BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - SONO 251 GLI ATTUALI POSITIVI NEL TERRITORIO: Sono 251 gli attuali positivi . di cui 4 in ospedale, nel territorio Carseolano. Intanto l'amministrazione Comunale ha comunicato per domenica 23 Gennaio, una nuova giornata di screening con tamponi antigenici gratuiti per tutti i ragazzi che frequentano le scuole di L'AQUILA - IN CINQUE ORE DUE SCOSSE DI TERREMOTO IN PROVINCIA: La terra torna a tremare nell'Aqulano, indìfatti nel pomeriggio e nella serata si sono rscontrate due scosse di terremoto, ben distinte dalla popolazione. Alle 16.03 con magnitudine 2.5 con epicentro a Scanno, ed in serata alle 21.47 a Capitignano.Si è FOLDS OF TIME| IL PRIMNO VISEO- ALBUM DI MUMEX TRIO: Louis Siciliano, Roberto Bellatalla e Mauro Salvatore insieme per un Ulisse in musica: un viaggio sperimentale jazz e metafisico. Pensando a John Coltrane Redazione- Un Ulisse della musica che fa della ricerca la sua stessa ragion d’essere. Un viaggio sperimentale per RIGOPIANO, FINA| VICINI AI FAMILIARI DELLE VITTIME, LAVORARE PERCHE' GLI ERRORI NON SIANO RIPETUTI: Redazione- “Nel giorno del quinto anniversario della tragedia di Rigopiano, la comunità del Partito Democratico abruzzese esprime vicinanza ai familiari delle vittime. Il nostro auspicio è che il percorso processuale arrivi fino all’esaurimento, e che emergano in modo chiaro le TERAMO| #NOGREENPASS #NONTOCCATEIMINORI #NAZIONALE: Redazione- In merito all’articolo pubblicato sul messaggero di quest’oggi “Poliziotti come buttafuori: i clienti senza green pass bloccati all'ingresso del locale” []fatti accaduti a Teramo di fronte al locale LA CONTEA di M. Z. Di seguito le dichiarazioni di NICO LIBERATI CASOLI CITTÀ DELLA MEMORIA: L’ambasciatore sloveno inaugurerà il “Memoriale europeo dell’ex campo fascista di Casoli (CH)” il 27 gennaio 2022 in occasione del Giorno della Memoria Redazione- Verrà inaugurato giovedì 27 gennaio 2022, nel pieno rispetto delle norme anti covid-19, in occasione del Giorno LEGA| SPACCIATORE PERCEPIVA SUSSIDIO A PESCARA, RIVEDERE NORME EROGAZIONE: Redazione- “Ennesima truffa del Rdc: questa volta, accusato di percepire indebitamente il sussidio uno spacciatore. Grazie all’ottimo lavoro della Guardia di Finanza di Pescara sono stati sequestrati a casa del presunto pusher 45 chili di marijuana per un valore di ESCE RITRATTO DI UN SOGNO 2| L'ALTA MODA VISTA ATTRAVERSO LE BIOGRAFIE DI 7 STILISTE ITALIANE: Redazione- Il 12 dicembre presso la meravigliosa location dell’hotel Abitart****(Roma) si è tenuta la conferenza stampa per il lancio del nuovo libro Ritratto di un Sogno vol. II edito da SG MEDIA AGENCY e scritto in collaborazione con la fashion TRIBUNALI, DI GIROLAMO (M5S): EMENDAMENTO GRIPPA-M5S ALLA CAMERA PER PROROGA E DOTAZIONE DI PERSONALE: Redazione- Voglio ringraziare la collega parlamentare del Movimento 5 Stelle Carmela Grippa che alla Camera dei Deputati ha presentato un argomentato emendamento al decreto Milleproroghe per mantenere in attività i tribunali abruzzesi di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto. Alla proposta DIRITTO E MITO NELLA RUBRICA DI MICHELE FINA: Redazione- Nel 94esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro” sono stati ospiti Luciano Violante (presidente emerito della Camera dei deputati, presidente della Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine) e Fabrizio Di Marzio (professore ordinario

GAD LERNER A PIAZZA PULITA SU LA7: -IO SERVO DI GEORGE SOROS? VORREI DIRE W SOROS! LUI INVESTE SULLE ONG-

Gad Lerner Gad Lerner

Redazione-Gad Lerner, intervista indecente: «Mi chiamano servo di Soros, vorrei dire viva Soros! Di finanzieri ce ne sono a centinaia, ma lui investe in Ong e in fare integrazione». Lo scempio di questa affermazione è data in onda a Piazza Pulita su La7 da dove le parole di Lerner hanno poi fatto e stanno facendo il giro del web. Far passare Soros per filantropo è l’ultima provocazione che gli italiani vorrebbero sentirsi fare.

Lerner tesse le lodi di Soros

Un elogio di del magnate e presidente di Open Society Foundation, George Soros, è troppo. Il giornalista è arrivato a encomiare la sua attività di speculatore: «Diranno che mi paga per dirlo. Di finanzieri speculatori ce ne sono a centinaia». Lo interrompe il conduttore Formigli, ricordando: «Ha fatto a pezzi l’Italia con una manovra»… Ma un Lerner imbarazzante  risponde, magari, «magari potessimo…», alludendo alla sciagurata manovra speculativa del 1992 operata contro la Banca d’Italia e che causò una perdita valutaria pari a 48 miliardi di dollari. La Lira italiana riportò una perdita di valore del 30% e l’uscita dal sistema monetario europeo. Per rientrarvi, il governo fu obbligato a una delle più pesanti manovre finanziarie – circa 93 mila miliardi di lire. Lerner noncurante ha replicato: «Lo hanno fatto in molti», come se mal comune fosse mezzo gaudio. La difesa del “benefattore” anti italiano prosegue: «E’ un ricco speculatore che, memore delle proprie origini – da bambino scampato ai nazisti e fuggito dall’invasione dei comunisti a Budapest – ha deciso di investire una parte dei miliardi guadagnati nelle Ong, nel finanziare una bella Università a Budapest, progetti per l’integrazione dei rom….questo lo rende il mostro della tecno-finanza di cui tutti parlano…sarebbe il fulcro di una tenaglia che stritola e depreda l’Italia, poverina, la grande proletaria alla quale dovremmo tutti quanti essere leali». Dire che sono parole vergognose e anti italiane è dire poco.

«Mi chiamano comunista col Rolex…»

Da un velo pietoso a un altro, quando in tema di immigrazione il direttore del Giornale Alessandro Sallusti gli ricorda: «Volevo dire a Gad che il diritto di immigrazione non annulla il diritto dei Paesi ad avere le frontiere». E  aggiunge: «Volevo dirti che abbiamo appena visto che un sondaggio che dice che più del 50% del popolo di Nicola Zingaretti, non Renzi o Minniti, è favorevole alla linea Minniti» sull’immigrazione. Lerner, si stizzisce, si agita, farfuglia un «No! Era un po’ meno del 50 per cento». A quel punto interviene Formigli, che offre il dato esatto, per la cronaca il 46,8 per cento. E Sallusti a quel punto si mette a ridere: il dato è assolutamente simile al 50% che aveva citato, una questionedi lana caprina. Quindi Lerner, in difficoltà, cambia argomento e si lancia in una filippica contro Carlo Calenda. Poi sfida tutti coloro che imputano a lui e all’armata Brancaleone buonista di essere dei radical-chic: «Mi chiamano comunista col Rolex?

Ecco, ve lo mostro». Un’ intervento da Annali dei “Nuovi mostri»…

 

Fonte:rassegneitalia.info

Ultima modifica ilDomenica, 17 Marzo 2019 14:40

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.