BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'INFERNO E' SCESO IN ABRUZZO BRUCIA MEZZA REGIONE: Una giornata per la nostra regione da dimeticare, afferrata da ogni dove da incendi, sfollamenti e tanta paura.  La Costa dei Trabocchi è sotto l’attacco del fuoco, completamente bruciata la pinetina di Vallevò storico polmone verde sul mare che sovrasta l’omonimo CARSOLI - DOPO GIORNI SENZA POSITIVI TORNA UNA SEGNALAZIONE DI POSITIVITA': L'ASL ha comunicato al Sindaco elia Nazzarro, la positività di un cittadino Crseolano, si tratta di una persona non vaccinata, che in qesto moment si trova in isolamento fiduciario presso la propria abitazione.  CARSOLI- GRANDE SUCCESSO PER IL PRIMO RADUNO REGIONALE VESPA:  Una domenica all'insegna della Vespa, quella appena trascorsa a Carsoli, e tutto grazie al VESPA CLUB CARSOLI, e al suo presidente Fulvio De Santis. Una splendita manifestazione, ce ha portato nel borgo di Carsoli tantissime Vespa, recenti e datate, ma INCENDI, PD| PREOCCUPAZIONE, IMPEGNO MASSIMO E COESIONE NECESSARIA: Redazione- “Il Partito Democratico regionale esprime sconcerto e preoccupazione per la gravità dell’emergenza che stanno affrontando diversi territori, a cominciare dalla città di Pescara, a causa degli incendi che si sono sviluppati nella giornata di oggi”: lo dichiarano Michele Fina ARICCIA| FANTASTICHE VISIONI: Redazione- Palazzo Chigi di Ariccia (RM) ospita fino al 13 agosto Fantastiche Visioni, un’occasione per rivivere le bellezze architettoniche seicentesche, che incontrano quelle letterarie dell’Italia rinascimentale, la musica popolare e un ironico salto negli Anni Ottanta. Tutto questo attraverso un SOLIDARIETA' AL PROF. GRAVELLI, CAVALIERE AL MERITO DELLA REPUBBLICA: Redazione- “E' paradossale che da Galileo a Semmelweis la storia delle inutili repressioni del pensiero scientifico non abbia insegnato la prudenza alle autorita' decisionali” "Siamo pertanto completamente solidali con il il Prof. Garavelli, minacciato di provedimenti disciplinari per aver osato esprimere, pur in NELLA CHIESA DI SAN GIOVANNI AD AVEZZANO LE SPOGLIE MORTALI DELLA SERVA DI DIO MADRE MARIA TERESA CUCCHIARI: Redazione- Si è tenutai, 31 luglio, alle 10.30, nella chiesa di San Giovanni ad Avezzano, la solenne Celebrazione Eucaristica, presieduta dal Monsignor Pietro Santoro, dedicata alla Serva di Dio Madre Teresa Cucchiari, fondatrice, nel 1762, dell'istituto religioso femminile delle Suore NASCE SPAZIO TEVERE POINT: Redazione-  il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha inaugurato il Centro di Sosta Tevere Point, uno spazio gestito da Under35 volto ad agevolare la fruizione della Valle del Tevere e a consolidare il percorso ciclopedonale tra la Riserva Regionale TIQ | TEATRO IN QUOTA 2021 IL LINGUAGGIO PRESENTE (10 - 23 AGOSTO 2021): Redazione- Linguaggio: In senso ampio, la capacità e la facoltà, peculiare degli esseri umani, di comunicare pensieri, esprimere sentimenti, e in genere di informare altri esseri sulla propria realtà interiore o sulla realtà esterna, per mezzo di un sistema di MANTOVANELLI | PITTORE E SCENOGRAFO VENETO A L’AQUILA (1951-1981): Redazione- Neanche i tanti rinvii provocati dal Covid-19 sono riusciti a spegnere gli entusiasmi e a frenare le iniziative della One Gallery, che giovedì 5 agosto alle ore 17:30 riapre le sue porte a L’Aquila - Via Roma 67 con

FAVORI ALLE MULTINAZIONALI A DANNO DEI CITTADINI

Unione Civica Unione Civica

Redazione- Dal consigliere di opposizione del gruppo "Unione Civica per Carsoli" Domenico D'Antonio, riceviamo ed integralmente pubblichiamo il seguente suo comunicato:<<Consiglio Comunale del 17 giugno 2021, altra decisione sciagurata e deleteria per le casse comunali.La maggioranza, contravvenendo alle più elementari regole e valutazioni economico-finanziarie, decide di costituire il diritto di superficie per la durata di 30 anni sul terreno di proprietà dell’Ente, adiacente al cimitero di Carsoli, dove attualmente è installata una stazione radio base per la telefonia mobile, concessa in locazione ad una società telefonica ad un canone annuo anticipato di 15.000€ che, per effetto delle rivalutazioni Istat, ammonta ad oggi a circa 15.447,00€.

Il prezzo base della vendita della proprietà superficiaria ammonta a 100.000€.

Il conto è presto fatto: a fronte di possibili canoni di locazioni in 30 anni ammontanti ad oltre 450.000€ si decide di rinunciare ad oltre il 77% accontentandosi di avere subito ed in unica soluzione 100.000€.

E’ questo “l’uso produttivo e fruttuoso dei beni pubblici” teso a “favorirne la massima valorizzazione funzionale a vantaggio diretto od indiretto della collettività territoriale rappresentata”, come richiesto dalla legge?

Qualunque buon padre di famiglia, per tutelare il futuro dei propri figli, non assumerebbe mai una decisione così scriteriata ed irragionevole come, crediamo, nessuno dei componenti della maggioranza accetterebbe simili condizioni qualora si fosse trattato di un bene di loro proprietà.

Avevamo dato la nostra completa disponibilità ad approfondire insieme la situazione e ricercare le soluzioni ottimali per i nostri concittadini; abbiamo richiesto un incontro, abbiamo chiesto di rinviare il Consiglio, abbiamo evitato di fare articoli per togliere qualsiasi alibi e giustificazione ed, invece, ancora una volta la maggioranza ha deciso di non confrontarsi con chi ha ottenuto il mandato dalla metà dei cittadini ma che, in questa situazione, è stata ed è l’unica componente che vuole tutelare l’intera cittadinanza.

Eppure di soluzioni alternative ce n’erano molte come abbiamo anche proposto durante il Consiglio:

  • ridurre la durata del diritto di superficie mantenendo lo stesso corrispettivo di 100.000€ ricercando un incontro tra le esigenze delle società di telecomunicazioni e del Comune (ad es. con una durata di 15 anni, comunque, la concessionaria avrebbe risparmiato oltre il 55%, rispetto al canone attuale che non sembra assolutamente irrilevante);
  • ridurre il canone di locazione che, anche se portato ad es. a 9.000€ l’anno avrebbe garantito al Comune un’entrata quasi tripla rispetto al corrispettivo base della vendita della proprietà superficiaria consentendo un cospicuo risparmio anche per la Concessionaria;
  • sottoscrivere un nuovo contratto di locazione a canone ridotto del 40% per la durata di 10 anni, rinnovabile tacitamente per altri 10 (quindi per un minimo di 20 anni che corrisponde alla durata della concessione della licenza da parte del Ministero), soddisfacendo proprio quelle “esigenze di stabilità e continuità del servizio” alla base della proposta di acquisto effettuata dalla società concessionaria con lettera del 05/11/2020.

In questa storia di elementi poco chiari e dubbiosi ce ne sono molti. Oltre a quanto sopra detto, per quale motivo, pur essendoci una corrispondenza da oltre 7 mesi, tutto è stato tenuto nascosto alla minoranza (nonostante le polemiche su analoga situazione avvenuta nel dicembre 2020), perché è stata comunicata da chi non autorizzato per legge alla società concessionaria una soluzione prima che decidesse il Consiglio, unico organo legittimato, come chiaramente indicato nella proposta di delibera; altri dubbi riguardano il rispetto della parità di condizioni per i partecipanti alla gara, l’utilizzazione della stazione radio da parte di altri operatori per la quale dovrebbe essere previsto un compenso ulteriore di almeno 30.000€ per operatore , invece di prevedere che ben il 70% rimanesse nelle casse della società aggiudicataria permettendogli di recuperare, nel tempo, gran parte se non la totalità del corrispettivo versato.

Se dovessimo ragionare con lo stesso metodo con cui per anni ha operato l’attuale vice sindaco, dovremmo nutrire molti dubbi sulla correttezza di molti passaggi di questa vicenda che sarà portata all’attenzione dell’ANAC e della Corte dei Conti.

Credevamo che tutti gli amministratori, in Consiglio, dovessero e volessero difendere gli interessi dell’Ente e dei cittadini per ricercare ed assumere le soluzioni più vantaggiose mentre, purtroppo, abbiamo dovuto prendere atto che la maggioranza perseguiva un’unica decisione, precostituita ed assolutamente immodificabile, dimostrandosi restia e riluttante a valutare qualsiasi ulteriore diversa soluzione.

Chi doveva operare solo ed esclusivamente per difendere le ragioni dell’Ente ha solamente ricercato le motivazioni e le ragioni a favore della concessionaria; motivazioni sibilline e prive di fondamento, come la possibilità per la concessionaria di acquistare un terreno da un privato o il fatto che potesse non rinnovare il contratto o che si possa ottenere, in sede di gara, un corrispettivo maggiore. Motivazioni lontane anni luce dall’obiettivo che la società concessionaria voleva raggiungere riguardanti la stabilità e continuità di servizio.

Motivazioni riportate in Consiglio dal Vice sindaco, al quale, indipendentemente dalla diversità di visione, riconosciamo di essere l’unica voce che in Consiglio si confronta con le nostre posizioni e dimostra, in queste situazioni, rispetto istituzionale a differenza del mutismo continuato ed arrogante del sindaco e dell’apparente partecipazione dell’assessore di riferimento, la dr.ssa Lorenza Muzi, che non si è assolutamente espressa sull’argomento, dando l’impressione di non conoscerne minimamente il contenuto.Per quanto antieconomica, ingiustificabile ed immotivata tale decisione, come pensa, ora, di comportarsi l’amministrazione sulla vendita della piena proprietà del terreno della stazione radio di Pietrasecca che è a condizioni ancora peggiori e per la quale ci siamo attirate le ire e gli strali della maggioranza

mentre ora viene dimostrando, invece, che nonostante tutto, avevamo pienamente ragione?>>.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.