BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
DI GIROLAMO SU VENDITE RECORD DI BICI ANCHE IN ABRUZZO| MERITO DELLA VISIONE POLITICA DEL M5S: Redazione- Gli operatori economici del settore della bicicletta confermano che anche in Abruzzo si registra una forte crescita delle vendite di questo mezzo di trasporto geniale e sostenibile. Le richieste sono letteralmente esplose in concomitanza del tanto attaccato quanto efficace POSTE ITALIANE: IN PROVINCIA DELL’AQUILA LE PENSIONI DI LUGLIO IN PAGAMENTO DAL 25 GIUGNO: Redazione- Poste Italiane comunica che in provincia dell’Aquila le pensioni del mese di luglio verranno accreditate a partire da venerdì 25 giugno per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I INFRASTRUTTURE, LEGA| GRAZIE AL NOSTRO IMPEGNO AL VIA INTERVENTO SU SS.80 DEL GRAN SASSO D'ITALIA: Redazione- “Con la proposta di nomina del commissario Mucilli, l’Abruzzo accelera sull’intervento SS 80 "del Gran Sasso d'Italia" - Tratta stradale Teramo - Mare: variante alla SS 80 dalla A14 (Mosciano S. Angelo) alla SS16.Ingegnere e dirigente ANAS, Mucilli è AIELLI: DOMANI LA PRESENTAZIONE DELLA CARTOLINA FILATELICA: Redazione- Poste Italiane partecipa alla inaugurazione del murale dedicato a Dante Alighieri, in programma ad Aielli domani, giovedì 24 giugno.Nell’ambito dell’evento, sarà infatti presentata la cartolina dedicata al piccolo comune marsicano, insieme all’annullo filatelico realizzato per l’occasione. Poste Italiane attiverà DA L'AQUILA PARTONO I - MESSAGGERRI D'ABRUZZO NEL MONDO-: Il libro di Dom Serafini sarà presentato il 9 Luglio 2021, ore 18, presso il GSSI Redazione- É vero, all’estero pochi sanno dove si trova l'Abruzzo, ma tutti conoscono L'Aquila, sia per il fatto che d'inverno è la cittá piú fredda POSTE ITALIANE| AL VIA L’HUB PER L’E-COMMERCE PIU’ GRANDE D’ITALIA: Redazione- Poste Italiane inaugura a Landriano (Pavia) il più grande hub d’Italia per l’e-Commerce e i servizi di corriere espresso. L’impianto sorge su una superficie totale di 80 mila metri quadrati, pari a 5 volte Piazza del Duomo a Milano, CONTINUA L'AVVENTURA-COMING & SONGS- DI MAURIZIO FERRANDINI:   Il rocker sanremese propone il videoclip a fumetti «Destinazione America » Redazione- Il 7 giugno è comparso on line "Destinazione America", il secondo singolo tratto dal disco IO NON C'ENTRO COL ROCK di Maurizio Ferrandini che, come un vero e proprio inno di resistenza APPALTI| OLTRE 80MILA LAVORATORI IN ABRUZZO CON PIU' TUTELE E DIRITTI: Redazione- “Sono oltre 80mila le lavoratrici e i lavoratori che in Abruzzo, su un totale di quattro milioni in tutto il Paese, beneficeranno di maggiori tutele e diritti grazie al lavoro del Partito Democratico nell’ambito del percorso parlamentare del decreto VISITE GUIDATA A CA' SPINEDA: Redazione- Sono aperte le prenotazioni per le prossime viste guidate della nuova ala espositiva di Ca’ Spineda, che accoglie la mostra “Pittori a Treviso e nella Marca tra Otto e Novecento con sguardi a Venezia”. I visitatori potranno accedere anche ai SPADAFORA INCONTRA IL FITNESS: Redazione- E’ stato allo Sport Village Campania, l’ex Ministro alle Politiche giovanili e allo sport, Vincenzo Spadafora, per incontrare chi nel fitness ce la sta mettendo davvero tutta in questa ripartenza, dopo tanti mesi di chiusura.Vincenzo Spadafora è da sempre

LA NECESSITA' DI AVERE UN PIANO B PER USCIRE DALL'EURO

In evidenza Eurocrack Eurocrack

Redazione-Le Banche centrali moderne, nate dopo la crisi del 1929, hanno come compito istituzionale di essere il “prestatore di ultima istanza” per banche e per Stati. Cioè garantiscono la difesa dei risparmi prestando i soldi a chi è in difficoltà quando emergono le crisi e non c’è più null’altro da fare. Questo implica non solo la difesa dei depositi dei risparmiatori presso le banche, ma anche interventi quando lo Stato non è in grado di onorare il debito pubblico, cioè quando per una qualche ragione lo Stato non è in grado di restituire quanto preso a prestito.La Banca centrale europea non ha questa funzione di “prestatore di ultima istanza”. Dal punto di vista della stabilità del sistema si è fatto un passo indietro. A questo si è cercato di metterci una pezza con il Fondo salva Stati, che ha però risorse molto limitate e prevede ambiti di intervento molto parziali e temporanei.

Date le condizioni attuali, qualsiasi Stato europeo è in una situazione potenziale di default. Oggi la preoccupazione riguarda l’Italia, ma domani potrebbe toccare a un altro Paese, inclusi Germania e Francia.I casi sono due. O non viene considerato minimamente possibile che uno Stato membro dell’euro possa andare in default, oppure questa possibilità è concreta. Nel primo caso non si dovrebbe, per costruzione o definizione, considerare possibile un default, quindi questo spettro non dovrebbe essere utilizzato nei dibattiti. Se invece si continua a parlare di default questo vuol dire che è una possibilità concreta. Allora emerge un problema molto grave che i politici avrebbero già dovuto affrontare da tempo pensando a come affrontare una crisi di questa gravità.

Il fatto che dopo la crisi degli ultimi 10 anni ancora oggi non esista un piano B concordato a livello europeo e/o disegnato dai singoli Paesi proprio per affrontare la possibilità del default è una mancanza molto grave dei nostri politici. Che avrebbero già dovuto provvedere. L’argomentazione di questi giorni che attribuisce la responsabilità della crisi alla possibilità di pensare a un piano B si deve rovesciare. La crisi del sistema di questi giorni e l’aumentare dello spread è acuita proprio dal fatto che manca un piano B.

Il piano B dovrebbe prevedere la difesa del risparmio nel caso di crisi finanziarie molto forti che portano al default. Il 65 per cento del debito dello Stato è posseduto dagli italiani e il piano B o un insieme di piani B dovrebbe prevedere la difesa degli interessi di questi risparmiatori nel caso di crisi finanziarie intense. È l’assenza dell’esistenza di piani B per i Paesi europei che contribuisce ad acuire le crisi finanziarie e a diffondere lepreoccupazioni tra i risparmiatori italiani ed europei.Forse il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, garante del risparmio degli italiani, dovrebbe riflettere sui rischi associati alla mancanza del piano B e non vederne l’esistenza come un fatto negativo per la difesa dei valori finanziari delle famiglie italiane. E qualsiasi governo che verrà dovrà avere nel programma la creazione di questo piano B. Dovrebbe essere un obiettivo condiviso da tutti i politici italiani. Tabù. Uno può essere più o meno d’accordo sul piano B di uscita dall’euro attribuita al professor Paolo Savona, però quello che sorprende è che non vi sia stata in passato una discussione pubblica e trasparente sull’argomento.

Nessun economista può argomentare contro la creazione di questo piano. L’esistenza stessa della possibilità che i Paesi possano andare in default implica la responsabilità di individuare un piano B per ridurne gli effetti nefasti. Non farlo è semplicemente irresponsabile. Il piano B non sarebbe necessario qualora si potesse escludere con certezza la possibilità del default. Se c’è qualche economista in grado di escluderlo

si dovrebbe fare avanti e spiegare perché.

Fonte:stopeuro.news

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.