, l’Associazione Futile Utile FRANCESCO TORGE| CUORE BUCATO: Redazione- La musica e il testo sembrano essere stati composti l’una per l’altro nel nuovo – ed unico del 2021 – singolo del cantante abruzzese Francesco Torge. “Cuore bucato” è il titolo del nuovo brano che sarà disponibile su tutte MICHELE FINA INCONTRA GIOVANNI LOLLI E UMBERTO GENTILONI: Redazione- Saranno l'onorevole Giovanni Lolli e Umberto Gentiloni, professore di storia contemporanea all'Università La Sapienza di Roma, gli ospiti del 64esimo incontro della rubrica di Michele Fina, intitolata "Dialoghi. La domenica con un libro". Il dialogo - sul libro di Gentiloni CELANO - SI RIBALTA GRU AD ORTONA DEI MARSI, MUORE 59ENNE DI CELANO, LASCIA MOGLIE E 3 FIGLI, APERTA INCHIESTA: Redazione- Purtroppo ancora un incidente nortale sul lavoro. Ad Ortona dei Marsi, in provincia dell’Aquila. A perdere la vita Antonio Cicchetti, 59enne di Celano.Dalle prime notizie, sembra che il Cicchetti  è stato schiacciato dal ribaltamento della la gru che stava guidando..Dipendente LECCE DEI MARSI - MARCO,IL CUCCIOLO NATO DA UNA COPPIA DI AQUILE REALI: Redazione- Lecce nei Marsi da pochi giorni ha un nuovo abitante e questa volta si tratta di un piccolo cucciolo di Aquila Reale.Si chiama Marco ed è stato annunciato tramite il profilo Facebook del Vicesindaco Barile, che ha postato dei ABRUZZO - QUARESIMALE " ARRIVANO 600 MILA EURO PER IL TERZO SETTORE ": Redazione- Ammontano a 600 mila euro le risorse finanziarie messe a disposizione degli enti del Terzo Settore. Lo comunica l'assessore regionale alle Politiche sociali, Pietro Quaresimale, dopo che la Giunta regionale su suo impulso ha dato il via libera alla ABRUZZO - IMPRUDENTE " SEI MILIONI PER LA PREVENZIONE DANNI FORESTE: Redazione-  Sei milioni di euro per finanziare interventi volti alla prevenzione dei danni alle foreste abruzzesi derivanti da incendi, dissesto idrogeologico ed attacchi parassitari, con contributi in conto capitale al 100% che possono arrivare fino a 300mila euro: sono aperti

L'ECONOMISTA MARK FRIEDRICH: -FRA CINQUE ANNI L'EURO SARA' STORIA-

In evidenza Matthias Weik e Mark Friedrich Matthias Weik e Mark Friedrich

Redazione-La direttrice operativa del FMI Christine Lagarde ha richiesto la creazione di un fondo speciale in caso di possibili sconvolgimenti dell’eurozona.La Germania è stata l’unica a versare in questo fondo quote per un valore di più di 11 miliardi di euro all’anno. Tuttavia, Lagarde desidera evitare la creazione di un’unione di trasferimenti. Tra l’altro, persino i progetti del FMI non sono in grado di salvare l’euro, ritiene l’economista Mark Friedrich. Secondo lui questa creazione sarà solamente l’ennesimo passo verso una dittatura dell’UE.

“Dopotutto la direttrice del FMI è francese”, ha spiegato Mark Friedrich, presidente della società di consulenza Friedrich & Weik, in un’intervista rilasciata a Sputnik. “Adesso Christine Lagarde si comporta come il suo connazionale Emmanuel Marcon. Si è posta l’obiettivo di salvare l’UE e l’eurozona. Non vi è dubbio che agiscano insieme. Entrambi sono ex-banchieri e si conoscono bene a vicenda. La Germania sarà “il leader dei pagamenti”, su questo non vi sono dubbi. È un gioco studiato a tavolino. Accanto all’unione bancaria e all’introduzione di un sistema unico di contributi questo è solo un altro passo verso la dittatura dell’UE. Si accaniscono solo a cercare di salvare l’euro. Ma non è più possibile farlo. Si può solo sperare che i circoli politici tedeschi si oppongano a questo: la speranza dopotutto è l’ultima a morire, ma alla fine muore anche lei”.

La Germania dovrebbe sborsare 11,4 miliardi di euro

Secondo il progetto di Lagarde ogni Stato membro dovrebbe corrispondere annualmente al “fondo di salvataggio” lo 0,35% del PIL. Per la Germania la somma è pari a 11,4 miliardi di euro. Se in futuro in un qualsiasi debole Stato dell’eurozona scoppiasse una crisi economica, questo Stato riceverebbe automaticamente aiuti finanziari dell’ordine di miliardi di euro. “Per evitare che si ripeta una crisi, l’eurozona ha bisogno di risorse fiscali centralizzate”, ha affermato Lagarde in un discorso tenuto a Berlino.

Secondo Friedrich indipendentemente dal fatto che i progetti del FMI prenderanno vita o meno, il progetto unico di sperimentazione valutaria che prende il nome di “euro” giungerà comunque alla sua conclusione.

“L’Eurosistema non funziona”

Friedrich sostiene anche che il malfunzionamento dell’euro sia dimostrato da indicatori economici: l’euro è troppo debole per la Germania e troppo forte per gli Stati dell’Europa meridionale. “Questa situazione non cambierà in futuro. È chiaro che vengano prese misure per salvare l’euro. Forse un tentativo della BCE o della Banca centrale di un singolo Stato membro potrebbe rivelarsi vincente, ma alla fine l’euro è destinato a fallire. E questi giochetti non cambieranno nulla. Si prende tempo perché non sarà possibile risolvere i problemi fondamentali di questa sfortunata struttura”.

“L’unione di trasferimenti in Europa esiste da tempo”

Lagarde tenta in tutti i modi di evitare che si pensi che il fondo da lei proposto alla fine porterà alla creazione di un’unione europea dei trasferimenti. Come lei stessa, nel discorso tenuto a Berlino, ha sottolineato, tra l’altro in tedesco, gli Stati dell’eurozona dovranno farsi carico di una “responsabilità personale”. Inoltre, all’interno del fondo sono previsti meccanismi chiari volti a prevenire situazioni in cui a uno Stato venga permesso di “poltrire su un’amaca” perché tanto sono gli altri a pagare.

Tuttavia l’unione dei trasferimenti esiste da tempo, sottolinea l’esperto. Nel Trattato di Lisbona non è stata prevista, ma in seguito è stato introdotto dalla porta di servizio nel trattato un articolo a riguardo. La BCE, secondo Friedrich, si occupa di finanziamenti statali illeciti accaparrandosi titoli di Stato.

“Siamo in presenza di un’unione di trasferimenti da nord a sud”, sostiene l’economista. “Stiamo unendo i debiti. A un certo punto la questione interesserà anche i bond europei. Li chiameranno in un altro modo e daranno loro un volto nuovo, ma più o meno tutto ciò che avevano escluso all’inizio, c’è già. È uno scandalo senza precedenti”.

Si arriverà alla dittatura dell’UE”

Dopo l’introduzione del sistema europeo dei contributi fiscali, i cittadini dovranno tirar via i propri quattrini dai conti. E a quel punto ci vorrà poco prima che collassi una qualche debole banca spagnola o italiana e che tocchi a qualcuno, in particolari ai tedeschi, sborsare i soldi. Per mantenere il proprio patrimonio saranno indispensabili i beni materiali”, suppone il consulente finanziario Friedrich. Secondo lui, in futuro come mezzi di pagamento si useranno anche le criptovalute.

Quanto alle prospettive dell’Europa, le sue previsioni sono sconfortanti:

“Stiamo andando verso una grande dittatura dell’UE: un ministro delle finanze unico, un bilancio proprio, un esercito proprio e così via. Rimane un sogno ma loro cercheranno sicuramente di realizzare quest’idea. Non è difficile immaginarne le conseguenze. In Germania abbiamo già perduto parte dei nostri diritti. Le leggi dell’UE superano sempre quelle nazionali. Questi eventi non in linea con i principi democratici devono spaventare i cittadini. Oggi tentano di creare dalla porta di servizio

un super Stato che tuttavia sarà del tutto illegittimo”.

Fonte:stopeuro.org

Ultima modifica ilMartedì, 10 Aprile 2018 13:16

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.