BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
LUCO DEI MARSI, LA SINDACA DE ROSA | ATTIVE AL FIANCO DELLE AZIENDE AGRICOLE DEL TERRITORIO, SOLITE E STERILI STRUMENTALIZZAZIONI: Redazione- "Seguiamo attivamente, sin dalle prime ore dell'emergenza, la situazione relativa alle aziende agricole fucensi, tanto che pure nel corso di incontro in sede prefettizia ne abbiamo rappresentato le criticità e le istanze collegate, con la massima partecipazione”. Così la DALL'8 GIUGNO IN MOSTRA AI MUSEI CAPITOLINI LUCRINA FETTI, UNA PITTRICE ROMANA ALLA CORTE DI MANTOVA: Redazione- Giunge a Roma per la prima volta, grazie ad un accordo tra la Sovrintendenza Capitolina - Direzione Musei Civici, la Fondazione Palazzo Te e il Museo di Palazzo Ducale di Mantova, il dipinto “Ritratto di Eleonora Gonzaga” (1622), l’unico MUSICA JAZZ A CASINA DI RAFFAELLO: Venerdì 02 giugno 2023 alle ore 18.30 Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608 fino ad esaurimento posti (max 60 persone tra adulti e bambini) Redazione – In occasione della Festa della Repubblica Italiana, venerdì 02 giugno, Casina di Raffaello, lo spazio UN PREMIO E UN LIBRO PER RICORDARE IL PROF. MARIO PASTORE STOCCHI: Martedì 6 giugno, a partire dalle ore 18 a Casa dei Carraresi, la Fondazione Cassamarca ricorderà il prof. Manlio Pastore Stocchi con due iniziative. Redazione- Verrà presentato il volume “In ricordo di Manlio Pastore Stocchi” che raccoglie 23 saggi presentati MATERNITA' E LAVORO | LA STORIA DI MELISSA PALMIERI: Scopre di essere incinta a fine contratto e viene assunta a tempo indeterminato Villa Santa Maria (Ch), 1 giugno 2023 - È una storia a lieto fine quella raccontata da Melissa Palmieri, 31 anni di Villa Santa Maria, di professione IL 4 GIUGNO NELLA RUBRICA DIALOGHI IL LIBRO DI DARIO ACCOLLA: Redazione- Nel 165esimo incontro della rubrica “Dialoghi, la domenica con un libro” Marielisa Serone D'Alò presenterà con l'autore e con Benedetta La Penna (attivista femminista intersezionale e speaker radiofonica) il libro di Dario Accolla (insegnante, attivista LGBT e saggista) "Parole IL PRESIDENTE MATTARELLA A POSTENEWS: Redazione- “L’unità europea rappresenta uno degli eventi di maggior successo della storia del nostro Continente”.Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’intervista rilasciata a ‘Poste News’ il giornale del gruppo Poste Italiane.“Nel quadro delle istituzioni europee e con POSTE ITALIANE: ALL’AQUILA, AVEZZANO E SULMONA LA CARTOLINA DEDICATA ALLA FESTA DELLA REPUBBLICA: Redazione-  Poste Italiane festeggia la Festa della Repubblica, in calendario venerdì 2 giugno, con una colorata cartolina filatelica: un’occasione per ogni collezionista o per chi vuole ricordare in modo originale una giornata speciale e un modo per sostenere il valore ROMA, AL VIA LA TERZA EDIZIONE DI VOKALFEST JUNIOR: Redazione- Saranno oltre 400 coristi under 18 provenienti da 20 scuole della Capitale, insieme alla Cantoria dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia e a “Il coro che non c’è” diretto da Dodo Versino, ad animare il primo appuntamento dedicato alla musica GRANDISSIMO SUCCESSO PER LA XIV EDIZIONE DEL PREMIO NAZIONALE PRATOLA 2023: Il presidente Marco Marsilio: Evento che si inserisce tra le più importanti iniziative culturali della nostra regione Un parterre di prestigio internazionale ha animato la manifestazione dello scorso sabato 27 maggio Redazione- Pubblico delle grandi occasioni per la XIV Edizione del

L'EUROPA TRA GLOBALIZZAZIONE E SOVRANITA' NAZIONALE

In evidenza Globalizzazione e Sovranismo Globalizzazione e Sovranismo

Estratto dall’intervento di Paolo Becchi al Festival della politica di Villa Durazzo, Santa Margherita Ligure, 11 settembre 2018

Redazione-Idee come quelle di nazione, sovranità, Stato sembrano scomparse dal lessico del politicamente corretto. Chi parla di nazione è uno xenofobo nazionalista, chi parla di Stato nazionale lo fa solo per infangare il buon nome dell’Unione europea. Chi parla di sovranità non si rende conto che sta parlando dei dinosauri. Nazione, Stato, sovranità sono solo degli oggetti privi di vita di cui si occupano gli storici del pensiero politico. È la “globalizzazione”, bellezza! ... la fine della storia. Punto e a capo.
 
Eppure, qualcosa in questa narrazione non torna. Siamo proprio sicuri che gli Stati nazionali appartengano alla storia, al passato insomma, e il futuro sia comunque segnato dal processo di unificazione politica europea? Continuano in Europa, e per fortuna, ad esistere lingue diverse, popoli che hanno il senso della loro appartenenza, e che anzi la sentono oggi maggiormente a causa dei flussi migratori incontrollati. Popoli che si identificano con gli Stati esistenti, oppure popoli che addirittura - penso alla Catalogna - reclamano la loro indipendenza. Chi si riconosce nel proprio Stato lo fa per il senso di appartenenza nazionale che sente, senza negare la propria origine particolare. Ci si sente oggi italiani come piemontesi, liguri, siciliani, ecc., ma non ci si sente membri di una Unione più vasta, come è l’Unione europea. Non esiste una lingua comune europea, non esiste una opinione pubblica europea, non esiste una classe dirigente europea, ma solo, burocrati ben pagati, non esiste un solo grande corpo elettorale europeo, e magari come italiani apprezziamo la cultura francese o quella tedesca o quella inglese (anche se il Regno Unito non è più nella Ue, e sta trattando le condizioni di uscita) mentre in molti disprezziamo il mostro “sanft” Bruxelles, per nulla buono ma placido, tranquillo, come lo ha definito Hans Magnus Enzensberger nel suo noto pamphlet.
 
Il rapporto tra sovranità nazionale e Unione europea è fondamentale, perché è qui che si gioca l’opposizione politica del futuro, che non sarà più quella ormai obsoleta tra destra e sinistra ma quella tra sovranisti e globalisti, tra “identitari” e “cosmopoliti”. Si potrebbe filosoficamente dire tra Hegel – che per primo, nella storia del pensiero occidentale, ha posto il problema della questione “nazionale” – e Kant, quale erede di un certo illuminismo giuridico. Contrastare oggi la globalizzazione in Europa significa ritornare all’idea di nazione e di Stato nazionale.Del resto, contro lo strapotere delle oligarchie di Bruxelles e della finanza globale cosa resta, se non quel residuo di democrazia che ancora troviamo proprio all’interno degli Stati nazionali? La globalizzazione dei mercati ha bisogno di Stati privi di sovranità per conservarsi e riprodursi e da questo punto di vista l’Unione europea è lo strumento migliore e più efficace per realizzarla: una Unione che si appropria della sovranità degli Stati, senza peraltro diventare essa medesima sovrana, e in cambio non restituisce ai cittadini che povertà e miseria.
 
Il compito è allora anzitutto quello di recuperare margini di sovranità, di recuperarli in favore dei popoli. E qui il primo punto riguarda la sovranità monetaria. L’euro è il classico esempio di “mondializzazione” (sia pure riferito ad una particolare area geografica) e il risultato lo abbiamo sotto gli occhi: una crisi economica permanente. La stessa cosa si può dire per l’Unione europea, che in fondo nasce in stretta connessione con l’idea della moneta unica. E comunque questa Unione non ha unito un bel niente, mai come oggi dal secondo dopoguerra i popoli europei sono divisi e gli Stati privi di sovranità politica ormai si dividono in due categorie economiche: Stati “debitori” e Stati “creditori”. L’Italia e la Grecia sono un problema per l’eurozona, l’Ungheria un problema per l’Unione europea che la sanziona per le sue posizioni sui migranti. Sembra quasi che i popoli europei siano diventati un problema per l’Europa e per questo vadano puniti. Nell’ Unione non esiste la democrazia, ma l’eurocrazia e la politica moralista dell’accoglienza. Quello che ancora resta della democrazia in Europa lo si trova all’interno degli Stati nazionali.
 
Beninteso, non si tratta di essere contro l’Europa ma contro questa costruzione, intendo contro l’Unione europea. Bisognerebbe riuscire a farla collassare sotto controllo prima che collassi da sola, per poter poi iniziare un nuovo cammino, ripartendo da “Maastricht”. Non dobbiamo continuare a “morire per Maastricht” ma ritornare indietro, a prima di Maastricht. Al di là di tutta la retorica europeista il Trattato di Maastricht, costitutivo dell’attuale Ue, nasceva dall’implosione dell’Unione Sovietica, che aveva creato le condizioni per l’annessione della Repubblica Democratica Tedesca a quella Federale. La Francia temeva una marginalizzazione nel contesto geopolitico europeo a tutto vantaggio di una Germania unita. Da qui l’idea di “europeizzare” la Germania con la creazione dell’Unione e della moneta unica. Ma il risultato è stato esattamente opposto: si è finito, proprio grazie all’euro, con il “germanizzare” l’intera Europa. E così l’Europa che oggi abbiamo è l’Europa del marco tedesco travestito da euro. Bisogna ripartire dai popoli e dai loro bisogni per costruire una nuova Europa.
 
Una nuova Europa, sì perché non vorrei essere frainteso. Chi oggi è contro questa Unione e non vuole niente da questa costruzione europea non è affatto “antieuropeista”. Al contrario, è uno che ritiene che questa costruzione stia disintegrando gli Stati nazionali europei e finirà per disintegrare anche i valori su cui l’Europa politica oggi si fonda. E non sono semplicemente i valori di pace, libertà, umanità: questi sono valori universali. Ma non sono questi i valori che specificamente definiscono cosa lega tra loro, e solo tra loro, i popoli del vecchio continente. Ciò che li lega insieme, ciò che ci lega, è quella idea di “statualità” e di “sovranità popolare” di cui troppo presto si sono voluti celebrare i funerali.Non si tratta, dunque, di schierarsi contro l’Europa, quanto piuttosto, di scegliere tra un’Unione europea senza cittadini, senza nazioni, senza patrie e alla fine forse anche senza europei, ed un’Europa di nazioni, di radici identitarie e di identità nella differenza. Si tratta, in fondo, di rendersi conto che senza confini, senza “nazioni”, l’Europa diventa liquida. I valori precedono l’Unione e i popoli precedono gli Stati. L’Unione europea che, rinnegandoli, ha preteso di crearne nuovi – come l’euro e il multiculturalismo – non ha più niente di europeo, è unicamente una “banca d’affari” come un’altra, una “multinazionale” neppure quotata in quanto tale nella Assemblea generale delle Nazioni Unite (la quale non a caso ha ora deciso di occuparsi di un Paese, il nostro, per la violazione dei diritti umani, quando non ha mai speso una parola su Arabia Saudita, Cina o Zimbabwe).
 
È sempre più evidente che questa Unione è completamente funzionale al sistema economico della globalizzazione, al dominio della finanza questa sì veramente globale, anzi è il modo in cui quel sistema opera in Europa, soffocando i popoli che la costituiscono o persino cercando di sostituirsi ad essi, come sta già accadendo in particolare in Italia con i flussi migratori incontrollati e che si stanno accumulando nel tempo. Ma gli intellettuali radical chic “sinistrati”, che parlano di “ponti” stando peraltro ben chiusi nelle loro torri d’avorio, non si rendono conto dei pericoli insiti in questo processo e anzi sognano una Europa in cui gli Stati nazionali finalmente si dissolvano. Non si rendono conto che uno “Stato cosmopolitico” è un ossimoro, una palese contradictio in adiecto. Non si rendono conto di fare in questo modo il gioco del supercapitalismo della finanza globale.
 
Ecco, il progetto di questa Europa “cosmopolitica” e del suo Stato meticcio: la sostituzione dei popoli che storicamente hanno formato l’Europa, mescolandoli con altri popoli, in modo che il “sistema” possa eliminare definitivamente il vero nemico, vale a dire gli Stati nazionali che ancora oppongono resistenza, che cercano di frenare il processo della globalizzazione in corso. Parlando di questo oggi si rischia di passare per nazionalisti, fascisti, razzisti, quando invece si tratta solo di difendere i propri interessi nazionali e di pensare ad una integrazione europea realistica e senza illusioni.La battaglia politica tra globalisti e sovranisti è aperta e le prossime elezioni politiche europee saranno decisive. L’Europa è al bivio. Possiamo scegliere tra la dittatura dello spread, dei vincoli di bilancio, dei cittadini “del mondo”, e il ritorno all’idea originaria fondata sulle nazioni che la costituiscono.
 

Siamo ancora in tempo per farlo.

Fonte:Paolo Becchi

Ultima modifica ilMartedì, 18 Settembre 2018 21:58

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.