BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
LUCO DEI MARSI, LA SINDACA DE ROSA | ATTIVE AL FIANCO DELLE AZIENDE AGRICOLE DEL TERRITORIO, SOLITE E STERILI STRUMENTALIZZAZIONI: Redazione- "Seguiamo attivamente, sin dalle prime ore dell'emergenza, la situazione relativa alle aziende agricole fucensi, tanto che pure nel corso di incontro in sede prefettizia ne abbiamo rappresentato le criticità e le istanze collegate, con la massima partecipazione”. Così la DALL'8 GIUGNO IN MOSTRA AI MUSEI CAPITOLINI LUCRINA FETTI, UNA PITTRICE ROMANA ALLA CORTE DI MANTOVA: Redazione- Giunge a Roma per la prima volta, grazie ad un accordo tra la Sovrintendenza Capitolina - Direzione Musei Civici, la Fondazione Palazzo Te e il Museo di Palazzo Ducale di Mantova, il dipinto “Ritratto di Eleonora Gonzaga” (1622), l’unico MUSICA JAZZ A CASINA DI RAFFAELLO: Venerdì 02 giugno 2023 alle ore 18.30 Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608 fino ad esaurimento posti (max 60 persone tra adulti e bambini) Redazione – In occasione della Festa della Repubblica Italiana, venerdì 02 giugno, Casina di Raffaello, lo spazio UN PREMIO E UN LIBRO PER RICORDARE IL PROF. MARIO PASTORE STOCCHI: Martedì 6 giugno, a partire dalle ore 18 a Casa dei Carraresi, la Fondazione Cassamarca ricorderà il prof. Manlio Pastore Stocchi con due iniziative. Redazione- Verrà presentato il volume “In ricordo di Manlio Pastore Stocchi” che raccoglie 23 saggi presentati MATERNITA' E LAVORO | LA STORIA DI MELISSA PALMIERI: Scopre di essere incinta a fine contratto e viene assunta a tempo indeterminato Villa Santa Maria (Ch), 1 giugno 2023 - È una storia a lieto fine quella raccontata da Melissa Palmieri, 31 anni di Villa Santa Maria, di professione IL 4 GIUGNO NELLA RUBRICA DIALOGHI IL LIBRO DI DARIO ACCOLLA: Redazione- Nel 165esimo incontro della rubrica “Dialoghi, la domenica con un libro” Marielisa Serone D'Alò presenterà con l'autore e con Benedetta La Penna (attivista femminista intersezionale e speaker radiofonica) il libro di Dario Accolla (insegnante, attivista LGBT e saggista) "Parole IL PRESIDENTE MATTARELLA A POSTENEWS: Redazione- “L’unità europea rappresenta uno degli eventi di maggior successo della storia del nostro Continente”.Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’intervista rilasciata a ‘Poste News’ il giornale del gruppo Poste Italiane.“Nel quadro delle istituzioni europee e con POSTE ITALIANE: ALL’AQUILA, AVEZZANO E SULMONA LA CARTOLINA DEDICATA ALLA FESTA DELLA REPUBBLICA: Redazione-  Poste Italiane festeggia la Festa della Repubblica, in calendario venerdì 2 giugno, con una colorata cartolina filatelica: un’occasione per ogni collezionista o per chi vuole ricordare in modo originale una giornata speciale e un modo per sostenere il valore ROMA, AL VIA LA TERZA EDIZIONE DI VOKALFEST JUNIOR: Redazione- Saranno oltre 400 coristi under 18 provenienti da 20 scuole della Capitale, insieme alla Cantoria dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia e a “Il coro che non c’è” diretto da Dodo Versino, ad animare il primo appuntamento dedicato alla musica GRANDISSIMO SUCCESSO PER LA XIV EDIZIONE DEL PREMIO NAZIONALE PRATOLA 2023: Il presidente Marco Marsilio: Evento che si inserisce tra le più importanti iniziative culturali della nostra regione Un parterre di prestigio internazionale ha animato la manifestazione dello scorso sabato 27 maggio Redazione- Pubblico delle grandi occasioni per la XIV Edizione del

ASSORDANTE SILENZIO SUL MASSACRO DEI CRISTIANI IN SIRIA: LE VIOLENZE, I SACCHEGGI E LE DEVASTAZIONI DEI GRUPPI ISLAMICI

Cristiani perseguitati Cristiani perseguitati

Redazione-La Siria, da molti considerata la culla del cristianesimo, si ritiene sia l’unico luogo al mondo dove ancora si parla e si insegna l’aramaico, la lingua di Gesù Cristo. La piccola cittadina storica di Maaloula, situata circa 65 chilometri a nord-est della capitale siriana Damasco, e i due vicini villaggi di Jubb’adin e Bakhah, hanno goduto per secoli di questo singolare privilegio.All’aramaico, la cui trasmissione si basa unicamente sulla comunicazione orale fra gli abitanti di questi tre piccoli centri abitati ai piedi dei monti Qalamoun (1500 metri sul livello del mare), il governo siriano ha dedicato speciali attenzioni e finanziamenti sin dal 2007. Il primo istituto ad insegnare a parlare e scrivere in neo-aramaico è stato aperto 12 anni fa e contava centinaia di studenti locali e nazionali, con lezioni ampiamente frequentate sia da cristiani che da musulmani.

Nel 2013, fanatici islamisti fra cui i terroristi dell’Isis e di Al Nusra hanno invaso l’area e l’hanno devastata, infliggendo a tutta Maaloula vasti danni. Il monastero e la chiesa, edifici sacri dal valore storico unico, sono stati brutalmente saccheggiati. I jihadisti hanno distrutto o rubato statue, monumenti e artefatti rari. In seguito, la città è stata liberata dall’esercito siriano e dai suoi alleati, al caro prezzo di violente battaglie contro gli invasori. Oggi, la maggior parte degli edifici colpiti è stata restaurata. Maaloula può ora vantare la seconda statua di Gesù Cristo più grande al mondo, a cavallo di una sommità scenografica nei pressi di quest’area storica costellata di grotte, Mecca del cristianesimo globaleAnalogamente alle sofferenze perpetrate dai gruppi terroristi islamici in Iraq negli ultimi anni, in Siria i cristiani, che rappresentano all’incirca il 12% di una popolazione di 23 milioni, prima del 1967 ne costituivano oltre il 30%, secondo alcune statistiche. I cristiani sono stati fra i principali bersagli del fanatismo islamico e delle milizie separatiste curde, appoggiate soprattutto dagli Stati Uniti, che nella regione mantenevano una forza militare di 2mila unità. Fra le aree maggiormente colpite si annoverano le città di Al Hasaké, nel nord del Paese, e Qamishli nel nord-est, da cui fuggì in massa la popolazione assira locale e dove i terroristi dell’Isis ridussero svariate chiese in macerie. Più di un milione di cristiani siriani ha abbandonato il Paese, man mano che i gruppi di estremisti, sostenuti da Arabia Saudita, Qatar, Turchia e persino da Israele, avanzavano devastando gli abitati cristiani nelle regioni nord e nordorientali, fino a quel momento caratterizzate da pace e prosperità. L’Isis e il resto della barbarie jihadista hanno ucciso, sequestrato, saccheggiato e stuprato ovunque siano arrivati e riusciti a prevalere; i territori cristiani non hanno fatto eccezione. Entrambi gli arcivescovi di Aleppo, Yazji e Bouloss, sono stati rapiti cinque anni fa da milizie islamiche pro-turche, nell’area di confine fra Aleppo e la Turchia, mentre facevano ritorno in città. Cosa ne sia stato di loro non è mai stato confermato, nonostante gli appelli e gli sforzi disperati per garantirne la liberazione incondizionata.

Centinaia di migliaia di persone sono state costrette a fuggire dalle proprie case e a ristabilirsi in località diverse, più sicure, all’interno della Siria, e un numero ancora maggiore di siriani cristiani si è diretto perlopiù verso l’Europa, i Pesi scandinavi, l’Australia e gli Stati Uniti.

I cristiani d’Oriente hanno sempre manifestato un forte sentimento nazionalista, un legame associativo incrollabile nei confronti delle loro radici orientali e del loro retaggio culturale. Secondo una percezione diffusa, sono loro i custodi della ricca storia e delle tradizioni locali, e persino dell’aramaico: tra i cristiani orientali, in patria e all’estero, si contano alcuni dei più importanti linguisti della regione, e dei più grandi poeti, scrittori, artisti e personalità politiche, specialmente in Siria, Libano e Iraq.L’appello di papa Giovanni Paolo II, in occasione del suo storico viaggio in Siria nel 2001, che rammentava ai Cristiani il “magnifico contributo” del Paese alla storia del Cristianesimo, qui è ancora ricordato con orgoglio.“Ricordiamo, infatti, che è in Siria che la Chiesa di Cristo scoprì il suo autentico carattere cattolico e assunse la sua missione universale”, aggiunse Giovanni Paolo II a Damasco, il 6 maggio 2001.“Alle porte di Damasco, quando incontrò il Cristo Risorto, San Paolo apprese questa verità e ne fece il contenuto della sua predicazione. La realtà meravigliosa della Croce di Cristo, su cui era stata edificata l’opera della Redenzione del mondo, si manifestò davanti a lui”, proclamò il Papa, che ha inoltre elogiato gli importanti contributi dei santi siriani nel corso della storia.Insieme all’insanabilità della situazione politica, la brutalità della guerra in Siria ha assunto pericolose dimensioni di settarismo religioso, che hanno portato alla luce una struttura sociale squilibrata e hanno avvelenato, con un clima di diffidenza, ansia e incertezza che governa le vite di numerose minoranze, le comunità etniche, denominazioni religiose e segmentazioni settarie che caratterizzano la società siriana, storicamente coesa e armoniosa.Otto anni di conflitto catastrofico hanno colpito duramente i cristiani in Siria e quasi certamente hanno riportato alla mente le tragedie umanitarie e i massacri di cui i cristiani d’Oriente sono stati vittime. Memorie di questo tipo possono averli indotti a temersi destinati all’annientamento, cosicché la migrazione ha rappresentato per loro l’unica possibilità di sopravvivenza.

I cristiani considerano la Siria la culla della loro fede, oltre che il sito di numerosi spazi di carattere sacrale, quali chiese, monasteri e santuari. Damasco ospita il Patriarcato ortodosso di Antiochia e dell’Oriente sia per la Chiesa ortodossa siriaca che per quella greco-ortodossa, ed è inoltre la sede del Patriarcato cattolico di Antiochia, Alessandria e Gerusalemme per la denominazione greco-melchita.Mentre la guerra continua ad infuriare in Siria, la migrazione al contagocce dei singoli cristiani in fuga si è trasformata in un esodo di massa. Il numero di cristiani in Siria, dal 30% della popolazione nel 1967, è sceso a meno del 10%, secondo le statistiche recenti. I dati rilevati dalle Nazioni Unite per l’anno 2016 affermano che, dei 5.5 milioni di rifugiati Siriani, 825mila erano cristiani.Le gravi condizioni dei cristiani in Siria perdurano, e la continua minaccia alla loro esistenza è di enorme importanza per il Paese rispetto alla sua identità storica, al suo retaggio culturale e alla compagine della sua società. La Chiesa, e in senso più ampio il mondo, hanno la responsabilità morale e umana di impedire

che la culla del cristianesimo svanisca completamente.

Fonte:rassegneitalia.info

Ultima modifica ilLunedì, 25 Marzo 2019 13:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.