BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Redazione

Redazione

URL del sito web:

CORONAVIRUS, IN ITALIA OLTRE 10MILA MORTI: AUMENTANO IL NUMERO DEI GUARITI

Redazione- Oltre 10mila morti. Nelle ultime 24 ore sono morte 889 persone per un totale di 10.023.Ad oggi, sono 70.065 i soggetti positivi: 3.651 in sole 24 ore mentre ieri si erano registrati 4.401 nuovi casi. Sale di 1.434 unità il numero dei guariti (12.384 in totale). Dall'inizio della diffusione del coronavirus in Italia, 92.472 persone hanno contratto il Covid-19 (5.974 persone in più rispetto a ieri, contando anche morti e guariti). I pazienti ricoverati con sintomi sono 26.676; 3.856 sono in terapia intensiva (+124), mentre 39.533 sono in isolamento domiciliare fiduciario. Sono questi i dati riferiti dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa quotidiana.

Lombardia

"I dati di oggi sono migliori rispetto a quelli di ieri, tranne uno che continua a salire: le persone positive sono 39.415 (+2.117). Gli ospedalizzati sono 11.152, solo 15 in più rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono arrivati a 1.319 (+27). I dimessi aumentano: 961 oggi sono arrivati a 9mila. Il dato sulle vittime è in linea con quello di ieri: sono 542 i morti di oggi e arriviamo a un totale di 5.944". Lo ha dichiarato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso dell'aggiornamento quotidiano su Facebook sull'emergenza coronavirus.In Lombardia la provincia più colpita è sempre quella di Bergamo, con 8.349, 289 più di ieri, quando però erano stati 602. Nella provincia di Brescia, invece si sono accertati 373 nuovi casi e il totale è arrivato a 7.678. In provincia di Milano il totale dei casi positivi è di 7.783, "314 più di ieri, quando però questo dato era di 547", ha sottolineato l'assessore. A Milano città, invece, i casi totali hanno raggiunto i 3.159 casi, con una crescita in 24 ore di 150 pazienti.

Lazio

"Oggi registriamo un dato di 210 casi di positività e un trend che si conferma sotto al 10% per il secondo giorno consecutivo. Non bisogna abbassare la guardia, dobbiamo assolutamente continuare nelle misure di contenimento e nella più alta sorveglianza delle strutture per anziani che oggi rappresentano la vera frontiera dell'epidemia nella nostra regione", ha dichiarato l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. "Continuano ad essere in aumento i guariti che nelle ultime 24 ore salgono di 36 unità arrivando a 200 totali. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 7.491 e si dimezzano i decessi che sono 6", ha sottolineato D'Amato.

Comments ()