BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - ERA IL 25 MAGGIO DEL 1944, UN COLPO ALLA TESTA DI UN NAZISTA, TOLSE LA VITA A FERRANTE: Il 25 maggio 1944 fu uccisa con un colpo di pistola Elvira Ferrante, legata a formazioni partigiane(nella zona operava la banda partigiana Madonna del Monte). L’episodio avvenne a Carsoli,presso il ponte: la località era già da tempo luogo di internamento CARSOLI - OTTANTANNI FA IL PAESE, SOTTO I BOMBARDAMENTI, VENNE RASO AL SUOLO: Era il 16 Aprile del 1944, Carsoli venne bombardata ripetutamente, riportando molte perdite civili, ed il paese bìvenne raso al suolo per la totalità. Nel 2004, il presidente della Repubblica Italiana conferi' alla cittadinanza di Carsoli, la medaglia d'Argento al CAMPLI FLEGREI - LA TERRA NON HA PACE, CONTINUANO LE SCOSSE DI TERREMOTO: Uno sciame sismico intenso, quello che in queste ore si sta registrando nel Napoletano, nella zona dei Campli Freglei. Una lista lunghissima, infatti,dalle 9.35, che ha contato oltre 70 eventi di varia intensità in un lasso di tempo ridotto, e MUORE IL CALCIATORE MATTEO GIANI, AVEVA AVUTO UN ARRESTO CARDIACO IN CAMPO, AVEVA 26 ANNI: Purtroppo questa mattina il cuore di Mattia Giani, ha smesso di battere. La gravità dell’accaduto, durante la partita di calcio, è stato subito chiaro a tutti i presenti allo stadio di Campi Bisenzio, struttura che ospitava il Castelfiorentino. Mattia, 26 CINEMA - 57 ANNI FA SI SPEGNEVA UNA STELLA, MORIVA IL GRANDE TOTO': Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, per l’eternità noto come Totò, lo aveva previsto: solo alla sua morte gli avrebbero riconosciuto lo status di grande artista e così fu, nonostante la sua poesia CARSOLI - FIORI E COLORI PER IL MONUMENTO AI CADUTI: Il sindaco, Velia Nazzarro, insieme all'amministrazione comunale, ha voluto porgere ai nostri caduti un po di colore, e note profumate, inserendo nel complesso del monumento dei caduti, dei fiori, nella iuole adiacenti al memoriale. Un gesto che rende il luogo GROTTAFERRATA - "GROTTA PICCANTE PEPERONCINO DI VINO" CON GLI ERRESEI, PIZZICA E TARANTE INFUOCHERANNO LA PIAZZA: A Grottaferrata, dal 19 al 21 aprile torna la manifesta dedicata al connubio tra il vino locale del il peperoncino: Grotta Piccante, Peperoncino Di Vino. Un felice connubio che vede anche il festeggiamento del patto di amicizia fra i comuni AVEZZANO - TROVATO SENZA VITA IN CASA L'AVVOCATO CARLO LUCCI: La notizia è appena arrivata in redazione. Un tragedia che ha sconvolto la comunità di Avezzano , e del mondo degli avvocati. Subito dopo pranzo è stato trovato senza vita il 58enne avvocato avezzanese Carlo Lucci.Sembrerebbe, le cause della morte, UN ANNO FA MORIVA A NEW YORK MARIO FRATTI: Inaugurato all’Istituto Italiano di Cultura un Archivio in onore del grande drammaturgo abruzzese     Redazione – Un anno fa, il 15 aprile, Mario Fratti moriva nella sua bella casa al 146W della 55^ Strada di New York, la città nella quale il PROTEZIONE E PREVIDENZA: CON POSTE ITALIANE NUOVI INCONTRI INFORMATIVI GRATUITI ONLINE PER I CITTADINI: Redazione-  “La protezione” e “La previdenza”. Sono i temi che verranno affrontati, rispettivamente domani, martedì 16 e giovedì 18 aprile, nel corso dei nuovi appuntamenti online di educazione finanziaria, completamente gratuiti e rivolti a tutti i cittadini , organizzati da Poste

UNA SENTENZA CHOC STA DESTANDO SCANDALO IN FRANCIA, ASSOLTO UN RIFUGIATO STUPRATORE DI MINORENNI: -INFLUENZATO DALLA CULTURA DEL SUO PAESE-

Violenza Minorile Violenza Minorile

Redazione-Una sentenza choc sta destando scandalo in tutta la Francia: uno stupratore finto profugo del Bangladesh è stato assolto dalle accuse di stupro ai danni di due minorenni francesi perché, secondo i comunisti in toga, “il soggetto (la bestia islamica) è stato influenzato dalla cultura (sottocultura) del suo Paese d’origine. Sinistra e femministe vergognosamente in silenzio.La Corte d’assise della Manica, nel nord-ovest del Paese, ha assolto un giovane rifugiato del Bangladesh che nel 2015 era stato arrestato per lo stupro di una quindicenne di Saint-Lô.Nello stesso processo, l’uomo è stato invece condannato, ma soltanto a due anni di reclusione (e con la condizionale), per l’aggressione sessuale realizzata nei confronti di un’altra minorenne, a distanza di poche settimane dalla prima, e sempre a Saint-Lô.Al processo, secondo quanto scrive il quotidiano Le Figaro, l’avvocato difensore ha invocato come motivo per l’assoluzione i “codici interpretativi” del suo cliente,sostenendo che l’immigrato, in quanto proveniente dal Bangladesh, “non ha gli strumenti culturali” per rendersi conto di avere imposto un rapporto sessuale alle due minorenni. E i giudici gli hanno dato ragione.

Il giornale cita anche la testimonianza di un capitano della polizia del dipartimento di Saint-Lô: “Nell’interrogatorio in carcere dell’imputato” ha riferito l’ufficiale “ho dovuto mettere un brigadiere tra l’interprete (che era una donna, ndr) e l’imputato, perché quest’ultimo stava cercando di toccarle le cosce”. Secondo il capitano, l’accusato “considera le donne francesi come prostitute, si comporta insomma come un predatore“.I periti del tribunale hanno descritto il rifugiato come “narcisistico ed egocentrico”, ma hanno sottolineato soprattutto quanto sia influenzato dalla cultura maschile del suo Paese d’origine, dove “le donne sono relegate allo status di oggetti sessuali”.Le Figaro ha dato voce anche all’avvocato della seconda ragazzina violentata, quella la cui denuncia non ha avuto effetto: “Dopo la sentenza” ha dichiarato il penalista “il presidente del tribunale ha detto alla mia cliente che era stata creduta, ma che il tribunale aveva ritenuto che i fatti non fossero sufficientemente accertati per stabilire l’esistenza del reato”.Secondo il codice penale francese, per essere considerato reato lo stupro deve essere compiuto “con violenza, coercizione, minaccia o sorpresa”. Nel caso in questione, secondo la sentenza, l’adolescente francese avrebbe manifestato il suo rifiuto all’uomo ma, “in stato di stupore”, non si sarebbe opposta all’atto con sufficiente determinazione.Inizialmente, la sua denuncia era stata respinta senza nemmeno un supplemento di indagini. Era stata riaperta soltanto quando una seconda minorenne aveva denunciato l’aggressione sessuale subita dallo stesso uomo, per l’appunto l’immigrato del Bangladesh. “Ulteriori indagini avrebbero dovuto essere effettuate fin dall’inizio. Il suo caso non è stato trattato come avrebbe dovuto”, sottolinea oggi il suo avvocato.Il caso giudiziario, in Francia, si è trasformato in scandalo, e non soltanto perché è esploso nelle immediate vicinanze della marcia del 24 novembre contro la violenza di genere e sessuale. Come al solito in questi casi, la sinistra e il mondo femminista purtroppo hanno taciuto, in evidente imbarazzo.Il centrodestra francese, al contrario, è insorto: “Non è possibile tollerare che in Francia sia ammessa una cultura che permette agli uomini di violentare le donne”, ha scritto Valérie Boyer, parlamentare repubblicana, in una lettera inviata al primo ministro. E Nicolas Bay, segretario del Rassemblement nationale (erede del Front nationale), ha aggiunto:

“Il silenzio delle femministe è più assordante che mai“.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilMartedì, 04 Dicembre 2018 19:03

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.