BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
IRAN, LA 14ENNE ROMINA ASHRAFI SCAPPA DI CASA PER AMORE CON IL SUO FIDANZATO. IL PADRE LA DECAPITA NEL SONNO: Redazione- È stata uccisa ad appena 14 anni, dall'uomo che doveva amarla e proteggerla. Si chiamava Romina Ashrafi ed è la BBC a raccontare la sua storia, che dall'Iran ha fatto il giro del mondo: la giovane era fuggita da PAVIA: FIDANZATI, CONVIVENTI, SI ABBRACCIANO PER STRADA INDOSSANDO LA MASCHERINA. 400 EURO DI MULTA: Redazione- Vicini tra le mura domestiche, multati per un abbraccio in strada.I protagonisti di questa vicenda sono due fidanzati di Pavia, che passeggiavano in una via del centro e si sono abbracciati sotto gli occhi di una pattuglia di agenti CONTO ALLA ROVESCIA PER LA FESTA DEL NARCISO 2020: UN TOUR VIRTUALE VI GUIDERA' ALLA 74° EDIZIONE DI UNA DELLE: Rocca di Mezzo (AQ) 31 maggio 2020 Ore 15.30 Redazione-  La Festa del Narciso cambia forma ma non si ferma. Come? Riscoprendo la più sicura, e sempre emozionante, tradizione dei Balconi Fioriti, rivalutata lo scorso anno grazie alla sinergia tra la ProLoco e STRAGE DI CAPACI, NUOVE RIVELAZIONI DI FRANCESCO MACRI’ NELLA DIRETTA DI TELERAMA: Redazione- Salve Macri’, abbiamo ascoltato con grande interesse la Sua intervista sul TG di TELERAMA e siamo rimasti, sebbene Lei ci aveva già in precedenza illustrato alcune zone d’ombra che avvolgono ancora la strage di Capaci, molto colpiti dal Suo DON BIANCALANI E PADRE ZANOTELLI INFURIATI PER IL NO DEL SENATO AL PROCESSO A SALVINI PER IL CASO OPEN ARMS: Redazione- Adesso l’armata buonista anti salviniana torna alla carica dopo lo stop inferto ai magistrati di Palermo che, con ogni forza, vorrebbero mandare a processo Matteo Salvini per il caso di Open Arms. I fan dell’immigrazione si sono, infatti, infuriati contro Italia Viva POSTE ITALIANE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE: Sui monitor dei 63 sportelli Postamat ATM della provincia dell’Aquila il numero e l’app gratuita 1522 antiviolenza e antistalking Redazione- Poste Italiane sostiene le comunicazioni del Dipartimento Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri contro la violenza sulle donne ed è SHEROL DOS SANTOS PER #UNITEDWESTAND: promosso da Regione Lazio tramite Lazio Innova con Noemi, Massimo Bonelli, Lorenzo Sciarretta, Maila Sansaini e molti altri modera Gianluca Dotti di Wired Mercoledì 27 maggio ore 18.00, diretta Facebook Redazione- Mercoledì 27 maggio alle ore 18:00, in diretta Facebook, Gianluca Dotti di Wired modera il mini COVIDESIGNJAM: IL FUTURO POST-COVID DISEGNATO DA PROGETTISTI ITALIANI: E se lo smart working ripopolasse i borghi? Se la musica live diventasse un'esperienza di concerto "al cubo”? Progetti e idee: 50 progettisti italiani riuniti tracciano le linee concrete della quotidianità in convivenza virus, sicurezza e socialità Redazione- Cinque aree LUCO DEI MARSI, AL VIA IL RESTYLING AL CENTRO STORICO: Redazione- Sono iniziati nella giornata di ieri i lavori di rifacimento di via Conte Berardo, in una delle zone storiche più belle e suggestive del paese. Le attività interesseranno l'area da piazza delle Campane fino all'incrocio con via Santa Maria VALERIA ALTOBELLI A SOSTEGNO DEL FONDO DI SOLIDARIETA' COVID-19:   “I'm standing with you”, il video musicale a supporto della Fondazione delle Nazioni Unite e dell’OMS Redazione- Valeria Altobelli, regala un altro fiore all’occhiello all’Italia portando, ancora una volta, in alto il tricolore per un nuovo progetto internazionale.Il 22 maggio 2020,

BOLOGNA, MONSIGNOR ERNESTO VECCHI: -LE CHIESE RISCHIANO DI TRASFORMARSI IN MOSCHEE, QUESTO MI FA ORRORE-

Monsignor Ernesto Vecchi Monsignor Ernesto Vecchi

Redazione-Un altro vescovo si ribella al cancro islamico, all’islamizzazione dilagante con il contributo della sinistra e dei traditori dei cristiani e al buonismo suicida di Bergoglio. La denuncia di monsignor Ernesto Vecchi, vescovo ausiliare di Bologna: “Le chiese rischiano di trasformarsi in moschee e questo mi fa orrore”.“La basilica di San Petronio non diventi una moschea”. E’ questo l’appello di monsignor Ernesto Vecchi, vescovo ausiliare emerito di Bologna, che ha spiegato all’emittente Trc un passaggio della sua omelia durante la celebrazione in onore dei defunti delle forze armate. “Questo è un paradosso, spero almeno. Mi dispiacerebbe che diventasse una moschea. Con questo non voglio togliere il diritto alle persone di pregare, però che i luoghi di culto cristiani, piano piano, possano trasformarsi in moschee questo mi fa terrore”.

Un timore, quello del vescovo di Bologna, che difficilmente viene esternato dai vertici della Chiesa ma che sembra sempre più diffuso tra i fedeli cattolici. E’ lapalissiano infatti che le chiese in Italia, e in generale in Europa, sono sempre più vuote mentre aprono di continuo luoghi di culto islamici. “Non mettiamo più al mondo i figli – ha specificato monsignor Vecchi – noi abbiamo bisogno di questi qua: molti per ora sono cristiani che vengono dall’Est, se vengono quelli musulmani loro hanno Maometto, ma Maometto non è Cristo”. Sull’accoglienza degli immigrati il vescovo di Bologna ha detto poi che “bisogna accogliere, però se io butto già la casa, come faccio ad accogliere? Io devo custodire la mia casa, cioè la nostra identità culturale deve rimanere come un valore, tra questi valori c’è quello dell’accoglienza”.

Fermo restando il ragionamento un po’ antinomico su identità e accoglienza, monsignor Vecchi ha toccato forse il tasto più dolente e al contempo significativo. Ovvero quello dei pochi bambini che nascono oggi in Italia da genitori autoctoni. Un fattore che inevitabilmente pesa sul futuro stesso della religione cattolica e dei suoi edifici sacri, ma che con tutta evidenza viene sottovalutato

(per non dire avallato) a partire da Papa Francesco.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilVenerdì, 09 Novembre 2018 14:42

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.