BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
NELLA RIFONDAZIONE DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE L'UOMO GUIDA SARA' GIUSEPPE CONTE: Al conclave c'è l'intero stato maggiore governista. Quello che ha detto sì a Draghi e al ministero della Transizione Ecologica. E che, in una calda domenica di febbraio, dice sì a Giuseppe Conte. L'ex premier è al tavolo con i VACCINI - SI PARLA DI 500 MILA DOSI AL GIORNO AD APRILE, E MARZO CHE FACCIAMO: Credo che sia un vero e proprio FAR WEST ITALIANO, storie dal terzo mondo, con tutto rispetto per le nazioni in povertà, ma in Italia sembra una MANICOMIO DI STATO. Si parla, notizia di oggi dell'ANSA, che ad Aprile ogni ITALIA - CAOS VACCINI, NON SI SA SE ARRIVERANNO E QUALI: Un mese fa eravamo la nazione al terzo posto per vacciazione, ora siamo al tredicesimo posto. Non si capisce. la logica, del sistema di gestione della distribuzione nazionale, e tanto mena dell'approvigionamento. Molte sono le segnalazioni degli anziani, che hanno CAOS RISTORI 5 - ANCORA SENZA BOZZA DI DECRETO, E LE ATTIVITA' CHIUDONO: Il governo Conte, aveva preparato al bozza ad inizio Gnnaio e doveva esser approvato subito, ma lo zampino di Renzi, ha amdato tutto a ............Il nuovo governo, Draghi, anche se aveva comunicato un immediato sostegno alle attività chiuse, etro la ABRUZZO - LE SCUOLE RESTANO CHIUSE: Firmata dal Presidente della Regione Abruzzo l’ordinanza n. 11 che dispone: “a decorrere dal 01 marzo 2021 e sino a diverso provvedimento, nel territorio della Regione Abruzzo le attività scolastiche e didattiche di tutte le classi delle scuole primarie, secondarie di TAGLIACOZZO - FAR WEST IN PIENO CENTRO, SASSAIOLA E RAGAZZI IN COMA ETILICO: Una vera e propria guerra, in piazza Duca degli Abruzzi, dove diversi ragazzi assembrati di fronte i locali, con birra e ed uforia alle stelle. Dopo qualche insulto tra ragazzi le cose sono digenerate, calci, pugi ed una mega sassaiola. CARSOLI - CONCLUSI LA DUE GIORNI DI TEST, NESSUN POSITIVO: Due giorni di test, 381 test eseguiti e per fortuna non ci sono stati positivi. Continua la campagna dell'ammiistrazione comunale, di contrasto alla diffusione, e controllo del covid 19. EFFETTO DRAGHI - AUMENTERANNO LE DIFFICOLTA' ECNOMICHE, VIA REDDITO DI CITTADINANZA E DI EMERGENZA: Qualcuno credeva nel cambiamento, che avverrà per l'Italia, in peggio soprattutto per le tasche degli italiani. Tutto questo voluto dalla mossa, assurda, di Renzi, di far cadere il governo, per mettere un banchiere al comando. I primi ad accorgersi della IL NUOVO SINGOLO STRUMENTALE DI BATTISTA: Redazione- Si intitola “Ὁ δαίμων” il nuovo singolo strumentale di BATTISTA, disponibile da oggi 24 febbraio 2021 su tutti i digital store e piattaforme streaming. Il nuovo lavoro del giovane cantautore abruzzese Pierpaolo Battista questa volta esplora lo strumento della PD ABRUZZO| PRESENZA MAFIE IN REGIONE SEMPRE PIU' ALLARMANTE: Redazione- La presenza delle mafie in Abruzzo è persino superiore alle dimensioni che emergono dalla relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia. L’allarme è lanciato dal PD Abruzzo, dalla responsabile del Forum Antimafia Teresa Nannarone e dal segretario Michele Fina, che

L'ORO GIALLO DELLA CUCINA: L'OLIO D'OLIVA

L'ORO GIALLO DELLA CUCINA: L'OLIO D'OLIVA Olio D'Oliva

 Oggi per la rubrica GUSTO parliamo del sole della terra, l'oro della cucina mediterranea ed italiana, sua maestà l'olio di oliva.

Redazione-La storia dell’olivo e della sua coltivazione ha radici che si perdono nella notte dei tempi. Le ricerche archeologiche più recenti hanno permesso di collocare la probabile nascita di questa pianta in Israele, nei pressi della città di Haifa, a seguito del ritrovamento di alcune tracce risalenti al V millennio a.C. A prescindere dall’effettiva origine, è senza dubbio lungo le coste sud-orientali del Mediterraneo olivicoltura e consumo dell’olio vissero la loro piena e definitiva affermazione socio-culturale. Una grossa spinta in questa direzione fu fornita dalla Grecia (pur senza dimenticare altre importanti realtà produttive come la Siria, la Palestina e la Turchia), che proprio nell’olio trovò la fonte primaria della sua prosperità commerciale, valorizzando e diffondendone il consumo fra i suoi abitanti. Oltre che irrinunciabile base della più classica ‘dieta mediterranea’, cominciò ben presto ad essere utilizzato anche nelle vesti di prezioso e ricercato unguento per il corpo, con massaggi e trattamenti per mantenere morbida ed elastica la pelle. A partire dal VIII sec. a.C., con la colonizzazione greca dell’Italia meridionale ‘ che diventerà poi Magna Grecia - , la coltivazione dell’olivo fece la sua comparsa anche nella nostra penisola, dove non tardò a diffondersi. Il prezioso ‘oro verde’ divenne ben presto un elemento trainante dell’intera economia, come testimonia il totale assoggettamento del comparto al controllo statale. Nacquero in questo periodo le prime classificazioni degli oli (suddivisi in cinque tipologie) e le figure dei venditori specializzati, che operavano nell’ambito di precise regole finalizzate alla regolamentazione dei prezzi di compravendita. Con la caduta dell’Impero Romano e le successive invasioni barbariche, ebbe inizio un periodo di decadenza anche per il settore olivicolo, che solo dopo all’anno Mille, grazie soprattutto alle ingenti donazioni terriere ricevute da Conventi e Monasteri, cominciò a dare segni di ripresa. Un rinascita che si completò in maniera definitiva solo qualche secolo più tardi, con l’incremento degli scambi internazionali verso Oriente ed Europa del nord ad opera dei mercanti veneziani, fiorentini e genovesi. Da quel momento in avanti la nomea dell’olio italiano crebbe enormemente, affermandosi agli occhi del grande pubblico grazie alle sue indubbie qualità. Nel corso del XVIII sec. ebbe luogo la prima catalogazione ufficiale delle varietà di albero d’oliva presenti sul nostro territorio, effettuata sulla base della loro provenienza geografica. Furono Puglia e Toscana, le due regioni a maggiore estensione colturale, a distinguersi per le caratteristiche dei loro oli. Il secolo successivo vide invece la prepotente entrata in scena dell’Umbria, letteralmente invasa da nuovi impianti olivicoli, che per molto tempo rimase la principale area produttiva dell’intera penisola. La produzione nazionale di olio ha attraversato un periodo di difficoltà nei primi decenni del ‘900, a causa sia delle guerre che del successivo abbandono delle zone rurali. Solo in tempi recenti, anche in coincidenza con la ‘scoperta’ dei benefici nutrizionali derivanti da un calibrato consumo di olio, il comparto nazionale sembra avere spiccato il definitivo volo, forte del successo che questo ‘fenomeno italiano’ riesce a riscuotere in tutto il mondo.

 

" O sole che brilla nel gusto, sommo profumo mediterraneo, o mare d'oro, si tu , si solo tu " 

 

Ultima modifica ilGiovedì, 25 Agosto 2016 14:34

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.