BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ROMA, CABIN ART | INAUGURATE OPERE DI CRUDI IN PIAZZALE LABICANO E NIAN A TOR PIGNATTARA: Redazione- Nell’ambito di CABIN ART, il progetto pilota di rigenerazione urbana promosso dall’Ufficio di Scopo Politiche Giovanili in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, sono state inaugurate oggi altre due opere site specific, “Al suono di Roma” di Leonardo Crudi questa POSTE: LASCO, CON POLIS SIAMO AZIENDA DI SISTEMA CON SERVIZI DIGITALI IN OGNI ANGOLO D’ITALIA: Il Condirettore Generale al TGPoste: 25.000 neoassunti, ogni anno eroghiamo 5 milioni di ore di formazione     Redazione- Poste Italiane rafforza la sua vocazione di azienda di sistema e la realizzazione di Polis in 7.000 piccoli Comuni ne conferma il ruolo FINA | "SENTENZA TAR ENNESIMO SEGNALE. SUBITO UNA LEGGE PER SALVARE I TRIBUNALI ABRUZZESI": Redazione- "È stata pubblicata nella giornata di ieri la sentenza del TAR Abruzzo sulla vicenda riguardante il silenzio del Ministero della Giustizia in merito alla dotazione organica del Tribunale di Avezzano. La giustizia amministrativa ha riconosciuto le ragioni del Consiglio RIFORMA SU AUTONOMIA DIFFERENZIATA | LA UIL ESPRIME PREOCCUPAZIONE: Il segretario regionale Michele Lombardo: “No a disuguaglianze tra le regioni, sì alla crescita armonica del sistema economico e sociale” Questa mattina all’Aurum di Pescara il seminario con la partecipazione della segretaria confederale Ivana Veronese Redazione- Si è tenuto questa mattina LA GUIDA DEFINITIVA ALLA SCELTA DEL TUO PRIMO LAPTOP: Redazione- Se sei sul mercato per il tuo primo laptop, potresti sentirti sopraffatto. Ci sono così tante scelte là fuori, può essere difficile sapere da dove cominciare. Per fortuna, abbiamo messo insieme questa guida per aiutarti a trovare il laptop CALASCIO - MUMMIE RINVENUTE NELLA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE: Redazione- Si sono conservati grazie al clima freddo e secco i resti mummificati rinvenuti a Calascio.L’Abruzzo interno, infatti, costituisce un comprensorio di monti e altipiani tra i più elevati dell’Italia centrale. Le sue condizioni ambientali, caratterizzate da clima freddo e POSTE ITALIANE: EMISSIONE FRANCOBOLLO SILVANO CAMPEGGI: Redazione- Poste Italiane comunica che oggi 31 gennaio 2023 viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo commemorativo di Silvano Campeggi, nel 100° anniversario della nascita, relativo al valore della tariffa B pari a 1,20€. Tiratura: ROMA CULTURE | GLI APPUNTAMENTI DAL 1° AL 7 FEBBRAIO: Redazione- Si inaugura una nuova settimana di eventi di Roma Culture con le iniziative proposte dalle istituzioni culturali cittadine e con la programmazione di PPP 100 - Roma racconta Pasolini, dedicata alla celebrazione del centenario pasoliniano. Tutte le informazioni e CA' SPINEDA | IL 7 E 9 FEBBRAIO VISITE GUIDATE GRATUITE: Redazione- Martedì 7 e giovedì 9 febbraio sarà possibile partecipare a una delle visite guidate gratuite alla nuova ala espositiva di Ca’ Spineda, che accoglie la mostra “Pittori a Treviso e nella Marca tra Otto e Novecento con sguardi a ROMA, TEATRO VILLA PAMPHILJ | CARTA BIANCA A FERNANDA PESSOLANO: Redazione- "Carta bianca a Fernanda Pessolano" è il titolo che il Teatro Villa Pamphilj ha scelto per i quattro appuntamenti che faranno conoscere in modo approfondito le tante sfaccettature dell'arte di Fernanda Pessolano. Artista, costumista per la danza contemporanea, Fernanda Pessolano

-SOS NATALE IO SEGNALO- , ARRIVA IL NUMERO WHATSAPP PER DENUNCIARE CHI VIETA IL PRESEPE A SCUOLA

Presepe Presepe

Redazione-Si chiama “SOS Natale Io segnalo”, il servizio di denuncia, attraverso un apposito numero di telefono WhatsApp – il 3397360574  – al quale i genitori, spesso intimoriti nel denunciare pubblicamente quello che è un vero e proprio sopruso verso i propri bambini, possono rivolgersi per segnalare i docenti e i dirigenti che cercano di vietare il presepe o la recita scolastica natalizia con la scusa di non urtare, così, la molto presunta suscettibilità di bambini appartenenti ad altre religioni, che si sentirebbero, in qualche maniera, discriminati di fronte alla Natività.E’ Fabrizio Santori, dirigente laziale della Lega e ideatore del servizio telefonico, a spiegare il senso dell’iniziativa che vuole tutelare «le radici cristiane del nostro Paese e le tradizioni», in particolare, proprio quelle di Natale.

«Da tempo, in prossimità delle Festività di Natale, si registrano – ricorda Santori – ignobili tentativi, da parte di insegnanti o dirigenti, di vietare il Presepe o la recita scolastica. La scusa che queste persone adducono è quella di non urtare la presunta suscettibilità di bambini appartenenti ad altre religioni sostenendo che si sentirebbero discriminati di fronte alla Natività».«In realtà – spiega Fabrizio Santori – questo non è altro che un escamotage da parte di chi è ideologicamente avverso, a priori, alle tradizioni e alle radici cristiane del nostro Paese, e cerca così, con ogni strumento e sotterfugio, di imporre la propria visione in nome di tolleranza e globalizzazione». Una visione che, in realtà, si rivela intollerante verso i cristiani.

«Per questo motivo abbiamo attivato il servizio “SOS Natale Io segnalo”, un numero di telefono WhatsApp, il 3397360574, al quale i genitori, spesso intimoriti nel denunciare pubblicamente quello che è un vero e proprio sopruso verso i propri bambini, potranno inviare segnalazioni su queste assurde imposizioni. La denuncia è la nostra unica difesa a tutela delle tradizioni e del diritto dei nostri figli a vivere serenamente la magia del Natale, lontani da ogni strumentalizzazione».C’è da dire che la fantasia è certamente l’unica cosa che non manca ai detrattori ideologizzati del Natale.C’è chi, invece del tradizionale canto di Natale, ha cercato di insegnare ai bambini di una scuola “Bella ciao”, la canzone dei partigiani che i bimbi avrebbero dovuto cantare in occasione della recita di Natale di fronte ai propri genitori. Per fortuna un padre ha reagito denunciando, pubblicamente, il tentativo di indottrinare i bambini perdipiù utilizzando una canzone come “Bella Ciao” che è, di per sé stessa, divisiva.

E come dimenticare quelle insegnanti della scuola media “Oreste Boni” di Sorbolo che, poco prima del Natale 2016, tentarono, violentando anche la metrica, di imporre ai bambini una canzone presa da un testo delle “Edizioni Paoline” in cui Babbo Natale “porta un sacco pieno di permessi di soggiorno”?
«C’è un silenzio un po’ speciale nella sera di Natale – recitava la canzoncina che scatenò una bufera politica – poi d’un tratto s’apre il cielo e non c’è più freddo e gelo. Una slitta atterra in strada fra brillanti di rugiada. Il bambino è spaventato: chi è quell’uomo che è atterrato? Sono io, Babbo Natale, è speciale questo giorno, ti ho portato un sacco di permessi di soggiorno, di permessi di soggiorno…».
E ancora, in un’altra strofa: «…la sua pelle è cioccolato, al freddo non è abituato, vende kleenex ed accendini, bussa piano ai finestrini; Sono io Babbo Natale, è speciale questo giorno, ti ho portato un sacco pieno di permessi di soggiorno, di permessi di soggiorno».

Salvini parlò, all’epoca, di «lavaggio del cervello» mentre la preside dell’Istituto cercava di difendere in qualche modo l’indifendibile maestra che aveva avuto l’idea: «E’ stata scelta da una maestra per la recita delle primarie, con molta serenità e spontaneità, io per prima riconosco che la frase del “sacco con i permessi di soggiorno” è un po’ troppo leggera, si tratta di questioni complesse».

Poco meno di un mese fa la polemica scoppiò a Terni dove i dirigenti della scuola elementare Anita Garibaldi avevano deciso di vietare il classico presepe vivente con i bambini «perché disturba le diverse culture religiose presenti nell’istituto».L’Istituto Comprensivo “Italo Calvino” di Milano l’anno scorso si è inventato la “Grande Festa delle Buone Feste” cancellando letteralmente la parola “Natale” per evitare di infastidire le famiglie di fede non cattolica.Nel solco delle peggiori tradizioni terzomondiste, quest’anno, alla scuola primaria Aldo Moro di Biassono, provincia di Monza, gli insegnanti hanno imposto ai bambini di cantare la canzone di Natale in arabo mentre a Taranto c’è stata la rivolta di 23 genitori poiché qualcuno aveva chiesto chiesto al preside di cancellare il nome di Gesù dai canti natalizi. Esattamente quello che è accaduto il 30 novembre scorso in un Comune di Riviera del Brenta dove è stata una bambina di 10 anni a ribellarsi ai soliti insegnanti politically correct che avevano epurato il nome di Gesù dalla canzone “Buon Natale in allegria” per non urtare la suscettibilità degli alunni non cattolici.E tutto questo pur se la Lega islamica ha detto, più volte e chiaramente, che «ai musulmani il presepe nelle scuole non dà fastidio».

Ma c’è sempre qualche zelante sciocco che vuole essere più realista del re.

Ultima modifica ilGiovedì, 20 Dicembre 2018 19:08

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.